AA.VV. “PROGRESSIVE ITALIA – Gli Anni ’70 VOL.4″ The Universal Music Collection” (2010 Universal) – TTTT

15 Giu

IBIS “Sun Supreme” 1974 – TTTT – Il progressive italiano in una delle sue forme più internazionali, grazie a questa costola dei New Trolls che, mischiata all’argilla, NICO DI PALO trasformò in un gruppo potente e superbo. Album spesso criticato e accusato di reggersi su presunzione, esterofilia e auto indulgenza. Magari un po’ di tutto questo c’è, ma rimane un lavoro ambizioso e coraggioso e per certi versi davvero riuscito.

JUMBO “DNA” 1972 – TT½ I Jumbo non riesco a farmeli piacere, il cantato proprio non lo reggo. Può essere un problema tutto mio, dagli amanti del progressive italiano questo è un album tenuto in alta considerazione.

MADRUGADA “Madrugada” 1974 – TT½ . I cori di CAMMINAR si rifanno ai NEW TROLLS o ai CS&N, il riferimento è preciso e intuibile sin dall’inizio, e questo ti mette in allerta. L’album viaggia su una musica italiana sognante, e solo a tratti sconfina nelle terre del progressive.

SENSATIONS’ FIX “Fragments of Light” 1974 – TTT½ . Kraut rock, spaziale e sperimentale.

MAURO PELOSI “Le Stagioni per Morire” 1972 – TT . Roba da cantautore inizio settanta un po’ peso.

LATTE E MIELE “Papillon” 1973 – TTTT . Secondo album dei LATTE E MIELE e grande passo in avanti rispetto al primo. I LEM traggono l’ispirazione dagli ELP…accenti di TARKUS, di PICTURES sono riconoscibili, ma stranamente il lavoro non ne risente e la credibilità, almeno per queste orecchie, rimane intatta. Bell’album.


2 Risposte to “AA.VV. “PROGRESSIVE ITALIA – Gli Anni ’70 VOL.4″ The Universal Music Collection” (2010 Universal) – TTTT”

  1. alexdoc 15/06/2012 a 10:06 #

    A me invece il cantato dei Jumbo (Alvaro Fella), così diverso dal classico “cantare prog” é sempre piaciuto. “Fragments of light” dei Sensations’ Fix é uno dei miei prog album italiani preferiti, l’ho comprato a metà anni ’90 appena ristampato in cd, poi uscito dal catalogo subito dopo. Sei proprio un “completista” discografico a tutti gli effetti.

    Mi piace

  2. Paolo Barone 16/06/2012 a 10:18 #

    E’ proprio divertente andarsene in giro ad orecchie aperte fra i mille dischi del prog italiano. Guardando e sentendo i video proposti in questo pezzo, devo dire che i Jumbo avevano effettivamente un cantato particolare…ma quello che ho trovato irresistibile e’ il totale e assoluto catastrofismo del testo. Dopo le prime strofe ti tocchi e fai gli scongiuri, ma poi diventa talmente apocalittico che ti pieghi dal ridere. Mamma mia che sfiga!! E che sarà!!! Poi mi vengono a dire che il mio amato Claudiololli e’ depresso.
    I baffi dei Madrugada valgono da soli l’acquisto in vinile apribile.
    Sensation’s Fix, pero’, mai ascoltati prima, mica male questa band…
    I Latte & Miele se la cavavano benone, ma io vorrei sapere chi e’ il genio che ha dato il nome alla band. I nomi del prog e del pop italiano alle volte sono (volutamente o meno) bellissimi, chiamare una band rock Latte & Miele non e’ da tutti.
    Che meraviglia, che tenerezza il prog underground nostrano.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: