Lorenzo Arabia “IVAN GRAZIANI – VIAGGI E INTEMPERIE” (Minerva Edizioni 2011- Euro 25) – TT½

16 Nov

 

IVAN GRAZIANI è uno dei miei “cantautori” italiani preferiti. Avevo 17 anni quando uscì PIGRO, 18 quando uscì AGNESE DOLCE AGNESE, due dei migliori album italiani di sempre. E’ da allora che lo seguo con ammirazione e fervore, l’ho visto live in trio nel 1981, poi di nuovo nel 1984 e nel 1991. Certe sue svisate, certe sue sequenze di accordi, certi suoi testi li conservo  nell’animo.

Questo libro è stato scritto con il contributo di Anna, Tomaso e Filippo, moglie e figli del grande IVAN e in più Arabia ha intervistato molti amici, musicisti, discografici del nostro musicista abruzzese preferito. Ci sono dunque foto, notizie, riflessioni degne di nota, sguardi che vanno proprio nel profondo e che ci permettono di conoscere aspetti e faccende di GRAZIANI che non sapevamo.

Il problema è che la prosa non decolla, l’impostazione del libro è pesante e il tutto si legge un po’ a fatica. E’ un peccato perché non ci sono poi tante cose di IVAN sul mercato, e un impianto più dinamico e versi più frizzanti avrebbe fatto di questo volume un gran bell’articolo.

Il DVD allegato è pressochè insignificante.

3 Risposte to “Lorenzo Arabia “IVAN GRAZIANI – VIAGGI E INTEMPERIE” (Minerva Edizioni 2011- Euro 25) – TT½”

  1. alexdoc 16/11/2012 a 13:16 #

    Ricordo ancora con grande piacere il tuo articolo su Classix con l’appendice di Fuzz. Io l’ho vissuto negli anni ’80, in studio non era sempre al meglio, ma dal vivo il suo “power-trio” era veramente una bomba, una delle migliori rock-band italiane.

    Mi piace

  2. Sara Crewe 18/11/2012 a 19:19 #

    Peccato, non sapevo del libro, amo moltissimo Graziani… ora sono indecisa se comprarlo o no, ma darò comunque un’occhiata in libreria… Grazie! :-)

    Mi piace

  3. Riccardo 05/02/2013 a 12:52 #

    Ciao,
    Condivido l’analisi, è comunque un libro che si legge con piacere dato che è, pressoché, l’unico sul mercato!
    Quello che non emerge appieno è L’ Ivan interiore, quello introspettivo, che sentivi in certi suoi pezzi. L’Ivan turbato da D’Annunzio o l’Ivan compositore.
    Personalmente tanti commenti li avrei evitati e avrei raccontato la storia facendo emergere la personalità del protagonista.

    Un libro che amo per questo, è “Il martello degli Dei” di S. Davis

    Un saluto.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: