JIMI HENDRIX “People, Hell And Angels” (2013 Sony) – TTT½

31 Mar

Un altro, l’ennesimo, album postumo di Hendrix. Ah, inizio a non capirci più nulla. Dovrebbero essere registrazioni inedite di Jimi in studio nel periodo (1968/69 circa) in cui stava preparando l’ultimo album da studio che poi è uscito postumo in varie e spezzettate versioni nel corso dei lustri successivi.

Jimi Hendrix - People, Hell & Angels - Front

Alcuni pezzi sono idee, improvvisazioni, jam su cui Hendrix stava lavorando e benché siano presentate in modo impeccabile mi chiedo davvero se sia giusto pubblicarle; capisco che tutti abbiano/abbiamo fame di musica del grande, grandissimo JIMI, ma dovrebbe esserci un limite.

Ad ogni modo non riesco a snobbare queste nuove uscite, come appassionato di rock e chitarrista sono comunque attratto dal nuovo materiale d’archivio di JH. E’ sempre un gran piacere ascoltare il nero di Seattle suonare e sentirlo cercare nuove strade, nuovi metodi, nuove ispirazioni. SOMEWHERE, EASY BLUES, HEY GYPSY BOY e VILLANOVA JUNCTION BLUES quelle che mi hanno solleticato l’animo.

Jimi Hendrix - People, Hell & Angels - Back

5 Risposte to “JIMI HENDRIX “People, Hell And Angels” (2013 Sony) – TTT½”

  1. Beppe R 31/03/2013 a 18:25 #

    Sintetizzo l’inizio della recensione apparsa su Classic Rock (inglese): “Solo per completisti” è una frase comune nel giornalismo rock, ma Jimi Hendrix è uno dei rari artisti per i quali il completismo è necessario. Di conseguenza Messer Tirelli, risulti pienamente giustificato da tale fonte autorevole nel “non riuscire a snobbare queste nuove uscite”. Mi sono invece un tantino rammaricato di quelle “cattiverie” sul vecchio, caro e bistrattato Greg Lake, ma non aggiungo altro sennò mi dite che sono un ultrà degli ELP (ed è vero). Peccato che anche i critici sedicenti “universali” siano in realtà degli ultras dei loro gruppi preferiti, ma non lo ammetteranno mai, perchè la loro visione del rock è ovviamente la più competente e super partes possibile…Eppoi ci sono stagionati musicisti che risultano intoccabili anche quando eseguono lagne inenarrabili, altri invece che sono il bersaglio preferito di tanti “scrittori”. Se non hanno più dalla loro parte il grande pubblico, è cosi facile… Ovviamente non mi riferisco a Tim, che sa esser critico anche nei confronti dei suoi idoli, quando nessuno glielo imporrebbe, ma di una tendenza generale di chi ha accesso alla carta stampata. Cattivi pensieri pasquali.

    Mi piace

  2. timtirelli 31/03/2013 a 23:16 #

    Anche io mi reputo un ultrà di LAKE e degli ELP, ciononostante le ultime scelte di GREG non mi hanno convinto del tutto. L’ho scritto nella recensione, per me girare con le basi è un peccato mortale, e un musicista della sua statura non può – a mio modo di vedere – scendere a quel livello. Detto questo, ho dato un 6 pieno al disco. Poi cerco di capire i perché e i per come, forse la produzione non disponeva di un budget adatto a portare in giro una buona band e relativi tecnici…però il tutto mi intristisce.

    Lambisci un territorio già tracciato su questo blog, ma sono sempre lieto di tenere accese le braci del discorso di cui accenni.

    Certo che hai ragione quando dici che certi nomi hanno dei bonus continui con la cosiddetta critica specializzata. Un disco noioso di SPRINGSTEEN, DYLAN, VAN MORRISON, GRATEFUL DEAD o anche di FOSSATI viene comunque trattato con i guanti…un disco noioso di uno storico gruppo di prog o hard rock inglese viene invece catalogato come insulso.
    I dischi che valgono sono solo quelli che piacciono a loro.Questa è “prostitusione intellectulae” come direbbe il vate di Setùbal.

    Io li odio i critici specializzati di cui parli, un po’ come odio “i nazisti dell’Illinois”.

    Grazie per il commento, Beppe.

    Mi piace

  3. Beppe R 01/04/2013 a 12:09 #

    Mi fa piacere Tim che tu abbia condiviso parte dell’osservazione, soprattutto sugli “intoccabili” della critica istituzionale, artisti di cui nessuno nega il ruolo storico (e non necessariamente quelli da te citati) ma non per questo esenti da qualsiasi difetto. Ah, mi citi Mourinho…che grande squadra e che grande spirito di squadra c’era con lui. Oggi preferisco sorvolare, le illusioni si sono da tempo frantumate…Per quanto riguarda Greg, credo che abbia voluto realizzare un tour “confidenziale”, fra lui ed il suo pubblico più fedele, in parte per contenimento costi ma non solo; si dilunga anche in aneddoti che forse con un gruppo alle spalle sarebbero stati fuori luogo. Possiamo rattristarci, padronissimi, ma gli vogliamo bene perchè un musicista e vocalist talmente importante ci ha regalato troppe emozioni per non perdonargli qualche peccato di senilità…Sono convinto che comprendi queste ragioni del cuore, Tim! Ed aggiungo un’ultima cosa: Emerson sarà anche logoro ed acciaccato come qualche campione del Triplete, ma il suo Three Fates contiene momenti orchestrali altamente emozionanti, ed è allucinante che pochi si accorgano di quanto maestosi ed efficaci siano ad esempio i lucidissimi arrangiamenti di Endless Enigma e Tarkus. Sarà che sono proprio un ultrà…

    Mi piace

  4. mauro bortolini 02/04/2013 a 07:51 #

    Le uscite di hendrix curate da kramer tirano sempre fuori qualcosa di
    buono.
    Dimenticati i tempi di douglas che pubblicava jam di hendrix con basi
    ritmiche incise ex-novo da turnisti( una cosa squallida), almeno ora
    c’é cura nella ricerca degli infiniti nastri lasciati ai posteri.
    Riguardo a lake ed emerson, che possano pubblicare lavori per tanti
    altri anni ( aspettando il secondo lavoro solista di jimmy ).
    Riguardo l’inter, l’unica squadra italiana mai retrocessa, senz’altro
    paga il risparmio di pecunia che devono aver imposto i parenti al
    presidente moratti.
    Riguardo al bologna, la squadra dei poveretti, é gia’ due anni di fila
    che passa a san siro, oltreché a napoli e a roma quest’anno.
    Di conseguenza ho comprato l’enciclopedia del centenario perché
    col bologna soccer non ci si annoia mai!

    Mi piace

  5. mikebravo 31/07/2015 a 08:05 #

    Tardo pomeriggio di una giornata d’estate infuocata.
    Chi ti spinge al centro della citta ‘alla ricerca di refrigerio ?
    Refrigerio dell’anima rock che hai dentro ?
    Chiaramente un negozio di musica dove dare sfogo alla tua compulsiva
    voglia di rock.
    Ieri l’altro, libero da ogni impegno, ripeto il sacro rito e mi fiondo nel
    ricordi mediastore di via ugo bassi.
    Le dita della mie mani scorrono veloci gli espositori colmi di cd.
    Era da qualche giorno che sognavo questo momento, ma mi bastano 10
    minuti per capire che, come sostiene il buon Giacomo, spesso é piu’
    grande la gioia in attesa di una festa che la festa stessa.
    Infatti , mentre continuo a ravanare, nonostante l’aria condizionata
    gelida, mi accartoccio su me’ stesso, un po’ avvilito perché non trovo
    nulla capace di accendere la scintilla, di trasformare la spedizione in
    un successo.
    E piu’ passa il tempo e piu’ la mia azione si disunisce.
    Gli ordini alfabetici di rock-pop, blues , hard e metal mi si confondono
    alla vista.
    Eppure ho messo gli occhiali ma non trovo nulla e la spedizione
    prende gia’ la piega di una piccola waterloo.
    Vabbè, ripieghiamo, limitiamo le perdite.
    Prepariamo la ritirata con uno sguardo alla musica italiana.
    E’ meglio abbandonare l’impresa.
    Guardo gia’ verso l’uscita e penso al ritorno alla macchina.
    Sconfitto.
    Ma sono cambiato io o è cambiato il mondo?
    Calma, stai cominciando a sudare nonostante l’aria condizionata
    gelida.
    Dai, tirati su’, il 31 escono le ultima deluxe editions dei led!
    No! Ancora quelle? Basta !
    Un’ultima scorsa al reparto rock.
    Sto per lasciare quando la luce si accende.
    La copertina di THE CRY OF LOVE mi appare per incanto..

    Tornando in macchina i tappeti di chitarre di Jimi si intrecciano
    e mi guidano e mi rassicurano.
    jimi , un impressionista del rock
    La sua chitarra non ha mai smesso di dipingere.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: