SERIE TV: Pistol (2022 GB/USA) – TTTTT

13 Set

Di solito non guardo le recensioni che ci sono online quando scrivo qualcosa, ma per questa serie TV (Disney +) ho fatto una eccezione e sono arrivato alla conclusione che devo davvero evitare di farlo.

Su serialminds.com ad esempio scrivono tante di quelle cavolate che verrebbe da ridere, una lettrice addirittura commenta con un: “Io questa serie mi sa che me la guardo comunque, ma mi deprime un po’ che qualcuno come Danny Boyle, con il materiale sui Sex Pistols che si ritrova, non riesca a produrre qualcosa di epico. Missed opportunity!” Non l’ha nemmeno guardata, si fida della recensione e già sentenzia “missed opportunity”. Ah!

A me questa serie è piaciuta un sacco, scritta da Graig Pearce e diretta da Danny Boyle (Trainspotting) e basata sull’autobiografia ( Lonely Boy: Tales from a Sex Pistol) di Steve Jones, chitarrista e fondatore del gruppo, fotografa molto bene l’istante in cui una società borghese, conservatrice e in catalessi viene stravolta da un tornado chiamato Sex Pistols.

Pistol serie TV sui Sex Pistols

Sei episodi in cui viene descritta l’ascesa di ragazzi provenienti dalle case popolari e senza alcun futuro, ragazzi  che iniziano a bazzicare il negozio SEX di Vivienne Westwood e Malcolm McLaren a Kings Road e si ritrovano in breve a pubblicare uno album che spazzò via (almeno spiritualmente) un establishment guasto e fermo nel tempo, cambiando la musica e la cultura per sempre.

Alcuni dati tecnici:

_I concerti e le altre scene musicali sono state registrate dal vivo, senza sovraincisioni o effetti in studio. Gli attori che interpretano i Sex Pistols e Chrissie Hynde hanno suonato gli strumenti e si sono esibiti con la propria voce. Essendo un neofita della batteria, Jacob Slater (interprete di Paul Cook) ha dovuto imparare lo strumento rapidamente. Sia lui che i colleghi Toby Wallace (Steve Jones) e Sydney Chandler (Chrissie Hynde) hanno avuto il vantaggio di incontrare le loro controparti, mentre non ha potuto farlo Anson Boon, a causa del disconoscimento del progetto da parte di Johnny Rotten.

_La miniserie è stata girata a Hemel Hempstead, città della contea dell’Hertfordshire, a Folkestone e nel vicino villaggio di Sandgate, nella contea del Kent, a a Dover, Deal e Londra.

_Per ricreare la Londra degli anni ’70, la scenografa Kave Quinn ha studiato il documentario The Filth and the Fury di Julien Temple, così come la docuserie di Andrew Marr The Making of Modern Britain.

_Nel 2021, mentre la produzione era ancora in corso, il frontman dei Sex Pistols John Lydon ha criticato fortemente la miniserie, definendola “la m***a più irrispettosa che abbia mai dovuto sopportare”. Gli ex compagni Steve Jones e Paul Cook lo hanno citato in giudizio per consentire l’uso della musica della band nella miniserie nonostante le sue obiezioni. Dissero di avere il sostegno di Glen Matlock e degli eredi di Sid Vicious, appellandosi a un accordo del 1998 che consente una decisione a maggioranza tra i membri della band. Lydon ha perso poi la battaglia legale.

E’ forse facile per me amare questa serie, quegli anni li vissuti, da quaggiù certo, ma l’aria che si respirava era davvero elettrica e rivoluzionaria anche qui. Certo, io amavo (anche) quello che oggi viene chiamato rock classico, ma ricordo che al concerto del 1979 di James Brown a Modena, un chitarrista veneto ben più grande di me (che poi sarebbe diventato mio amico) mi rivolse la parola mentre eravamo al bar in attesa di essere serviti “Sei un punk?” mi chiese? Un ragazzino pelle e ossa con adidas, jeans, maglietta bianca, giubbotto e un paio di spille (Jimmy Page e Ramones) doveva descrivere bene la figura del punk rocker … ero indubbiamente figlio di quei tempi.

Nella serie compaiono anche Bowie, Pink Floyd e Rick Wakeman (quelli veri). Molto bravi gli attori, o perlomeno consoni ai personaggi che interpretano.

Johnny Lydon ha dichiarato – dopo aver visto solo il trailer –  che Pistol è piena di nonsense:

È disgustoso, davvero. Come puoi essere sincero quando non coinvolgi il frontman principale che ha scritto quelle canzoni e ha dovuto accettare i nascondigli, i calci e gli ammonimenti pubblici? Hanno svenduto la legacy, tutto ciò che una volta rappresentavamo. L’unica cosa che hai di valore nella tua vita, e hai intenzione di sminuirla perché vuoi cinque sterline in più? Non c’è molto di un essere umano lì.”

D’altra parte si tratta di una produzione con una major, certi compromessi sono fisiologici e in più il tutto è basato sul punto di vista di Steve Jones, dunque magari non è equilibratissima, tuttavia per me questa serie TV rimane una meraviglia. Da guardare assolutamente!

INTERPRETI E PERSONAGGI DI PISTOL

Attore Ruolo
Toby Wallace
Steve Jones
Anson Boon
Johnny Rotten
Jacob Slater
Paul Cook
Christian Lees
Glen Matlock
Louis Partridge
Sid Vicious
Sydney Chandler
Chrissie Hynde
Thomas Brodie-Sangster
Malcolm McLaren
Talulah Riley
Vivienne Westwood

2 Risposte a “SERIE TV: Pistol (2022 GB/USA) – TTTTT”

  1. lucatod 13/09/2022 a 11:51 #

    Caro Tim , stavolta non sono del tutto d’accordo. Però mi fa molto piacere leggere una tua recensione su questa serie che ho consumato in un paio di giorni. Il libro di Jones l’ho apprezzato parecchio , un teppistello analfabeta che in breve tempo tira fuori un modo di suonare che nel bene o nel male farà scuola. Il racconto che esce fuori dalle sue pagine è molto più crudo di quello che è stato messo su schermo. Per quanto riguarda la serie tutto è stato riportato molto fedelmente , dai vestiti , agli spettacoli , strumentazione etc. All’opposto del film di Alex Cox , che non teneva assolutamente conto della veridicità della storia della band. Ma dove il il film di Cox riportava quel senso di nichilismo e degrado di quel periodo , in questa serie troviamo attori bellocci che fanno i cosplayer. Per fare un paragone : ho esaminato la scena di Sid alle prese con My Way nelle tre versioni , quella vera , quella del 1986 del film e quest’ultima. La versione di Oldman era talmente bella che si mangiava anche l’originale , cosa che non accade con la versione di Pistol e il bel faccino dell’ attore , per nulla credibile nei panni di un tossico disastrato. Insomma , ben fatta dal punto di vista filologico ma troppo pulita e mainstream per i miei gusti.
    Avrei apprezzato un approccio sullo stile del film e serie derivata di This Is England , nel quale l’ambientazione e il degrado sociale inglese di quegli anni (1983-1990) e ricreato con fare certosino. Dopotutto il regista di Pistol ha diretto uno dei film più squallidi ma iconici degli anni 90 – Trainspotting.

    PS – La serie Kleo su Netflix ho dovuto abbandonarla alla quarta puntata , quanto più lontano dalla mia idea d serie spionistica stile DDR. Tutto troppo artefatto e anacronistico. Ho adocchiato una serie ambientata nel profondo sud degli Usa , proverò con quella.

    Piace a 1 persona

  2. timtirelli 13/09/2022 a 13:28 #

    Ciao Luca, ho in qualche modo accennato alla cosa alla fine dell’articolo, forse avrei dovuto essere più esplicito…certo, è una produzione “pop” e mainstream, d’altra parte con Disney non puoi pensare di fare diversamente e aggiungo che per trattare storie di gruppi ormai così lontani dalle nuove generazioni devi per forza dare una connotazione mainstream per avere un minimo di successo e di programmazione, a meno che tu non voglia finire nei cinema d’essai e nel giro alternativo dei film sul Rock. Detto questo condivido il tuo pensiero naturalmente, ma io sono già molto contento anche così.

    Piace a 1 persona

Rispondi a lucatod Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: