Archivio | Libri Fumetti Riviste RSS feed for this section

Nicola Gardini “Viva Il Latino (storie e bellezza di una lingua inutile)” (Garzanti 2016) – TTTT½

15 Ago

Sarà perché ho sempre avuto un’attrazione particolare per le faccende relative alle lingue, ma questo libro l’ho letto con interesse e avidità. Per chi in pratica non ha studiato il latino come me (i tre anni alle medie non hanno quasi lasciato traccia) questo non è un libro facile, i diversi passaggi in lingua sono ostici, i continui rimandi ai grandi poeti e prosatori non sono di facile assimilazione, ma – se sia ha un po’ di curiosità intellettuale – il libro riesce a conquistare meglio di quanto si possa credere.

Leggere poi la prosa di Gardini è completamente appagante, lui è un gigante il cui modo di scrivere non intimorisce (non troppo almeno) ma stimola; il suo amore per il latino è tangibile, gioioso e contagioso. E’ entusiasmante quando lo chiama “musica verbale” e quando scrive “il latino è una lingua importante e conoscerlo o almeno intuirne le proprietà – esattamente come conoscere altri aspetti importanti del mondo, quali la musica, l’arte, la scienza o uno spettacolo naturale – può davvero aggiungere respiro alle nostre giornate.”

Sì, meglio usare le sue parole per cercare di descrivere l’humus del libro: “il latino ha formato le società e i sentimenti in cui tutti viviamo. Senza il latino il nostro mondo non sarebbe quello che è.” e ancora “Perché ridurre il sapere a informazione immediata o all’utilitarismo delle risposte meccaniche, perché rinunciare alla riflessione e all’avventura intellettuale?”.

E’ molto bello finalmente poter capire qualcosa in più della nostra lingua madre, come si sia evoluta da un idioma di una piccola comunità di Roma a lingua universale, come si sia forgiata nelle penne e nei pensieri dei grandi maestri: Catone, (soprattutto) Cicerone, Catullo, Cesare, Lucrezio e via dicendo.

 

Cicerone già, Gardini ne traduce in maniera meravigliosa alcuni concetti quando evidenzia quello che il grande Marcus Tullius “poneva al cuore della sua teoria lingusitica: scegliere le parole più adatte all’argomento e ai tempi e combinarle secondo correttezza sintattica e convenienza ritmica. La musicalità è considerata essenziale. Le parole devono legarsi in sequenze piacevoli all’orecchio … e il periodo deve concludersi con successioni ritmiche che gratifichino l’animo … le parole, insomma, devono seguire un flusso melodico, che non ingeneri sazietà e dia un’impressione di ordine artistico, libero e controllato allo stesso tempo”.

E che dire poi di Tito Flavio (59+ a.C.-17 d.C.) che scrisse una “monumentale storia di Roma che andava dalla fondazione (753a.C.) ai fatti del suo tempo (9 d.C.).”?  142 volumi (ne sono arrivati a noi solo 35) su Roma scritti 2000 anni fa.

Insomma con libri come questo la conoscenza che abbiamo di noi stessi si espande, come si espande il senso di appartenenza. Lettura indispensabile.

Nicola Gardini

Sinossi (http://www.garzanti.it/libri/nicola-gardini-viva-il-latino-9788811688983/)

A che serve il latino? È la domanda che continuamente sentiamo rivolgerci dai molti per i quali la lingua di Cicerone altro non è che un’ingombrante rovina, da eliminare dai programmi scolastici. In questo libro personale e appassionato, Nicola Gardini risponde che il latino è – molto semplicemente – lo strumento espressivo che è servito e serve a fare di noi quelli che siamo. In latino, un pensatore rigoroso e tragicamente lucido come Lucrezio ha analizzato la materia del mondo; il poeta Properzio ha raccontato l’amore e il sentimento con una vertiginosa varietà di registri; Cesare ha affermato la capacità dell’uomo di modificare la realtà con la disciplina della ragione; in latino è stata composta un’opera come l’Eneide di Virgilio, senza la quale guarderemmo al mondo e alla nostra storia di uomini in modo diverso. Gardini ci trasmette un amore alimentato da una inesausta curiosità intellettuale, e ci incoraggia con affabilità a dialogare con una civiltà che non è mai terminata perché giunge fino a noi, e della quale siamo parte anche quando non lo sappiamo. Grazie a lui, anche senza alcuna conoscenza grammaticale potremo capire come questa lingua sia tuttora in grado di dare un senso alla nostra identità con la forza che solo le cose inutili sanno meravigliosamente esprimere.

 

UMBERTO ECO “Numero Zero” (Bompiani 2015) – TTT½

8 Ago

Non è che io sia un profondo conoscitore dell’Eco scrittore, ma mi pare che questo romanzo sia un po’ atipico. Il protagonista ha poco dei grandi personaggi dello scrittore e la storia è resa in maniera un po’ stramba. Tuttavia, pur dipingendo tutto con l’escamotage dell’affresco grottesco, Eco mette a nudo faccende italiane e le malate sinergie tra poteri occulti, governi, giornalismo. Io lo ho letto con facilità, e non mi è dispiaciuto affatto.

Sinossi (http://www.giunti.it)

Una redazione raccogliticcia che prepara un quotidiano destinato, più che all’informazione, al ricatto, alla macchina del fango, a bassi servizi per il suo editore. Un redattore paranoico che, aggirandosi per una Milano allucinata (o allucinato per una Milano normale), ricostruisce la storia di cinquant’anni sullo sfondo di un piano sulfureo costruito intorno al cadavere putrefatto di uno pseudo Mussolini. E nell’ombra Gladio, la P2, l’assassinio di papa Luciani, il colpo di stato di Junio Valerio Borghese, la Cia, i terroristi rossi manovrati dagli uffici affari riservati, vent’anni di stragi e di depistaggi, un insieme di fatti inspiegabili che paiono inventati sino a che una trasmissione della BBC non prova che sono veri, o almeno che sono ormai confessati dai loro autori. E poi un cadavere che entra in scena all’improvviso nella più stretta e malfamata via di Milano. Un’esile storia d’amore tra due protagonisti perdenti per natura, un ghost writer fallito e una ragazza inquietante che per aiutare la famiglia ha abbandonato l’università e si è specializzata nel gossip su affettuose amicizie, ma ancora piange sul secondo movimento della Settima di Beethoven. Un perfetto manuale per il cattivo giornalismo che il lettore via via non sa se inventato o semplicemente ripreso dal vivo. Una storia che si svolge nel 1992 in cui si prefigurano tanti misteri e follie del ventennio successivo, proprio mentre i due protagonisti pensano che l’incubo sia finito.

ISABEL ALLENDE “L’Amante Giapponese” (©2015 Feltrinelli – (P)2016 Audible GmbH) – TTTTT

19 Lug

Arrivo all’appuntamento con L’AMANTE GIAPPONESE di Isabel Allende con parecchio ritardo, ma come si dice, meglio tardi che mai. Sì, molto meglio, perché è un romanzo bellissimo. Un amico una volta mi disse (sentendo che stavo parlando della Allende): “Ma non è roba da donne?”.

Certi luoghi comuni attecchiscono a volte anche in menti illuminate, perché no, non è roba da donne, è roba per chi ama la letteratura più bella.

Seguo questa autrice dalla prima metà degli anni ottanta, i suoi primi sei romanzi li ho letti con passione tutti d’un fiato. I primissimi poi, capitoli importanti per capire la questione CILE negli anni disgraziati del colpo di stato, sono stati basilari per forgiare il mio fervore – chiamiamolo così – “rivoluzionario”.

Per questo suo ultimo romanzo ho provato la versione audiolibro. La mildly blues mobile come sapete non ha il lettore cd, e delle tre chiavette (da 64 GB) piene zeppe di mp3 (lo so è una parolaccia, ma il lettore legge solo i file musicali di quel formato) ne ho fin sopra i capelli, così nei mie lunghi spostamenti da casa all’ufficio ho preso ad ascoltare audio libri e cose simili.

La sinopsi (va beh, la sinossi) la trovate qui sotto, inutile ripetere parti del soggetto, dico solo che il romanzo si dipana in modo meraviglioso, che la storia e gli intrecci sono magnifici, che la prosa della Allende è semplicemente S U B L I M E!

Il libro è tradotto da Elena Liverani e, pur senza aver letto l’originale, mi sembra che la traduzione sia ottima.

La voce narrante è quella di Viola Graziosi, e anche qui il lavoro svolto è di altissimo livello. La qualità della voce della Graziosi è speciale, l’interpretazione anche. Giusto qualche sbavatura, “trascose” invece di “trascorse” e “demòni” invece di “démoni”, ma sono distrazioni passabili, viste le 9 e passa ore di narrazione.

Libro davvero incantevole.

Isabel Allende

Sinossi (da feltrinelli.it)

Alma Belasco, affascinante pluriottantenne, colta e facoltosa, decide di trascorrere gli ultimi anni della sua vita a Lark house, una residenza per anziani nei pressi di San Francisco. In questa struttura, popolata da affascinanti e bizzarri anziani di diversa estrazione sociale, stringe amicizia con Irina, giovane infermiera moldava, di cui presto si innamorerà il nipote Seth Belasco. Ed è ai due giovani che Alma inizierà a raccontare la sua vita, in particolare la sua grande storia d’amore clandestina, quella con il giapponese Ichi, figlio del giardiniere dell’aristocratica dimora in cui ha vissuto, nonché compagno di giochi sin dalla più tenera infanzia. Sullo sfondo di un paese attraversato dalla seconda guerra mondiale, con le taglienti immagini di una storia minore – quella dei giapponesi deportati nei campi di concentramento -, si snoda un amore fatto di tempi sbagliati, orgoglio malcelato e ferite da curare, ma al tempo stesso indistruttibile, che trascende ogni difficoltà e vive in eterno nel cuore e nei ricordi degli amanti.

Abbiamo parlato di lei anche qualche anno fa:

https://timtirelli.com/2012/06/08/isabel-allende-il-quaderno-di-maya-feltrinelli-2011-tttt/

PAUL McCARTNEY ” La Versione Di Paul – in conversazione con Paul Du Noyer” (Piemme 2016) – TTTT

17 Lug

Paul McCartney è uno degli dei, Paul Du Noyer invece è un giornalista e autore inglese fondatore della rivista MOJO.

Libro piuttosto gustoso e di facile lettura. Du Noyer è stato anche consulente editoriale di Macca oltre che fan appassionato dei BEATLES, dunque è uno che conosce bene il mondo di cui scrive. Non fa domande scomode, ma non scivola nemmeno nella trappola dell’ossequio ad ogni costo, certo, si sente che è consapevole di chi ha davanti, ma forse è proprio questo che predispone PMC nell’umore giusto cosicché possa parlare senza stare troppo sulla difensiva.

Gli interventi di Du Noyer sono misurati e per lo più utili nell’illustrare le situazioni via via che si salta da un’epoca all’altra. Paul sembra ben disposto, sincero e leggere il suo punto di vista, sbirciare tra i suoi ricordi, vederlo mentre cerca di gestire il mito Paul Mc Cartney è molto interessante.

Ho letto con piacere le pagine dedicate ai Beatles e agli Wings, quello che è venuto dopo non mi ha mai interessato troppo, a parte qualche buon singolo. Ho una predilezione particolare per gli WINGS, anche quelli che proponevano sciocche canzoncine d’amore perché la scrittura delle stesse è di livello talmente alto che non si può che genuflettersi davanti alle capacità creative e melodiche dell’autore. A tale proposito Du Noyer scrive una cosa verissima, ovvero che nel proprio animo bisogna avere la capacità di trovare posto sia per le cose più arrabbiate e profonde che per quelle più leggere (sempre che queste ultime siano di buona fattura, aggiungo io)

Chi ha un minimo di confidenza con la musica di McCartney potrà godere facilmente di questo libro, chi invece non ne sa quasi nulla potrebbe faticare ad orientarsi, ma d’altra parte chi – in un modo o nell’altro – non è mai stato in contatto con la musica di Paul, forse non fa parte di questo pianeta.

GREG ILES “L’Albero Delle Ossa” (Piemme 2016) – TTTTT+

19 Giu

Lo scrivo sempre, Greg Iles è il mio autore prediletto di questi ultimi anni. Qui sul blog credo di avere parlato di tutti (o quasi) i suoi libri usciti qui in Italia. L’ALBERO DELLE OSSA è il secondo episodio della cosiddetta trilogia di Natchez, ed è – se non sbaglio – il quinto libro che vede come protagonista Penn Cage, ex procuratore a Houston, ora sindaco di Natchez (Mississippi) nonché autore di romanzi.

Qui il link all’articolino scritto in occasione del primo episodio.

https://timtirelli.com/2015/08/24/greg-iles-laffare-cage-piemme-2015-ttttt/

Qui sotto la sinossi, come sempre utile per inquadrare l’atmosfera creata da Iles e il tema a cui questo nuovo libro gira intorno. Non aggiungo altro se non che è un nuovo entusiasmante romanzo, avvincente, arrembante, palpitante e scritto benissimo. Insomma, per me i libri dei Greg Iles valgono quanto i miei dischi preferiti.

https://timtirelli.com/2015/08/24/greg-iles-laffare-cage-piemme-2015-ttttt/

SINOSSI:

L’albero delle ossa

Non è facile per Penn Cage essere un sindaco bianco, con un passato di avvocato e un padre accusato dell’omicidio di una donna nera, a Natchez, Mississippi, nel cuore del Sud americano dove certe ferite della Storia restano ancora aperte, e forse lo resteranno per sempre. Ferite nate dalla violenza, dal razzismo, e dall’incomprensione: quel cuore nero della storia americana che ha avuto la sua incarnazione nel Ku Klux Klan e continua a pulsare anche nell’America di oggi, con nomi diversi ma intenzioni troppo simili. Come i Double Eagle, che al Ku Klux Klan si ispirano come se cinquant’anni di battaglie civili fossero trascorsi invano. È con tutto questo – con il passato che non passa, e anzi ritorna – che Penn deve fare i conti, ma non solo. Come scoprirà a sue spese, la violenza razziale si insinua anche laddove dovrebbero regnare l’uguaglianza e il rispetto della legge: nelle stesse aule dei tribunali e negli uffici della polizia.

Greg Iles, l’autore che più di ogni altro riesce a raccontare l’America delle battaglie tra neri e bianchi, e il tragico riverbero della Storia sugli eventi di oggi, ci regala un altro serratissimo legal thriller, che continua il racconto inziato ne L’affare Cage, e mette in scena passioni, conflitti, onore e vergona sul magnifico palcoscenico dell’America più profonda, e più ferita. Un grande romanzo, per mesi ai primi posti delle classifiche americane.

«Vi sfido a cominciare un romanzo di Greg Iles e non arrivare alla fine.» Stephen King

«Questo sì che è un grande romanzo.» John Grisham

 

FREE APPRECIATION SOCIETY magazine issue 138 – april 2017

28 Apr

ITALIAN / ENGLISH

Numero 138 per la fanzine dei FREE diretta dal grande David Clayton. L’articolo principale di questo numero è THE YEAR THAT WAS 1977, una lunga considerazione e rilettura dei due album del mondo FREE che uscirono in quell’anno, ovvero BURNIN’ SKY della BAD COMPANY e il primo album dei CRAWLER (la band di PAUL KOSSOFF in origine chiamata BACK STREET CRAWLER e che una volta perso il leader accorciò il nome).

Come al solito il lavoro di  CLAYTON è eccellente, sarà che sono un ultra fan della BC e che BURNIN’ SKY è uno dei miei album “obliqui” preferiti, ma leggere le 11 (!) pagine dedicate al quarto album della mia band del cuore è stato bellissimo. 8 pagine poi sono dedicate a THE GLASGOW AFFAIR, il resoconto della mia avventura in Scozia pubblicato sul blog qualche mese fa. Probabilmente è troppo lo spazio dedic allo scriba miserello che sono ma a quanto pare David ama quel tipo di resoconti.

Oltre a questo, notizie, recensioni, la cartella stampa delle imminenti nuove deluxe edition della BAD CO, e contributi di altri lettori al Swan Song Uk Tour del 2016 della BC. Molto buona la qualità della carta, e niente male il lavoro grafico. Come sempre un numero da non perdere.

Contatti: fasarticle@aol.com.

(broken) ENGLISH

Number 138 for the FREE fanzine directed by the great David Clayton. The main item of this issue is THE YEAR THAT WAS 1977, a long review and re-reading of the two albums of planet FREE that came out that year, namely BURNIN ‘SKY of BAD COMPANY and the first CRAWLER album (PAUL KOSSOFF’s band originally called BACK STREET CRAWLER).

As usual CLAYTON’s work is excellent, maybe it’s I am an ultra fan of BC and BURNIN ‘SKY is one of my favorite “oblique” albums, but to read the 11 (!) pages dedicated to the fourth album of the band it is a wonderful experience. 8 pages are then dedicated to THE GLASGOW AFFAIR, the account of my adventure in Scotland (BC show at the Hydro on 25 oct 2016) posted on the blog a few months ago. Probably too much space for the miserable scribe I am but apparently David loves that kind of tale.

In addition to this, news, reviews, the upcoming BAD CO deluxe edition press release, and contributions from other readers for the 2016 Swan Song Uk Tour of  BC. Very good paper quality, and quite good graphic work. As always a must read.

Contact: fasarticle@aol.com.

From http://freeappreciationsociety.blogspot.it/

Free Appreciation Society Magazine – Issue #138

‘The Year That Was … 1977’

Old Farts And New Starts / Burnin’ Sky – Crawler – Koss

The debut album by Cry Of Love / Free fanatics Rebelhot from Italy reviewed.https://www.youtube.com/watch?v=t-4MEF0zf-E

From Nashville, Tennessee hard grooving Free Fans Lohrs and ‘Lohrs III’ reviewed.https://www.youtube.com/watch?v=aoAkmMkKCWM

‘Hollywood To Deadwood’ : Finally the movie with KKTR’s ‘Just For The Box’ on the soundtrack revealed, plus other movies with Free music included.

Tim Tirelli’s review of Bad Company in Glasgow 2016 –  all the way from Italy for his first Bad Co. Show  + reader reviews from other shows including ‘Meet & Greet’ reports.

Full press release for the May 2017 Bad Company deluxe editions of ‘Run With The Pack’ and ‘Burnin’ Sky. Complete details with listings for both CDs and vinyl.

The Year That was… 1977.

Feature article (20 pages) covering the releases of ‘Burnin’ Sky’, the ‘Crawler’ debut and the ‘Koss’ compilation. With reviews, press and information on the collectables from around the world for these albums, and more. Includes full colour photographs of covers and label variations.

For subscribers this will be in the post on Thursday April 20th. If you don’t subscribe you can get a copy via the email on this site (See the ‘Welcome’ section in the right margin). Just let me know which issue you want, where you are and I’ll send a Paypal invoice.

This issue can also be found on Ebay along with some older ones where they can be purchased from anywhere in the world.

48 pages all in full colour –  Don’t miss it.

Superb magazine. Essential reading for Rock fans.

You are buying a brand new copy; this is not previously owned or read. It comes straight from the FAS. If you enjoy it why not ask about a subscription.

Martin Power “No Quarter: The Three Lives Of Jimmy Page” (Omnibus Press 2016) – TTTT½

21 Apr

Sono anni ormai che snobbo le nuove biografie sui Led Zeppelin e relativi, oramai mi annoiano molto, difficile che ci sia qualcosa di nuovo, fosse anche un analisi dell’autore magari da un punto di vista un po’ obliquo. A volte non riesco ad evitare di comprarle però, le ultime che ho preso non mi hanno scaldato per nulla. Una era davvero infima (Magus Musician Man di George Case), le altre – scritte da gente come si deve – non mi hanno entusiasmato.

Un po’ a sorpresa dunque devo costatare come questa biografia di Page scritta da Martin Power mi abbia appassionato un bel po’. Credo fosse dai tempi di Hammer Of Gods di Stephen Davis (1985) che non provavo nulla del genere nel leggere un tomo sui LZ e su JP in particolare.

Power ha fatto una ricerca meticolosa, il periodo del Jimmy Page adolescente/session man/pre Zep è trattato in maniera stupefacente. C’è qualche errore, ma il lavoro svolto è davvero notevole. Ora ad esempio sappiamo qualcosa in più riguardo la famiglia di Page, sappiamo qualcosa in più del padre, sappiamo chi era il nonno e anche il bisnonno, lo stesso dicasi per il ramo materno. Magari sono dati che interessano solo me – nel mio piccolo non mi reputo solo un fan, ma anche uno studioso – ma aggiungono qualcosa di nuovo alla saga dei LZ. Interessante notare come da giovane aspirante musicista e quindi session man Jimmy fosse sempre ligio al dovere, come fosse sempre  puntuale, pronto, attento, sveglio.

Power ha intervistato parecchia gente che ha avuto a che fare con Page, in particolare musicisti, alcuni dei quali  hanno svelato particolari intriganti. Il periodo post Zep è altrettanto ricco di novità, un po’ di freschezza finalmente. Anche qui qualche errorino, ma credo sia fisiologico.

I 12 anni dei Led Zeppelin sono interessanti ma trattati con minor efficacia. Un’analisi più approfondita di tour, scalette, performance sarebbe stata senza dubbio benvenuta. Power poi affronta con la massima cautela il deteriorarsi della qualità delle esibizioni e del chitarrismo di Page in particolare. Lo sfiora appena, non è schietto e sincero come lo siamo noi qui sul blog, ma capisco che quando si tratta di un prodotto del genere, un libro vero e proprio, di 700 pagine, edito dalla Omnibus Press, incentrato su una della massime rock star del pianeta, si tenda ad andare cauti su certi argomenti.

Il libro è in inglese naturalmente, e in caso di acquisto consiglio la versione con il Page attuale in copertina, quella che trovate qui sopra, mi è stato riferito infatti che le altre edizioni con in copertina il Jimmy Page con la doppiomanico o con la Les Paul sono stampate su carta di poco pregio.

Vi sono tre sezioni di foto, l’edizione (hardcover) è curata e la foto di copertina trovo sia perfetta. Per me questa è una biografia davvero ben fatta. Giù il cappello per Martin Power.