Brian loves the blues

25 Nov

Domenica passata a fare il badante a Brian. Il vecchio mi accompagna a Ninetytland  a votare per le primarie, mi obbedisce quando gli ordino di fare certe cose, mi guarda quando gli preparo da mangiare. E mi benedice più di una volta solo per il fatto di essere lì. Una domenica da lui è lunghissima. Mi tocca guardare RaiMovie (Brian non ha Sky), fare la lavatrice, cercare di dormire senza riuscirci, provare a leggere, rispondere alle sue domande che ormai sono sempre le stesse. A volto sbotto, è difficile non perdere la pazienza anche se la sua fragilità mi fa andare l’anima in pena.

La giornata volge al termine verso le 20, quando è ora di metterlo a letto e tornare a Borgo Massenzio. Lui è sul divano, sembra un po’ assente, io ho in braccio la Epiphone 335 rossa che mi ha regalato Riff…

Sto suonando qualche riff e qualche licks in attesa arrivi il momento di andare. Sono concentrato sulla chitarra, suono il riff di GUESS I’LL GO AWAY di Johnny Winter e subito dopo qualche svisata sulla pentatonica minore di LA…e all’improvviso sento Brian dire qualcosa:

“T’è propria brev a sunèr chi lavòr lè.” (Sei proprio bravo a suonare quelle cose lì).

Mi volto e mi accorgo che Brian è intento a guardarmi ed ad ascoltarmi….sul divano in tuta, con quella rassegnata malinconia che hanno i vecchi, pur con la nebbia nella maruga  è concentrato a vedere quel che fa suo figlio sulla chitarra…mi commuovo…anche a Brian piace il blues.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: