JON SPENCER BLUES EXPLOSION al Circolo degli Artisti (Roma, 13 Febbraio 2013) – di Paolo Barone

26 Feb

L’altra sera io e Margaret siamo andati a vedere Jon Spencer Blues Explosion.

Eravamo molto contenti, io perche’ non li avevo mai visti dal vivo e Margaret perche’ essendo stati in tour insieme un paio di volte, sono da tempo buoni amici, e questa era un occasione per salutarli. Quando sei lontano dal tuo paese e qualcuno che conosci passa dalle tue parti e’ una bella sensazione, io ne so qualcosa.

Jon Spencer Blues Explosion

Jon Spencer Blues Explosion

E cosi siamo arrivati al club che li ospitava con un po’ di anticipo… Ma purtroppo non abbastanza: i biglietti sono finiti, il concerto e’ sold out!

Siamo in molti in fila al botteghino sperando che decidano di lasciare entrare qualcun altro una volta che il concerto e’ iniziato, ma niente da fare. Non c’e’ proprio piu’ posto. Se ne vanno tutti sconsolati, qualcuno era anche arrivato da fuori Roma, e nessuno si aspettava un tutto esaurito, oltretutto considerando che il loro tour italiano e’ piuttosto lungo e che questa era una data infrasettimanale in un locale di buona capienza.

Io, da uomo del sud, ovviamente non demordo. Aspetto che la situazione al botteghino torni ad essere tranquilla e poi riprovo…Cerco di far valere il fatto che Margaret li conosce, lei si mette a parlare in inglese con uno dei ragazzi alla porta, e come speravo riusciamo ad avere due biglietti. Bene, rincuorati ci incamminiamo verso l’entrata principale. Ma la situazione all’interno del locale e’ veramente pazzesca. Sono tutti pressati come sardine, non sappiamo proprio come fare ad entrare!

Io questo posto lo conosco bene, ci sfiliamo dalla bolgia e tentiamo di entrare da una porta laterale che magari non tutti sanno essere aperta. Qui le cose si fanno nettamente piu’ ragionevoli, e nel giro di qualche minuto, spingendo e sculettando un po’, ci ritroviamo in una postazione decente. Finalmente mi posso rilassare e godermi lo show.

La Blues Explosion stasera e’ in gran forma, anche Margaret che li ha visti molte volte mi dice che non li ha mai sentiti suonare cosi. Jon e Judah si scambiano di ruolo fra solista e ritmica, la voce e’ potente e ricca di effetti, la batteria di Russell e’ semplice ma efficacissima, il sound che viene dal palco e’ veramente un qualcosa di unico. Il volume e’ altissimo e il pubblico rilancia ondate di entusiasmo verso la band. Era tanto tempo che non vedevo un concerto cosi pieno e cosi partecipato. E pensare che davano la Blues Explosion per spacciata qualche annetto fa, altri erano i gruppi che pur ricalcando il loro stile ricevevano trattamenti da star….Ennesima lezione che le mode passano ma la passione, quando c’e’, resta. Eccome se resta.

Jon Spencer non si risparmia, balla, salta, aggredisce la chitarra e gli ampli, coinvolge il pubblico, fa fischiare il theremin come un Jimmy Page anfetaminico, un energia travolgente lo attraversa. Pur aspettandomelo da lui, rimango sorpreso. Pero’ il nostro, e pensare che ormai la cinquantina dovrebbe essere passata, che carica questo New York City Rocker. Poi ad un tratto, durante l’ultimo pezzo, si ferma, guarda verso di noi (che non siamo vicinissimi al palco) e dice Hey! Ma quella e’ Margaret! Come diavolo ha fatto a vederla in quella bolgia di corpi e’ incredibile. La chiama al microfono, la vuole sul palco. Lei non se lo fa ripetere due volte, e in pochi secondi facendosi largo nel casino arriva in scena, lanciandosi in un r’n’r’ totalmente improvvisato. Io, nel mio piccolo, scatto qualche foto per l’album di famiglia.

(al minuto 1:09:49 Blues X Man w/ Margaret Doll Rod – nella descrizione del video su youtube ci sono i vari link per arrivare direttamete ai varii pezzi)

Poi il concerto finisce, e noi aspettiamo un po’ per salutarli. Qualcuno si ferma a parlare con Margaret, io mi metto a curiosare nel banchetto del merchandising. Vinili, poster, magliette, qualche cd, hanno molta roba e devo dire anche molto bella. Ma ecco che arriva Judah e ci dice di andare nel backstage. Lui sembra che non abbia nemmeno suonato per quanto e’ fresco e rilassato, Russell il batterista e’ un po’ piu’ provato ma nenche troppo, Jon e’ distrutto.

Mi chiedo come faccia a tenere un ritmo cosi serrato ogni sera, pensando poi anche ai lunghi spostamenti in furgone, le soste pranzo in autogrill, le poche ore di sonno, la fatica in genere dello stare in tour per un lungo periodo. Mi complimento con loro, e poi li lascio parlare in pace con Margaret. Nel frattempo si presenta il loro tour manager italiano, un tipo molto simpatico e ci mettiamo a fare due chiacchiere. Dice che il tour sta andando alla grande, grazie anche al successo dell’ultimo disco Meat & Bones, che ha ricevuto ottimi riscontri ovunque. In effetti e’ un ottimo lavoro, al livello delle loro cose migliori, e dal vivo le canzoni rendono anche meglio.

John Spencer Blues Explosion MEAT & BONES

La Blues Explosion e’ una band che sul palco tira fuori una marcia in piu’, hanno quel graffio, quella zampata da gatto selvatico che fa la differenza ed emoziona. Nei camerini ci sono birre e Jack Daniels ovunque ma nemmeno una bottiglia aperta, stiamo tutti vergognosamente bevendo acqua minerale, e non gira neanche una Camel light. Mi sono fatto l’idea che nel rock, arrivato ad una certa eta’, o decidi di strafarti tutte le sere lasciando che gli altri si prendano cura di te e sperando che il fisico regga, oppure (molto piu’ frequentemente credo) stai molto attento ad essere nella migliore forma possibile. Specialmente quando sei in tour.

John Spencer Blues Explosion

John Spencer Blues Explosion

Il manager mi dice che finito il giro con loro, ripartira’ subito con Mike Watts, attuale bassista di Iggy and the Stooges, per una manciata di date in piccoli club. Chiedo notizie degli Stooges, mi dice che saranno a Roma in luglio. Ormai sono delle superstar e per un concerto prendono centocinquantamila euro, non e’ il tipo di lavoro per gente come lui. Fra una cosa e l’altra si e’ fatto tardi, loro devono andare e noi li salutiamo un ultima volta. Fuori c’e’ ancora qualcuno che aspetta per una foto e per farsi firmare dei dischi. Mentre andiamo via vedo la band fermarsi ancora un po’ con i fans all’uscita. Torniamo a casa contenti, sia per la splendida serata che per questa seconda giovinezza della Blues Explosion, ennesima dimostrazione che nonostante tutto c’e’ ancora tanta voglia di buona musica in giro. Anche nel nostro paese.

Paolo Barone ©2013

2 Risposte to “JON SPENCER BLUES EXPLOSION al Circolo degli Artisti (Roma, 13 Febbraio 2013) – di Paolo Barone”

  1. mauro bortolini 27/02/2013 a 08:15 #

    Cavolo, Paolo, non per dire, ma hai tutte le fortune!!!!
    Reportage grandioso!!!!!
    Se anche Iggy si é dato all’acqua minerale, non c’é piu’ religione.
    Avviso ai fans di Iggy e Bowie.
    Nel centro di bologna ha aperto una ART GALLERY con annesso negozio di vinile che
    espone e vende lussuose e rare immagini fotografiche dei due artisti.
    La galleria é gestita da ragazze mentre i maschi si occupano dei dischi.

    Mi piace

  2. Paolo Barone 27/02/2013 a 13:19 #

    Grazie Mauro! Sul fatto di avere tutte le fortune ci sarebbe ovviamente da vedere…..
    Sono abbastanza sicuro che Iggy si sia dato ormai da tempo ad acqua minerale e palestra, ma potrei anche sbagliarmi, con lui non si sa mai.
    Grazie per la segnalazione del nuovo negozio a Bologna.
    Se possiamo andiamo a comprare dischi e libri nei piccoli negozi. Certo, amazon fa comodo a tutti, ma sostenere i negozi di dischi e le librerie in questo particolare momento storico, credo sia una cosa importante sotto molti punti di vista.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: