DEEP PURPLE “Paris 1975” (2012 Edel) – TTTT

28 Mar

Nuova versione per LIVE IN PARIS 1975. Si dice che l’album dovesse uscire a suo tempo, nel 1975 appunto, ma poi BLACKMORE lasciò la band proprio dopo la data di Parigi e non se ne fece più nulla, fino agli anni duemila quando fu pubblicato per intero per la prima volta. Oggi esce con un nuovo missaggio e con una lunga intervista a COVERDALE, HUGHES e PAICE. Mi sembra che il cd sia registrato molto alto (come vuole la moda odierna), al limite della distorsione, a tratti la musica non sembra respirare, ma potrebbe anche essere un’ impressione: i DP all’epoca avevano un suono molto “pieno”.

Deep Purple Paris 1975 artwork

Scaletta interessante (soprattutto per chi ama i DP MARK III) e ottima performance del gruppo. Ascoltati oggi, certi gorgheggi di COVERDALE danno un po’ da fare, così come gli atteggiamenti sempre over the top di GLENN HUGHES, ma con un po’ di buona volontà ci si può anche passar sopra perché anche in questa incarnazione di DP erano una grandissima band di hard rock inglese.

Deep Purple 1975

7 Risposte to “DEEP PURPLE “Paris 1975” (2012 Edel) – TTTT”

  1. Pol 30/03/2013 a 15:46 #

    A quell’epoca i DP avevano raggiunto l’apice in termini di suono, tecnica e successo: in poche parole spaccavano di brutto. Il volume della chitarra di Blackmore era triplicato rispetto a quello dei tempi del Mark 2, probabilmente in virtù del fatto che ora suonavano in spazi molto più ampi, in stadi, in manifestazioni di portata gigantesca, uno su tutti il California Jam del 1974. Anche il suo stile si era modificato: più cacofonico, più squadrato, sempre con una tecnica ed una sicurezza di esecuzione che temeva ben pochi rivali. Possiedo anche io il CD, e devo decisamente dire che la qualità, la produzione e il set-up stracciano senza pietà quella sciocchezza di Made In Europe, il cui materiale appartiene appunto a quell’ultimo tour.
    Piccola segnalazione personale: l’opening di Hammond dell’indimenticabile Mr. Jon Lord,che fa da preludio ad una strepitosa You Fool No One, è qualcosa di magistrale. Ascoltare per credere.

    Mi piace

  2. giovanni 31/03/2013 a 22:39 #

    si concordo pienamente con Pol,a suo tempo comprai prima il vinile poi il cd di made in europe,molto meglio il disco come suono,ma questa nuova versione e molto buona con una bella pulizia musicale. oltre a lord,paice e magistrale.

    Mi piace

  3. mauro bortolini 06/04/2013 a 20:10 #

    Sto leggendo la biografia di BLOOM su Blackmore..
    Molte le similitudini con gli inizi di Page.
    La frequentazione di BIG JIM SULLIVAN che gli insegno’ molto.
    L’entrata nei Savages di Lord Sutch fu importante .
    Bloom parla del suo ingaggio negli Outlaws affermando che anche
    jimmy Page era interessato e che la loro abilita’ tecnica era quasi
    sullo stesso livello.
    Alla fine Page rinuncio’ perchè riteneva le esibizioni troppo fisiche.
    Muoversi troppo sul palco non gli interessava e non lo attraeva.
    Voleva stare fermo sul palco e lasciare che la sua arte brillasse di
    luce propria..
    Quando Blackmore é ancora con Lord Sutch i suoi genitori lo vanno
    a vedere e lui si nasconde dietro gli amplificatori e lo devono spingere
    a forza sul palco.
    Lord Sutch lo trasformo’ in chitarrista estroverso.
    Ma continuando la lettura del bel libro, oltre alla bravura di Blackmore,
    si evidenzia il suo carattere cattivo e oscuro che amava mostrare alla
    gente.
    Anche a me ha avuto occasione di mostrarlo ……..

    Mi piace

  4. mauro bortolini 09/04/2013 a 20:23 #

    Continuo la lettura della biografia del grande Blackmore.
    Le caratteristiche che vengono maggiormente poste in risalto sono
    innanzitutto la tecnica chitarristica inarrivabile del nostro, vero fulcro
    del gruppo,ed i suoi comportamenti sul palco e fuori dal palco.
    Un carattere veramente difficile ed egoista che lo porta di frequente
    a fregarsene del pubblico e dei componenti dei suoi gruppi.
    Divertente l’episodio in cui, dovendo i purple suonare su un palco in
    riva al tamigi col rischio di allagamento, Blackmore suona l’intero
    concerto da un camerino asciutto ma nascosto alla vista del pubblico.
    Frequentemente lascia il gruppo durante l’esecuzioni di canzoni senza
    preavviso lasciando gli altri ad improvvisare.
    Insomma genio e sregolatezza.
    Ultima la musica medioevale che lo porta lontano dal rock.
    Meglio blackmore o page ? Chissa’ ?

    Mi piace

  5. mauro bortolini 13/04/2013 a 15:07 #

    Dalla biografia di JERRY BLOOM : nel 1966 Ritchie Blackmore accetta
    un ingaggio con altri 3 musicisti inglesi in un club a Riccione ma, arrivati sul
    posto,delusi se ne vanno a Miiano dove ottengono di fare da supporto a Riki
    Maiocchi che si mostra divertito dal loro set ma il progetto muore subito.
    In un numero di QUI GIOVANI del nov 1966 si legge che blackmore e soci
    in ottobre suonano diversi concerti senza Maiocchi.
    Blackmore riceve da Londra la notizia del suo imminente divorzio cosi’ riparte
    in treno dalla Stazione Centrale grazie ad una colletta degli amici ed in 24 ore
    giunge a Victoria Station.

    Mi piace

    • Pol 15/04/2013 a 18:02 #

      Mauro, voglio acquistare anche io la biografia quando la trovo in giro, ma di questo passo me la leggo qui narrata da te e risparmio i soldi :-)

      Mi piace

      • mauro bortolini 18/04/2013 a 13:50 #

        Da Feltrinelli é scontata del 15 %.
        Recuperi senz’altro su quello da me anticipato :-)

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: