RECORD STORE DAY E ALTRE FACCENDE di Paolo Barone

26 Apr

Dal nostro inviato a Chicago e Detroit, un po’ di considerazioni interessanti…

Carissimo Tim, ti scrivo di ritorno da Chicago dove ho passato un intero week end. E’ sempre un piacere stare nella windy city, temperatura a parte, del tipo che venerdi notte ha nevicato, ho detto tutto.

Chicago

Chicago

Sabato 20 e’ stato il Record Store Day, e ho potuto partecipare anche io a questa bellissima festa internazionale. In citta’ ci sono piu’ di venti negozi di dischi indipendenti, e per l’occasione sono stati aperti ininterrottamente dalle nove di mattina alle dieci e passa di sera, ospitando le esibizioni live di oltre cinquanta band ed artisti locali. Io ho passato un po’ di tempo a Reckless Records, un negozio storico che gia’ conoscevo, e l’ho trovato letteralmente preso d’assalto. Ci si muoveva a fatica fra gli scaffali che ospitano ormai un buon 70% di dischi vecchi e nuovi in vinile ed un restante 30% di cd e dvd in lenta ma inesorabile riduzione. Per completare i festeggiamenti, la pizzeria di fronte offriva tranci di american pizza e caffe’ gratis per chiunque partecipasse all’evento, e stiamo parlando di centinaia di persone, di ogni eta’ e tipologia sociale. Una cosa impressionante, facevamo tutti allegramente la fila per vedere di rimediare qualche disco, felici e sorridenti per essere cosi tanti, per una volta accomunati dalla passione per la musica oltre i generi e i gusti personali. Io ho provato a scorrere la lista delle uscite speciali che sono state stampate per l’occasione, in vendita solo nei negozi di dischi indipendenti in quantita’ limitate. C’era di tutto: dai tuoi ELP con un edizione picture cd dei primi cinque album in cofanetto, agli Stones in vinile, passando per decine e decine di band…Ma quando ho passato le mie richieste al bancone mi hanno detto che era praticamente andato tutto esaurito nelle prime tre ore di apertura! E cosi mi sono preso un vecchio vinile degli Hawkwind, The Xenon Codex, con una copertina apribile bellissima, e il nuovo Black Angels.

Reckless Records Chicago

Reckless Records Chicago

Nel frattempo una band Metal aveva iniziato il suo live set, rendendo la situazione ancora piu’ caotica e divertente. Da quanto mi hanno detto alcuni amici la cosa e’ andata bene anche a Roma e a Londra, dove alcuni dei live sono stati cosi partecipati da rendere necessario lo spostamento in strada di strumenti e musicisti.

Insomma, per quanto ora vogliano mandarci tutti a sentire la musica su internet e negli Iphone, sembra che un numeroso zoccolo duro di appassionati stia facendo sempre piu’ proseliti, pero’ mica male questa cosa…Il Record Store Day non e’ stato solo una festa, ma anche un occasione di rilfessione sui meccanismi del consumo di musica al giorno d’oggi. Sia per quanto riguarda il diverso rapporto che si viene a creare fra ascoltatore e musica, quando la stessa e’ veicolata da un supporto materiale, cd o vinile che sia, o quando passa dal computer in quella che molti chiamano musica liquida. Sia per quanto riguarda la grandissima distribuzione online, amazon in testa, che se da una parte offre a prezzi vantaggiosi un catalogo praticamente infinito anche a chi abita su un isola deserta, allo stesso tempo falcidia migliaia di posti di lavoro. Soprattutto fra le piccolissime realta’ culturali come i negozi di dischi e le librerie indipendenti, che erano (e sono) non dei semplici negozi, ma dei punti di incontro e produzione di cultura e socialita’ di primaria importanza. Per non parlare delle condizioni di lavoro imposte a chi ci deve recapitare dischi e libri a tempi record e costi ridotti. Per quanto mi riguarda, la cosa merita anche piu’ di una riflessione, e da un po’ di tempo a questa parte ho deciso di comprare su amazon solo quando, per un motivo o per un altro, l’opzione negozio non sia ragionevolmente praticabile.

Amazon de

Ti dicevo dei Black Angels. Oltre ad aver preso l’ultimo album, li ho anche visti live qui a  Detroit. E sono rimasto sorpreso. Il posto era praticamente sold out, eta’ media sotto i trenta, entusiasmo di band e pubblico alle stelle. Loro dal vivo hanno un impatto molto potente, con il loro rock psichedelico, classico ma al tempo stesso (finalmente!) anche molto personale. E poi avevano un light show bellissimo, che avvolgeva il palco e la stessa sala in maniera veramente spettacolare. Li avevo iniziati a seguire un paio di anni fa, complice il pezzo Enter Song e le recensioni delle riviste Italiane, ritrovarli ora in questo stato di forma e maturazione mi ha dato veramente una bella sensazione. Pensa che non sono riuscito a prendere il disco al concerto per la fila pazzesca di ragazzi al banco di vendita. Nel frattempo i nostri sono anche fra i promotori dell’ Austin Psych Festival che si svolgera’ in Texas a fine aprile. Ci sono in cartellone alcune delle band piu’ interessanti in giro in questo momento, peccato non poterci andare, ma quella puo’ essere una buona lista per partire con future esplorazioni. Niente da fare, non mi stanco mai di cercare…

Presto partiremo per NYC,  quando arrivo da quelle parti in genere il mio umore si sintonizza su frequenze positive, seguendo l’energia della citta’.

Sono felice che ti sia piaciuto Anvil, secondo me e’ un documento rock di assoluto valore e vedo che ha toccato anche le tue corde. Non poteva essere diversamente.

Paolo Barone©2013

Una Risposta to “RECORD STORE DAY E ALTRE FACCENDE di Paolo Barone”

  1. mauro bortolini 26/04/2013 a 18:44 #

    Un antiquato e scarsamente tecnologico come me ha nel negozio di
    dischi un luogo quasi sacro per trascorrere il miglior tempo libero.
    Una scarsissima propensione all’uso della carta di credito e l’assenza
    quasi cronica al passaggio del corriere da sempre mi porta alla ricerca
    del disco perduto fatta di persona ed ammantata di puro feticismo.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: