Conversazione con MASSIMO BONELLI, discografico extraordinaire e ricercatore musicale

17 Lug

Conosco MASSIMO BONELLI da non tantissimo tempo, ma sin dai primi momenti ho dedotto che abbiamo affinità elettive… la passione per il rock, l’indirizzo politico, la visione del mondo. In più Massimo per qualche decennio ha fatto un lavoro che magari alcuni di noi sognavano e così ho pensato bene di chiedergli se fosse  interessato a fare due chiacchiere con noi.  Massimo si è dimostrato ben disposto alla cosa e aperto. Gli uomini come lui mi piacciono molto, è dunque un privilegio ospitarlo qui sul blog.

INTERVISTA A MASSIMO BONELLI –  Luglio 2013

Massimo,ci racconteresti qualcosa su di te, sulle tue esperienze professionali visto che hai lavorato per 35 anni presso la EMI e la SONY e se vuoi come essere umano? 

La mia grande fortuna è quella di aver vissuto tutto in diretta. Il cambiamento epocale della musica e del costume, la passione politica e l’indifferenza culturale.

Ho lavorato alla EMI nel periodo in cui Lennon, McCartney e George Harrison hanno iniziato produzioni proprie di alto livello. I Pink Floyd hanno fatto i loro album più importanti sino a quando, con i Duran Duran da una parte ed il punk dall’altra, è arrivato il decennio più controverso della musica…

Quindi sono entrato in CBS (più tardi Sony) dove ho contribuito alla ricerca e al lancio di un numero considerevole di artisti, tra cui anche molti “mordi e fuggi”: dagli Spandau Ballet agli Europe, lavorando anche al fianco di artisti eccezionali come Bob Dylan, Bruce Springsteen, Michael Jackson (bravissimo), George Michael,  Claudio Baglioni, Leonard Cohen, Francesco De Gregori, Ivano Fossati, Fiorella Mannoia e molti altri.

M. Bonelli e Springsteen

M. Bonelli e Springsteen

In seguito ho avuto il compito di dirigere l’etichetta Epic nel nostro Paese. Da quel momento è iniziata una divertente sfida per superare la “sorella competitrice” Columbia, che aveva tutti i nomi affermati. La Epic non aveva artisti italiani e ho quindi iniziato a formare una piccola squadra, firmando contratti con artisti  come Renato Zero, Spagna (qualche milione di dischi venduto all’estero), Area, PFM e tanti nuovi talenti …oltre ai nomi internazionali che ho inserito nel nostro repertorio: Oasis, Michael Jackson, George Michael, Sade, Primal Scream, Korn (per citarne solo alcuni), fino ai Pearl Jam.

M Bonelli e MJ

M Bonelli e MJ

La creazione di un catalogo Epic è stata una bellissima avventura con un enorme successo che mi ha portato, in seguito a dirigere anche la Columbia: ovvero la Sony.

Verso il 2004, nella fase di unificazione tra Sony e BMG,  questo lavoro ha iniziato ad essere creativamente sterile; non si discuteva più  con gli artisti ma esclusivamente con i loro avvocati. La musica si stava arenando in una deriva piatta e spocchiosa. La televisione e le radio acquisivano un potere stolto ed arrogante. Alla fine, proprio in disaccordo con la delega creativa ai “talent show”, ho lasciato la discografia nel suo momento più cupo e sono tornato ad occuparmi della musica che amo, oltre che di viaggi, letture ed altre attività che mi hanno reso straordinariamente libero.

Mi definirei, con un po’ di narcisismo, un buon democratico progressista, con una spiccata e sensibile filosofia nei confronti della musica e di chi ne fa le veci. Sui biglietti da visita ho scritto “Ricercatore musicale”, un altro termine che dice tutto e nulla…

M Bonelli e Kate Bush

M Bonelli e Kate Bush

Massimo, non è una domanda originale, ma come è stato lavorare per tanti anni in due delle più grosse case discografiche del mondo? Da fuori noi immaginiamo chissà che, probabilmente non è tutto rose e fiori…     

MB. E invece sono state proprio rose e fiori.. almeno sino ad un certo periodo. Fin tanto che si riusciva a coniugare creatività e fatturato era tutto più divertente ed il successo alimentava entusiasmo e quindi altro successo. La voglia di correre rischi, di sfidare il mercato, di scoprire, di stupire. Poi si è tutto inaridito … artisticamente …economicamente …a quel punto son finite le rose e si sono appassiti i fiori.

Anche tu come molti di noi sei un musicologo, ti piace la musica buona, hai buon gusto…è stato difficile fare della musica il tuo lavoro e vivere sulla tua pelle certe dinamiche che magari non sono il massimo per il fine supremo, l’arte musicale?

MB. Come dicevo prima, il termine musicologo è un lusso che mi son permesso abusivamente.

Non sono uno studioso di musica, ma un semplice estimatore di tutto ciò che mi dà emozione, che sia Bob Dylan o Renato Zero, Eddie Vedder o Michael Jackson. Sono nato con l’interesse e la curiosità per la musica e ho avuto la fortuna di fare il mestiere che sognavo (altri tempi)…

Quando lavori su un progetto dalle sue origini, facilmente te ne innamori anche se non è proprio la  musica che hai sempre amato…

Inoltre, per rispetto alle mie origini, sono sempre stato una specie di Robin Hood della discografia.. con i successi delle “star” finanziavo i nuovi talenti… spesso inascoltato dalle radio e dai giornalisti.

M Bonelli e Clapton

M Bonelli e Clapton

Lo so, è una domanda che ti avranno già fatto in centinaia, ma tra tutte le rockstar con cui hai avuto a che fare ce ne è stata qualcuna che, guardandola negli occhi, ti sei detto “qui dietro c’è una gran persona”? Hai qualche storiella gustosa che ti va di raccontare?

MB. Più di un artista ha rivelato una grande e bella personalità: Bruce Springsteen, Eddie Vedder,  Franco Battiato, Francesco De Gregori… e Cyndi Lauper, straordinaria e vulcanica. Mi son sentito citare nel più famoso talk show americano, dove lei narrava la sua avventura italiana di cui fui protagonista a Bari. Al termine della cena, con lei e con altri musicisti, sono salito con lei sul tavolo a ballare un tango, suonato dai vari musicisti presenti. Ogni volta che ci incontravamo succedeva qualcosa di eclatante. Ma Cyndi Lauper è solo uno dei tanti aneddoti… potrei scriverne un libro intero.

M Bonelli e De Gregori

M Bonelli e De Gregori

Vista la tua esperienza, ci dai un commento sullo stato del Rock in Italia, e sulla musica in generale?

MB. Credo che coloro che desiderano fare musica siano troppo succubi della tv, delle radio e di tutto quel sistema che promette il raggiungimento di un successo facile e immediato. L’espressione del rock, e della buona musica in generale, deve arrivare alla gente tramite il palco più bello del mondo: la strada… i club.. le cantine…Se sei bravo e originale, se hai personalità,  arrivi dove vuoi … senza farti bruciare da falsi applausi  e ignobili promesse. Lo stato del rock, per il momento… non abita da queste parti.Ma se vai a cercare nei luoghi più nobilmente umili, troverai tanta gente pronta a stupirti…

Massimo, Dio esiste?

MB. Sì.. più di uno.. Ernesto “Che” Guevara.. Malcolm X .. John Lennon .. Jimi Hendrix.. Roy Harper .. Grace Slick (forse la madonna) .. posso continuare …??

Film: i tuoi 5 preferiti.

MB. La vita è meravigliosa (Frank Capra);  Across The Universe (Julie Taymor); Midnight in Paris (Woody Allen); Professione Reporter (Antonioni); L’ultimo spettacolo (Peter Bogdanovich)

M Bonelli e Missing Persons

M Bonelli e Missing Persons

Fumetti: i tuoi 5 preferiti

MB. Non sono un  appassionato di fumetti;  da ragazzino leggevo Tex Willer, Nembo Kid (Superman), Michel Valliant .. ma casualmente

Musica: 5 artisti o gruppi che ti piacciono da morire….

Faccio sempre nella mia mente queste classifiche quando sono in aereo.. ogni volta cambio almeno un nome: Roy Harper, Rolling Stones, Jimi Hendrix, Beatles, Pink Floyd… ma sto rinunciando ad altrettante parti vitali del mio amore per la musica…

Musica: 5 album senza i quali non potresti vivere?

MB. Beggars Banquet (Rolling Stones),  White Album (Beatles), Electric Ladyland (Jimi Hendrix), If I could only remember my name (David Crosby), Peter, Paul & Mary (PP&M)

Per Massimo Bonelli chi sono i Led Zeppelin?

MB. L’intro di un organo soave a una chitarra acustica e a una voce impressionante che intona Your Time is gonna come…. Da quel momento e soprattutto quell’album (il primo)  è iniziata un’altra bella storia…

M Bonelli e Jeff Beck

M Bonelli e Jeff Beck

Massimo, qual è il senso della vita?

MB. Sapersi emozionare… lasciarsi emozionare ..

Non voglio disturbare la tua privacy, se non ne vuoi parlare nessun problema, ma mi pare di capire che le tue figlie vivano all’estero, in Brasile, giusto? Da fuori sembrate una famiglia davvero aperta al mondo, moderna, libera…ti faccio i miei complimenti. E’ difficile convivere con certe distanze? Avere i tuoi cari dall’altra parte del globo?

MB.  Ho due figlie (avute da due mogli diverse) entrambe in Brasile. Paola, al nord tra dune di sabbie e oceano, è proprietaria di una meravigliosa pousada in un oasi di vegetazione tropicale in un villaggio chiamato Jericoacoara. Carolina, laureata a Torino, ha vinto una borsa di studio dal governo brasiliano sulle popolazioni dell’Amazzonia; è partita per il Brasile e non è più tornata. Dopo aver vagato per quell’immenso Paese, si è ora fermata a vivere nella foresta, tra la natura incontaminata del Capao, nella Chapada Diamantina, nello stato di Bahia. Grazie a Skype vedo loro e i loro bimbi frequentemente, oltre ad andarle a trovare spesso. Sono felici e quindi lo sono anch’io. Forse in Italia non sarebbe andata così bene.

M Bonelli e David Gilmour

M Bonelli e David Gilmour

Tua moglie Ivana è una Chef. Ci parli un po’ di lei, del suo lavoro, e di come portate avanti il rapporto?

MB. Il suo lavoro è un hobby che le dà grandi soddisfazioni, visto che è davvero appassionata di cucina ed è bravissima. Ivana, che è la mia terza moglie, è un caso unico difficilmente spiegabile. Oltre ad avere un grande talento creativo ed organizzativo per qualsiasi cosa desideri fare, è la persona più altruista e sensibile che io abbia conosciuto. E’ amata e stimata dalle mie figlie.. ma anche dalle mie precedenti mogli(!!!) … meravigliosa, straordinaria, profondamente complice di tutto ciò che io faccio e stimolatrice di ogni nostra iniziativa. … Credo sia una specie di super eroe senza tuta spettacolare …. Santa subito!!!

 Massimo e Ivana Bonelli

Massimo e Ivana Bonelli

Un libro che hai divorato. 

MB. Shantaram di David Gregory Roberts .. un viaggio magico, fantastico ..

Gli scrittori che segui con più passione?

MB. Joe R Lansdale: grottesco, pieno di realistica immaginazione… leggo molto e di tanti autori.. Lansdale merita la segnalazione perché è il più rock di tutti!

Qualche pulsione per il calcio? Mi par di capire che sei juventino. Il mio blog è in parte un covo di interisti, come vive uno come te questa rivalità che molto spesso travalica il buon senso e il buon gusto? Al di là di questo, in che immondezzaio sta finendo il calcio?

MB. Non sono un patito di calcio.. simpatizzo ingiustificatamente per la Juventus da quando ero bimbo e così lo faccio ancora, ma finisce tutto qui. Tra l’altro sono amico di Del Piero, mio concittadino, con cui ho collaborato nella realizzazione di alcune compilation con i suoi brani preferiti. Simpatizzo anche per la Triestina, ho vissuto parecchi anni in quella meravigliosa città. Ma la squadra è ignobilmente fallita. Confesso di non essere un grande sportivo. L’unica attività che ho fatto abbastanza a lungo è il nuoto.

Tu hai vissuto gli anni sessanta e settanta, avresti mai pensato che la società sarebbe arrivata a questi bassi livelli  e che l’Italia sarebbe precipitata in questa fogna dove etica, senso civico, fratellanza sono concetti ormai spariti? 

MB. Sarebbe avvilente vivere subodorando il fallimento della civiltà evoluta. Non ti rassegni mai, neppure di fronte a fatti clamorosi come quelli di questi ultimi vent’anni. Credo che l’inciviltà dei reazionari e dei loro mezzi sia stata, per il nostro Paese,  più devastante dell’amianto. L’imbarbarimento culturale sta causando un vuoto irreparabile come una guerra atomica. E purtroppo non ci sono più eroi o semplici intellettuali a difendere fragili barricate di speranza.

Quando guardi l’infinito, di solito a cosa pensi?  

MB. Quanto ci vuole a raggiungerlo… e soprattutto .. alle mie figlie ..

Il tuo pezzo rock preferito?

MB. You can’t always get what you want.. degli Stones: l’ho fatto suonare anche per il mio terzo matrimonio .. da brividi

M Bonelli e Freddie

M Bonelli e Freddie

Il tuo pezzo easy listening preferito (scusa ma non riesco a scrivere Pop, sono cresciuto musicalmente negli anni 70 e la musica Pop era altra cosa rispetto a ciò che si intende oggi). ..

MB. Eloise di Barry Ryan: straordinariamente originale rispetto allo standard dei pezzi della stessa epoca.

Ci snoccioli qualche nome di artisti o gruppi italiani che ami particolarmente?

MB. .Per primo Paolo Conte, uno dei pochi con cui non ho mai lavorato. Ivano Fossati: una specie di Eric Clapton italiano, ma l’artista che ho amato più di tutti è Lucio Battisti, unico e originale.

Che giornali musicali leggi?

MB. Mojo e Uncut. Ottime recensioni, articoli e biografie.

Che quotidiani leggi?

MB. Tutti i giorni il Corriere della Sera e nel week end anche La Repubblica.

Qual è la prima cosa a cui “guardi” quando senti un pezzo musicale?

MB. Nulla… lascio libera la fantasia …

Cosa fai adesso? Hai qualche progetto per il futuro?

MB. Sto collaborando ad alcune mostre. Una si sta svolgendo a Padova ed è dedicata ai Pink Floyd. Un’altra, il prossimo anno, mia… o meglio di tutto ciò che ho raccolto in 35 anni a fianco della musica e dei suoi protagonisti. Poi inseguo il sogno di realizzare una mostra di arte contemporanea, con le opere di un artista che mi piace moltissimo e che ho avuto il piacere di conoscere personalmente; ma per scaramanzia preferisco non dire niente…

Collaboro marginalmente anche con alcuni piccoli festival nella zona in cui risiedo in campagna sul lago d’Orta.. Jazz e Blues e anche con un festival che si svolge a Jericoacoara in Brasile: “Choro Jazz”, una meravigliosa miscela di musicisti brasiliani e provenienti da tutto il mondo, che si amalgamano quotidianamente in questo luogo stupendo, improvvisando sul palco delle jam session uniche e irripetibili. Ora anche nel Capao, sempre in Brasile, hanno organizzato un festival musicale, mia figlia tra l’altro canta e suona e il suo compagno è un ottimo musicista, magari mi renderò utile anche con loro. Poi mi piacerebbe fare un programma radiofonico… se qualcuno mi ospita…

M Bonelli

M Bonelli

Hai girato parecchio, in uno dei tuoi ultimi viaggi hai toccato il VIETNAM, ci racconti le che impressioni hai avuto?

MB. Prima per lavoro e poi con Ivana ho girato tutto il mondo a parte l’Australia e l’Africa (eccetto il Marocco). Ogni viaggio mi eccita, mi incuriosisce. Cerchiamo di vivere le realtà del posto a partire dai mercati dove si riversa la gente comune nella sua più totale normalità. Il Vietnam mi piace definirlo come desiderano loro sia definito “Vietnam: non una guerra, ma un Paese-

 Hoi An, Vietnam - foto di M Bonelli

Hoi An, Vietnam – foto di M Bonelli

Aggiungerei meraviglioso. I suoi abitanti sono tra le persone più cordiali e generose che abbia incontrato nei miei viaggi. Pensano al passato concentrandosi soprattutto sul futuro.

Ho Chi Minh foto di M.Bonelli

Ho Chi Minh foto di M.Bonelli

M Bonelli & Ivana in Vietnam

M Bonelli & Ivana in Vietnam

Quale è la cosa che ti manca di più dell’epopea classica della musica rock (seconda metà sessanta/seconda metà settanta)?

MB. La creatività e l’entusiasmo… l’originalità e la passione… l’ingenuità e il coraggio …

Quando si tratta di concerti rock vissuti in prima persona, quali sono i ricordi a cui sei più legato?..

MB. Facendo un conto approssimativo, credo di aver visto oltre 2000 concerti di ogni genere e categoria musicale. Da quelli spettacolari (su tutti Michael Jackson e Rolling Stones) a quelli profondi (Leonard Cohen, Bob Dylan, John Martyn etc) a quelli metal (Korn, Alice Cooper, Iron Maiden etc) a quelli italiani (tutti…). Tre su tutti: il primo di Michael Jackson (visto altre 7 volte) a Roma per il lancio mondiale di Bad .. emozionante.. spettacolare .. elettrizzante come Guerre Stellari. Il terz’ultimo dei Rolling Stones (visti in totale 8 volte) a San Siro con Ivana e mia figlia .. un juke box adrenalinico di tutte le generazioni Stones. Pearl Jam all’Arena di Verona, sul palco a sentire meravigliose vibrazioni che ti catapultavano in una dimensione di rock difficilmente raggiungibile.

Con che impianto Massimo Bonelli ascolta musica? Puoi entrare nel dettaglio?

MB. In auto e in viaggio con l’Ipod. A casa con il computer e casse JBL. Nel passato ci facevo più caso ed avevo un McIntosh a valvole e  prima ancora un Marrantz… ma non mi ricordo altro…

Un amante della musica della nostra generazione non può che essere affezionato al vinile, tu che riesci ancora a sentire il fascino per i 33 giri? Riesci a provare qualcosa di simile anche per i CD, magari quelli in deluxe edition? 

MB. Mi attrae più il contenuto dell’involucro. E’ chiaro che il fascino delle copertine dei 33 giri ti davano un emozione d’impatto con immagine, testi, crediti etc… Ma si può superare. Ho avuto circa 15 mila vinili, ora ho altrettanti Cd  … tutta la musica che vale la pena amare, seguire, ascoltare, scoprire …

Ti senti più vicino alla scuola inglese o a quella americana, parlando naturalmente di musica rock?

MB. Inizialmente sono stato assolutamente più vicino alla scena inglese.. molto più fantasiosa, magica, espressiva. Il mio motto era: metti un album “made in Usa”, ascolta il primo pezzo e sai già com’è…  Fai altrettanto con uno “made in Uk” ma ascolta ogni singolo brano,  perché oguno può essere una sorpresa. Più tardi, con la psychedelia dell’area di San Francisco, anche la musica statunitense si è evoluta in originalità… e poi c’era tutto il rythm’n blues ed il jazz fusion principalmente urbano degli States.

Che rapporto hai con gli mp3, li usi senza troppi problemi o sei anche un cultore del lossless (file senza perdita di qualità)? 

MB. Confesso che con l’avvento dell’Ipod, l’idea di poter scaricare tutti i miei album/cd su un “aggeggio” portatile mi ha galvanizzato: così ho trasferito oltre 25 mila brani selezionati da tutti i miei dischi con tanto di note e copertine originali e lo aggiorno in continuazione. E’ sicuramente uno degli oggetti più preziosi che possiedo (oltre al pc che è il master di tutto ciò) … grazie Mr Jobs!

MBonelli e George Thorogood

MBonelli e George Thorogood

Qual è lo strumento musicale che più ti affascina, e nel caso tu ne abbia uno, che marca e che modello?

MB. Sono stato un bravo discografico perché non ho avuto mai la velleità a diventare artista .. (anche se nel passato ho cantato in qualche gruppo) .. quindi non suono alcun strumento. Emozionalmente mi affascina l’organo in tutte le sue molteplici variazioni (Procol Harum.. EL&P.. Wakeman .. Brian Auger etc)..

Se ti trovassi all’incrocio, una calda sera d’estate verso mezzanotte, lo faresti il patto? Cosa chiederesti in cambio della tua anima?

MB.  Con l’esperienza acquisita ..total reset .. per modificare solo alcune cose. Anche se credo sia un alibi per rivivere tutto di nuovo …

Ci sono giornalisti musicali italiani che ammiri e stimi?

MB.  Sì, uno in particolare.. Riccardo Bertoncelli, alcune sue frasi sui libri o sui giornali mi hanno molto ispirato. Non so se l’ho mai confessato a lui.

M Bonelli e Guccini

M Bonelli e Guccini

Che canzone o che brano ascolta Massimo Bonelli nelle sere un cui si ritrova solo in casa?

MB. Ascolto musica tutto il giorno .. non fa quindi differenza.. ma se vuoi una risposta fossi solo in una bella serata ascolterei volentieri “Manhole” di Grace Slick … è completo.. ti trasporta .. into the sun…

Nel congedarci da te vorremmo un tuo pensiero o una citazione che ti sta a cuore.

MB… Per la musica:   c’è sempre nuova grande musica…. basta avere voglia di cercarla…

Per la società: esistono valori che ci fanno crescere persone migliori .. più sensibili .. più tolleranti .. più aperte .. più curiose e coraggiose: non difendere questi valori è un crimine…

M Bonelli

M Bonelli

Massimo, grazie per aver accettato questa intervista e per averci parlato in modo sincero, profondo, completo.

6 Risposte to “Conversazione con MASSIMO BONELLI, discografico extraordinaire e ricercatore musicale”

  1. lucatod 17/07/2013 a 14:27 #

    Bellissima intervista Tim , le foto di Massimo Bonelli dicono tutto .

    Mi piace

  2. bodhran 17/07/2013 a 15:24 #

    è un bel viaggio questa lettura, che inizia con una breve storia della musica attraverso la sua biografia e finsice con una frase quasi benaugurale: “c’è sempre nuova grande musica.
    long live timtirelli.com e i suoi post!

    Mi piace

  3. Paolo Barone 17/07/2013 a 16:27 #

    “…C’e’ sempre nuova grande musica, basta avere voglia di cercarla…”
    E ci sono sempre grandi persone in un modo o nell’altro da incontrare, grazie Massimo per questa bellissima intervista!

    Mi piace

  4. mikebravo 17/07/2013 a 17:15 #

    Grande!!!! Intervista letta tutta di un fiato.
    Complimenti a Tim!!!!!!!
    Vita emozionante quella di Bonelli.
    Le foto poi……
    Manca solo page e sarebbe stato TRIS D’ASSI o SCALA REALE…
    Le citazioni di ROY HARPER sono il MASSIMO!!!!!!!!!!

    Mi piace

  5. picca 17/07/2013 a 22:21 #

    Sorprende come sempre la distanza che c’è tra i gusti dei discografici italiani e il prodotto nazionale che viene da essi sbolognato alle masse.

    Man-hole.

    Mi piace

  6. Giancarlo T. 18/07/2013 a 10:36 #

    Massimo fa parte di una piccola manciata di discografici di qualità che non esiste più: quelli che oltre alla necessità di dover pensare al fatturato, riusciva anche a pensare alla possibilità di divulgare buona musica. I miei ricordi professionali con lui sono tutti positivi e, che sia stato io fortunato più di altri o meno con lui, se dovessi dare aggettivi al “mio” Bonelli, direi sincerità, onestà, pulizia, praticità. So di non poter dire lo stesso di altri. I miei ricordi più piacevoli sono legati a certe operazioni folli che adesso, per parafrasare Zappa….”non potrebbero più essere fatte su un palco”…come le riprese televisive – forse tra i primi in Europa! – dei Pearl Jam o quanto di divertente riuscimmo a fare con De Gregori…troppo lungo elencare tutti gli altri. E’ stato piacevole fare un tuffo nel passato leggendo i suoi ricordi. Alla salute, Massimo !

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: