IL BLOG DEL GATTO PALMIRO – Microchip trick

8 Nov

Quello che gli umani chiamano il giorno di Giove; come ogni mattina prima dell’alba mi sveglio, gironzolo per casa e quindi cerco di svegliare i miei umani. Salto sul letto, incomincio a fare la pasta, metto il muso su quello della Terry, faccio cadere la sveglia, i libri sul comodino, provo il mio black cat moan. Invece di sentire Tyrrell che mi dice “Palmiro, dio pòver, sono le cinque, fa a mot per piasèr!”, tutto tace. Strano. Un’ora più tardi T & T si alzano, si fanno una doccia e fanno colazione insieme. Curioso, non è sabato né domenica. Li guardo mangiare fette biscottate con la marmellata e bere il thè mentre la mia ciotola rimane vuota. Uhm, gatta ci cova. Mi rinchiudono in salotto. Rimango in ascolto davanti alla porta chiusa.

Sento del trambusto, stanno lottando con Patuzzo nel tentativo di metterlo in una gabbietta. Patuzzo è uno dei gatti che vivono qui con me alla Domus Saurea, vivendo fuori è più selvatico di me of course (sì, sto studiando l’inglese…). Fino a qualche anno fa riusciva a tenere a distanza gli altri maschi che si aggiravano nei dintorni, ma poi è comparso Maciste, una gattaccio forestiero, e Pato non è più stato in grado di difendere il nostro territorio. Malgrado la sua stazza (Pato è uno di quei gattoni rossi con quattro dita di coppa) evidentemente è un maschio beta.

Patio - Domus Saura 2015 -photo Tyrrell

Pato – Domus Saura 2015 -photo Tyrrell

Maciste riesco a tenerlo a distanza solo io. Tyrrell pensava che io fossi un gatto bonaccione, si è dovuto ricredere la prima volta che mi ha visto rincorrerlo fino all’orizzonte. Ma io non sono sempre fuori così, quando sono assente, Maciste è libero di fare le sue scorrerie. Durante una di questa deve essersi azzuffato con Pato e deve avergli morsicato una zampa. Sono alcuni giorni che Pato zoppica, T & T pensavano se la fosse rotta, ma l’Esmeralda, la dottoressa dei gatti, dice che é un morso di un altro gatto che ha fatto infezione. Catturare Pato e metterlo nella gabbietta non è faccenda semplice, solo Tyrrell a volte ci riesce. Un paio di iniezioni di antibiotici da fare ogni sera, ma portarlo dal dottore dei gatti non è automatico, i nostri umani riescono nell’impresa un paio di sere su quattro, Pato è guardingo e non si lascia prendere. Stamattina però deve essere affamato, Tyrrell riesce ad avvicinarlo, a catturarlo e a spingerlo nella gabbietta. Povero Pato. Tieni duro amico mio. Ma, che succede, si apre la porta, prendono anche me e mi infilano in un’altra gabbietta. Oh no…

Eccoci qua tutti e quattro nella blues mobile di primissima mattina diretti a Baniolus. Sento parlare i miei umani. Siccome mi vedono bere spessissimo temono che ci sia qualcosa che non va. Di solito noi felini beviamo poco, e quando ci buttiamo a pietto sulle ciotole d’acqua spesso significa che ci sono problemi ai reni…

Palmiro - Domus Saurea ott 2015 - photo Tyrrell

Palmiro – Domus Saurea nov 2015 – photo Tyrrell

Ma io mi sento bene, sono in forma, quando mi guardo allo specchio mi dico “Però!”. Valli a capire questi umani. L’Esmeralda mi piace molto e credo di piacerle anche io. Tyrrell mi estrae dalla gabbietta, lei mi stringe un laccio emostatico attorno alla zampa e infila un ago in una delle mie vene. Io sono un gatto bravo e paziente (a volte), mi fido di Tyrrell e della Terry, lascio fare, ma spero che finisca tutto presto. Una sfregatina col cotone idrofilo ed è fatta. Sono pronto a ritornare nella gabbietta…ma, ehi, Esme, che altro c’è? Si avvicina con una strana siringa, mi stringe la carne a cavallo del collo e mi inserisce qualcosa che poi controlla con un rilevatore…biiip. Inizio ad agitarmi. Abbraccio Tyrrell, nella speranza di trovare riparo. La Terry si commuove nel vedere che mi stringo al mio umano maschio “Ma patato” mi dice…“Terry, per favore, va bene che sono un po’ spaventato, ma non si è mi visto il gatto di JOHNNY WINTER farsi chiamare patato!”.

Cerco di capire i discorsi che fanno : mi hanno inserito un microchip, che in pratica è la mia carta di identità:

NOME: Palmiro Tirelli Terenziani

NATO A: Sesso nel maggio del 2012.

RESIDENZA: Domus Saurea, Borgo Massenzio, Regium Lepidi

RAZZA: Europea

COLORE DEL PELO: Nero

OCCHI: Gialli

SQUADRA DEL CUORE: F.C. Internazionale

GRUPPO PREFERITO: Asia

DESCRIZIONE: Gatto di blues

…oui, c’est moi, baby… (sì, sto studiando anche  il francese)

Palmiro - Domus Saurea 2015 - photo Tyrrell

Palmiro – Domus Saurea 2015 – photo Tyrrell

Ritorno nella gabbietta. Adesso tocca a Pato. Le iniezioni sono tre, ma invece di trasformarsi nel diavolo della Tasmania e distruggere l’ambulatorio come già fatto in passato, Patuzzo si limita a miagolare sconsolato mentre Tyrrell lo tiene a bada, evidentemente ha capito che degli uomini di blues c’è da fidarsi. Ritorniamo alla Domus Saurea, Pato sembra incredulo di essere di nuovo libero, io mi accomodo in casa, tanto nel primo pomeriggio torna la Terry e sarò libero di scorrazzare per la campagna. Sto diventando un po’ come Tyrrell, ho imparato ad amare i colori autunnali di questa terra, che poi…colori per modo di dire, odori semmai, io essendo gatto distinguo solo il blu e il verde, il resto lo vedo in scala di grigi…ma mi do un tono, faccio finta di abbandonarmi alla vena poetica come quella miserella di Tyrrell, e cerco di immaginare la foglie di un colore che non so immaginarmi, TT lo chiama giallo, ma io non so nemmeno cosa sia. L’uomo nonantolanus mi ha spiegato che devo cercare di immaginare il tepore che provo davanti alla stufetta accesa, io ci provo, ma non ho mica capito tanto bene, ad ogni modo per farlo contento pubblico qualche altra delle sue solite foto…

Domus saurea nov 2015 - photo Tyrrell

Domus saurea nov 2015 – photo Tyrrell

Domus Saurea nov 2015 - photo Tyrrell

Domus Saurea nov 2015 – photo Tyrrell

Domus Saurea nov 2015 - photo Tyrrell

Domus Saurea nov 2015 – photo Tyrrell

Scorrazzo per le terre che abbiamo qui intorno, sono dei contadini che abitano vicino a noi ma io le considero miei possedimenti. Ora che ho sempre con me la mia carta d’identità potrei anche tentare avventure in terre straniere, ma ripensandoci è meglio che non mi allontani troppo, dove lo trovo un umano che mi lascia ascoltare tutti quei cd in pace, che mi accudisce con tanto amore, che di tanto in tanto mi versa una goccia di Southern Comfort nella ciotola? Meglio che rinunci ai miei propositi e che mi arrenda al Reggian Comfort…

◊ ◊ ◊

◊ ◊ ◊

Una Risposta to “IL BLOG DEL GATTO PALMIRO – Microchip trick”

  1. Alberto 11/11/2015 a 18:25 #

    ..io direi che alla prossima calata italica (speriamo) di Geoff Downes & soci, il piccolo Palmy si merita un posto in prima fila…Voglio vedere se John Wetton ha il coraggio di non dedicargli “Al Gatto Nero”!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: