ROLLING STONES “Some Girls” (1978 – Promotone BV 2011 – 2cd) TTTTT / “Some Girls Live In Texas ’78” (Promotone BV 2011 – Blu-Ray & Cd) TTTTT

31 Dic

ROLLING STONES “Some Girls” (1978 – Promotone BV 2011 – 2cd) TTTTT

Some Girls è uno di quegli album che ho vissuto in diretta, arrivavo sul mio Tentation Romeo 4 marce nel punto di ritrovo nel cuore del parco, nel nostro bar estivo all’aperto, prendevo le monete, la inserivo nel Juke Box e MISS YOU e FAR AWAY EYES finivano per fare da colonna sonora ai miei diciassette anni nell’estate del 78. Album vero, sporco e irriverente, lo si può considerare forse come l’ultimo vero grande album dei Rolling (Tattoo You del 1981 è molto bello, ma trattasi in buona parte di materiale riciclato da outtake degli anni precedenti).

Il ritmo ruffiano di MISS YOU, il rock alla Rolling Stones quale egregia risposta al punk inglese RESPECTABLE e SHATTERED, la bella e spiritosa FAR AWAY EYES con un ritornello che nell’andamento e nel testo ho seguito per tutta la vita, la sublime dinamica delle chitarre in BEAST OF BURDEN e tutto il resto delle canzoni ben sopra la media.

Questa irresistibile digipack special edition ha un secondo cd con 12 outtake, in pratica un nuovo album dei Rolling Stones di quel periodo. L’altra sera ne parlavo con Riff, mi diceva che secondo lui il secondo cd è più bello del primo, dell’originale insomma e anche in un commento qui sul blog Alexdoc ne parlava in termini lusinghieri. Credo che Riff perlomeno si sia spinto troppo in là, ritengo infatti che sia in definitiva un bonus disc di ottime outtakes, un misto di rock alla Stones (CLAUDINE, LOVE YOU TOO MUCH) bluesacci strascicati (WHEN YOU’RE GONE) e stralunati (KEEP UP BLUES) e momenti country (DO YOU THINK I REALLY CARE e YOU WIN AGAIN). C’è poi il classico lento cantato da KEITH RICHARDS sempre in maniera toccante (WE HAD IT ALL) e una ballata alla You Can’t Always Get What You Want (NO SPARE PARTS). 12 pezzi in più, non all’altezza dei momenti top del disco orgoninali, ma davvero gradevoli e gustosi.

Edizione da avere.

ROLLING STONES “Some Girls Live In Texas ’78” (Promotone BV 2011 – Blu-Ray & Cd) TTTTT

Ron Wood non mi è mai piaciuto, né come chitarrista né come tipo. E’ gioviale, solare, sempre in vena di scherzi ma a me proprio non dice nulla. Sarà che “i simpatici mi stanno antipatici e i comici di rendono triste” come canta FDG, sarà che il suo modo di suonare non mi è mai piaciuto, ma è proprio una figura che non fa per me. Tuttavia in Some Girls (il disco) si comporta bene e nel relativo tour non mi disturba più di tanto. Questo LIVE IN TEXAS è portentoso, ritrae i ROLLING di nuovo in sella con un Keith Richard più cosciente e presente. ROLLING che erano più attenti al suonare e al cantare e che ancora non facevano il verso a loro stessi, diventando a tratti delle macchiette. Non siamo ai livelli del tour per eccellenza del 1972/73, ma sono vicini all’essere al top of their game. Filmato crudo e senza troppi fronzoli, qui si bada al rock, e se ci sono due figure emblematiche come JAGGER e RICHARDS beh c’è poco da dire…siamo nel cuore del rock and roll. Sbavature, smagliature, scuciture, ma anche tanti bei pezzi rock suonati alla Rolling Stones. Un blu-ray da non farsi scappare.

Bene, non male dedicare l’ultimo post dell’anno ai Rolling Stones, segno che il senso che abbiamo per il blues segna ancora la rotta. Vi auguro un felice anno nuovo, magari un po’ più rock e un po’ meno blues e nonostante i tempi non siano granché, che le stelle  riempiano i vostri sogni e che il padre dei quattro venti gonfi le vostre vele.

A presto, uomini e donne di blues. Stay tuned for more rock and roll.

5 Risposte to “ROLLING STONES “Some Girls” (1978 – Promotone BV 2011 – 2cd) TTTTT / “Some Girls Live In Texas ’78” (Promotone BV 2011 – Blu-Ray & Cd) TTTTT”

  1. Brian 01/01/2012 a 13:02 #

    Messaggio da Brian per il Blog

    A tutti voi grandi del rock tanti auguri per il rock, che an né mai trop.
    Ci ho pensato e lo voglio dire: avete un grande avvenire.
    Vi dico con tutto il cuore “sempre musica e sempre amore”.
    L’ho scritto e non mi pento, questo è il vostro momento.
    E come tutti sanno vi faccio gli auguri per il nuovo anno.
    Brian

    Mi piace

  2. alexdoc 01/01/2012 a 14:20 #

    Primo commento del nuovo anno? Che onore. Confermo il parere “lusinghiero” sul cd di outtake. A mio modesto avviso gli manca solo una “Start me up” (hai detto niente…) e poi sarebbe pari a “Tattoo you”, l’ultimo “buon” disco dei “Ragazzi” (“Sum gals” è per me l’ultimo “grande”, pur condito da molto mestiere.) Ronnie Wood mi lascia indifferente, però per me da cultore imparziale le “Pietrone” decisive sono quelle con Mick Taylor. Hai voglia che “Woody” parla la stessa lingua musicale di Keef, era proprio la diversità del suo predecessore a creare la magia e completare il quadro, Ron è un po’ la brutta copia, il fratellino molto minore, di Sua Keithianità. Basta confrontare i due live usciti da poco: quello del ’73 è finalmente il Live definitivo di questa Rn’r Machine, quello che i veri Stoniani aspettavano da decenni, perchè su Get yer ya ya’s out “the second Mick” era appena arrivato, era “the new kid in town”, la sua timidezza si sentiva, eppoi mancavano tutti i pezzoni dei primi ’70. Qui invece c’è tutto quel che ci deve essere.

    Alla prossima, “Timmy”, e buon 2012 again!

    Mi piace

  3. picca 01/01/2012 a 19:31 #

    Ronnie mantiene Keith di buon umore. Quindi è il chitarrista giusto per gli Stones. Non lo dirà mai nessuno, ma è per quello che lo pagano.

    Mi piace

  4. Danilo63 01/01/2012 a 20:07 #

    Gli auguri di Brian onorano tutto il blog! Ricambio di cuore Timoteo anche se ci sarà da stringere le chiappe.

    Mi piace

  5. henry padovani 03/01/2012 a 18:53 #

    Grazie Brian e ricambio di cuore!!!!!!!
    I Rolling aprono l’anno.. Mi piace la figura di Ronnie Wood che ha qualcosa
    in comune con Page. Ha suonato il basso per JEFF BECK GROUP
    come Jimmy per gli Yardbirds.
    Hanno avuto in comune la bella moglie di Ronnie che é scappata con
    Jimmy ai bei tempi.
    Qualcos’altro? Beh si dice che anche Jimmy fu chiamato per entrare negli
    stones ma é meglio pensare a chiacchiere..
    Ancora in comune l’amore per la pittura, anche se qui prevale Ronnie.
    Stones e Zep ? Tutti e due SIMPATIA PER IL DIAVOLO!!!!
    E tutti e due i gruppi l’hanno pagata!
    Ho visto piu’ volte gli Stones e mai i Led ma preferisco i secondi!!!!!!
    l

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: