BRIAN says “VIVA I LED ZEPPELIN”

18 Nov

Sabato mattina, mi preparo per andare da Brian; mi tocca prendere una scopa e recuperare sotto al letto il burro cacao, Palmiro me ne fa sparire uno stick ogni due o tre giorni, non si  sa dove vada ad intanarli. Sono ancora scontroso come capita spesso al mattino e sono lì sdraiato sul pavimento con la scopa in mano… tiro una madonna. Davanti allo specchio mi accorgo che ho la faccia stropicciata, mi do un po’ di crema per il viso…burro cacao, crema, depilazione ascelle (come STEVEN TYLER)…non starò mica diventando metrosexual? Zio can an s’è mai vest FREDDIE KING dvintèr un metrosexual…

(Freddie King)

Mi metto in macchina e cerco di ridiventare un mannish boy con NUTHIN’ FANCY dei LYNYRD SKYNYRD…

La blues mobile rolla sulle tangenzialine campagnole Mutina bound e io ripenso alla visita a cui ho portato Brian giovedì scorso. Davanti ad una commissione per la certificazione della invalidità Brian a volte risponde a tono a volte no. Gli chiedono come si chiamava sua moglie, lui risponde erroneamente che non era sposato. “Va bene, come si chiamava allora la sua compagna” e lui ” mah, non lo ricordo”. Mia sorella accusa il colpo e si commuove un po’, io maledico i pantani in cui la vecchiaia ti spinge.

Arrivo alla Littlecross, solite faccende di badantaggio (stavolta vesto Brian in blu) e poi un salto al Newtower. Non facciamo nemmeno in tempo ad entrare al bar che Chen il cinese mi chiede “due caffè macchiati?”. Ci mettiamo in un tavolino, uno di quelli sfigati, vicino ad una porta d’ingresso laterale, dietro di noi un poveraccio butta soldi dentro quelle maledette macchinette elettroniche. Guardo l’umanità che entra ed esce dal bar, contemplo me e Brian sorseggiare un caffè e mangiare un paio di cannoli…mi dico “me tapino”. Mi arriva poi addosso la prima sensazione legata alle feste natalizie: cielo grigio, la gente chiusa nei paltò, qualche lucina già accesa. Uhm, meglio uscire.

(Brian nel bar di Chen il cinese – foto di TT)

Mentre ci dirigiamo al Conad Brian mi recita per la milionesima volta l’intro della Divina Commedia, Brian lo fa continuamente, è il suo unico messaggio per illudere se stesso e gli altri che la marùga ancora funziona. Sbotto: “Brian basta, la dici in continuazione questa frase, non ne posso più, ogni tanto dì viva i Led Zeppelin, diobono…”. Prima di entrare nel supermercato ci si fa incontro un vecchio, evidentemente vecchia conoscenza di mio padre. “Buongiorno Lino come va?” e Brian “Viva i Led Zeppelin”. Ah!

Poco dopo ci dirigiamo a Ninetyland, Brian è felice quando sembra riconoscere i posti dove ha vissuto tanti anni. Lo sono anche io.

(Happy Brian in Ninetyland – foto di TT)

Verso la mezza lo riporto a casa e mi dirigo all’Ariosto di Regium per la spesa settimanale. La groupie è già dentro, la raggiungo. Essendo fondamentalisti della COOP, siamo soci e abbiamo la possibilità di fare la spesa in modalità salvatempo: pistola leggi codici a barre alla mano, inserimento degli articoli direttamente nelle borse e possibilità di evitare le code alla casse tradizionali; mentre son lì che diligentemente  dirigo il raggio laser sul codice a barre di certi articoli mi chiedo se GREG LAKE abbia mai fatto la spesa col salvatempo…

(Tim fa la spesa alla Coop col salvatempo – foto di LST)

Mi metto a tavola alle 15, pranzo, preparo la lavastoviglie, mi rilasso un’oretta e poi Herberia, cinema Emiro, SKYFALL. Mi piace andare al cinema al pomeriggio del sabato, paghi 6 euro, la salà è semivuota e per un paio d’ore non pensi ai tuoi soliti blues.

Mai stato particolarmente legato ai film di 007, ma da quando c’è DANIEL CRAIG non me ne perdo uno. Questo è il migliore dei suoi tre. Un film d’azione proprio bello bello.

Serata casalinga, al calduccio delle proprie cose e dei propri CD. La J**e pareggia, il Milan pareggia, chissà domani pomeriggio che farà l’INTER. La groupie legge un libro, Palmiro le dorme addosso, la stufa accesa e io che faccio partire THE PIOUS BIRD OF GOOD OMEN dei FLEETWOOD MAC…

4 Risposte to “BRIAN says “VIVA I LED ZEPPELIN””

  1. alexdoc 20/11/2012 a 17:12 #

    Avrei preferito non sapere che usi burro cacao, crema per il viso, depilazione ascelle (chissà cosa ne direbbe il vecchio Freddie King, ma anche il bianchissimo sottoscritto non scherza), ma con l’accoppiata Lynyrd-Fleetwood ti si perdona. :D

    Mi piace

  2. Pol 20/11/2012 a 22:30 #

    Guarda Tyrrell che anche io mi metto le creme quando il viso è screpolato, mi depilo le ascelle, il petto e gli avambracci….essere rocker non significa essere trasandati! :-)

    Mi piace

    • alexdoc 20/11/2012 a 22:41 #

      Giusto, poi tutto sommato se lo fa Steven Tyler lo può fare anche… Tim Tyrrell ! ;)

      Mi piace

      • timtirelli 21/11/2012 a 10:03 #

        Beh visto il mio vero nome a questo punto direi…Steven Tyrrell:-)

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: