Out on the tiles with Picca e il potere della musica Rock

13 Gen

Domenica mattina, foschia sulle campagne umide, non sono di turno da Brian ergo posso alzarmi con più calma. Esco dal letto, la stufa accesa, la groupie legge un libro, Palmir le sonnecchia vicino. Metto su un cd e preparo la colazione. Son lì che taglio le arance per la spremuta e parte ELDORADO OVERTURE della ELECTRIC LIGHT ORCHESTRA. Respiro a pieni polmoni quella introduzione strumentale mentre nel mio animo si installa un sentimento di invincibilità, di determinazione, d’indomabile fiducia nel futuro; quando negli ultimi trenta secondi partono gli archi in una sorta di disegno frenetico e giocoso mi sembra che tutto possa accadere, che tutto sia possibile….

Rifletto sul potere che la musica Rock ha su di noi, sulla nostra possibilità di gestire le fasi calanti della nostra vita grazie ad essa, sugli accenti che riesce a mettere sui nostri momenti buoni e comunque sulla capacità che ha di farci vedere la vita attraverso un caleidoscopio, di regalarci infinite strutture simmetriche.

Passare nel breve volgere di una domenica mattina dal nuovo singolo degli SNAKECHARMER, vecchie volpi inglesi con alla voce il mio cantante AOR preferito  CHRIS OUSLEY (ex VIRGINIA WOLF)…

…al jazz rock trascendentale di FLAME SKY dei SANTANA con JOHN MCLAUGLIN. L’inizio è un gentile invito a bagnarsi nelle tiepide acque della meditazione, una sorta di nuovo battesimo per definire una volta per tutte la spiritualità laica; l’evolversi del pezzo poi è un imperativo: il comando perentorio a scendere nelle profondità della terra, schivare mestruazioni di lava incandescente, incanalarsi in sentieri in cui nessuno è stato, scoprire l’ebrezza del perdersi nel nulla solido, e risalire rinfrancati dalla consapevolezza che, di fronte all’inspiegabile ordine caotico dell’universo, l’essere umano è come una sola nota dell’assolo di DAZED AND CONFUSED versione live 1973…

Ripartire poi dalla salutare concretezza dei DAMNED di LOVE SONG (da quel magnifico album che è MACHINE GUN ETIQUETTE)…

per arrivare alla maestria musicale degli dei stessi, gli EMERSON LAKE AND PALMER…

Che varietà di alimentazione spirituale, che sapori, che prelibatezze. Manca solo un tocco di HENDRIX e il pranzo è servito…

Jimi lecca la figa della sua Stratocaster

Jimi lecca la figa della sua Stratocaster

Tutto questo mentre Palmir è qui a fianco, appollaiato su una delle torre più alte del suo castello, stordito e confuso anche lui dall’ampia gamma di aria sonora che fuoriesce dallo stereo…

Tim & Palmiro dazed & confused - foto di LST

Tim & Palmiro dazed & confused – foto di LST

E’ bello sentirsi a posto ogni tanto, merito di tutta questa meravigliosa musica Rock e forse anche dell’INTER che ieri sera ha battuto il Pescara 2 a 0. Non che gli avversari fossero uno squadrone, ma visto che nell’ultimo periodo l’INTER è apparsa in confusione e che domenica scorsa il Pescara ha battuto la Fiorentina, non è che il risultato fosse scontato. Molto positivo poi il fatto che imbottita di riserve causa i molto infortuni, abbia messo in campo idee di gioco e  compattezza. La partita ha visto anche il debutto in Serie A per MARCO BENASSI, classe 1994, nato a Modena, centrocampista di belle, bellissime, speranze.

Aggiungo che il merito va anche a Brian: ieri mattina siamo andati d’amore e d’accordo. Non l’avrei detto: venerdì sera sono andato a letto alle 3, la sveglia di ieri mattina è stata traumatica, eppure col mio vecchio tutto è girato per il verso giusto. Il bagno, la vestizione, il giro a Ninetyland…tutto è filato liscio.  Mentre lasciavo casa sua, in ascensore, mi guardavo allo specchio e mi dicevo “Bravo Tim“.

Tim da solo in ascensore: BLUES IN A ELEVATOR - (autoscatto)

Tim da solo in ascensore: BLUES IN A ELEVATOR –
(autoscatto)

Riflettendoci può darsi che le good vibrations abbiano origine dalla serata di venerdì passata con Picca. Mi ero preso la giornata di ferie, dovevo e volevo smaltire i postumi di una simil-influenza che mi portavo dietro da giorni, ma nel breve giro di un paio di sms io e Stefanino Piccagliani siamo riusciti ad organizzare un cine-giappo serale e a seguire seminario di rock con visione di divudi alla domus saurea.

Uscire con Picca è sempre un balsamo per l’animo, le affinità elettive e musicali sono così rotonde, ben delineate e potenti da farmi sentire meno solo in questo buio universo. Le sue ormai leggendarie teorie, i suoi punti di vista, l’eloquio fluente, l’inarrestabile verve creativa, il suo intercalare usato per rivolgersi a te (“Capisci, vecchio“)…confrontarmi con Picca è uno degli apogei della mia vita.

Tim (a destra) e Picca (a sinistra) parlano di musica rock

Picca (a sinistra) e Tim (a destra) parlano di musica rock

Tra i divudi visti ELP al KORAKUEN STADIUM di TOKYO il 22 luglio del 1972…

…gli EAGLES live al SUMMIT di HOUSTON il 6 novembre 1976…

…ETTA JAMES dal vivo al MONTREUX JAZZ FESTIVAL nel 1975 (con JOHN PAUL JONES al basso) e nel 1977 (con RICK WAKEMAN alle tastiere).

Primo pomeriggio di domenica, guardo fuori dalla finestra mentre mi bevo un caffè corretto sambuca, le previsioni danno neve per stanotte, mi godo il calduccio della stufa e torno alla mia musica…

Lou Reed original album classics

Una Risposta to “Out on the tiles with Picca e il potere della musica Rock”

  1. Danilo63 15/01/2013 a 17:16 #

    Caro Timoteo, quante volte la musica ci ha salvato la pelle?

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: