CARLO VERDONE UNO DI NOI

28 Apr

Il mio caro amico PIERLUIGI FRACASSO (Pigi, insomma) di Roma mi manda un link assai gustoso:

http://www.dagospia.com/rubrica-2/media_e_tv/1-verdone-si-toglie-la-maschera-di-attore-comico-e-mostra-la-sua-anima-54880.htm

Sposiamo in toto il pensiero di VERDONE, soprattutto per questa frasetta:

” Prendiamo atto di questa tua palese invidia competitiva e ti lasciamo, dopo aver ascoltato le ennesime cover di “Old Sock” e del mediocre “Back Home” al tuo pubblico. Che sembra ora essere quello dello Sporting Club di Montecarlo dai 70 in su”.

E’ facile fare i risentiti quando toccano la tua band preferita, ma questo va al di là, quello che non sopportiamo è la “prostitusione intellectuale” (cit.José…sigh), VERDONE  ha esposto il tutto molto bene.

Noi che non siamo saggi, eleganti e prudenti non possiamo altro che – dopo averlo fatto con quella mezza sega di Jack Bruce – dire a manolenta “Eric, ma vaffanculo, va”, ci basta vedere la copertina del tuo ultimo album per capire cosa sei diventato…

oldsock

PS: CARLO…WE LOVE YOU.

Carlo Verdone e i LED ZEPPELIN

34 Risposte to “CARLO VERDONE UNO DI NOI”

  1. tiziano's ( the best guitar in Zianigo) 28/04/2013 a 14:49 #

    …certo che vedere una copertina cosi,non invita di certo all’acquisto.A proposito di perle di dichiarazioni lette su recensioni (antiche) mi sono sempre rimaste impresse queste due.Riguardo recensione uscita del disco “the song remains the same” : …”e la presenza di John Bonham ,uno dei batteristi più ottusi in circolazione…” .E quest’altra,non ricordo a quale recensione degli YES si riferisse : …”pur NON disponendo di una grande tecnica chitarristica,Stewe Howe la compensa con un grande cuore…”…sic….

    Mi piace

  2. lucatod 28/04/2013 a 16:49 #

    Grande Carlo !! Sono un suo grande ammiratore (adoro la sua filmografia sino ai primi anni 90 , poi va be anche lui ha avuto i suoi alti e bassi) e sapevo della sua grande passione per i LED ZEPPELIN (e per i CREAM) , quindi questa sua lettera non mi stupisce affatto e sono completamente d’accordo con quello che ho letto . Devo però dissentire da una sua affermazione per quanto riguarda i QUEEN , che secondo lui sono stati “la band più cafona che ci sia” o qualcosa del genere (anche se ha incluso Innuendo tra i suoi 80 dischi preferiti di sempre) , anche Carletto , come manolenta , in questo caso è stato un pochino precipitoso nel suo giudizio .

    Caspita quanta gelosia nei confronti dei LZ , in particolare i loro coetanei , gente come Pete Towshend e Keith Richards , che pur essendo in ottimi rapporti con Page e il resto della band , non hanno esitato ad affermare più o meno le stesse cose di Clapton e Bruce. La verità è che spaccavano il culo a le loro rispettive band … e nonostante la ruggine lo spaccano tutt’ora (perlomeno in termini mediatici e così via) .

    Mi piace

  3. mauro bortolini 28/04/2013 a 17:00 #

    Eric Clapton non é nuovo a queste esternazioni.
    Il fatto che i Led Zeppelin abbiano spiccato il volo sulla scia dei Cream
    non le giustifica affatto.
    In fondo le cose che accomunano Eric e Jimmy sono la provenienza da uno
    stesso gruppo, gli Yardbirds, l’amicizia giovanile e l’amore per il blues .
    Jimmy Page produsse le prime canzoni che Clapton incise con Mayall.
    Alcune registazioni domestiche effettuate da Jimmy ed Eric su basi blues
    finirono all’etichetta Immediate che le pubblico’ con sovraincisioni.
    Clapton accuso’ Page di averle concesse senza chiedergli il permesso.
    E sembra che l’amicizia tra i due ebbe un duro colpo.
    Il successo dei Cream e l’ispirazione che Page ne trasse per formare i
    Led Zeppelin é innegabile.
    Ma il gruppo di Page diventa il piu’ grande gruppo degli anni ’70.
    In tempi diversi Eric e Jimmy conosceranno la dipendenza tragica dal-
    l’eroina ( con risultati finali simili ).
    Clapton ne uscira’ e ritrovera’ il successo ma la sua chitarra non rag-
    giungera’ piu’ i picchi del passato.
    Lo stesso Page cade nel vortice della droga e se Clapton era stato
    aiutato da Townshend, nel 1983 sono Beck, Clapton e tanti altri
    nel tour che riporta Jimmy sul palco ed alla disintossicazione.
    Il nuovo Page torna al successo ma il suo modo di suonare non é
    piu’ quello degli anni migliori.
    Cream e Led Zeppelin sono gruppi celebrati ma nei decenni a venire
    le vendite del catalogo zeppelin battono ogni record.
    Da qui le ricorrenti esternazioni di Bruce e Clapton sulla musica dei
    led sopravvalutata.
    I 2 gruppi si riuniscono negli anni duemila ma la reunion dei led zep
    oscura quella dei cream.
    Insomma povero CLAPTON IS GOD…………
    In quanto a Verdone….é veramente uno di noi!!!!!!!!!

    Mi piace

    • tiziano's ( the best guitar in Zianigo) 28/04/2013 a 18:32 #

      …vero,la riunione dei Cream non se l’è filata nessuno ,mi sembra.Pensare che Page Clapton e Beck provengono tutti dalla stessa zona,mi sembra il Surrey….sul mio post qui sopra mi accorgo ho scritto Stewe invece di Steve….

      Mi piace

  4. saurafumi 28/04/2013 a 17:19 #

    Prima Jack Bruce, adesso Eric Clapton… non è che siamo un po’ invidiosetti?

    Mi piace

  5. timtirelli 28/04/2013 a 22:15 #

    Al commento di Mauro aggiungerei che Charlotte Martin (compagna ufficiale di Page dal 1970 al 1983 circa e madre di sua figlia Scarlet) era la fidanzata di Clapton ai tempi dei Cream.
    Io credo sia solo invidia. Il modo in cui sono considerati i LZ oggi, i soldi che hanno fatto, il potere che hanno …tutto questo è indigesto alle stelle del rock loro contemporanee. Perché al limite capirei se le critiche arrivassero per primi due album e il loro blues elettrico un po’ sessista, un po’ sguaiato e sopra le righe…, ma come può un chitarrista rock seppur un po’ distante dal mondo hard rock, non amare certe cose del III°, STH e GTC dal IV°, Rain Song, Ten Years Gone e gli altri capolavori non hard rock dei LZ?

    Per quanto riguarda i QUEEN, pur amando molto il periodo 75/80, posso capire cosa intendesse VERDONE, in parte sono d’accordo: FLASH, HOT SPACE, I WANT TO BREAK FREE, alcune cose di THE MIRACLE e certe forzature hanno minato il lignaggio del loro rock, facendoli precipitare in un abisso di cattivo gusto, suonacci e cafonate gratuite.

    Beh, la reunion dei CREAM non è che se la sia filata nessuno, han fatto diverse date in America assolutamente sold out, certo i LZ con un solo concerto (peraltro non certo memorabile) hanno avuto molto più risalto.

    Mi piace

    • lucatod 28/04/2013 a 23:37 #

      Tim , gli esempi che hai fatto tu sono esatti e sono d’accordo con te , ma personalmente non bollerei i QUEEN COME LA BAND più’ CAFONA CHE SIA MAI ESISTITA , solo perché si è sputtanata con qualche uscita di cattivo gusto . Secondo me c’è stato davvero di peggio !! C’è una fetta di pubblico che Freddie Mercury non lo regge proprio … Non credo che VERDONE pensi veramente questo del gruppo , forse ha un pochino esagerato .

      Per quanto riguarda i CREAM , penso sia una gelosia/astio risalente a tempi lontani , quando i LED ZEPPELIN venivano massacrati dalla stampa e colleghi vari , poi qualcuno s’è ricreduto e altri hanno perseguito nel loro ottuso pensiero . La reunion dei tre mi è anche piaciuta ma i giudizi di Jack Bruce a proposito di Page & co sono degni di un coglione .

      Mi piace

      • saurafumi 29/04/2013 a 16:56 #

        Non credo che c’entrino gli episodi discografici di dubbio gusto dei Queen.
        A mio parere con il termine “cafone” Verdone intende certi atteggiamenti tipici di Freddie Mercury, sia fuori che dentro al palco. Sicuramente la faccenda della sua ambigua sessualità prima e della sua omosessualità dichiarata poi, e il fatto che lui se ne sia sempre strafregato, anzi, che ci abbia sempre giocato sopra, in concerto, nei video, nelle rare interviste, ha contribuito a creare questo alone di cafonaggine attorno ad un personaggio che usava questi pochi strumenti per alleviare le pene della sua anima.
        Mi sento di interpretare in questo modo il termine “cafone”. Anche perchè gli altri membri della band non li definirei cafoni… John Deacon, abbigliamento a parte (non aveva proprio il senso del rock, se parliamo di gusto nel vestire!), non apriva mai bocca, quindi…

        Mi piace

    • tiziano's ( the best guitar in Zianigo) 28/04/2013 a 23:42 #

      …cosa che sia,le stesse “morose”,la stessa “situation” ….vabbè.Tim Tirelli,siccome tempo fa ho letto tutti (cosa unica) i thread sui LZ,su uno in particolare scrivevi che sei venuto a conoscenza di loro da THOTH.Ok.Per me ,quando è uscito ho pensato che fosse cominciata la parabola discendente.Per me,non interessa lo so,i primi 2 album sono indispensabili.Il IV per metà è da buttare ( facendo riferimento allo standard LZ).IL “capolavoro “Physical Graffiti”,a parte 2 o 3 song,mai piaciuto.Per me loro avevano già dato tutto.Ed era più di quel che io potevo digerire.Mi basta e avanza il riff di WWL.ten years gone……ma forse sono io che non ci sono mai entrato in questa song,mai piaciuta.Mi tengo stretti i primi album ….mi è sfuggito o non vedo commenti sul film del “concerto ” allo 02 Arena? Riguardo a Clapton ,lui ha vissuto una giovinezza ( dice lui) moooolto solitaria.Si è immerso nel Blues, Totalmente.Ha assimilato i Maestri.I Neri.Per lui gli altri sono solo dei predatori, dei mestieranti.Cosi (lui) é.Punto.Mica possiamo amazzarlo…..

      Mi piace

  6. lucatodtod 28/04/2013 a 23:58 #

    Non sono d’accordo :
    Io trovo HOUSES OF THE HOLY uno dei vertici artistici dei LED ZEPPELIN , senza dubbio non è assimilabile come i primi due , ma è decisamente più maturo .. è un capolavoro .. (questo disco la dice lunga sulla forza trainante della band , cioè non guardare mai indietro e sperimentare sempre nuove sonorità , per questo amo ITTOD , anche se ne hanno parlato male per decenni , possiede lo spirito giusto di chi non si è mai ripetuto)
    La seconda parte di IV è meno immediata della prima ma è un assoluta meraviglia , cioè come si fa a buttarla ?
    Ten Years Gone è probabilmente uno dei migliori pezzi dei LED ZEPPELIN !!! Puro Page !
    Mi fermo qua , anche perché ognuno ha i suoi gusti …

    Mi piace

    • tiziano's ( the best guitar in Zianigo) 29/04/2013 a 09:47 #

      …vero,concordo .Guardavano sempre avanti.I LZ dopo il secondo album avevano la possibilità di farne un’altro uguale.Ma a che serviva? c’era già il II.altri l’avrebbero fatto. E invece che fanno? Ti buttano fuori LZ III .Una vera sberla.Alcuni non si sono ancora riavuti….

      Mi piace

  7. Pigi 29/04/2013 a 00:07 #

    Ammazza che casino che ho stimolato!

    Mi piace

    • tiziano's ( the best guitar in Zianigo) 29/04/2013 a 09:10 #

      ….ehm,rileggendo il mio post di ieri sera ammetto di esserci andato giù un po’ pesante.Un conto è la parola scritta, un conto è interloquire a voce,si sa.Il fatto è che io sono venuto a contatto con i LZ con i primi 2 album insieme.C’era la trasmissione pomeridiana “per voi giovani”,e trasmisero nell’arco di 2 gg.i LZ I e LZ II .Fortuna volle che al lavoro (lavoravo allora d’estate in una officina) c’era un tizio che aveva una radio con registratore.Registravo i brani man mano che li trasmettevano.Pian piano li assimilavo,non avevo mai sentito niente di cosi fantastico….mi fermo qua.Naturalmente non ci piove sopra che Tim Tirelli apprezza i LZ più di me;si capisce anche solo dal fatto di come li ha seguiti negli anni.E poi ieri sera ho postato dopo essere stato in trattoria ,divorato una costatona e ben annaffiata di cabernet….Per stavolta sono perdonato? P.S. : peccato che non si possa correggere i post una volta inviati….

      Mi piace

  8. picca 29/04/2013 a 17:35 #

    Comunque il vecchio calzino Eric Clapp in arte Clapton su Mojo ha risposto a una domanda sugli Zeppelin in modo abbastanza diplomatico, ammettendo di non averli mai amati soprattutto per una sua idiosincrasia nei confronti dei cantanti dal registro alto. Ha poi aggiunto, secondo me non del tutto fuori luogo, che dato che gli Zepps in un certo senso avevano preso in mano un discorso iniziato anche dai Cream e lui si era già diretto verso altri lidi musicali (Allmans, The Band, J.J.Cale, reggae…), non ne è mai stato un fan. Teniamo presente che si tratta di un ‘giro’ di musicisti piuttosto ristretto, che la nostra percezione ‘mitologica’ dei grandi del rock difficilmente colpisce i grandi stessi (per Clapp i suoi Led Zeppelin sono Big Bill Broonzy e Muddy Waters, così come per Page il massimo della vita è Link Wray, mica Martin Barre…). Pensiamo anche come si sentono i fans dei Sabbath ogni volta leggono quella famosa dichiarazione di JPJ. Inoltre, ricordiamoci che Charlotte Martin prima di Jimmy frequentava Slowhand. Sono cose che segnano…

    Mi piace

    • timtirelli 29/04/2013 a 18:13 #

      Ho capito Picca, ma Clapton mi sa che sia allora superficiale. Capisco perfettamente il discorso del cantante dai registri alti, ma i LZ non sono solo quello, ho citato nel mio commento brani e sensibilità che chi ha un po’ di gusto musicale non può non apprezzare, soprattutto se proviene dallo stesso brodo primordiale. Mi sa che EC conosca i primi due album e poco altro allora.
      Il commento di JPJ sui BS non può essere dato certo dall’invidia, ma si basa su fatti concreti: la sezione ritmica del gruppo di Iommi e certe soluzioni musicali sono rozze, eseguite malino, non certo indimenticabili. Lo stesso Randy Rhoads dichiarava che “Una volta cresciuto, capisci che i BS sono uno scherzo”. I LZ invece – che piaccia o no – erano musicisti che suonavano molto bene i loro strumenti (almeno fino al 1973 per quanto riguarda Page), che arrangiavano ad arte, che proponevano soluzioni musicali a tratti strabilianti. magari JPJ fu un po’ supponente quando rilasciò quella dichiarazione…ma mi pare un punto di vista oggettivo.

      Poi ognuno la vede alla sua maniera…se ricordate una volta qui sul blog scrisse un commento il responsabile di un gruppo pro BS su facebook sostenendo che i BS sono stati molto più importanti dei LZ.

      I gusti sono gusti, ma mi sa che Clapton, Keith Richards e Townsend ci marcino sopra. Clapton deve fare la parte del purista, Richards di quello che ascolta rock ridotto all’osso, e Townsend dell’intellettuale rock. Io credo sia invidia. Poi c’è anche un po’ di razzismo nei confronti dei musicisti che non provenivano dal giro londinese come Plant e Bonham.

      Per quanto riguarda Clapton c’è anche il discorso di Charlotte Martin, che avevo inserito pure io nel ragionamento…guardando le foto di EC periodo Cream insieme a CM si può dedurre che fu un rapporto serio. Che poi l’isterica francese abbia “sposato” Page può aver contribuito alla non serenità di giudizio.

      Dalla recensione della biografia che hai fatto tempo fa si evinceva che EC non è che sia poi una mente brillantissima…queste sue dichiarazioni non fanno che confermare la cosa.

      Naturalmente sono considerazioni personali, ma sul mio blog non intendo lasciar passare certe cose…un po’ come il discorso dell’altro giorno su Jack White e i King Crimson. Gli album meno riusciti (per non dire brutti) di questi ultimi sono sempre trattati con un po’ di benevolenza, quelli degli ELP (The Works I & II e Love Beach) vengono dipinti come atrocità. Non qui sul mio blog. Qui si combatte, miei cari.

      Brigata CARLO VERDONE pronta all’attacco.

      Mi piace

      • tiziano's ( the best guitar in Zianigo) 29/04/2013 a 19:55 #

        …ehm Tim,puoi approfondire sull’ “isterica francese”,mi interessa.Non avevo mai letto che era isterica…..

        Mi piace

  9. mauro bortolini 29/04/2013 a 18:54 #

    Se un po’ di ruggine é corsa anche tra Beck e Page ( BECKS BOLERO é
    stata a lungo oggetto di discussione ),figuriamoci tra CLAPTON IS GOD e
    jimmy.
    Tutto parte dal fatto che eric il purista del blues lascia gli yardbirds perché
    incidono FOR YOUR LOVE ed arriva jeff beck che reinventa il R & B
    primigenio e lo porta su un altro pianeta.
    Eric va con Mayall e diventa dio.
    Poi coi Cream conquista il mondo.
    Ma tra BRUCE, BAKER ed eric é gara su chi é piu’ bravo : gli LP non bastano
    a contenere le lunghe tirate dove chitarra, basso e batteria si sfidano a duello.
    A novembre 1968 il concerto d’addio.Seguono i blind faith e derek & the domi-
    noes., buona musica ma i fans vogliono eric dio della chitarra ed il successo
    manca. Seguono depressione e droga.
    Nel frattempo un gruppo come i led zeppelin, gestiti in modo formidabile da
    peter grant ( i blind faith ad esempio si autogestivano ) alza il volume degli
    ampli e da’ al mondo il rock piu’ hard mai sentito prima, con 4 musicisti di
    prim’ordine.
    E’ ragionevole pensare che di fronte all’enorme successo del dirigibile,
    Clapton e Bruce si sentano un po’ defraudati.
    Mentre Bruce reiventa con altri i cream senza successo, clapton inizia
    una nuova carriera lasciando alla storia COCAINE e qualche altra canzone.
    I led sembrano finire con la morte di john, in realta’ restano il gruppo rock
    piu’ amato negli usa per oltre 4 decenni.
    Per un purista del blues, uno che i batte per i diritti dei vecchi bluesmen,
    uno che è un dio della chitarra, il successo dei led zeppelin é fastidioso
    a dir poco.
    Riguardo la modella francese che hanno condiviso, il buon eric é riuscito
    a fregare la moglie al suo migliore amico, George, senza che il fatto abbia
    sconvolto la loro amicizia.
    Ma puo’ essere benissimo che anche questo abbia influito.
    insomma CLAPTON IS GOD non essere invidioso di pagey.
    Forse lui non si ricorda neanche dove ha riposto le chitarre.
    Che non sono poche…….

    Mi piace

    • tiziano's ( the best guitar in Zianigo) 29/04/2013 a 19:52 #

      …..ma il rivale era il buon George il quale dopo che Eric gli confessa di amare Patti,gli dice “prenditela pure,non mi incazzo di certo per queste cose”…..

      Mi piace

  10. lucatod 29/04/2013 a 19:52 #

    Poi c’è gente come Ronnie Wood che nella sua autobiografia non solo ne sminuisce i componenti “quel grezzo di John Bonham , che mi sembrò un contadino e l’innocuo Plant” (questo per confermare una sentita superiorità dei musicisti londinesi rispetto a quelli di provincia) , ma s’inventa la più grande stronzata mai letta .
    Stando a lui , Peter Grant , gli offrì il posto di chitarrista dei New Yardbirds , ma dopo il suo “no grazie sto bene dove sto” , Grant , Plant , Jones e Bonham si rivolsero a Jimmy Page .
    Per quanto riguarda la biografia di Clapton , l’ho letta qualche anno fa , e devo dire che il ritratto dell’uomo non ne esce tanto bene , a livello musicale neanche mi pronuncio dato che l’autore non scende nei particolari (dei CREAM ne parla veramente poco e non cita nemmeno WHEELS OF FIRE) , preferendo parlare di scopate , bevute e depressione .
    Tuttavia proprio su questo libro , dichiara di essere stato troppo duro nel giudicare i LED ZEPPELIN , dato che una sua canzone era praticamente basata su alcuni accordi di STH (io non ci vedo niente di simile) .
    Questa recente sparata non credo abbia a che fare con Charlotte e scambi di partner , solo che un certo astio lo posso capire da uno come Jack Bruce , che non ha combinato più nulla e quindi sofferente nei confronti di questi musicisti idolatrati quanto i Beatles . Ma Eric Clapton , ha avuto una carriera dignitosa , quindi questa gelosia mi pare davvero immotivata .

    Mi piace

  11. timtirelli 29/04/2013 a 20:12 #

    Tiziano: Charlotte Martin in gioventù fu una donna piuttosto insopportabile, non era esattamente ben vista dagli altri dipendenti di Page e dai suoi sodali, faceva le bizze, non le andava mai bene niente…non proprio come la prima moglie di Joe Perry (Elyssa, donna squilibrata) ma era comunque una di quelle donne incagabili, una cagacazzo insomma.

    Luca: quel chitarrista da due soldi che è Ronnie Wood, si confuse quando rilasciò quella dichiarazione. Non fu Grant a offrigli un posto nei LZ, fu Micky Most a proporgli di far parte di un gruppo che stava progettando di mettere in piedi e che avrebbe chiamato NEW YARDBIRDS, geloso della nuova avventura che il suo ex socio Peter Grant stava mettendo in piedi con i LZ. Non sono quindi i NY di Page, ma il prosieguo degli Yardbirds versione hard diretti dal loro produttore Micky Most, gruppo poi mai nato.

    Mi piace

    • lucatod 29/04/2013 a 21:26 #

      Beh senz’altro ci deve essere una spiegazione per una cazzata simile , anche se lui ha detto che nella stanza con Grant , c’erano Plant , Bonham e Jones (i primi due descritti come dei bifolchi) . Sicuramente gli è convenuto fare confusione , tanto per tirare in ballo i LED ZEPPELIN che nel bene o nel male creano sempre interesse …
      Quel libro è pieno di incongruenze e stupidate varie , l’autore è proprio un chitarrista da due soldi …

      Mi piace

      • mauro bortolini 30/04/2013 a 07:37 #

        E per restare in argomento, la bella moglie di Wood,
        credo durante un party, se ne scappo’ con Page.
        Wood la prese bene e quando, dopo qualche giorno,
        la vide tornare, con filosofia disse: l’uccellino é
        tornato a casa ?

        Mi piace

      • timtirelli 30/04/2013 a 10:10 #

        In una occasione Wood e Page si scambiarono le “mogli” consensualmente: Chrissie Wood disse che fu una gran nottata, mentre Ron Wood replicò che la notte con Charlotte non fu un granché. Roba da rockstar…

        Mauro, per me la “bella” moglie di Wood è l’ultima, JO WOOD (che cmq è stata lasciata). Chrissie Wood non mi pareva nulla di particolare.

        …stiamo diventando un giornaletto di pettegolezzi :-)

        Mi piace

  12. mauro bortolini 30/04/2013 a 10:37 #

    Clapton ci ispira molto, ed anche le donne.
    Ed il blog é molto bello

    Mi piace

    • timtirelli 30/04/2013 a 10:50 #

      Beh, 24 commenti non sono certo pochi, evidentemente queste discussioni sono stimolanti. Grazie per i complimenti Mauro, fanno sempre molto piacere.

      Mi piace

    • tiziano's ( the best guitar in Zianigo) 30/04/2013 a 11:13 #

      non vorrei essere troppo fiscale ma…Page vide Wood che si avvicinava e cominciava a preoccuparsi.Wood invece con sguardo complice gli chiese . “come stà il nostro uccellino?”..concludendo sulle donne,almeno dalle foto, Lori mi sembra un orrore…..

      Mi piace

      • lucatod 30/04/2013 a 11:27 #

        Lori era una ragazzina “molto vivace” , però a quel depravato di DarkPage piacevano MOLTO giovani …

        Mi piace

  13. lucatod 30/04/2013 a 11:25 #

    Effettivamente non mi sembrano un granché ne Charlotte ne Chrissie , ma per restare in tema “fighe del passato” , propongo Pattie Boyd , una che di scambi ne sa qualcosa :-) e la leggendaria Anita Pallenberg dei giorni migliori …

    Mi piace

  14. claude65 03/05/2013 a 16:37 #

    Carlo Verdone, parole che sono musica per le mie orecchie!
    Per quanto mi riguarda Clapton è sempre stato un pirla, con tanta tecnica ma pur sempre un pirla.
    La verità è che EC non ha innovato nulla, per quanto sia tecnicamente bravissimo. Buona parte del materiale del suo repertorio non gli appartiene e non è nemmeno stato capace, al contrario dei LZ e di JP in particolare, di personalizzarselo. Oltre ai meravigliosi solo, pochissime le varianti sul tema.
    Il punto è che ci sono migliaia di interpreti che tutte le sere, in ogni angolo del globo, si fanno il mazzo e suonano secondo la migliore tradizione blues, come e meglio di EC, ma consapevoli del loro ruolo di onesti operai del genere, non salgono sul predellino ad impartire giudizi impietosi su questo o su quello (diffidate di chi sale sui predellini)
    La sua musica, per quanto buona, è stata ininfluente. E ultimamente (pare) pure noiosa

    Carlo Verdone ministro dei Beni Culturali! Subito!

    Mi piace

  15. mauro bortolini 03/05/2013 a 19:10 #

    Dichiarazioni invidiose a parte, musica soporifera dal 74 in poi a parte,
    non si puo’ negare la carica innovativa di clapton con mayall e coi
    cream.
    Sunshine of your love, badge, tales of brave ulysses le ha firmate
    anche clapton.
    Clapton chitarrista dei cream é un chitarrista cazzuto, uno dei 4 grandi
    chitarristi dei sixties.
    Affermare il contrario é arrampicarsi sugli specchi, negare la realta’.
    I cream hanno aperto la strada anche ai led zeppelin.
    E poi Layla,…….il suo canto del cigno ( forse anche di duane…. ).

    Mi piace

    • claude65 03/05/2013 a 21:03 #

      Forse ho esagerato un pò nel giudizio ma fondamentalmente sono convinto di quello che ho scritto.
      E’ esattamente come dici tu, certi lavori sono stati firmati “anche” da EC.
      Su un aspetto hai assolutamente ragione; EC con Mayall ha fatto grandi cose. Con i Cream anche, forse?
      Il fatto è che personalmente i Cream non mi sono mai piaciuti troppo e non ci trovo poi così tanti punti di contatto con i LZ, Per lo meno non mi sembra che la musica dei LZ sia stata così pesantemente influenzata dai Cream come si dice in giro.
      Però la mia è un’opinione e le opinioni si sa, sono come le palle; ognuno ha le sue (clint eastwood ndr).
      O forse la verità è semplicemente che invecchiando si diventa acidi nei confronti di chi ci tocca i nostri punti di riferimento
      ciao
      p.s. Layla è una meraviglia :)

      Mi piace

  16. timtirelli 03/05/2013 a 20:35 #

    Beh, ognuno la pensa come vuole, capisco che Claude possa non amare Clapton, però è anche vero ciò che scrive Mauro. Secondo me anche SLOWHAND è un gran disco e non sottovaluterei MONEY & CIGARETTES. Poi è subentrato Phil Collins è Manolenta si è infilato nel mondo del pop vestito Armani. Dopo di che si è ridotto a fare musica di sottofondo agli Sporting Club un po’ esclusivi di mezzo mondo, e questa è l’antitesi del Blues.Però concordo ancora con Mr Bortolini: CLAPTON è uno dei 4 grandi storici chitarristi Rock, poi d’accordo può non piacere…ma lad esempio la sua versione live di CROSSROADS con i CREAM è uno dei punti più alti della musica rock.

    Mi piace

    • tiziano's ( the best guitar in Zianigo) 03/05/2013 a 23:47 #

      …si ,Crossroads la puoi sentire 100.ooo volte ed è sempre eccitante.Certo per uno come il mio amico Marco (non Bortolini che non ho il piacere di conoscere) che è cresciuto a pane e Steve Vai ,non può che ,dopo che glie l’avevo fatta ascoltare per la “first time” uscirne con un: “…si,è solo un compendio di licks blues…..).Bene faccio l’avvocato del diavolo.Eric è sicuramente stato il primo “guitar hero”.Prima il front man era solo e solamente il cantante.E’ stato lui a lanciare l’epoca dei supergruppi.Considerati cosi i Cream, per me il primo da definirsi “supergruppo ” sono i Blind Faith”.Ha fatto conoscere a livello internazionale la musica reggae( a me non piace…evabbè),e questo subito dopo il suo periodo “buio :scusate se è poco:Si è fatto Charlotte Martin prima di Jimmy Page.Personalmente lo ritengo una stupenda voce “bluesy”.Quanti sono quelli considerati grandi chitarristi e buoni cantanti? Hendrix, SRV, Rory….pochi altri.Ah, ha lanciato il discorso “Unplugged”.Ha contribuito in maniera determinante al fenomeno vintage (pollice verso).Ha innescato il fenomeno guitar fetish….vedi strato Blackie ( pollice verso).Si è fatto Patti Boyd dopo averla strappata al buon George (pollice verso…ma che,ce l’aveva d’oro? non ce n’erano altre?)ha partecipato a spettacoli del compianto Pavarotti ( visto alla Tivvù, molto scialbo).Ma cosa deve fare Eric per farsi amare da voi ? Forse niente .Oramai è troppo tardi…..Wonderful tonigth

      Mi piace

  17. mikebravo 09/05/2013 a 08:03 #

    Leggo stamattina per caso che Bill Clinton ha chiesto ai led zeppelin
    di riunirsi nel dicembre scorso.
    Obama li premia, Bill Clinton li ama………..Clapton li invidia.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: