NEWS: LED ZEPPELIN SUPER DELUXE EDITIONS

13 Mar

ORE 18: aggiornati dettagli dei bonus discs.

ECCO, FINALMENTE, IL COMUNICATO UFFICIALE:

led zeppelin firs three deluxe editions

Led Zeppelin

First Three Albums Newly Remastered By Jimmy Page,

Each With An Additional Disc Of Previously Unreleased

Companion Audio

Multiple CD, Vinyl, And Digital Formats,

Including Limited Edition Super Deluxe Boxed Set, Available June 2

John Bonham, John Paul Jones, Jimmy Page and Robert Plant came together in 1968 as Led Zeppelin. Over the next decade, the band would become one of the most influential, innovative and successful groups in modern music, selling more than 300 million albums worldwide. Their songs are some of the most celebrated in rock ‘n’ roll history that, to this day, resonate with fans young and old around the globe. Still, no matter how many times you may have listened to their music, you’ve never heard Led Zeppelin like this before.

With the June 3 release of deluxe editions of Led Zeppelin, Led Zeppelin II, and Led Zeppelin III, the band will launch an extensive reissue program of all nine of its studio albums in chronological order, each remastered by guitarist and producer Jimmy Page. Led Zeppelin will also open its vaults to share dozens of unheard studio and live recordings, with each album featuring a second disc of companion audio comprised entirely of unreleased music related to that album.

“The material on the companion discs presents a portal to the time of the recording of Led Zeppelin,” says Page. “It is a selection of work in progress with rough mixes, backing tracks, alternate versions, and new material recorded at the time”

Led Zeppelin, Led Zeppelin II, and Led Zeppelin III will each be available June 2 from Atlantic/Swan Song in the following formats:

• Single CD – Remastered album packaged in a gatefold card wallet.

• Deluxe Edition (2CD) – Remastered album, plus a second disc of unreleased companion audio.

• Single LP – Remastered album on 180-gram vinyl, packaged in a sleeve that replicates the LP’s first pressing in exacting detail. (For example, III will feature the original wheel and die cut holes.)

• Deluxe Edition Vinyl – Remastered album and unreleased companion audio on 180-gram vinyl.

• Digital Download – Remastered album and companion audio will both be available.

• Super Deluxe Boxed Set – This collection includes:

o Remastered album on CD in vinyl replica sleeve.

o Companion audio on CD in card wallet.

o Remastered album on 180-gram vinyl in a sleeve replicating first pressing.

o Companion audio on 180-gram vinyl.

o High-def audio download card off all content at 96kHz/24 bit. (Live tracks are 48kHz/24 bit).

o Hard bound, 70+ page book filled with rare and previously unseen photos and memorabilia.

o High quality print of the original album cover, the first 30,000 of which will be individually numbered.

o Led Zeppelin will also include a replica of the band’s original Atlantic press kit.

The Led Zeppelin legend began in January of 1969 with the group’s eponymous debut. From the opening salvo of “Good Times Bad Times,” on through to “Babe I’m Gonna Leave You,” “Communication Breakdown,” and “Dazed And Confused,” the album introduced the band’s unmistakable sound and left an indelible mark on the music landscape. Led Zeppelin has been certified diamond by the RIAA for sales over 10 million and was inducted into the Grammy® Hall of Fame in 2004.

The companion audio for Led Zeppelin features a previously unreleased performance recorded on October 10, 1969 at the Olympia Theatre in Paris. The nine-song set features seven tracks from the album, including an epic 15-minute version of “Dazed And Confused,” as well as “Heartbreaker” and “Moby Dick,” which would debut on Led Zeppelin II later that month.

The band wrote and recorded nearly all of Led Zeppelin II while touring relentlessly to support its debut album. Incredibly, the album was released just seven months after Led Zeppelin in October of 1969. Led Zeppelin II features some of the band’s most beloved tracks including “Ramble On” and “Heartbreaker” as well as “Whole Lotta Love,” considered by many to be one of the greatest rock ‘n’ roll songs of all time. The album is certified diamond by the RIAA with sales of over 12 million copies.

The Led Zeppelin II companion audio gives fans the first peek into the band’s recording sessions, with alternate mixes of five songs from the album, backing tracks to “Thank You” and “Living Loving Maid (She’s Just A Woman),” and the previously unreleased track “La La.”

Following the whirlwind success of their first two albums and near constant touring, Page and Plant took to the now famous Bron-Yr-Aur cottage in Wales in 1970 to start the early composition of Led Zeppelin III. They later convened with Bonham and Jones for rehearsals before entering London’s Olympic Studios to begin recording in May 1970. Fuelled by classic tracks such as “Immigrant Song” and “Since I’ve Been Loving You,” the album soared to the top of charts worldwide upon its release in October of 1970 and has since been certified 6x platinum.

The nine tracks featured on Led Zeppelin III’s companion audio continue to offer a window into the band’s recording process with seven studio outtakes of songs from the album as well as three previously unheard compositions: “Jennings Farm Blues” (an instrumental forerunner of “Bron-Yr-Aur Stomp”), “Bathroom Sound” (an instrumental version of “Out On The Tiles”), and their take on the blues classics “Keys To The Highway/Trouble In Mind.”

Led Zeppelin continues to be honoured for its pivotal role in music history. The band was inducted into the Rock & Roll Hall of Fame in 1995, received a Grammy Lifetime Achievement Award in 2005, and a year later was awarded with the Polar Music Prize in Stockholm. Founding members Jones, Page and Plant – along with Jason Bonham, the son of John Bonham – took the stage at London’s O2 Arena in 2007 to headline a tribute concert for Ahmet Ertegun, a dear friend and Atlantic Records’ founder. The band was honoured for its lifetime contribution to American culture at the Kennedy Center Honors in 2012. In January of 2014, the band won their first ever Grammy award as Celebration Day, which captured their live performance at the Ertegun tribute concert, was named Best Rock Album.

Led Zeppelin

LED ZEPPELIN I DELUXE EDITION

Track Listing

1. “Good Times Bad Times”

2. “Babe I’m Gonna Leave You”

3. “You Shook Me”

4. “Dazed And Confused”

5. “Your Time Is Gonna Come”

6. “Black Mountain Side”

7. “Communication Breakdown”

8. “I Can’t Quit You Baby”

9. “How Many More Times”

Led Zeppelin’ Deluxe Edition Bonus Disc: Live At The Olympia — Paris, France, October 10, 1969

1. ‘Good Times Bad Times/Communication Breakdown’
2. ‘I Can’t Quit You Baby’
3. ‘Heartbreaker’
4. ‘Dazed And Confused’
5. ‘White Summer/Black Mountain Side’
6. ‘You Shook Me’
7. ‘Moby Dick’
8. ‘How Many More Times’

.

.

Led Zeppelin II

LED ZEPPELIN II DELUXE EDITION

Track Listing

1. “Whole Lotta Love”

2. “What Is And What Should Never Be”

3. “The Lemon Song”

4. “Thank You”

5. “Heartbreaker”

6. “Living Loving Maid (She’s Just A Woman)”

7. “Ramble On”

8. “Moby Dick”

‘Led Zeppelin II’ Deluxe Edition Bonus Disc Track Listing:

1. ‘Whole Lotta Love’ (alternate mix)
2. ‘What Is and What Should Never Be’ (alternate mix)
3. ‘Thank You’ (backing track)
4. ‘Heartbreaker’ (alternate mix)
5. ‘Living Loving Maid (She’s Just A Woman)’ (backing track)
6. ‘Ramble On’ (alternate mix)
7. ‘Moby Dick’ (alternate mix)
8. ‘La La’ (previously unreleased song)

9. “Bring It On Home”

.

.

Led Zeppelin III

LED ZEPPELIN III DELUXE EDITION

Track Listing

1. “Immigrant Song”

2. “Friends”

3. “Celebration Day”

4. “Since I’ve Been Loving You”

5. “Out On The Tiles”

6. “Gallows Pole”

7. “Tangerine”

8. “That’s The Way”

9. “Bron-Y-Aur Stomp”

10. “Hats Off To (Roy) Harper”

‘Led Zeppelin III’ Deluxe Edition Bonus Disc Track Listing:

1. ‘The Immigrant Song’ (unreleased version)
2. ‘Friends’ (unreleased version)
3. ‘Celebration Day’ (unreleased version)
4. ‘Since I’ve Been Loving You’ (unreleased version)
5. ‘Bathroom Sound’ (instrumental version of ‘Out on the Tiles’)
6. ‘Gallows Pole’ (unreleased version)
7. ‘That’s the Way’ (unreleased version)
8. ‘Jennings Farm Blues’ (previously unreleased song)
9. ‘Keys to the Highway/Trouble in Mind’ (previously unreleased song)


24 Risposte to “NEWS: LED ZEPPELIN SUPER DELUXE EDITIONS”

  1. picca 13/03/2014 a 17:55 #

    Tim..? Per curiosità…Visto che sei un completista, come imposto dal tuo ruolo di Magister Zeppelinologo, hai fatto un calcolo economico riguardante la cifra che dovrai defecare per portarti a casa ogni maledetta versione?

    Mi piace

    • timtirelli 13/03/2014 a 18:07 #

      Le SUPERDELUXE EDITION relativo alle foto costano $134,75 ognuna su AMAZON USA…

      Facendo due conti, diciamo sui 100 euro l’una.

      Mi piace

  2. timtirelli 13/03/2014 a 18:04 #

    ORE 18: ho aggiornato i dettagli della tracklist dei bonus disc.

    Mi piace

  3. lucatod 13/03/2014 a 19:32 #

    Ho visto prezzi e ho sparato un paio di bestemmie . Le super deluxe prese tutte in una volta saranno una bella botta in un solo mese , perché poi quando si tratta di Zeppelin mi brucio tutto subito . Ora non so se prendermi le fucking super deluxe o le deluxe su 2 cd più le normali ristampe in vinile . Bastardo di un Page !

    Illuminati , voi altri come agirete ?

    Mi piace

  4. timtirelli 13/03/2014 a 20:05 #

    Luca, mi sa che io prenderò le superdeluxe edition, ma mi piace il fatto che ci sia l’opzione dei due cd solamente. Frank Romagnosi mi ha detto che ha già ordinato tutte e tre le super deluxe edition. Al cuor non comanda, nemmeno in tempi di crisi.

    Però devo dire una cosa: era un po’ che non mi eccitavo così per delle uscite discografiche. Come dice Jack Black: LED ZEPPELIN BEST BAND EVER!

    Mi piace

  5. lucatod 13/03/2014 a 20:21 #

    Credo che anche io finirò per prendermi le super deluxe proprio per questo prima ho madonnato , quando si tratta di LZ , sembro un bambino in un negozio di giocattoli e non mi trattengo , cosa che invece ho fatto senza problemi con le immersion dei PINK FLOYD . Sono convinto che il meglio però debba ancora arrivare , o almeno spero . Non riesco a credere che JP non abbia trovato un master di Train Kept A Rollin eccheccazzz!!

    Mi piace

  6. Mirko 13/03/2014 a 22:12 #

    Anche solo per il fatto del box, che esteticamente sembrerebbe veramente molto piu intrigante!!!! Solo con i CD credo venga perso il book che si vede in foto… Spero si tengano lunghi con le uscite, se fosse tutto in pochi mesi, a livello economico sarà una vera tragedia!!
    E il fatto che non esce niente di cosi particolare da anni… la vera ansia ;) Positiva, ma sempre ansia è!

    Mi piace

  7. bodhran 14/03/2014 a 10:09 #

    Scusate se esco dal coro ma credo ringamberò, per quanto le edizioni sembrino davvero deluxe. Le operazioni di remastering non mi hanno mai interessato (ne avevamo parlato mesi fa), e quindi caro mi costa un concerto conosciuto e un po’ di bonus tracks (che ovviamente però agogno di ascoltare quanto prima). 100 euro sono davvero troppi, avoglia a metterci “previously unseen photos”. Son troppi e non je la posso (e voglio) fare, e lo scrivo anche con un po’ di “rabbia” al pensiero che quel pigrone miliardario di Page avrebbe potuto lavorare meno, limitandosi a pubblicare gli inediti, facendoceli pagare delle cifre ragionevoli, ma continuare a suonare. Ma tant’è…

    Mi piace

  8. lucatod 14/03/2014 a 11:49 #

    Bodhran non hai mica tutti i torti , io cercherò di comprarle perché come dice Tim , al cuore non si comanda”, ma andando poi a vedere bene , dove sono gli inediti ? Si tratta perlopiù di versioni alternative dei classici , e quanto alle rimasterizzazioni continuerò ad ascoltarmi le versioni dei primi anni ’90 o ancor meglio , occasionalmente, i vecchi vinili .
    Se avessero fatto una specie di Led Zeppelin Anthology vol 1 – 2 -3 simile a quelle beatlesiane di quasi vent’anni fa , raccogliendo i pezzi alternativi e gli inediti , sarei stato più felice .

    Leggevo sul web una dichiarazione lasciata su twitter da quel minchione di Liam Gallagher a proposito delle prossime ristampe dei primi album degli Oasis (ma c’è ancora qualcuno che li ascolta?) . tralasciando per un attimo il personaggio e il gruppo , diceva qualcosa tipo “che senso ha acquistare qualcosa che è già rimasterrizzato , ragazzi non comprateli ” e via dicendo . Ho pensato , effettivamente sto stronzo non ha poi tutti i torti , alla fine stanno potenziando solamente i pezzi per essere più tosti su mp3 , stanno rivedendo gli art work in cartoncino e stop . The Song Remains The Same . A me dicono spesso , ma non c’è l’hai già , io rispondo eh si questa è la quinta versione …
    Perlomeno ci sono anche le semplici deluxe su due cd …..

    Mi piace

  9. bodhran 14/03/2014 a 12:03 #

    E’ vero che al cuor non si comanda ma purtroppo talvolta tocca comandare al portafogli (cosa che mi pare faccia il nostro amato Page).
    Rispondo subito all’ottima domanda sugli Oasis: NO.
    Che poi queste, ristampe, anniversari, rimasterizzazioni, siano operazioni fondamentalmente commerciali è chiaro, come è chiaro anche a me, che sto criticando l’operazione, che quando arrivano la tentazione è fortissima.
    Anche perchè comunque sia, tra quest’edizione, e altre ristampe di altri gruppi/artisti fatte davvero alla caXXo ce ne corre, così come ce ne corre tra la musica dei LZ e il resto.

    Mi piace

  10. lucatod 14/03/2014 a 12:08 #

    Ci puoi contare .. Ovviamente mi riferivo alle recenti rimasterizzazioni dei Beatles e Pink Floyd , gruppi che hanno una certa rispettabilità .

    Mi piace

  11. bodhran 14/03/2014 a 12:36 #

    Vero anche questo, ma tempo fa ho trovato a prezzi più che ragionevoli i vinili originali di Sgt. Pepper e Revolver, mono, così, per sfizio e devo dire checontinuano a suonare in maniera incredibile. Dal punto di vista della produzione poi, davvero gli Zep non hanno bisogno di rimaneggiamenti, per quanto in linea teorica ogni disco potrebbe suonare “meglio”.

    Mi piace

  12. lucatod 14/03/2014 a 12:51 #

    Parli dei vinili non rimasterizzati ? Io ho iniziato la collezione in vinile dei Beatles remaster 2011 , mi sono fermato a metà strada e nemmeno la continuo , primo per la spesa , secondo perché il suono è troppo compresso , niente a confronto con le edizioni originali (o comunque analogiche) che suonano più pulite . Ho notato una analogia con le ristampe (2011/2012) dei tre vinili dei Pink Floyd DSOTM WWH e The Wall . Suono compresso , la versione in vinile di DSOTM del 2003 è decisamente superiore . Ti parlo da semplice ascoltatore e non da audiofilo .
    I vecchi vinili dei LZ hanno un suono spettacolare , poi è anche vero che tra un edizione e l’ altra ho riscontrato alcune differenze , ad esempio LZ II stampa UK del ’72 suona da dio , quella anni ’80 tedesca è leggermente inferiore .

    Mi piace

    • bodhran 15/03/2014 a 09:05 #

      si, intendevo i vinili “dell’epoca”, e con lo stereo che ho anch’io non sono un audiofilo. Che poi comprimano tutti a manetta è oramai necessità: generalizzando le nuove generazioni ascoltano tutto in mp3, e per reggere il confronto con le nuove produzioni una bottarella va data se si vuole rendere appetibile la musica “vecchia” alle orecchie “nuove”. Giorni fa mentre andavo al lavoro in pullman avevo accanto una ragazzina che smanettava sul cellulare ascoltando di palo in frasca kathy perry, i beatles, gli arcade fire… e black dog. Volevo quasi complimentarmi, poi per non fare la figura del vecchietto che prova ad attaccar bottone ho lasciato perdere. Comunque sia, aspettiamo questa ventata di LZ, mi incurioscono molto le tracce cantate da JPJ, preannunciate da Plant qualche mese fa.

      Mi piace

  13. mikebravo 15/03/2014 a 06:43 #

    Sono molto contento di quello che ci sta piovendo addosso. Era ora!!!!!
    Un po’ di mossa. Del resto se Jimmy ha deciso di non suonare piu’,
    , almeno apra i forzieri che noi apriremo i portafogli.
    Anche se queste operazioni per i Pink Floyd mi hanno lasciato indifferente.
    Assolutamente indifferente.

    Mi piace

  14. mikebravo 02/09/2014 a 13:28 #

    L’editoria rock di questi mesi bene o male celebra le uscite degli zeppelin.
    Ho comprato ieri il numero di LES INROCKS 2, rivista francese, interamente dedi-
    cato ai led zeppelin.
    37 capitoli, tantissime foto ( alcune mai viste ).
    Unico problema la lingua francese ( é l’unica, col latino, che ho studiato ).
    Intervista iniziale con Page con tanto di foto ( aprile 2014 ) poi seguono 36
    capitoli, ultimo dei quali LES ENFANTS DU ROC con 24 gruppi o artisti
    considerati figli dei led zeppelin.
    Sicuramente un bel leggere : 98 pagine in carta patinata sullo zeppelin
    a 7 euro e 90.
    Tra le curiosita’ : foto di JPJ che suona la balaika, l’affermazione che il
    canto del lupo di Howlin’ Wolf é l’influenza determinante dell’inizio di
    IMMIGRANT SONG, e, bellissima fra tutte, la risposta del mitico JIMMY
    ad una domanda ” E’ vero che la session per JOHNNY HALLYDAY ti ha
    spinto a lasciare il mestiere di turnista ? ”
    E Jimmy :HO AMATO MOLTO IL LAVORO CON JOHNNY ma quello che
    mi ha spinto a lasciare …………… e’ che IO ERO UNO CHE AVEVA
    RINNOVATO L’ARTE DELLA CHITARRA ELETTRICA MA ERANO
    ERIC CLAPTON E JEFF BECK CHE NE STAVANO APPROFFITTANDO.
    Jimmy Page ti amo!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    Mi piace

  15. Tom 03/09/2014 a 08:40 #

    beh…molto umile come sempre…e si era dimenticato di Hendrix, solo un modesto comprimario!!! Tom

    Mi piace

  16. mikebravo 03/09/2014 a 10:10 #

    Jimmy sa benissimo che Hendrix é stato il piu’ grande……
    Jimmy é stato il piu’ grande chitarrista psichedelico……dai tempi delle sessions.

    Mi piace

  17. lucatod 03/09/2014 a 10:54 #

    Jimmy Page non ha solo “rinnovato l’arte di suonare la chitarra elettrica” , in realtà ha fatto molto di più . E’ stato un produttore geniale , Hendrix , Clapton e Beck non reggono il confronto e si sente , basta prendersi i dischi del periodo . Electric Ladyland , Wheels Of Fire , Truth , tutti capolavori , ma LZI suona ancora maledettamente moderno , fresco e all’avanguardia . Con LZII ha dato letteralmente un calcio nelle palle a quei tre guitar hero e ha conquistato il mondo sia artisticamente che commercialmente . IL MIGLIORE!

    Mi piace

    • Tom 03/09/2014 a 14:03 #

      Rispetto le opinioni di tutti anche se “ultras” ed a me Page piace parecchio, ma non ho mai sentito nè Miles Davis, nè Herbert Von Karajan (forse di Stairway sì) parlare di Jimmy Page, mentre sappiamo che entrambi hanno esaltato l’arte (!!!) e cercato la collaborazione (Miles) di Hendrix, inarrivabile per chiunque, nel suo campo.
      Per me Jimmy Page è comunque validissimo ma resta qualcosa sotto lo stesso bizzoso e talvolta inaffidabile Jeff Beck, più grande di lui, un purosangue della chitarra vero e proprio. Tom

      Mi piace

  18. mikebravo 03/09/2014 a 14:27 #

    Tecnicamente non il piu’ grande, sicuramente, Beck e Hendrix su tutti, ma,
    come dice Luca, il piu’ completo.
    Eppoi, a me interessa il piu’ grande chitarrista di hard rock.
    Quello é lui, senz’altro lui, non ci sono rivali.
    Il creatore del riff per eccellenza.
    E chi adora la psichedelia, conosce senz’altro il page pre 1968.
    Io sono andato per anni alla ricerca del Page meno conosciuto.
    Page ha regalato dal 1962 la sua magica chitarra a brani di altri.
    Senza essere citato nelle copertine dei dischi.
    Certo lo pagavano per questo.
    Ma ha iniziato a farlo quando hendrix, claption e beck non avevano ancora
    inciso nulla.
    E negli anni ha preso coscienza di sè e della sua grandezza.
    Ed ha maturato l’ambizione di essere il piu’ grande.

    Mi piace

  19. lucatod 03/09/2014 a 16:27 #

    Premettendo che non discuto i vostri gusti musicali .

    Personalmente ritengo Jimmy Page il più grande chitarrista ROCK . Ha fuso i più disparati generi musicali senza restare imprigionato in un solo contesto (hard rock?) .
    Faccio fatica , tra i nomi citati , a trovare il più “bravo” tecnicamente parlando , dato che bisognerebbe valutare il musicista nel suo complesso . Anche a livello di innovazione credo che tutti e quattro abbiano fatto la loro parte .

    Hendrix è stato un fulmine di genialità e innovazione , Clapton (con i Cream) ha portato la chitarra rock blues verso nuovi sentieri , poi battuti con più convinzione dagli altri due (Beck e Page) . Ma se vado a visitare la discografia dei quattro , non posso fare a meno di notare la varietà sonora del Page-Zeppelin , difficilmente rintracciabile in quelle degli altri tre . Hendrix s’è bruciato subito , dopo il 68 , non ha più prodotto nulla all’altezza del suo biennio d’oro , lo stesso vale per Clapton . Il discorso cambia per quanto riguarda Jeff Beck , che successivamente ha abbracciato la jazz fusion con esiti di uno certo spessore (Blow By Blow) , ma per un orecchio meno attento anche piuttosto impalpabili .

    Jeff Beck ha gestito malamente la sua carriera , ma ha conservato inalterato il suo talento tecnico allo strumento , Jimmy Page NO . Lo sappiamo . Eric Clapton è diventato un buon cantante , facendosi letteralmente prendere per mano dal suo menagement che ha curato la sua carriera per almeno 20 anni a partire dal 1974 . Come chitarrista c’ha lasciati da tempo . Hendrix credo che abbia dato i massimo in quel paio di anni , nel suo ultimo periodo andava decisamente alla deriva , tra esibizioni non certo brillanti e infinite registrazioni , venute alla luce solamente dopo la sua morte .

    Riguardando i concerti ARMS del 1983 , ho notato una certa affinità tra Clapton e Beck (che credo si estenda anche sul piano personale) , al contrario ho trovato slowhand a disagio con JP (e credo anche sul piano personale) . Alla fine del concerto (prima dei bis) i primi due escono da un lato del palco chiacchierando amichevolmente , mentre Page dal lato opposto se ne va per i fatti suoi . Il solitario . Ecco in quel momento l’ho apprezzato ancora di più , mentre Clap m’è stato proprio sulle balle .

    Mi piace

  20. mikebravo 04/09/2014 a 07:52 #

    Clapton e Page hanno avuto esperienze simili.
    il primo col concerto al Raimbow inizia la resurrezione.
    lo stesso fa Page con Arms.
    in questo blog ci siamo scatenati contro Clapton perché rosica sui successo
    dei Led.
    Andandomi a sfogliare la sua autobiografia, ho trovato alcune affermazioni
    che lo rivalutano come uomo.
    Il passaggio che mi ha colpito molto é quello in cui parla di LET IT GROW.
    Una canzone di cui era molto fiero.
    Cogli anni si é reso conto di avere saccheggiato STAIRWAY.
    Lo ammette e dice PUR AVENDO SEMPRE CRITICATO I LED.
    E’ bello da parte sua averlo scritto.
    Di Arms parla come di una riunione di amici.
    Parlando della meta’ dei sessanta, scrive di stimare Beck e Page che
    descrive rockabilly- oriented.rispetto a lui orientato al blues.
    Senza i 4 chitarristi di cui parliamo, come sarebbe stato il rock ?

    Mi piace

  21. lucatod 04/09/2014 a 11:18 #

    Ho letto il libro in questione . Le critiche mosse da E.C non è che mi siano importate più di tanto . Hai ragione , lui e JP hanno avuto esperienze simili , solo che slowhand è stato seguito da un manager -padrone che lo ha rimesso in piedi diverse volte , mentre il darklord solitario (a parte qualche assistente) , è andato a sbattere contro un muro per poi rimettere assieme i cocci di una carriera irrimediabilmente frantumata .

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: