Tag Archives: ronnie montrose

EDGAR WINTER GROUP & WHITE TRASH: “I’VE GOT NEWS FOR YOU, FEATURING THE E.W.GROUP & E.W.’S WHITE TRASH 1971 – 1977” (6cd box set – 2018 Cherry Red Records/Sony) – TTTTT

6 Giu

Il 9 aprile abbiamo parlato del cofanetto relativo ai suoi dischi solisti, adesso (con un po’ di ritardo) parliamo di quello riguardante gli album realizzati dai suoi gruppi, gli EW’s White Trash e l’EW Group. Almeno quattro di questi dischi sono magnifici, diamanti purissimi formatisi dal magma bollente fuoriuscito da pozioni magiche universali, a base di blues, gospel, jazz, funk e hard rock. Giù il cappello per la Cherry Red Records che – rischiando – si mette a rimasterizzare e a riproporre dischi non proprio notissimi al grande pubblico.

 

DISC ONE
EDGAR WINTER’S WHITE TRASH (1971) – TTTTT+
1. GIVE IT EVERYTHING YOU GOT
2. FLY AWAY
3. WHERE WOULD I BE
4. LET’S GET IT ON
5. I’VE GOT NEWS FOR YOU
6. SAVE THE PLANET
7. DYING TO LIVE
8. KEEP PLAYIN’ THAT ROCK ‘N’ ROLL
9. YOU WERE MY LIGHT
10. GOOD MORNING MUSIC BONUS TRACKS
11. KEEP PLAYIN’ THAT ROCK ‘N’ ROLL (SINGLE EDIT)
12. WHERE WOULD I BE (WITHOUT YOU) (SINGLE EDIT)
13. WHERE WOULD I BE (WITHOUT YOU) (MONO EDIT)
14. GIVE IT EVERYTHING YOU GOT (SINGLE EDIT)
15. GIVE IT EVERYTHING YOU GOT (MONO EDIT)

Questo fu il primo disco di Edgar che mi capitò in mano. Me ne innamorai immediatamente! Poco dopo aver fatto uscire il suo primo album (Entrance), Edgar forma una band coi fiocchi e si lancia all’inseguimento dei suoi sogni. Musica sublime interpretata con istinto maschio e virile, viene messa su nastro da musicisti superlativi guidati da Rick Derringer in veste di produttore. Spicca tra tutti (oltre a Edgar, voce, piano, organo, alto sax e celeste, una sorta di pianoforte che suona come un carillon ) l’ineguagliabile Jerry Lacroix (voce, armonica e sax tenore).

Give It Everything You Got (Winter/Lacroix) mette tutti sull’attenti. Trattasi di quel funk imputanito di cui ogni tanto parlo, sostenuto dalla miglior sezione fiati che io abbia mai sentito. Ascoltare Edgar e Jerry che duettano con la voce e con i sax mi manda sempre in orbita.

◊ ◊ ◊

◊ ◊ ◊

Fly Away (Winter/Lacroix) è una sorta di ballata/gospel giocata sul pianoforte. Una meraviglia. Canta Jerry Lacroix. Where I Would Be Without You (Winter-Lacroix), è un gospel/soul/rock sostenuto. Quando scrivo gospel, intendo l’approccio e l’arrangiamento non certo i temi. Questa è musica libertina, sfacciata, dissoluta. Altro momento buonissimo. Gran assolo di sax di Edgar e di nuovo performance vocali (Jerry e in sottofondo Edgar) straordinarie. Let’s Get It On (Winter / Lacroix) si trova sulle stesse coordinate ma la musica rimane eccitante. Nessuna ripetizione, nessun sbadiglio. Alla voce Jerry Lacroix. Ottimo assolo di chitarra di Floyd Radford. Grande sezione ritmica (Bobby Ramirez alla batteria, George Sheck al basso, Ray Beretta alle conga). Immenso Lacroix all’armonica.

I’ve Got News For You è un brano di Roy Alfred contenuto nell’album del 1961 di Ray Charles. Di base è un blues più meno standard ma è affrontato con la solita verve estrema. Fiati di nuovo eccezionali e un Jerry Lacroix fantastico (lo so mi ripeto, ma è impossibile fare altrimenti). Quello che combina alla fine (dopo il minuto 3:00) mi ribalta ogni volta. Uno dei miei cantanti preferiti di sempre. Johnny Winter alla chitarra (ma senza fare nulla di particolare)

◊ ◊ ◊

◊ ◊ ◊

◊ ◊ ◊

Save The Planet (Winter /Lacroix) è un bel gospel quasi tradizionale, Dying To Live (Winter) è una suggestiva ballata al piano sospinta da una sezione d’archi e Keep Playing That Rock And Roll (Winter ) è un roccaccio come non se ne sente spesso. Una meraviglia. Canta Edgar.

◊ ◊ ◊

◊ ◊ ◊

Chiudono You Were My Light e Good Morning Music, due discrete canzoni di Winter.

L’album arriva solo al numero 111 della classifica americana (ma è un miglioramento rispetto al 196esimo posto del primo disco ), ed è determinante per introdurre Edgar Winter al pubblico americano (l’album dal vivo che seguirà arriverà al 23esimo posto). Niente male la copertina, sei sciamannati ritratti al freddo per strada che promettono testosterone al calor bianco.

DISC TWO
ROADWORK (1972) – TTTTT
1. SAVE THE PLANET
2. JIVE, JIVE, JIVE
3. I CAN’T TURN YOU LOOSE
4. STILL ALIVE AND WELL
5. BACK IN THE U.S.A.
6. ROCK AND ROLL, HOOCHIE KOO
7. TOBACCO ROAD
8. COOL FOOL
9. DO YOURSELF A FAVOR
10. TURN ON YOUR LOVELIGHT BONUS TRACKS
11. I CAN’T TURN YOU LOOSE (MONO EDIT)
12. I CAN’T TURN YOU LOOSE (SINGLE EDIT)
13. COOL FOOL (SINGLE EDIT)

Questo album dal vivo fu un ottimo successo, sfiorò la Top20 americana e rese il nome di Edgar Winter riconoscibile. I Blues Brothers devono molto a questo disco e a questo gruppo che è uno dei  mie miei preferiti per quanto concerne la musica americana. Disco registrato all’Apollo Theater di New York e al Whiskey A Go Go di Los Angeles a cui rende onore avendo tra i suoi solchi performance leggendarie e piene di pathos.

Il concerto si apre con Save The Planet. Al basso si nota immediatamente Randy Hobbs, proveniente dalla band di Johnny Winter. Segue la scatenata Jive Jive Jive  (il jive è un ballo ritmato a base jazz) di Jerry Lacroix  che si riconferma primattore.

◊ ◊ ◊

◊ ◊ ◊

I Can’t Turn You Loose di Otis Redding è una favola. R&B/Funk imputanito e sconcio, sezione fiati meravigliosa, il basso di Randy Hobbs che pompa come chissà chi e Jerry Lacroix di nuovo incommensurabile.

◊ ◊ ◊

◊ ◊ ◊

Arriva poi il momento di Rick Derringer con Still Alive And Well, scritta appositamente per Johnny Winter (apparirà nell’album dallo stesso titolo del 1973) che in quel periodo era alle prese con ricoveri vari in centri di disintossicazione. Con il consueto approccio un po’ sopra le righe Derringer presenta poi Back In The USA di Chuck Berry. Le versioni di questi due pezzi sono assai convincenti, se però Rick le avesse lasciate cantare a Jerry o a Edgar forse sarebbero ancora più determinanti. Poco dopo ricompare sul palco (dopo il periodo di assenza di cui parlavamo poc’anzi) Johnny Winter. Rock And Roll Hoochie Koo (Rick Derringer) proviene dal disco JW And del 1970 ed è uno dei pezzi rock più famosi riconducibili al grande Johnny. Nel presentarla Edgar dice “Abbiamo una sorpresa per voi questa sera. La gente ogni volta che mi vede mi chiede ‘ehi dove’è tuo fratello’ …” e il pubblico esplode.

◊ ◊ ◊

◊ ◊ ◊

Per Tobacco Road Edgar si cimenta finalmente al canto. 17 minuti di blues totalizzante. Il basso di Hobbs sempre sul pezzo, il sax di Edgar sensazionale, il gruppo che si esprime su livelli altissimi. Circa al minuto 7:30 va in scena il momento call and response, il botta e risposta insomma, tra voce e chitarra e voce e tastiere. Nella prima parte Derringer si lascia andare al suo momento di solo chitarra, una sorta di sperimentazione su base più o meno blues a cui  – nella seconda parte – risponde Edgar con le sue tastiere. Quando torna il gruppo ci si lascia andare ad un profluvio di rock blues sfrenato.

◊ ◊ ◊

◊ ◊ ◊

 

Cool Fool (E.Winter) apriva la side 4 del doppio LP con un gran R&B/funk, vibrazione che si propaga anche nel pezzo seguente scritto da Stevie Wonder, Do Yourself A Favour. Quando una band sostanzialmente bianca riusciva a lasciare a bocca aperta anche l’Apollo Theater! Turn On Your Lovelight – scritta da Joe Scott – fu portata al successo da Bobby Bland nel 1961 e rifatta da una sacco di artisti (tra cui i Blues Brothers). La versione degli White Trash è come prevedibile ottima, Jerry Lacroix di nuovo stratosferico. Dal minuto 6,15 in poi è così pieno di testosterone da spingere tutti a un ballo da strappamutande. Che artisti, che performer, che disco!

◊ ◊ ◊

◊ ◊ ◊

Semplice e bella la copertina con riprodotti i quattro musicisti principali ripresi on stage.

DISC THREE
THEY ONLY COME OUT AT NIGHT (1972) – TTTTT
1. HANGIN’ AROUND
2. WHEN IT COMES
3. ALTA MIRA
4. FREE RIDE
5. UNDERCOVER MAN
6. ROUND & ROUND
7. ROCK ‘N’ ROLL BOOGIE WOOGIE BLUES
8. AUTUMN
9. WE ALL HAD A REAL GOOD TIME
10. FRANKENSTEIN

BONUS TRACKS
11. FRANKENSTEIN (EDIT)
12. FRANKENSTEIN (MONO EDIT)
13. ROUND & ROUND (SINGLE EDIT)
14. ROUND & ROUND (MONO EDIT)
15. FREE RIDE (SINGLE EDIT)
16. FREE RIDE (MONO EDIT)
17. CATCHING UP – B-SIDE
18. FRANKENSTEIN (SINGLE EDIT)
19. HANGIN’ AROUND (MONO EDIT)

L’album del successo per Edgar Winter, uno dei suoi più belli secondo forse solo all’album del 1971. Dan Hartman e Chuck Ruff insieme Ronnie Montrose alla chitarra con l’aiuto di Randy Jo Hobbs (bassista di Johnny Winter), Johnny Badanajeke e l’immancabile Rick Derringer (che anche in questo caso produce il disco). Naturalmente il tutto è guidato da Edgar Winter

Dan Hartman in veste di autore è molto presente: 4 li firma insieme ad Edgar e 2 sono completamente suoi. Il bel rock di Hangin’ Around apre l’album, seguito dalla rollingstoniana When It Comes e dalla spensierata Alta Mira. Free Ride di Hartman è uno dei due successi che portarono il disco in cima alle classifiche Usa. Irresistibile “cavalcata” lungo le piste delle terre elettriche.

◊ ◊ ◊

◊ ◊ ◊

Undercover Man altro rock deciso si stempera in Round And Round di Edgar Winter, un rock americano in senso stretto con mire country. Rock And Roll Boogie Woogie Blues scritto da Winter insieme a Montrose è pieno di impeti alla White Trash mescolati coi generi musicali citati nel testo, boogie in primis.

Autumn di Dan Hartman è una delle più belle canzoni tristi che io abbia mai sentito. Quando io, Jaypee e Riff ascoltiamo questo pezzo, dimentichiamo tutto, saliamo sulla navicella del blues e ci perdiamo in universi fatti di quel non so che ci attanaglia l’animo. Autumn è bellissima, malinconica, amara, color pastello…Hartman nel suo momento forse più ispirato.

◊ ◊ ◊

◊ ◊ ◊

Ci si risveglia con We All Had A Real Good Time un altro roccaccio che ricorda il periodo White Trash.

Chiude l’album un mistero: Frankenstein, ovvero lo strano caso di un pezzo strumentale – con all’interno assolo di batteria…o meglio un botta e risposta ritmico tra Chuck Ruff ed Edgar alle percussioni –  inizialmente pensato e uscito come b-side e trasformato dai dj delle radio fm americane dell’epoca in un hit di grandissimo successo. Riffone hard rock, arditi interventi di tastiera sporchi e maleducati, sax, tamburi e sonorità aliene. Un riuscito delirio di onnipotenza rock.

◊ ◊ ◊

◊ ◊ ◊

L’album arrivò nella Top 3 americana, i due singoli Frankestein e Free Ride rispettivamente al 1° e al 14esimo posto. Un trionfo.Copertina un po’ pretenziosa, ma dopotutto. erano gli anni del glam.

DISC FOUR
SHOCK TREATMENT (1974) – TTTTT
1. SOME KINDA ANIMAL
2. EASY STREET
3. SUNDOWN
4. MIRACLE OF LOVE
5. DO LIKE ME
6. ROCK & ROLL WOMAN
7. SOMEONE TAKE MY HEART AWAY
8. QUEEN OF MY DREAMS
9. MAYBE SOME DAY YOU’LL CALL MY NAME
10. RIVER’S RISIN’
11. ANIMAL

BONUS TRACKS
12. RIVER’S RISIN’ (MONO EDIT)
13. RIVER’S RISIN’ (SINGLE EDIT)
14. SOMEONE TAKE MY HEART AWAY (MONO EDIT)
15. SOMEONE TAKE MY HEART AWAY (SINGLE EDIT)
16. EASY STREET (MONO EDIT)
17. EASY STREET (SINGLE EDIT)

Rispetto al precedente c’è il ritorno di Rick Derringer alla chitarra (sostituisce Ronnie Montrose messosi in prorprio), anche qui in veste anche di produttore. Shock Treatmenti può considerare l’album di Dan Hartman, il golden boy infatti firma otto pezzi (uno a metà con Winter). Some Kinda Animal è uno sfrenato rock and roll a tinte hard e glam che ha il compito di aprire l’album in maniera decisa e di fare da apripista a Easy Street, un pezzo davvero bello. Negli anni ottanta fu riproposto con molta fortuna da David Lee Roth, questa è la versione originale. Stupenda.

◊ ◊ ◊

◊ ◊ ◊

Sundown è il terzo brano di fila a firma Dan Hartman, a metà tra tempo medio e ballata, anche questo assai riuscito. Miracle Of Love è un filo meno incisivo ma rimane un buon pezzo perso tra ritmi sospesi e leggeri. Do You Like Me di Edgar Winter è proprio un brano anni settanta, ricorda un po’ le colonne sonore di Starsky e Hutch; incalzante funk di buona fattura che si trasforma in un boogie scatenato.

Rock And Roll Animal è un rock un po’ scontato comunque gradevole e molto, molto anni settanta, seguito da Someone Take My Heart Away, un lentaccio alla Edgar Winter. Queen Of My Dreams sa di Led Zeppelin e lascia un po’ interdetti: Black Dog e i luoghi comuni più consunti del gruppo di Page. Lo si poteva evitare.

Maybe Some Day You’ll Call My Name non colpisce più di tanto, mentre River’s Rising, sempre di Dan Hartman, è una veloce corsa a tempo di rock and roll molto divertente.

◊ ◊ ◊

◊ ◊ ◊

Chiude il disco Animal di Winter, un rock funk un po’ pasticciato che non lascia traccia.

Rock americano anni settanta, magari un po’ glam, a mio modo di vedere irresistibile. Certo, sono un fan in senso stretto dei fratelli Winter, forse pecco di obiettività, ma sono sicuro che chi legge questo blog, in un modo o nell’altro saprà apprezzare questo bel disco.

Shock Treatment arriva al 13esimo posto della classifica USA. Copertina niente male.

DISC FIVE
THE EW GROUP WITH RICK DERRINGER (1975) – TTT½
1. COOL DANCE
2. PEOPLE MUSIC
3. GOOD SHOT
4. NOTHIN’ GOOD COMES EASY
5. INFINITE PEACE IN RHYTHM
6. PARADISE / SIDES
7. DIAMOND EYES
8. MODERN LOVE
9. LET’S DO IT TOGETHER AGAIN
10. CAN’T TELL ONE FROM THE OTHER
11. J.A.P. (JUST ANOTHER PUNK)
12. CHAINSAW

BONUS TRACKS
13. DIAMOND EYES (SINGLE EDIT)
14. DIAMOND EYES (MONO EDIT)
15. PEOPLE MUSIC (MONO EDIT)

Nel 1975 Edgar Winter esagera e fa uscire due dischi: Jasmine Nightdreams (album solista) e EW Group With Rick Derringer. Soprattutto quest’ultimo ne risente, non è male, ma mancano i pezzi e infatti arriva solamente al 129esimo posto della classifica americana. O almeno, i pezzi forse ci sono, ma non vanno al di là del 6,5/7.

Cool Dance è di Hartman (songwriter extraordinaire come abbiamo visto), è un buon episdoio (magari più da White Trash che da EW GRoup), ma da lui forse ci si aspetterebbe di più. People Music (Winter) roccheggia e rimane su livelli discreti ma non decolla del tutto. Good Shot (Winter) pare un brano più adatto agli White Trash. Nothin’ Good Come Easy (Derringer) è un tempio medio chitarristico, molto gradevole in certe parti. Infinite Peace In Rhythm (Winter) sembra una outtake di They Only Come Out At Night. Carina e di nuovo guidata dalla chitarra, ma niente di strabiliante. Paradises/Sides (Hartman) è sognante e a tratti cosmica, Diamond Eyes (Winter) si stempera nell’easy listening, Modern Love di Derringersi si rifà un po’ sotto col rock, ma di quello funky e ballabile. Let’s Do It Together Again (Winter/Hartman) funkeggia in modalità standard, Can’t Tell One From Another (Hartman) è un country con tanto di dobro e chitarre acustiche. JAP (Derringer) è un rock semplice e adolescenziale. Chainsaw è uno strumentale di Winter che sì rifà alla formula di Frankstein, senza raggiungerne l’efficacia.

DISC SIX
RECYCLED (1977) – TTT¾
1. PUTTIN’ IT BACK
2. LEFTOVER LOVE
3. SHAKE IT OFF
4. STICKIN’ IT OUT
5. NEW WAVE
6. OPEN UP
7. PARALLEL LOVE
8. THE IN AND OUT OF LOVE BLUES
9. COMPETITION BONUS TRACKS
10. STICKIN’ IT OUT (MONO EDIT)
11. STICKIN’ IT OUT (SINGLE EDIT)

Finita la avventura con gli EW’s White Trash, Jerry Lacroix entra nei Blood, Sweet & Tears con cui pubblica Mirror Image (1974) e successivamente nei Rare Earth con cui registra due album nel periodo 1974-1976. Arriva poi il momento di ritrovare i vecchi amici e di riprovare l’avventura White Trash. Nel 1977 il riformato gruppo pubblica Recycled, ma i tempi sono ahinoi cambiati e l’album non entra nemmeno nella Top 200 americana. L’album volge al funky e ad un approccio più commerciale rispetto al passato, Putting It Back (Winter) tuttavia riprende la strada interrotta nel 1972. Un tempo medio ostinato trascinato con la giusta cattiveria e cantato alla vecchia maniera da Edgar e Jerry. Leftover Love (Winter) si avvicina pericolosamente alla disco anni settanta. Shake It Off è scritta da Jon Smith  (sax tenore) è (in pratica) uno strumentale niente male, anche Stickin’ It Out (Winter) si lascia ascoltare ma manca la particolarità. New Wave torna sui sentieri del gospel, Lacroix alla voce e il solito bel groove, e pure Open Up scorre sui binari posati un lustro prima. Ascoltare Jerry Lacroix alla voce è sempre una bella sensazione, lo stesso dicasi ovviamente per Edgar. Parallel Love (Winter/Lacroix) scivola tra le atmosfere notturne del facile ascolto sempre a base nera. The In And Out Of Love Blues (Winter/Lacroix) è invece un bel blues con gran lavoro di piano, fiati e armonica. Alla voce Jerry Lacroix e dunque un’altra gran performance. L’album finisce con Competition (Winter), un trascinante funky funk (se mi permette il pasticcio).

Copertina onesta, ma forse ad alcuni mancava il physique du rôle affinché questa risultasse efficace. Album prodotto da Edgar Winter e Dan Hartman, forse con un produttore esterno si sarebbe potuto alzare un po’ il livello del songwriting. Per finire, è un disco niente male, ma temo sia roba per fan come me e non per fan occasionali. Se non altro però è suonato molto bene.

Concludendo, è dunque un cofanetto da acquistare visto il prezzo e la qualità dei primi quattro album. Potrebbe essere per alcuni l’occasione giusta per accostarsi ad un artista e ai suoi gruppi che per un quinquennio salirono sino alla stratosfera.

L’altro cofanetto sul blog:

https://timtirelli.com/2018/04/09/edgar-winter-tell-me-in-a-whisper-the-solo-albums-1970-1981-4cd-box-set-2018-cherry-red-records-sony-ttt%C2%BE/

EDGAR WINTER GROUP “They Only Come Out At Night” (1972 – Sony Mini Lp Japan 2011) – TTTTT

8 Gen

L’album del successo per Edgar Winter, uno dei suoi più belli secondo forse solo all’album EDGAR WINTER’S WHITE TRASH del 1971. DAN HARTMAN e CHUCK RUFF insieme a RONNIE MONTROSE alla chitarra con l’aiuto di RANDY JO HOBBS (bassista di JoHNNY WINTER), JOHNNY BADADAJEKE e l’immancabile RICK DERRINGER (che anche in questo caso produce il disco). Naturalmente il tutto guidato da EDGAR WINTER, l’eclettico e talentuoso musicista americano che tanto amo.

Dan Hartman in veste di autore è molto presente: 4 li firma insieme ad Edgar e 2 sono completamente suoi. Il bel rock di HANGIN’ AROUND apre l’album, seguito dalla rollingstoniana WHEN IT COMES e dalla spensierata ALTA MIRA. FREE RIDE di Hartman è uno dei due successi che portarono il disco in cima alle classifiche Usa. Irresistibile “cavalcata” lungo le piste delle terre elettriche.

UNDERCOVER MAN altro rock deciso si stempera in ROUND AND ROUND di Edgar Winter, un rock americano in senso stretto con mire country. ROCK AND ROLL BOOGIE WOOGIE BLUES scritto da Winter insieme a Montrose è pieno di impeti alla White Trash mescolati coi generi musicali citati nel testo, boogie in primis.

AUTUMN di Dan Hartman è una delle più belle canzoni tristi che io abbia mai sentito. Quando io, Jaypee e Riff ascoltiamo questo pezzo, dimentichiamo tutto, saliamo sulla navicella del blues e ci perdiamo in universi fatti di quel non so che ci attanaglia l’animo. Autumn è bellissima, malinconica, amara, color pastello…Hartman nel suo momento forse più ispirato. Ci si risveglia con WE ALL HAD A REAL GOOD TIME un altro rockaccio che ricorda il periodo White Trash.

Chiude l’album un mistero, FRANKSTEIN ovvero lo strano caso di un pezzo strumentale – con all’interno assolo di batteria…o meglio un botta e risposta ritmico tra Chuck Ruff ed Edgar alle percussioni –  inizialmente pensato e uscito come b-side e trasformato dai dj delle radio fm americane dell’epoca in un hit di gran successo. Riffone hard rock, arditi interventi di tastiera sporchi e maleducati, sax, tamburi e sonorità aliene. Un riuscito delirio di onnipotenza rock.

Nei quattro anni anni tra il 1971 e il 1974 Edgar Winter fu in uno stato di grazia, insieme ai suoi WHITE TRASH o al suo GROUP fece uscire 4 album straordinari (WHITE TRASH del 71 – ROADWORK live sempre con gli White Trash del 72 – THEY ONLY COME OUT appunto e SHOCK TREATMENT del 74 recensito qualche post più sotto) … sì, fuori dall’ordinario, una miscela di rock, di furore funk, di accenti hard rock, di ingredienti americani di cui io sono follemente innamorato.