FIOCCA LA NEVE FIOCCA

7 Dic

La annuso già dal primo mattino, scrutando quel cielo che alterna vampate di luce e nuvole decise la sento arrivare, sì… c’è aria da neve. Mi sono vestito pesante, voglio essere pronto. In ufficio tiro fuori i due alberelli di cartone e quello di pezza, preparo l’atmosfera, mi bevo un caffè, ascolto RADIO CAPITAL e lavoro di buona lena. Mi stringo nel maglione, prendo le telefonate, mi bevo un secondo caffè. Accenderei anche il camino se l’avessi, ma non ce l’ho così per scaldarmi metto su un disco dei FREE.

Verso metà pomeriggio inizio a controllare sempre più spesso se vien giù qualcosa, lo sguardo corre oltre le grandi finestre e appena fa buio si fissa ai lampioni. E’ così che all’improvviso mi accorgo che è iniziato a nevicare. Nemmeno il tempo di lasciarmi scappare un gioioso “Fiocca” che ce già qualcuno che si dispera ” Noooo, domani devo…” e che non tollera che ci sia uno che è contendo se scende la neve. Mi chiudo nel mio ufficio. Il fatto è che domani avremo tutti qualcosa da fare, dovremo tutti andare in giro  e tutti faticheremo nel farlo. Mbè? Abitiamo nell’Italia settentrionale, un posto dove di solito in inverno nevica, dovremo essere abituati. Invece no, tutti ripiegati su noi stessi a maledire ogni piccolo intoppo, ogni piccolo sgarbo del fato. Ma come si permette questo cazzo di tempo, io stasera devo…, io domani devo…io,io,io, nient’altro che io…

Chiamo la groupie, devo condividere la mia gioia con qualcuno che ami la neve. Rifletto sul fatto che non potrei mai stare con una donna che non la pensi come me a proposito di questa ” precipitazione atmosferica nella forma di acqua ghiacciata cristallina che consiste in una moltitudine di minuscoli cristalli di ghiaccio tutti aventi di base una simmetria esagonale e spesso anche una geometria frattale, ma ognuno di tipo diverso e spesso aggregati tra loro in maniera casuale a formare fiocchi di neve”. Appunto.

Cerco di scrollarmi di dosso queste reazioni isteriche, mi sistemo mentalmente in posizione fetale e guardo la neve scendere. Verso le 19 esco dall’ufficio, le macchine, le siepi e i cortili iniziano ad imbiancarsi.

In macchina mi sento SHOWDWON di ALBERT COLLINS e JOHNNY COPELAND che mi ha passato Danilo, il connubio blues e neve dovrebbe essere perfetto  e invece c’è qualcosa che non funziona…

Collins, Cray, Copeland "Showdown"

Collins, Cray, Copeland “Showdown”

Il suono di quelle Fender è troppo da finocchietti, non fa per me, mi disturba. Si lo so, sono un talebano della GIBSON, ma che ci posso fare se i chitarristi Fender che riesco ad ascoltare sono pochissimi (RORY GALLAGHER, BLACKMORE, HENDRIX, CLAPTON, JEFF BECK, PAOLINO LISONI…)!

Così sullo stradone Stonecity-Herberia mi metto ad ascoltare i DEEP PURPLE ad Osaka il 15 agosto del ’72. Oh, là, si inizia a ragionare.

Deep Purple in Giappone nell'agosto del 1972

Deep Purple in Giappone nell’agosto del 1972

Più mi avvicino a Regium e più la neve inizia a scendere forte. Sento Brian, gli do appuntamento a domattina, poi mi sistemo meglio sul sedile, nell’abitacolo il tepore dell’Hammond di JON LORD. Mi sento bene, guido prudente, la neve scende tra gli svincoli della tangenziale, sono a Gavassae, manca poco…

Rotonde a Gavassae (Foto di TT)

Rotonde a Gavassae (Foto di TT)

Imbocco la stradina lunga e tortuosa, la serata è nera, azzurra è invece la luce che vedo in lontananza, quella lucina che mi guida e che mi fa sempre venire in mente ONWARD degli YES…

Apro il garage, la neve adesso scende fitta fitta tra i fari della blues mobile…

SAMSUNG

Prima di salire mi guardo intorno, la campagna è silenziosa, le luci sembrano versarsi liquide a terra, sospiro compiaciuto delle sensazioni che ogni volta mi regala la neve. Lo sguardo poi si posa sui simboli dei LED ZEPPELIN nelle inferriate…mi vien voglia di fare la mossa alla Jimmy Poige quando tiene la chitarra bassa e fa quei passetti …la faccio, scivolo, quasi mi ammazzo. Meglio entrare in casa.

…Quasi mezzanotte, controllo la situazione un’ ultima volta, continua a scendere, il manto bianco ricopre abbondantemente tutto…che bello. Alzo lo sguardo, i fiocchi in contoluce prendono mille colori, sembrano i faretti di un grande impianto luci, sopra ad un grande palco…stacco il jack, passo la Les Paul al tecnico, mi inchino davanti al pubblico…è ora di andare a letto…”New York, goodnight!”

LZ New York MSG luglio 1973

LZ New York MSG luglio 1973

Neve Snoopy

8 Risposte to “FIOCCA LA NEVE FIOCCA”

  1. Eli 08/12/2012 a 12:26 #

    Non metto occhio sul blog da una vita…torno e, come preannunciato, trovo Timo in pieno “snow trip”. Neve…un punto fermo nella vita dei Tirelli brothers. A te qualcuno ieri ha detto “nooo, nevica….”, a me stamattina qualcuno ha scritto subito “mi dispiace che lì nevichi”…… Niente da fare Timo, abituiamoci….ci vogliono bene lo stesso ma non hanno la neve dentro che scende pianin pianino..lemme lemme…bianca bianca e silenziosa. “E’ tornato a nevicare….sopra i monti e sopra al mare”… Dall’alto della mia “torretta” vedo i tetti candidi e il parco calmo sotto la neve….e mi sento già meglio. Dicembre con la neve: finalmente…. Faccio l’alberello.
    p.s. magari evita le foto alla rotonda di Gavassa mentre guidi…. Mi fai venire il patema!! Saura tienilo d’occhio te.

    Mi piace

  2. Lorenzo Stefani 09/12/2012 a 01:34 #

    Welcome back, Generale Inverno. Casualmente anch’io oggi guidavo lentamente sui viali di Modena rimirando gli alberi con ogni più piccolo rametto innevato, ascoltavo “When a blind man cries” e pensavo che la voce calda di Gillan si adatta molto a queste atmosfere. Speriamo torni a nevicare, la prossima settimana, e che non spargano troppo sale … Peró devo ancora montare le gomme termiche, vacca boia!

    Mi piace

  3. Sara Crewe 10/12/2012 a 20:53 #

    La neve, nella campagna bolognese, ricorda l’Olanda. Terra piatta, i canali, gli aironi. Venerdì notte ho amato la neve. Non mi importa che cada. Quando sono in un posto che mi piace, in un posto in cui sto bene, può cadere tutta la neve che l’inverno vuole! :-)

    Mi piace

  4. picca 10/12/2012 a 21:08 #

    Anche a me piace la neve, da matti. Camminarci sotto, sentire i rumori che si fanno soffici, guardare gli alberi… Un po’ mi vergogno a dirlo perché tutti adesso sono terrorizzati dalla neve ma per me possono anche andare affanculo. Viviamo su un pianeta dove, ogni tanto in alcuni luoghi, capita che nevichi. Quelli a cui non piace si facessero sparare su Marte.

    Mi piace

  5. Paolo Lisoni 10/12/2012 a 22:30 #

    RORY GALLAGHER, BLACKMORE, HENDRIX, CLAPTON, JEFF BECK…….ma chi sono??? (questa Tim me la paghi)

    cmq purtroppo la neve è già sparita, ma……from the land of the ice and snow……. la rivedremo presto, alta quanto basta :-)

    Mi piace

  6. timtirelli 10/12/2012 a 22:56 #

    Bella questa cosa della neve, un’altra sinergia blues che ci accomuna.
    Let it snow Let it snow Let it snow .

    Mi piace

    • lara 16/12/2012 a 11:53 #

      dal cuore delle marche ecco un altra amante della neve, possibilmente quando non si lavora……….., la cosa migliore e’ la classica casa di montagna, un bel fuoco acceso, tanto rock a palla…… e un bel gruppetto di amici VERI!!!!!!!!!!!!!!! ho scoperto te, Picca e gli altri un po’ tardi ma sono gia’ pazza di voi musicalmente, grazie d’esistere!

      Mi piace

  7. lara 16/12/2012 a 11:56 #

    portiamo anche Leopold nella casetta in montagna a posto di farlo andare a fare il porcellino stagionato in thailandia!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: