News: cofanetto TRUE TO THE BLUES di JOHNNY WINTER

11 Dic

Il 23 febbraio 2014 la LEGACY (Columbia-Sony) – in occasione del settantesimo compleanno del tornado del Texas – pubblicherà un cofanetto  retrospettivo di 4 cd del nostro amato JOHNNY WINTER. TRUE TO THE BLUES sarà per me quello che CARRY ON di SYEPHEN STILLS è stato per Picca: un oggetto di un artista di cui comprerei qualsiasi box set ufficiale sebbene non vi sia praticamente nulla di inedito, giusto un paio di rarità. Dando una veloce scorsa alle note informativo qui sotto, la prima cosa che salta agli occhi è che non ci sono pezzi da WINTER OF ’88, pubblicato appunto nel 1988 dalla MCA. Evidentemente le case discografiche non si sono messe d’accordo.

Mi ero ripromesso di iniziare il 2014 andandoci cauto con i cofanetti e le deluxe edition, ma come cavolo di fa quando escono box set degli artisti che ti hanno tenuto in vita tutti questi anni?

(grazie a Picca)

johnnywinterstory - true to the blues box set
The great rock and roll, and blues player, Johnny Winter turns 70 this year. And while that still blows me away having been a Johnny Winter fan all of these years, I’m always pleased when he gets recognized for the legendary guitar player he is. With a string of successful albums on Columbia Records, and some excellent ones on Blue Sky (an Epic imprint), as well as his later blues-oriented sets, it is no surprise that Legacy Recordings, in conjunction with all of his labels, have chosen to celebrate Winter’s birthday with an upcoming, all -inclusive 4CD box that will boast 56 tracks – all remastered – spanning his long running career from 1968-2011.

On February 25, Legacy Recordings will issue True to the Blues – The Johnny Winter Story. This box will be chronologically tracked beginning with Johnny Winter’s Imperial Records recordings, his six Columbia Records, on through his Blue Sky albums, and his Alligator, Virgin, and Megaforce releases. This set looks to be musically well documenting of Winter’s extraordinary run as one of the great musicians etched to vinyl, tracked to tape, and embedded within CDs.

True To The Blues will not only offer the 56 tracks promised and listed, but will also fill a booklet with notes, photos, and a richly detailed biography.

Not only will there be studio cuts, there will also be included a fair amount of live performance tracks. Johnny Winter shone greatest in his live setting. A listen to any of his stuff from Woodstock will reveal that. During Winter’s recording years, he released a fair selection of live albums for the same reason, he showcased best. True To the Blues will contain live material from his CBS releases, Johnny Winter AndCaptured Live!, and the later issues of The Woodstock Experience, and Fillmore East: The Lost Concert Tapes. In addition, there will be previously unreleased “Eyesight to The Blind”, and “Prodigal Son”, both from the previously unavailable on CD, The First Great Rock Festivals Of The Seventies – Isle Of Wight/Atlanta Pop.

The complete track-list follows (cut ‘n pasted). Enjoy, my brethren!

True To The Blues: The Johnny Winter Story
(Columbia/Legacy 88883 74085 2)

Disc One – Selections: 1. Bad Luck And Trouble (A) • 2. Mean Town Blues (A) • 3. Mike Bloomfield’s Introduction Of Johnny Winter (live, B) • 4. It’s My Own Fault (live, B) • 5. I’m Yours And I’m Hers (C) • 6. Mean Mistreater (C, with Willie Dixon and Walter “Shakey” Horton) • 7. Dallas (C) • 8. Be Careful With A Fool (C) • 9. Leland Mississippi Blues (live, D) • 10. Memory Pain (E) • 11. Highway 61 Revisited (E) • 12. Miss Ann (E) • 13. Hustled Down In Texas (E) • 14. Black Cat Bone (live, F) • 15. Johnny B. Goode (live, F).

Disc Two – Selections: 1. Eyesight To The Blind (previously unreleased, live at Atlanta Pop Festival, 1970) • 2.Johnny Winter’s Intro (live at Atlanta Pop Festival, 1970) • 3. Prodigal Son (previously unreleased, live at Atlanta Pop Festival, 1970) • 4. Mean Mistreater (live, G) • 5. Rock And Roll Hoochie Koo (H) • 6. Guess I’ll Go Away (H) • 7. On The Limb (H) • 8. It’s My Own Fault (live, I) • 9. Jumpin’ Jack Flash (live, I) • 10. Good Morning Little School Girl (live, J) • 11. Mean Town Blues (live, J).

Disc Three – Selections: 1. Still Alive And Well (K) • 2. Rock Me Baby (K) • 3. Rock & Roll (K) • 4. Rollin’ ’Cross The Country (L) • 5. Hurtin’ So Bad (L) • 6. Bad Luck Situation (L) • 7. Self Destructive Blues (M) • 8. Sweet Papa John (M) • 9. Rock & Roll People (M) • 10. Harlem Shuffle (live, with Edgar Winter, N) • 11. Bony Moronie (live, O) • 12. Roll With Me (live, O) • 13. Tired Of Tryin’ (P) • 14. TV Mama (P) • 15. Walkin’ Thru The Park (with Muddy Waters & James Cotton, P) • 16. I Done Got Over It (live, with Muddy Waters & James Cotton, Q).

Disc Four – Selections: 1. One Step At A Time (R) • 2. Honest I Do (R) • 3. Nickel Blues (R) • 4. Talk Is Cheap (S) • 5. Wolf In Sheep’s Clothing (S) • 6. Bon Ton Roulet (S) • 7. Don’t Take Advantage Of Me (T) • 8. Master Mechanic (U) • 9. Mojo Boogie (V) • 10. Stranger Blues (live, W) • 11. Illustrated Man (with Dr. John, X) • 12. Hard Way (Y) • 13. Highway 61 Revisited (live, Z) • 14. Maybelline (featuring Vince Gill, AA) • 15. Dust My Broom (featuring Derek Trucks, AA).

Album index:
A – from The Progressive Blues Experiment (Liberty LP-12431, recorded 1968, released 1969)
B – from Fillmore East: The Lost Concert Tapes 12/13/68 (Columbia/Legacy 85278, recorded 1968, released 2003)
C – from Johnny Winter (Columbia 9826, recorded and released 1969)
D – from The Woodstock Experience (Columbia/Legacy 88697 48244 2, rec. 1969, rel. 2009)
E – from Second Winter (Columbia 9947, recorded and released 1969)
F – from Second Winter: Legacy Edition (Columbia/Legacy 85735, recorded 1970 at The Royal Albert Hall, London, released 2004)
G – from The First Great Rock Festivals Of The Seventies – Isle Of Wight/Atlanta Pop (Columbia 30805, recorded July 5, 1970, at Middle Georgia Raceway, Byron, GA, released 1971, previously unavailable on CD)
H – from Johnny Winter And (Columbia 30221, recorded and released 1970)
I – from Johnny Winter And/Live (Columbia 30475, recorded 1970 at Pirate’s World, Dania, FL, released 1971)
J – from Live At The Fillmore East 10/3/70 (Collectors Choice 60002, rec. 1970, rel. 2010)
K – from Still Alive And Well (Columbia 32188, recorded and released 1973)
L – from Saints & Sinners (Columbia 32715, recorded 1974, released 1975)
M – from John Dawson Winter III (Blue Sky 33292, recorded and released 1974)
N – from Together (Blue Sky 34033, recorded 1975 at Swing Auditorium, San Bernardino, CA, released 1976)
O – from Captured Live! (Blue Sky 33944, recorded 1976 at San Diego Sports Arena and Oakland Coliseum, released 1976)
P – from Nothin’ But The Blues (Blue Sky 34813, recorded and released 1977)
Q – from Breakin’ It Up, Breakin’ It Down (Columbia/Legacy 88697 07283 2, recorded 1977 at Masonic Temple Theatre, Detroit, released 2007)
R – from White, Hot & Blue (Blue Sky 35475, recorded and released 1978)
S – from Raisin’ Cain (Blue Sky 36343, recorded 1979, released 1980)
T – from Guitar Slinger (Alligator 4735, recorded and released 1984, Grammy®-nominated)
U – from Serious Business (Alligator 4742, recorded and released 1985, Grammy®-nominated)
V – from 3rd Degree (Alligator 4748, recorded and released 1986)
W – from Live Bootleg Series Vol. 3 (Friday Music 1085, recorded late 1980s, released 2008)
X – from Let Me In (Pointblank 91744-2, recorded and released 1991)
Y – from Hey, Where’s Your Brother? (Pointblank 0777 7 86512 2 2, rec. and rel. 1992)
Z – from Bob Dylan – The 30th Anniversary Concert Celebration (Columbia 53230, recorded 1992 at Madison Square Garden, released 1993)
AA – from Roots (Megaforce 1603, recorded and released 2011)

(from MusicTap)

Johnny Winter - 1971

Johnny Winter – 1971

15 Risposte to “News: cofanetto TRUE TO THE BLUES di JOHNNY WINTER”

  1. lucatod 12/12/2013 a 11:41 #

    Ah Tim , è dura privarsi di certi piaceri , anche io ho cercato di mettere un freno dato che non navigo certamente nell’oro , ma che strazio ! Volevo completare la collezione beatlesiana in CD e vinile uscita qualche anno anno fa , ma per il momento sono a metà strada e non credo di andare oltre , quindi mi tengo le vecchie edizioni e pazienza . C’erano le riedizioni in vinile di alcuni LP dei KC e ho dovuto lasciare perdere , ma per il nuovo anno non mi lascerò sicuramente scappare le riedizioni dei LZ .
    E’ piuttosto evidente che queste uscite non sono rivolte ad un pubblico di ragazzini (la maggior parte dei quali si accontenta di scaricare su mp3 e ascoltarseli sul cellulare o youtube) , ma quanto può durare sta cosa ? Il mercato discografico non era in crisi ?

    Mi piace

  2. mikebravo 16/12/2013 a 08:17 #

    Un grandissimo artista merita un cofanetto del genere.
    Winter é annunciato in Italia a breve.
    Fantasticando un po’, un simil- cofanetto dedicato dedicato a PAGE,
    Inizierebbe il primo CD con HAPPENINGS TEN YEARS AGO,
    PSYCHO DAISIES e sarebbe un grande inizio psichedelico!!!!!
    Continuerebbe con LITTLE GAMES, WHITE SUMMER e sarebbe
    profumo di oriente, continuerebbe con TINKER TAYLOR SOLDIER
    SAiLOR e la primigenia DAZED AND CONFUSED e sarebbe
    l’archetto che sulla chitarra produce effetti lisergici.
    poi verrebbero 3 CD tutti sui LED ZEPPELIN ed un CD finale
    con il meglio di DEATHWISH, FIRM, PAGE-HARPER, OUTRIDER,
    PAGE- COVERDALE, PAGE- PLANT, PAGE- BLACK CROWES
    e perché no, PAGE- PUFF DADDY.
    Come ultimo brano la KASHMIR della reunion del 2007.
    Che sarebbe un finale degno dell’inizio.

    Mi piace

  3. lucatod 16/12/2013 a 12:01 #

    Io metterei il bootleg “For Zeppelin Fans Only” tratto dal tour di Outrider , ovviamente un live dei FIRM (magari Hammersmith ’84) e uno con le loro Outtakes , ed eliminerei puffdaddy (anche fisicamente) . Dei LZ , solo roba live tipo official bootlegs , giusto per non accavallarsi con la discografia ufficiale del Dirigibile :-)

    Mi piace

  4. mikebravo 16/12/2013 a 14:27 #

    Come with me é stato un bel connubio tra led e rap.
    E se diversi gruppi rap hanno campionato brani zeppelin
    questo la dice lunga.
    Musica ancora attuale.

    Mi piace

  5. lucatod 16/12/2013 a 14:48 #

    Intendi i Beastie Boys ? A me non piacciono i remix di vecchi pezzi con materiale rap , dance a così via , poi è vero che il crossover è una realtà musicale mica da ridere . Che i LZ siano attuali è poco ma sicuro , ma proprio per questo a mio parere non hanno bisogno di “rivisitazioni” . Questo vale anche per altre grandi band , per fare un esempio a me la Walk this Way rifatta con i run dmc , non mi è mai piaciuta , poi avrà fatto conoscere Tyler e co ad un nuovo pubblico , ma per quanto mi riguarda il rock è rock .
    Tornando a Come with me , che vuoi che ti dica a me non piace , e personalmente non la inserirei in un immaginario box su Page , c’è tanta altra bella roba da tirare fuori dagli archivi , perché proprio quella , che magari trovi su un best of di puffdaddy o su una raccolta di colonne sonore recenti . Poi si sa .. sono gusti …

    Mi piace

  6. mikebravo 17/12/2013 a 08:57 #

    Il connubio tra jimmy ed il cinema e le colonne sonore merita grande
    rispetto.
    Il tema di GOLDFINGER del 1964 cantato dalla Bassey, é condotto
    dalla chitarra di page.
    BLOW UP di antonioni vede in azione gli yardbirds in qualita’ di
    sostituti degli who sfascia-chitarre.
    Bellissimo il primo piano di jimmy page al basso.
    Partecipano alla colonna sonora con STROLL ON, uno dei
    pochi brani in cui jeff e jimmy duettano.
    Venendo a lucifer rising, storia nota a tutti, se ha fruttato
    l’intro magnifico di IN THE EVENING……
    THE SONG REMAINS THE SAME la dice lunga.
    DEATH WISH II non é un film all’altezza della musica di page che
    almeno in un brano della colonna sonora tocca alti picchi.
    Anche GODZILLA non é un film indimenticabile ma il singolo
    della colonna sonora SU MUSICHE DEI LED ZEPPELIN diventa di platino.
    E continuando il documentario con Edge e White che piace tanto
    ai musicisti.
    E per finire CELEBRATION DAY che è candidato a molti premi.
    Rap o no rap, puff daddy o no,un jimmy page grandissimo anche
    in rapporto al cinema ed alle colonne sonore.

    Mi piace

    • lucatod 17/12/2013 a 11:25 #

      come non detto ………..

      Mi piace

      • mikebravo 18/12/2013 a 08:03 #

        Ma tu puoi dire quello che vuoi!
        In fondo jimmy ci ha lasciato in crisi di astinenza.
        In questo periodo sto ascoltando gli album piu’ recenti
        di Eric Clapton che trovo usati a basso prezzo.
        Dato che non li avevo sentiti a suo tempo, sono alla ricerca
        di qualche bell’assolo e qualche bella canzone.
        In crisi di astinenza puo’ andare bene un PILGRIM o un
        REPTILE ?

        Mi piace

  7. lucatod 18/12/2013 a 11:11 #

    Il materiale post Just One Night lo seguo con difficoltà , anche se qua e la ci sono dei pezzi che riescono a colpirmi . Pilgrim contiene dei pezzi interessanti , a volte non mi pare nemmeno Clapton , ma si ascolta con piacere .

    Io mi sto dando a Jimi Hendrix , ovviamente conosco a memoria i suoi tre album e il live ,
    ma sto andando a scovare anche i dischi di inediti , a quanto pare i nastri nei cassetti sono davvero tanti . Nel marzo di quest’anno è stato addirittura pubblicato “nuovo album” People Hell & Angels , l’ho provato ad ascoltare ma non mi è piaciuto per niente , meglio quello del ’97 . Ora io sono il primo che critica Page per la sua reticenza a pubblicare materiale d’archivio , però il controllo qualità è una cosa più che giusta , con Hendrix (ma anche Purple e via dicendo) la casa discografica s’è data proprio al sciacallaggio vero e proprio .

    Mi piace

    • mikebravo 18/12/2013 a 11:58 #

      Ti ricordi quando Alan Douglas faceva sovraincidere i nastri con
      sessionmen?

      Mi piace

  8. lucatod 18/12/2013 a 12:33 #

    I suoi metodi erano senza dubbio poco ortodossi , ma non mi meraviglia affatto , in pratica ha gestito a modo suo l’eredita artistica di Hendrix a favore della casa discografica , raschiando secondo me anche il fondo del barile . Come album postumo , perlomeno quello che mi colpito in positivo , FIRST DAYS OF THE NEW RISING SUN , vede il ritorno di Eddie Kramer , che almeno in teoria avrebbe ripristinato lo spirito autentico di quei lavori . Poi ammetto che la sconfinata discografia di Hendrix mi è perlopiù sconosciuta , e di lui ho letto solo la biografia “La stanza degli Specchi” di Charles R. Cross . Diciamo che solo recentemente sto gettando uno sguardo un pochino più approfondito verso la sua musica , non so perché ma il mio amore per il primo Clapton e gruppi a lui connessi , mi hanno sempre tenuto un pochino indifferente .
    Ad esempio oltre la Experience e la Band of Gypsys con Cox e Miles , il resto non l’ho mai seguito , a Woodstock con quella formazione ampliata poi non mi ha mai preso .

    Mi piace

  9. mikebravo 19/12/2013 a 07:57 #

    Mentre Page e Clapton hanno goduto della ricchezza creata con la
    loro musica, Jimy pote’ avere solo una piccola parte degli introiti dei
    suoi dischi e tour.
    E droghe a parte, investi’ tutto negli Electric Ladyland Studios dove
    passo’ infinite notti da incidere ed a jammare.
    Ha lasciato tantissime registrazioni inedite che continueranno ad uscire
    nei prox decenni.
    Il 1969 ed il 1970, sono d’accordo con te, sono periodi di confusione a
    livello di indirizzo musicale.
    Ma nel mio immaginario Jimi che stravolge con la sua chitarra l’inno
    americano a Woodstock é uno dei momenti piu’ alti
    dell’epopea rock.
    Una curiosita’ : esistono 3 registrazioni diverse del concerto di bologna
    26 maggio 1968, credo quello pomeridiano, tutte effettuate con registratore
    geloso.
    Una la fece tale Charlie Rokketto, un musicista che ha improntato la sua
    vita sul possesso di quel nastro.
    Io lo vidi ad una fiera del disco ed era vestito in modo singolare.
    E’ morto qualche tempo fa.

    Mi piace

  10. lucatod 19/12/2013 a 11:41 #

    C’è un amico di Carlo Verdone , che ha sempre dichiarato di avere suonato la batteria durante un concerto tenuto a Roma (credo) in sostituzione di Mitch Mitchell (fuori combattimento) , non so se sia vero , anche perché sto personaggio pare poco credibile . Trovi l’intervista su youtube assieme a Verdone Giallini per il programma Stracult , dove parlano dei concerti tenuti dalle band straniere in Italia durante i ’60/70.

    Mi piace

  11. mikebravo 19/12/2013 a 14:37 #

    Nel libro ” 5 giorni a maggio ” scritto da italiani su quella tournée e basato
    su testimonianze dirette, non se ne fa cenno.
    Ricordo che gli autori, ad un concerto di NOEL REDDING vicino modena
    nei novanta, distribuirono un volantino tra noi presenti in cui chiedevano
    se vi fossero testimonii di quella tournée che avessero foto o aneddoti
    utili per il libro che poi usci’ .
    Uno splendido libro!!!!!!

    Mi piace

  12. lucatod 19/12/2013 a 16:01 #

    Il tipo si chiama Alberto Marozzi , ti lascio il link della puntata in questione http://www.youtube.com/watch?v=t47jhWeETMk .
    Si parla anche dei concerti tenuti dai Beatles e dai primi Pink Floyd (certi aneddoti sono un pochino confusi) .

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: