Tre anni di blog

18 Feb

Questo terzo compleanno del blog arriva in un momento in cui mi pare di essere più in affanno che in passato. I soliti blues che non descrivo nemmeno più fan sì che io trascuri il blog, che riponga nei cassetti della mente ogni idea che mi viene, che tenda a posticipare ogni fiotto di pensiero che lo riguardi. Vorrei fare di più, vorrei scrivere con più attenzione, affrontare i temi trattati più in profondità, easminare argomenti più interessanti, ma in questo momento non mi è possibile.

Happy Anniversary!

You registered on WordPress.com 3 years ago!

Thanks for flying with us. Keep up the good blogging!

Un po’ me ne dispiaccio, ma poi mi dico che se dovessi aspettare di avere il tempo a disposizione che desidero, la vena creativa più brillante, gli argomenti più stimolanti, finirei per non fare nulla. Così, nel bene e nel male, porto avanti questa bella avventura, queste storielle raccontate sotto voce nel confessionale del blues, questo confronto con la bella comunità che si è creata intorno a questo “diario tenuto sulla rete” dello smilzo di Nonantola … Nonantolaslim … Magister Timotheus … Steven Tyrrell … insomma io, Tim Tirelli.

Confessionale del blues

Confessionale del blues

Non posso non ringraziare ancora una volta tutti voi che composti restate in ginocchio sui banchi di questa cripta blues, di questa cattedrale dello spirito laico, di questa voragine da cui ci divertiamo a guardare negli occhi l’abisso, di tutti voi che, insieme al vostro magister, in fila indiana, scendete la scala che porta prima agli inferi e poi al paradiso (quello profano of course).

La Cripta della Abbazia di Nonantola

La Cripta della Abbazia di Nonantola

Un giorno ci incontreremo sugli spalti del Los Angeles Forum, del Madison Square Garden, del Budokan o anche solo su quelli della domus saurea e allora porteremo in trionfo la coppa della lega dei campioni del blues e intoneremo tutti insieme i versi sacri:

Mystery surrounds me, and I wonder where I’m going
There’s a cloud above me and it seems to hide the way
I’m going straight ahead, ‘cos it’s the only way I know
I wanna leave the past, and leave just for today

Head upon the highway, just as fast as I could go
I rode through the night, and halfway through the day
I had no direction I didn’t even want to know where I was going
The only thing I knew, was that I had to get away

Sweep those blues outside the door
You won’t need them anymore
I’m coming to you
I must have been a fool before
Now all I want
All I want
All I want is you

So roll away your loneliness
You have sent your last S.O.S.
Turn you heart on put your mind at rest
‘Cause all I want
All I want
All I want is you

I’m on flight 1 1 2
The airport’s straight ahead
Runway lights in blue and red
Now the seatbelt sign’s aglow
I’m nearly home, nearly home

So throw throw those long sad books away
Times and crimes of yesterday
Tonight I’m gonna love you
Till the break of day
‘Cause all I want
All I want
All I want is you

Uomini e donne di blues del TT blog, eye thank yew!

 We want to teach you one thing. Take your right hand, and put it in the air, right hand. Right hand, you fool. Cup the hand like that. Take it to your nose, and go. And then, Eye thank yew. After three. One, two, three. Eye thank yew. Good evening.

4 Risposte to “Tre anni di blog”

  1. mikebravo 19/02/2014 a 09:00 #

    Tre anni di blog sono un bel traguardo.
    Ci sono stati momenti epici e scontri agguerriti.
    Nonostante un panorama musicale ( 2011-2014) deprimente,

    Mi piace

  2. gery 19/02/2014 a 10:42 #

    Salve Tim
    “Confessionale del Blues” AH AH, bellissimo XD. Secondo me non c’è bisogno di tante parole, bastano certi spunti espressi nel modo giusto come fai tu. Un pò come si usa negli haiku, le poesie giapponesi.

    Mi piace

  3. lucatod 19/02/2014 a 13:28 #

    Oltre ad essere un DIARIO personale sempre molto interessante , questo BLOG è Il miglior SPAZIO dedicato alla musica (e non solo) presente sul web . Continua così !

    p.s Ieri notte ho visto l’ultima puntata di The Americans .. a momenti me la facevo sotto .. ….. Games without frontiers … war without tears …

    Mi piace

  4. timtirelli 19/02/2014 a 14:38 #

    MIKE, mi sa che sia un bel po’ che il panorama musicale è deprimente, ma Polbi ad esempio non sarebbe d’accordo. Io di sicuro, per quanto concerne la musica Rock, non ho più aspettative e quello che facciamo sul blog è una operazione da boulevard nostalgia….

    MARTA: grazie davvero.

    LUCA: come sempre sei troppo gentiie quando parli dEL blog, ma le tue parole fanno molto piacere. L’ultima puntata di THE AMERICANS è stratosferica. Io me ne stavo aggrappato al divano e alla groupie teso come una corda dell’archetto di violino…spettacolo!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: