Down by the seaside blues

27 Ago

Dopo le due settimane a Cuba di aprile, qualche giorno in Romagna, in una location rigorosamente vicino al kartodromo più grande d’Italia per dar modo alla groupie di sfogare le sue voglie. Tutto sommato non mi dispiace, dalle 12 alle 15,30 quando la spiaggia si svuota e guardo le vele bianche all’orizzonte sento le tossine lasciare il mio corpo, mi sento leggero, a posto con me st(r)esso. Se poi ho in mano una Corona gelata e in cuffia DOWN BY THE SEASIDE dei LZ, mi sento prossimo a raggiungere l’estasi…

Leggo, osservo, medito in modalità take it easy. Inizio a pensare che il mensile LINUS sia la rivista italiana di maggior spessore, o perlomeno quella che leggo con più fervore…

Linus agosto 2015

Le strisce di DILBERT e PERLE AI PORCI sono diventate essenziali per me, i PEANUTS mi riportano ai miei happy days e certi articoli mi fanno ridere l’animo: UN CASINO IMMENSO (mappa del dibattito in rete) / UN TEMPO GLI INTELLETTUALI ERANO INCISIVI. OGGI? BOH, FORSE, CHISSÀ. / ERAVAMO A RAGIONERIA INSIEME / E TU DI CHE PIDDÌ SEI?

Linus - che pddino sei?

Linus – che pddino sei?

Mi lascio trasportare poi dall’ultimo libro edito in Italia di GREG ILES, di cui da alcuni anni sono un fan con la stessa intensità di cui lo sono (ero?) dei LED ZEPPELIN…

Tim - reading The Natchez Burning

Tim – reading The Natchez Burning

Un paio di giorni di maltempo servono a far respirare l’estate, ossigenare il mare, rifarmi vivere il malinconico mood della Riviera al tempo della pioggia. Mi rifugio in un ristorante di buon livello, pietanza a base di pesce e per finire carpaccio di ananas. Mica male …

Da Giorgio - Carpaccio di Ananas - foto TT

Da Giorgio – Carpaccio di Ananas – foto TT

La musica, o meglio il rumore sonoro che si sente in giro, è quasi sempre spazzatura. La techno-caraibica commerciale insopportabile, il nuovo “piano bar” che consiste in un cellulare o in un tablet collegato ad un minuscolo mixer e ad un paio di casse che diffondono basi su cui uno sprovveduto canta (male) canzoni con arrangiamento techno. I bambini ballano al ritmo di questa melma, e mi chiedo che generazione diventerà la loro se cresce ascoltando questa sbobba sonora.

Torno indietro di alcuni decenni, cerco di ricordare cosa ascoltavo “involontariamente” io. La sigla della TV dei ragazzi consisteva in A SALTY DOG dei PROCOL HARUM e SHE CAME IN THROUGH MY BATHROOM WINDOW versione JOE COCKER. Quando mio padre, il vecchio Brian, o mia madre compravano un 45 giri per me o mi sorella prendevano cose tipo VENUS degli SHOCKING BLUE, BELLA BELINDA di GIANNI MORANDI, MINUETTO di MIA MARTINI o qualcosa dei CANNED HEAT da BANDIERA GIALLA. Ora, non è che BELLA BELINDA fosse un pezzo profondissimo, era ed è piuttosto sciocchino, trattasi di una cover di PRETTY BELINDA (1969) di CHRIS ANDREWS, una sorta di swing allungato con beat e rhythm and blues bianco inglese… però a me sembra un pezzo di musica leggera, non un pezzo di musica stupida… mah, chissà, forse sono io che come al solito guardo troppo lo specchietto retrovisore.

Parlo con la titolare del bagno dove ci siamo appoggiati, ci dice che quest’anno al pomeriggio, per l’aperitivo, ha chiamato uno che fa “Jash” (Jazz insomma). Alle 16 vado a vedere di che si tratta. C’è la sagoma di un pianoforte a coda di compensato bianco. Un uomo sui quarant’anni vi ha appoggiato sopra una tastiera, un mixerino, due casse, lì vicino un sax. Partono le basi, lui inizia a suonare la tastiera che ha gli stessi suoni delle tastiere Bontempi per bambini, mi stupisco della misera qualità. Poco dopo il Duke Ellington della Romagna prende in mano il sax con cui soffia fuori qualche nota senza nessuna particolarità. Il genere è una sorta di new age neutra. Il microfono tende a scivolare dal supporto ogni minuto, scena fantozziana. La sera passo vicino al bagno in questione, c’è ancora lui, stavolta fa piano bar, canta canzoni “d’autore”… ma è un cantante mediocre, ha una voce non adatta, non tiene bene l’intonazione. Mi faccio sempre la stessa domanda, sono io che sono diventato un vecchio brontolone o è un salutare modo di ribellarsi all’assuefazione di mediocrità che c’è nel mondo oggi? Se ti proponi come musicista da intrattenimento in situazioni del genere e, badate bene, sei pagato adeguatamente per farlo, occorre che tu ci sappia perlomeno un po’ fare, altrimenti sfoghi le tue voglie nella tavernetta di casa tua quando vengono gli amici a mangiare una pizza al salame piccante. Non devi essere FREDDIE MERCURY, ma devi essere almeno bravino.

Qualche sera dopo nella piazzetta della ridente cittadina c’è un gruppo all’apparenza professionale: palco grande, impianto luci notevole, vestiti da scena, pubblico numerosissimo. Il cantante è vestito come uno dei CLASSIC NOVEAUX …

Uno dei CLASSIC NOVEAUX

Uno dei CLASSIC NOVEAUX

Il genere proposto è una mistura senza costrutto: TALK TALK, SPANDAU BALLET, BOB MARLEY, KIM CARNES, persino gli YES (anni ottanta). Sono in sei sul palco, più un dj (un dj?) vestito come un rapper nero con cappello e medaglioni. Fanno uso di basi, non si capisce chi suona e chi fa finta, mah! Tutti i pezzi hanno lo stesso arrangiamento, lo stesso tempo. Il cantante non è dotato, ma la gente applaude, salta, balla al ritmo di “Su le maniiiii!!!” Ma la voglia di Rock è tanta che quando esplode OWNER OF A LONELY HEART la groupie scatta. Mi allontano da lei, mi nascondo in un aiuola, e mi metto a riprenderla con cellulino. Suona la airguitar, gli airdrums… chissà cosa pensa la gente di questa esagitata. Ad un certo punto si chiede dove io sia finito, si guarda intorno, mi vede, alza le mani in preda all’esaltazione mistica… e tutto questo per una canzonetta come POSSESSORE DI UN CUORE SOLITARIO, si trattasse di STARSHIP TROOPER capirei, ma così … come se io facessi lo stesso per, che so, ALL MY LOVE.

Ad ogni modo, unica eccezione alla monotonia musicale un gruppetto di ragazzi con una ragazza alla voce che propone del Rock in cui mi imbatto una sera. VAN HALE, RAY CHARLES, CHUCK BERRY, LED ZEPPELIN, ROBERT PALMER/TINA TURNER, JOAN JETT… roba buona. E’ divertente notare come un gruppo senza tante pretese sia comunque credibile grazie alla verve del chitarrista solista. I brani dei LZ non sono eseguiti benissimo, ma il resto è dignitoso, e poi … vedere una band di giovanetti suonare RAY CHARLES (Hallelujah I Love Her So del 1955) e CHUCK BERRY (Roll Over Beethoven del 1956) è una gran cosa, seppur si presentino sul palco in braghe corte …

Gruppetto Rock a Cesenatico - agosto 2015

Gruppetto Rock a Cesenatico – agosto 2015

Una sera in un hotel noto un duo bislacco: lui alle tastiere e al canto, lei alla batteria e ai cori. Suonano con l’aiuto di basi naturalmente; mi fermo a guardare la signora che tiene il tempo con la batteria; sto per andarmene quando vedo lui che si avvicina ad una buffa steel guitar… rimango basito, è chiaro che il tipo è uno della vecchia guardia, un musicista vero dei bei tempi andati. Mi rattristo nel constatare a cosa si è dovuto adeguare per vivere di musica, ma poi applaudo convinto la sua performance. Vaja con dios, hombre.

steel guitar man - foto TT

steel guitar man – foto TT

Davanti ad una libreria sento due signore parlare con accento meridionale: “Ah, qui c’è la libreria” dice una, e l’altra “Ah no, basta, io ho già due libri a casa, non ho bisogno d’altro. Sono quelli per il significato dei sogni”. Sbigottito mi giro a guardarla, è una di quelle 40/50enni tarchiate, troppo in carne, vestita come se avesse 20 e un corpo mozzafiato. E’ uno di quei momenti in cui il suffragio universale mi sembra una “cagata pazzesca”. Non è che io mi senta chissà chi, ma perlomeno, da uomo miserello quale sono, leggo libri, quotidiani, settimanali, in qualche occasione partecipo come spettatore a dibattiti politici e riunioni politiche, prima di andare a votare mi interrogo su certe questioni, valuto i candidati, bestemmio perché poi nessuno mi convince, ma se non altro cerco di mettere un po’ di me stesso  nell‘arte di governare le società (la politica insomma); ecco, che il mio voto valga come quello della australopiteca che ho davanti non mi va più bene. E ‘fanculo la democrazia.

Per calmarmi e cercare di dimenticare passo al mio hobby preferito: camminare per le strade di seconda fascia e osservare gli alberghi, carpirne gli aspetti più blues. Ne trovo uno che più blues non si può: l’Hotel Riposo. Ah.

gli hotel del Blues ... - foto TT

gli hotel del Blues … – foto TT

gli hotel del Blues ... - foto TT

gli hotel del Blues … – foto TT

Mi diverto anche ad esaminare i condomini di appartamenti da affittare o acquistare, in uno scovo una cassetta della posta assai curiosa…

Cassette della posta Blues - foto TT

Cassette della posta Blues – foto TT

In spiaggia, assorto nella lettura, sento genitori italiani chiamare i figli, scuoto la testa: i nomi dei bambini sono pretenziosi … è tutto un fiorire di Sebàstian, Samuel, Maicol, Manuel … una bambina si chiama Mària, con l’accento sulla prima a… sbotto tra me e me:  “an s’pol menga, ma fat dèr in dal cul te e Mària!”. La prossima volta cercherò un hotel e un bagno childfree in modo da non dover più essere costretto a sentire certi nomi.

Il mare è comunque una scusa, siamo qui affinché la groupie possa correre in go-kart. Per tre sere l’ accompagno in questo bel circuito che non frequenta da due anni, in tutto 8 gare: sette volte prima e una volta seconda; “il secondo posto è un cruccio” mi dice, “il kart che mi hanno dato non andava”. Inoltre ha centrato il 5° miglior tempo del circuito dell’anno in corso. Certo, sono “gare” fatte da appassionati che si ritrovano al momento, non sono gare ufficiali di campionato, ma vederla nella tuta gialla (colore riservato alle donne), sfrecciare tra le tute rosse (riservate agli uomini), e vedere il numero del suo kart continuamente nella prima posizione del tabellone luminoso mi riempie come sempre di meraviglia. In pista più o meno 20 concorrenti alla volta, lei li supera tutti, se non si spostano li sbatte fuori, alcuni li doppia. Ormai la conosco la mia groupie, ma mi sorprendo ogni volta… una che abbia un talento del genere in due discipline così distinte tra loro (la velocità e la musica) non è cosa comune.

Motor head woman - foto TT

Motor head woman – foto TT

Motor head woman - foto TT

Motor head woman – foto TT

In spiaggia scambio messaggi con JAYPEE. Anche lui e al mare, non troppo distante da me. Mi invia foto di certi “elegantoni” (cit. di Terence Hill) in giro la sera  in ciabatte, braghe corte e canottiera e di BEPPE MANIGLIA che è “in concerto” in una delle piazze del paese in cui si trova il mio amico.

Ogni mattina compro REPUBBLICA e LA GAZZA, il calciomercato è al suo culmine così, avido di notizie, sfoglio le pagine sperando in un colpo sensazionale della mia squadra. A tal proposito scambio messaggi con BEPPE RIVA. Il maestro è in Portogallo, mi manda una foto dove sfoggia il suo ultimo acquisto: una t-shirt dei BS. Parliamo della nostra INTER, tra speranze e paure. L’ultimo lustro ci ha fiaccato, chissà se quest’anno finalmente ci riprenderemo le posizioni che ci competono…

Beppe Riva in Portogallo

Beppe Riva in Portogallo

Lasciare i posti e la gente è per me sempre difficile. Julia me lo faceva notare sempre. Anche stavolta saluto l’Adriatico con l’animo in pena. Riattraverso la Romagna, rientro in EMILIA e quindi a BORGO MASSENZIO. Nemmeno il tempo di arrivare e faccio una capatina in ufficio, lunedì si ricomincia, meglio controllare che tutto sia a posto. Mi fermo poi da Brian. Appena mi vede esclama “Tim!”. Sono un po’ abbronzato, se ne accorge e mi dice ” ‘ste bel.” (se sei bello), è proprio vero: ogni scarrafone è bello a papà suo. Siamo sulla veranda, gli chiedo le stesse cose, intavolo gli stessi semplici discorsi, d’altra parte l’alzheimer non permette voli pindarici. Cerco di parlargli dell’INTER e del campionato che finalmente sta per iniziare e lui “l’Inter, sè, l’è vera” (l’Inter, già, è vero) ma chissà se si ricorda davvero. Gli chiedo se mi vuole bene e lui “Mo’ dio canta!” esclamazione emilianissima, come a dire “mo’ certo, te ne voglio un sacco”. Bacio il mio vecchio e vado dalla Simo a prendere Palmiro.

Dopo due settimane di lontananza Palmir me la fa pagare: non mi caga e va a nascondersi. E’ un gatto fortunato, quando andiamo in vacanza lui se ne va dalla Simo, che lo ama almeno quanto lo amiamo noi, ma lui deve farmela pagare comunque, d’altronde è un gatto. Il ritorno alla Domus Saurea è come sempre un po’ traumatico, per me e per la groupie. La prima notte Palmir non ci lascia dormire un momento. Miagola, salta sul letto, affila le unghie dappertutto. Alle 4 esausto mi alzo e sto con lui fino alle 6. E’ irrequieto ma mi sta addosso. Gli preparo da mangiare, lo coccolo. Sembra calmarsi un po’. Gioca a nascondino dietro al divano…

Palmiro - foto TT

Palmiro – foto TT

Mi rimetto a letto. Alle 6,30 ricomincia. Si alza la groupie e lo fa uscire. Torna a casa verso sera, spossato, beve una ciotola d’acqua. Lo lavo con la salvietta, gli do da mangiare. Si abbuffa. Una volta finito mi fissa. Ho capito. Lo prendo in braccio, andiamo nello studiolo, prendo un cd e lo infilo nel lettore, parte la musica e Palmir si appisola tranquillo con il muso sul mio petto. Aveva solo bisogno della sua dose di Aor. Magico Palmir.

Finalmente il campionato. La stagione non poteva iniziare meglio: l’Inter vince, J**e-Milan-Napoli perdono. Come sempre soffro fino alla fine (segna JoJo al 93esimo!) ma sono contento, avevo bisogno di calcio, della mia Inter, di vittorie.

Cena estiva nel giardino di Pol; riprendiamo i contatti, valutiamo nuovi pezzi da aggiungere alla scaletta degli EQUINOX, parliamo di Rock, di fyga, dei blues della vita.

Pol & Tim - agosto 2015 - photo Saura T

Pol & Tim – agosto 2015 – photo Saura T

Agosto se ne sta andando, settembre incombe, via … si riparte.

◊ ◊ ◊

◊ ◊ ◊

7 Risposte to “Down by the seaside blues”

  1. lucatod 27/08/2015 a 12:09 #

    A breve arriva la stagione dei Genesis di Wind & Wuthering .

    L’estate la amo e la odio allo stesso tempo . Amo il mare e nei fine settimana quando posso ci vado il più possibile (abito in Sardegna.. almeno quello) , ma il caldo afoso e il riemergere di quella umanità fastidiosa a lungo andare mi deprime un po . I momenti liberi come sempre li ho passati a dare una mano alla mia compagna che fa parte di una associazione di volontariato che si occupa di randagismo , nel piccolo rifugio creato con le nostre mani , senza il minimo aiuto da parte del comune . L’estate mi fa girare le palle anche per questo , l’aumentare degli idioti che sbolognano cani e gatti , potendo contare sul buon cuore degli altri . Non c’è speranza , ma per davvero .

    Musica , ultimamente sto rispolverando parte della discografia dei Genesis (Peter Gabriel solo lo ascolto più spesso .. almeno i primi 4 e il doppio Plays Live) , probabilmente ha contribuito il documentario Sum Of the Parts , due ore di filmati e interviste , ma non si va da nessuna parte . L’unica cosa che ho capito è che Tony Banks mi sta sulle balle . e in misura minore Steve Hackett . Gli altri li ho trovati piuttosto piacevoli compreso Phil Collins . Comunque è un documentario che non consiglio . Troppo di “parte” .

    Fumetti , ho ripreso ad acquistare con cadenza irregolare Dylan Dog , e alcune belle antologie cartonate su Andrea Pazienza , da Penthotal , Zanardi , Pertini e Pompeo (quest’ultimo non mi ha mai fatto impazzire) , praticamente c’è quasi tutto .

    Libri , Tutto ciò che sono (di Anna Funder l’autrice di Stasiland ) ambientato nella Germania degli anni ’30 , poi qualche saggio sull’ex DDR , Stasi e via dicendo (però è sempre la stessa solfa) .. la mia fissazione ..a periodi sono proprio monotematico .

    Mi piace

  2. Tom 27/08/2015 a 12:50 #

    Tim, una semplice ingenua constatazione ma indossi un berrettino uguale preciso identico al mio che è però di colore senape…made in China, ma preso in England, dimmi dove lo trovi in italy…..se puoi….tom

    Mi piace

  3. Baccio 28/08/2015 a 12:39 #

    “Il suffragio universale è una cagata pazzesca”; sono pienamente d’accordo.
    A chi entra in un seggio elettorale si dovrebbe fare almeno qualche domanda prima di farlo votare, tipo chiedere la capitale degli USA o il nome del padre di Giacomo Leopardi !

    Mi piace

  4. mikebravo 31/08/2015 a 15:20 #

    Anche mia madre comprava molti 45 giri e li ascoltava in casa, per cui io,
    bambino, ho sofferto o goduto dell’ascolto reiterato di classici della musica
    leggera italiana.
    i dischi di Gianni Morandi erano i piu’ gettonati da mia madre e non so,
    freudianamente parlando, che influsso abbiano avuto su di me.
    Sicuramente, dato il successo enorme di cui godeva, anche il buon Gianni
    deve essere sceso a patti.
    Alcuni dischi lo fanno presagire.
    Alcune deviazioni dal comportamento da bravo ragazzo tipo
    ANDAVO A CENTO ALL’ORA, FATTI MANDARE DALLA MAMMA
    certi testi
    DI’ PURE AI TUOI CHE VIENE ELVIRA INSIEME A NOI, POI DOPO UN
    PO’ LA SCARICHIAMO……
    Il suo rimanere giovane in eterno, poi…….
    La sua presenza al Vigorelli nel 1971, dove la vogliamo mettere ?

    Dopo Morandi era inevitabile per me passare ai Led Zeppelin.
    Freudianamente parlando.

    Mi piace

  5. mikebravo 31/08/2015 a 16:00 #

    Gianni su facebook mi ha appena citato un’altra sua canzone
    MEGLIO IL MADISON
    ma l’ha incisa molto prima del 1973………………………

    Mi piace

  6. mikebravo 06/07/2016 a 07:58 #

    Quando il mio capo mi ha comunicato che le ferie che avevo ancora del 2015
    le dovevo fare finire entro i primissimi di luglio, ho fatto buon viso a cattivo gioco.
    In fondo adesso per andare in pensione dopo la riforma fornero occorrono quasi
    44 anni di contributi ed un’eta’ vicina ai 67 anni.
    Meglio prenderla con calma, sempreché uno abbia ancora il lavoro.
    3 settimane da pensionato quindi.
    Restare a casa mentre le 3 donne della famiglia vanno a lavorare è una
    sensazione che ti fa pensare alla canzone di Paul Mc Cartney che aveva
    un testo tipo QUANDO AVRO’ 64 ANNI MI FARAI ANCORA LA
    MINESTRINA ?
    Era un album dei Beatles, ragazzi !
    Comunque il primo lunedi’ l’ho passato al concerto dei black sabbath che non
    andranno in pensione ma continueranno il tour senza fine nel 2017.
    Il martedi’ successivo mi sono recato al catasto per una pratica e giunto allo
    sportello 2 gentili impiegati sulla sessantina mi hanno risolto il problema.
    Tutti vecchi anche allo sportello.!
    La terza settimana l’immancabile soggiorno s Rimini con la moglie.
    Rimini.
    Non è che vado sempre a Rimini.
    Qualche volta a Cattolica.
    Altre a Gabicce.
    Sono un uomo di mondo in fondo.
    Eppoi i primi ricordi al mare sono di Rimini ed ero molto piccolo.
    Quest’anno l’hotel l’ha scelto mia moglie ed è stata una scelta molto felice.
    Sul viale regina elena a poche centinaia di metri da un negozio di dischi
    che conosco dagli anni ottanta.
    Apre solo da giugno a settembre.
    Ogni anno mi aspetto di trovarlo chiuso.
    Invece………

    Mi piace

  7. mikebravo 06/07/2016 a 20:32 #

    ….invece il negozietto ha tenuto botta. Il proprietario ha 71 anni e sembra che
    abbia aperto 51 anni fa.
    Persone cosi’ rafforzano la mia convinzione che la musica fa miracoli.
    In effetti quella mattina ho trovato fra i CD il disco solista di IOMMI che é fuori
    catalogo da anni e giusto li’ potevo trovarlo, ancora sigillato.
    In effetti non mi aspettavo tanto.
    E’ stata una bella sorpresa.
    Giovedi’ sera nel piazzale di fronte all’albergo concerto gratuito di FABIO CONCATO.
    Il venerdi’ pomeriggio tour a piedi in rimini centro fino a via arco di augusto.
    Sosta rituale davanti ai locali che ospitarono la DIMAR, il piu’ bel negozio di dischi
    d’italia.
    Restano ancora a memoria le insegne del mitico negozio che frequentai dal 1977
    fino all’anno della chiusura ( 2008 ).
    Ma esisteva gia’ da molto prima.
    Un minuto di raccoglimento e preghiera con tanto di foto.
    Alla sera notte rosa e concerto al piazzale fellini di CARMEN CONSOLI.
    Al sabato ritorno a bologna.
    Nel pomeriggio vado in centro e mi infilo al DISCODORO di via galliera.
    Acquisizioni importanti.
    Molti 45 giri.
    Tra i tanti i PROCOL HARUM che cantano in italiano IL TUO DIAMANTE
    ( testo di MOGOL ).
    Sul retro il brano FORTUNA sempre in italiano.
    La musica in queste 3 settimane mi é stata compagna.
    Come sempre.
    Non mi ha lasciato mai.

    Ah, dimenticavo l’europeo……
    Ho visto in diretta qualche partita dell’italia.
    Buona quella con la spagna.
    Con la germania sembrava che a botta di culo fosse prossima ma quel coglione
    di pellet non poteva fare di peggio.
    Sul balletto di zaza stendiamo un velo pietoso.
    Il suo rigore una delle pagine piu’ tristi del calcio italiano.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: