THE EQUINOX – Festa Della Musica – Nonantola (MO) 16-6-2017

25 Giu

Warning:

 questa non è una recensione, né un’auto celebrazione, bensì un semplice resoconto personale, la visione di come un musicista del mio livello vive quelle piccole avventure che sono i concerti rock del proprio gruppo. Ogni accento auto elogiativo è puramente casuale

E così per il terzo anno consecutivo mi appresto a suonare nel mio paese natale. Dopo due anni di partecipazione alla rassegna del Pizza Fest, ecco che quest’anno partecipo alla Festa Della Musica, rassegna di gruppi che si snoda su 5 palchi posti negli angoli forse più suggestivi del centro storico. Veniamo inseriti tra i gruppi previsti sul palco più grande, nel bel giardino comunale detto Perla Verde. Prima di noi un’orchestra di 14 elementi e i PHANTOM, gruppo storico della scena modenese dedito da sempre all’hard rock di qualità. Non è semplice per me pensare di salire sul palco dopo di loro, ho una sorta di timore reverenziale nei confronti di Glaccio Tavoni, il chitarrista, musicista che ho sempre ammirato sin dal 1979, da quando cioè lo vidi su un palco con la sua Les Paul Cherry; mi sento – facendo le debite proporzioni –  un po’ come Page quando incontra John McLaughlin.

La Perla Verde è una location piuttosto suggestiva, un bel giardino a ridosso degli edifici comunali e della Rocca, la Torre dei Bolognesi. Quelli della mia generazione hanno passato buona parte della adolescenza tra queste mura e sotto queste piante, giocando a ping pong, a biliardino e mangiando ghiaccioli (che da queste parti chiamavamo bif).

La Rocca (Torre dei Bolognesi) – Nonantola

Nel denso caldo pomeridiano, verso le 17,30 arriviamo e, con l’aiuto degli organizzatori, in primis Davidino Luppi, cominciamo a portare la strumentazione sul palco. Un velocissimo soundcheck e quindi lasciamo il posto ai PHANTOM.

Lele – The Equinox – NNT 16-6-2017 – photo Federica Pratissoli

Mentre aspettiamo che arrivi ora di cena mi bevo una birra fresca mentre ascolto Lele e Saura. Lele ad un certo punto le dice una cosa simile a quella che disse una volta Paul McCartney: “ho iniziato a suonare per rimorchiare le ragazze“; Lele esprime il concetto in maniera più schietta e decisa, ma il senso è quello, poi aggiunge “non come Tim, che lui senza alcun dubbio lo ha fatto per la musica e per le canzoni”. Ora, suono con Lele da quasi 17 anni, chiaro che ci conosciamo bene, ma di solito i rapporti tra batteristi e chitarristi non sono mai troppo profondi, Lele però arriva al punto in maniera così netta e sincera che mi spiazza. Sì, è vero, è proprio così. Certo, mi piacciono le fighe, ma il prendere in mano uno strumento fu unicamente diretto alla creazione della musica e allo scrivere canzoni. Sono sempre stato serio (sin troppo) a riguardo, il fine ultimo è sempre stata la musica, una sorta di strada a senso unico, senza possibilità di scelta. Non che mi ci volesse molto a capire una faccenda del genere, in fondo una volta imparati i primi 4 accordi laggiù nella seconda metà degli anni settanta, la prima cosa che feci fu quella di scrivere un paio di canzoni e ancora oggi a questa incerta età – senza mai avere avuto uno sbocco di rilievo a tal riguardo se non qualche autoproduzione magari anche ben fatta – capita che mi ritrovi nella mia stanzetta a scribacchiare i miei ennesimi quadretti musicali. Come sia finito a suonare in una tribute band solo il padre dei quattro venti lo sa.

Scosso da questa semplice e naturale constatazione di Lele, faccio un giro con Saura per il paese per dare un’occhiata agli altri palchi. Incontro amici di una vita, tra cui Rex e Michi Borsari, che con il suo service – ZIBO – gestisce due palchi. Abbraccio poi i miei figliocci, Giacomo figlio di Rex e John Lupo.

Dopo cena mi chiedo se sia il caso di infilarmi anche il gilet stasera, il caldo è agghiacciante, l’afa è a livelli record. Il fatto è che credo che chi va sul palco debba in qualche modo vestirsi in modo consono, snobbo chi vedo lassù vestito in modo trasandato, magari con i pantaloni corti, oppure conciato come lo zio Fedele, col gilet da pescatore e i sandali. Il fatto è: come ti vesti se sei un uomo di una incerta età e suoni in un gruppo che fa il tributo ai LZ? Non puoi certo metterti il costumino con draghi, segni zodiacali, papaveri che era solito portare Page nel periodo 1972/1977. Le sue mise pre 1972 non mi piacciono molto, nemmeno quella di Knebworth 1979 mi convince, non male quelle di Copenhagen 1979 e del tour del 1980, ma di solito opto per una foggia non dissimile da quella che aveva nel tour americano dell’ARMS del 1983… per quanto suonasse male e per quante fosse rovinato dalle droghe pesanti, aveva un look molto figo, almeno secondo me.

Jimmy Page 1983 ARMS Benefit (Photo by Chris Walter/WireImage)

Rifletto su come Page andava sul palco quando aveva la età che ho io adesso, faccio due conti… mamma mia, era il tempo del tour con i Black Crowes, con quella odiosa felpa nera che lasciava intravvedere i chili di troppo. Meglio non pensarci. Okay, mi infilo anche il gilet (sarà un sbaglio). Saluto amici tipo Riff, Mario, Patty, Gio e Maura che continuano a seguirci imperterriti e altri che non vedevo da secoli, Fabio Zara.

Sul palco i PHANTOM. Guardo Glaccio suonare con la sua consueta precisione e passione, mi chiedo come faccia, il manico della chitarra deve essere assai appiccicoso a causa dell’afa pesante. Sentirlo suonare è sempre un piacere per me, chitarristicamente è sempre stato una luce guida.

Tocca a noi. Sul palco sistemiamo le nostre cose, ma dal mio ampli non esce nessun suono.  Confabulo con i tecnici, controllo tutti i collegamenti ma nulla. Poi all’improvviso tutto riparte, ma la chitarra è sensibilissima, c’è qualcosa che manda il tutto in overdrive. Temo che un effetto della pedaliera (probabilmente l’equalizzatore) abbia problemi. Va beh, mi metto a suonare, cerco di non toccare nulla e spero che il Dark Lord vegli su di me. KASHMIR. Segue BLACK DOG, dove la chitarra si spegne mentre affrontiamo le ultime strofe. Con l’aiuto del tecnico cambio un jack e la cosa riparte.

The Equinox NNT 16-6-2017 photo Betty Bungle

The Equinox – Festa Della Musica -Nonantola 16-6-2017 – Foto Paolo Rizzo

Il mio amico Paolo Mattioli è tra il pubblico e pubblica in diretta il video dei primi tre pezzi.

Saura si mette alle tastiere e alla pedaliera basso per MISTY MOUNTAIN HOP e SIBLY. Quest’ultima mi sembra venuta benino così faccio i complimenti ai ragazzi.

The Equinox – Festa Della Musica -Nonantola 16-6-2017 – Foto Paolo Rizzo

Segue THE SONG REMAINS THE SAME.

The Equinox – Festa Della Musica -Nonantola 16-6-2017 – Foto Giovanni Sandri

Saura di nuovo alle tastiere per STAIRWAY. Suonare sulla doppio manico con l’afa che c’è è quasi proibitivo. Pol durante l’assolo come al solito scatta un paio di foto:

Saura – The Equinox – NNT 16-6-2017 – photo Pol Morigi

The Equinox – NNT 16-6-2017 – photo Pol Morigi

Gio scatta una foto del finale mentre alzo la doppiomanico.

The Equinox – Festa Della Musica -Nonantola 16-6-2017 – Foto Giovanni Sandri

WHOLE LOTTA LOVE è l’ultimo pezzo, avevamo a disposizione un’ora e ormai ci siamo. Nella sezione funk Pol mi chiede più volte se ho visto il ponte.

The Equinox – Festa Della Musica -Nonantola 16-6-2017 – Foto Giovanni Sandri

Appena attacco la parte al Theremin, vedo un gruppo di ragazzini correre dalla mia parte per cercare di capire cos’è quell’aggeggio infernale, come lo chiama Pol.

The Equinox – Festa Della Musica -Nonantola 16-6-2017 – Foto Giovanni Sandri

Sono talmente preso nel mio theremineggiare che ad un certo punto evoco Aleister Crowley…

The Equinox – Festa Della Musica -Nonantola 16-6-2017 – Foto Giovanni Sandri

Ritornati al funk presento il gruppo e do la buonanotte a Nonantola…

The Equinox – Festa Della Musica -Nonantola 16-6-2017 – Foto Giovanni Sandri

Invece di chiudere su WLL Saura incita Lele a partire con ROCK AND ROLL. E così sia. Paolo Mattioli ci mette di nuovo in diretta su facebook.

E’ finita. Tra caldo opprimente, problemi tecnici e strumenti al limite della praticabilità anche questo concerto è andato. Qualche pasticcio, concentrazione non ottimale, ma in fin dei conti just another rock and roll show. Quello che mi risolve la serata è l’abbraccio che mi dà Glaccio salito sul palco condito con la frase “Da paura!”. Magari è solo cortesia la sua, ma per me significa tanto.

Elia Zoboli e Roberto Molinari – musicisti di alto livello della zona e amici da 40 anni – vengono a salutarmi, così come il mio amico Paolino Rizzo.

 

Adriano mi porta una pergamena arrotolata: è una poesia che ha scritto in mio onore… guardo questo pezzo d’uomo che poco più che ventenne vide i LZ a Monaco di Baviera nel luglio 1980 e mi dico ‘ma guarda un po’ che cosa fa fare l’amore per il Rock’.

L’indomani mi arriva un messaggio di Simo, ha incontrato Stefano Vezzali, nonantolano doc, ex disc jockey, e le dice “dì a Stefano (io insomma) che gli faccio tanti complimenti per come hanno suonato. Di band ne vedo e ne sento tante ma nessuna come loro, la differenza si sente”.

Sì, ho un gruppo speciale, Lele, Saura e Pol sono musicisti sopraffini e insieme riescono a creare un groove che spero ci distingua da altre tribute band, magari più brave ma forse meno preparate sul fronte del “senso”.

E’ ormai l’una, carichiamo la mildly blues mobile e via di nuovo verso la Domus Saurea. Oh, It’s been great. Nonantola goodnight.

3 Risposte to “THE EQUINOX – Festa Della Musica – Nonantola (MO) 16-6-2017”

  1. lucatod 25/06/2017 a 21:24 #

    Un resoconto scritto come sempre da PAGE , aneddoti del passato che sembra di vedere da come li racconti . Per quanto riguarda la qualità delle vostre esecuzioni ormai non c’è molto altro da aggiungere , purtroppo devo accontentarmi dei filmati sul web , ma gli Zeppelin vanno suonati così . Alcune foto dovresti stamparle .

    A proposito di abbigliamento , il look di Page durante i concerti americani dell’ ARMS è il migliore per quanto riguarda gli 80’s (non male anche con Harper Old Grey..) … però pensavo che la tua ispirazione fosse il Clapton del periodo Just One Night .

    Mi piace

  2. Loris 25/06/2017 a 21:45 #

    Ciao Tim, io vi ho visti l’anno scorso sempre a nonantola, eravamo di ritorno da Pistoia dove la sera prima avevano suonato i WHITESNAKE, così ho detto al mio compare: perché non facciamo una tappa a nonantola a vederci Tim tirelli & band? Beh, complimenti in ritardo per quel concerto ma sono convinto che anche questo, nonostante magari qualche problemino tecnico sia stato grandioso ed emozionante. Quella sera dopo lo show volevo venire a salutarti ma l’ora era tarda e i km da fare ancora parecchi, così, con un po’ di emozione, mi è toccato dire: good night nonantola..! Alla prossima Tim!

    Mi piace

  3. timtirelli 26/06/2017 a 15:18 #

    LUCA: JUST ONE NIGHT è un album che vissi e comprai in diretta, magari inconsciamente qualcosa dal punto di vista iconografico è rimasto, ma è decisamente il Page dell’Arms tour a cui mi rifaccio adesso, quando si tratta di fare un concerto. Grazie dei tuoi commenti. 6 anni di imperterrita fedeltà a questo blog.

    LORIS: ma perché non sei rimasto due minuti in più, ti avrei rivisto e riabbracciato volentieri. Grazie comunque per esservi presi la briga.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: