Mensis October

29 Ott

E strano pensare che mentre per noi dell’emisfero boreale ottobre è sinonimo di autunno, in quello australe è legato alla primavera. Uno della Nuova Zelanda si sveglia al mattino, apre le finestre ed esclama “October at last, c’mon springtime!, “, contemporaneamente uno di Borgo Massenzio, Italia (esattamente agli antipodi) mentre si stropiccia gli occhi davanti alla finestra salmodia “Uh, siamo in ottobre, arriva l’avtunno (con la v, alla maniera dei contadini emiliani) … castagne, sughi d’uva, cappelletti in brodo … bentornato blues!”

Foglie rosse blues

Torna l’ossessione delle foglie rosse, delle viti che ingialliscano e che prendono i riflessi rossastri dei pomeriggi d’ottobre.  Dapprima mi fermo a contemplare il giovane tiglio della Domus Saurea preparasi per la stagione fredda, poi circumnavigo i poderi qui intorno e mi fermo, irretito, a contemplare la nuova colorazione delle vigne.

Tiglio – Domus Saurea ottobre 2018 – foto TT

Le mille sfumature cromatiche delle viti in questa stagione sono un balsamo per il mio animuccio sempre tormentato.

Foglie Rosse – Domus Saurea & Beyond – Ottobre 2018 – foto TT

Foglie Rosse – Domus Saurea & Beyond – Ottobre 2018 – foto TT

Anche i frassini e gli altri alberelli della Domus passano dal verde al giallo bruno e qui all’arancione emaciato.

Foglie Rosse – Domus Saurea & Beyond – Ottobre 2018 – foto TT

Foglie Rosse – Domus Saurea & Beyond – Ottobre 2018 – foto TT

Strichetto, la gattina isterica che vive con noi, s’intona bene con i colori dell’autunno ed è bello catturarla in uno dei suoi rari momenti di quiete.

Strichetto – Domus Saurea Ottobre 2018 – foto TT

Serie TV: “The Walking Dead” stagione 9

E’ iniziata la nuova stagione di The Walking Dead. I primi episodi mi sono piaciuti. Sembra ci sia un miglioramento rispetto alla stagione 8. Stiamo a vedere.

 

La vespa samurai

Leggo su Repubblica che per contrastare la cimice asiatica, quella che ha invaso le nostre campagne e le nostre città e di cui abbiamo parlato qui sul blog l’11 ottobre, si sta pensando d’importare la vespa samurai (Trissolcus japonicus). Capisco come la situazione cimici sia davvero preoccupante, ma temo future controindicazioni anche riguardo queste vespe straniere ed inoltre penso che … uhm … aspetta un attimo … siamo diventati un blog che si occupa di cimici e di vespe samurai? Mi sa che ormai siamo alla frutta.

La Repubblica del 20/10/2018

The keyboards mistress

La pollastrella riceve un email da un tastierista americano, uno che suona a sua volta in una tribute band dei Led Zeppelin, uno che ha visto su youtube alcuni video degli Equinox (il nostro gruppo, che lui chiama Eclipse), uno che è rimasto molto colpito dalle capacità di Saura e pertanto le chiede se gli può dare lezioni di tastiere via Skype.

“Hello Saura, my name is Tom, and I wanted to say how much I enjoyed watching your band’s Led Zeppelin videos. The Eclipse is a GREAT band!! J I am a keyboardist in a Led Zeppelin cover band myself, but nowhere as proficient as you!!I was wondering if you taught keyboards and would be interested at all in doing Skype keyboard lessons? I live in the US. Please let me know if this is something that would interest you. Thanks for taking the time to read this. Sincerely, Tom”

Visto che sono il manager di Saura rispondo io al vecchio Tom “Hey man, as long as you are willing to pay big money for the lessons it’s okay, otherwise you can go where they smell the melons”

Saura, the keyboards sorceress – photo Giovanni Sandri.

Palmiro d’ottobre

Per tutta estate Palmiro, la nostra panterina nera, ci ha con dolcezza evitato. Troppo il caldo per sopportare coccole, baci e per dormire insieme a noi. Molto meglio pavimenti e tavolini freschi. Con l’avvento di ottobre, sebbene la temperatura sia scesa di poco, ecco che torna ad essere il gatto affettuoso che conosciamo. Gode ancora del bel tempo, scorrazza  per i suoi territori godendosi la magnifica luce dei pomeriggi d’ottobre …

Palmiro – Domus Saurea ottobre 2018 – foto TT

Palmiro – Domus Saurea ottobre 2018 – foto TT

poi in casa mi viene a cercare mentre sono intento a suonare Going To California sulla chitarra.

Palmiro – Domus Saurea ottobre 2018 – foto TT

Mentre guardo un film arriva, si posiziona sul mio petto, mi pianta il muso sul mento e per l’ennesima volta mi fa capire quanto sentimento ci possa essere tra due mammiferi di specie diverse che vivono insieme.

Palmiro & Tim – Domus Saurea ottobre 2018 – foto TT

Ottobre è anche il mese in cui diventa più semplice farlo tornare a casa la sera. E’ uno spettacolo constatate che un gatto capisce e soprattutto accetta il tuo richiamo e lemme lemme si incammina verso di te. Provo per lui un affetto davvero speciale e sono tanto felice e grato all’universo per averci fatto incontrare. Palmir, you are my best friend.

◊ ◊ ◊

Per chi fosse interessato: L’arrivo di Palmiro sul blog – giugno 2012:

https://timtirelli.com/2012/06/28/il-gatto-palmiro/

 

Un sera in Bottega

La Bottega dei Briganti di Mont Cabbage (Montecavolo insomma) è uno dei miei locali della zona preferiti. Il feeling con Valerio, il proprietario, è ottimo e ogni tanto il mercoledì sera capitiamo là a cena in quanto serata dedicata ai concerti. Valerio propone una programmazione prettamente rock, ed è un sollievo constatarlo. Ci sono sempre meno locali locali che seguono questo spirito. Se da una parte è comprensibile che in posti dove si va per cenare i titolari prediligano situazioni acustiche, blues e dj set, dall’altra però non se ne più e dare spazio al vigore, alla vivacità e al colore rock serve anche per rimettere in moto una popolazione che sembra quantomeno assuefatta.

Stasera c’è una tribute band dei Clash che non posso dire mi abbia colpito positivamente, ma perlomeno per una sera lo spirito del Rock, torna a manifestarsi. Bottega rules.

Pollastrella e uomo di blues – Bottega Dei Briganti – Ottobre 2018 – autoscatto

Lo-Fi Rock And Roll Blues

Uno che ascolta John Miles e la Bad Company come me una volta ogni tanto ha bisogno di immergersi nel suono primordiale del rock and roll. Quale occasione migliore del tour europea degli Heart Throb Chassis? Anche perché così ho l’occasione di vedere uno degli amici a me più cari, il mitologico Paolo Barone (il nostro Polbi, insomma).

Sono ormai cinque anni che non ci vediamo sebbene sia un dato che pare incredibile; d’altra parte ci sentiamo spessissimo e non pare possibile sia passato tutto quel tempo.

Tim & Polbi – Fidenza Ottobre 2018 – Foto Saura T.

Abbiamo sempre un mare di cose da dirci: il Rock, come va il mondo, i Led Zeppelin. Una pizza, una birra …

Tim & Polbi – Fidenza Ottobre 2018 – Foto Saura T.

due passi per Fidenza…

Fidenza Ottobre 2018 – Foto TT

Siamo al Taun, locale specializzato in quel tipo di Rock. Soffitto basso, fauna tipica del genere, per un momento mi sembra di essere tornato al Punto Club di Vignola nel 1981, discoteca rock dove si passava dai Joy Division, al Clash, agli AC/DC senza troppi problemi. Giubbotti neri, borchie, qualche cresta punk alternati al vestiario alternativo di questi ultimi anni. Un tipo ha le braghe corte e i calzettoni lunghi. Sembra un nessi. Aprono il concerto i Thee Bomb’o’Nyrics. basso (Danelectro), chitarra, batteria e voce per un rock and roll essenziale e scolastico ma pieno di convinzione e di ritmi primitivi.

Verso mezzanotte ecco gli headliner, dal Michigan gli Heart Throb Chassis, il suono primigenio di Detroit. Due chitarre, una voce, una batteria usata in maniera non consona. Un ora di high voltage lo-fi rock and roll che mi rimette in sesto e sbroglia di orpelli a volte troppo mainstream del mio animo. Un salutare tuffo nel mondo della distorsione, della saturazione del segnale, di suoni e tuoni elettrici che arrivano dalle profondità della pancia dell’animo umano.

Il banchetto del merchandising è uno spettacolo: si vendono magliette (stupende), cd, vinili e musicassette del gruppo. Tshirt per la pollastrella, vinile per me. Ormai anche band del circuito underground  si mantengono (più o meno) col merchandising, il più delle volte – dal punto di vista del visual –  molto bello. Do infatti una occhiata al cartellone posto all’entrata del club, la maggior parte dei loghi e dell’artwork delle band di quel genere sono validissimi. Meglio di certe produzioni del mondo metal, classic rock e blues. Di questo bisogna dar loro atto.

E’ l’una e venticinque di notte quando abbraccio il mio amico e gli auguro un happy trail verso l’agro Romano. Bello averlo riabbracciato.

Heart Throb Chassis – photo TT

“ma poi non rompermi i coglioni per me c’è solo l’Inter” (prima e dopo il derby del 21/10/2018)

Cosa significhi l’Inter per me, non è semplice da spiegare. Inutile tentare di farlo capire a chi pensa al calcio come un sport per deficienti o a chi non ha passioni. L’Inter è un sentimento profondissimo, una vibrazione che scuote il mio corpo, un amore puro, gioioso, completo. Sofferenza ed estasi si fondono nell’esperienza cosmica definitiva.

Mi vesto di Inter, mi inebrio di Inter, vivo di Inter.

There’s always one thing on my mind – autoscatto

Compro su Amazon il file digital di C’E’ Solo L’Inter, l’inno che preferisco. Una sorta di gospel blues cantato da Graziano Romani (mio conterraneo ed amico) scritto insieme a Elio degli EELST. Lo ascolto quasi ogni giorno in macchina mentre torno dal lavoro, cantando insieme a Graziano e commuovendomi d’orgoglio al momento del ponte.

Il campionato 2018/19 inizia malissimo. Sono allo stadio con Mario, Francesco, Wilko e Giacono e l’Inter perde in casa del Sassuolo. Seguono un pareggio, una vittoria e un’altra sconfitta sino a quando la squadra mette il turbo. Arrivano cinque vittorie consecutive in campionato e due in Champions League.

Nella tribunetta arancio della Domus Saurea mi ritrovo con Mario a seguire il derby. Partita ogni volta delicatissima. Il Mìlan di oggi non mi fa una gran paura, credo che noi si sia più forti, ma il derby è il derby, non sai mai quello che potrà accadere.

Io e il mio pard nerazzurro siamo inquieti, affrontare i cugini ci rende così. La partita si dipana bene, l’Inter guida il gioco, padroneggia un football efficiente ed efficace, pare diventata una squadra di carattere, sicura dei propri mezzi e con le convinzioni giuste. Mettiamo in scena alcune azioni davvero magnifiche, ma non riusciamo a concludere. Arriviamo vicini al goal in più occasioni, un goal annullato dal Var, un palo, ma il risultato non cambia. Al novantesimo io e Mario siamo da un parte orgogliosi della bella partita giocata dalla squadra, dall’altra delusi per la mancata vittoria che avremmo meritato. 4 minuti di recupero. Ci versiamo un ultimo rum prima di salutarci, ci diciamo che è stata un’occasione persa quando al 92esimo, sulla fascia destra,  Vrsaljko passa tramite rasoterra la palla a Candreva, il quale la alza e in rovesciata la passa a Vecino. Il Mate è marcatissimo, pare la solita azione destinata a concludersi in un nulla di fatto, ma l’uruguagio dal nulla si inventa il cross perfetto. Maurito a centro area sembra prevedere la traiettoria del pallone, con una finta manda a ramengo il difensore del Mìlan, il portiere Donnarumma salta a vuoto e Maurito, il nostro magnifico Maurito, la insacca in rete.

Esprimere la gioia del momento è impossibile. San Siro (completamente sold out, quasi 79.000 spettatori) esplode, i sismografi vengono sollecitati, Milano trema, persino l’asse terreste subisce un leggero scarto. Sulla tribunetta della Domus Saurea è il delirio, uomini di una incerta età saltano sul divano, aprono la finestra e lanciano verso le profondità cosmiche il loro gaudio. Calici di Franciacorta tintinnano, la luna inizia a brillare più forte e le stelle tornano a riempire i loro sogni. Almeno per una sera possiamo dire di essere felici. Grazie Inter.

il gol di Maurito – Inter – Milan 21/10/2018

il gol di Maurito – Inter – Milan 21/10/2018

A me che sono innamorato

non venite a raccontare

quello che l’Inter deve fare

perché per noi niente è mai normale

nè sconfitta nè vittoria

che tanto è sempre la stessa storia

un’ora e mezza senza fiato

perché c’è solo l’Inter

C’è solo l’Inter, per me, solo l’Inter

C’è solo l’Inter, per me

 

6 Risposte to “Mensis October”

  1. mikebravo 29/10/2018 a 19:13 #

    Bellissima la foto di Tim e Paolo in ambiente rock.
    Mondi che si incrociano di nuovo a Fidenza.
    Dirigibili che fluttuano da Nonantola, mondi sommersi tra Scilla e Cariddi,
    E femmine che roccano da reggio a detroit. .

    Piace a 1 persona

  2. lucatod 29/10/2018 a 20:49 #

    Quello che scrivi a proposito della simbiosi con Strichetto e Palmiro lo condivido in pieno.

    Piace a 1 persona

    • Beppe Ricardi 30/10/2018 a 18:09 #

      Si, si tutto bello…L’incontro fra Tim e Polbi ci commuove, però ieri sera l’Inter ha vinto ancora e alla grande, senza trucchetti in stile “cascator cortese” (tale Dybala…). Prima o poi torneremo a vincere un “titolo” ma siccome non è tanto facile, essendoci in circolazione i predatori della Fiat, il nostro Tim dovrebbe fare un voto: se l’evento si avverasse, prometta che gli Equinox suoneranno dal vivo un pezzo dei Black Sabbath…Sacrilegio!

      Piace a 1 persona

  3. timtirelli 30/10/2018 a 20:46 #

    Caro Beppe, la vittoria di ieri sera mi ha regalato un’altra gioia. Mi sono sentito felice, appagato e carico. Potremmo davvero essere sulla strada giusta, dopo anni miserelli. Sì, torneremo a vincere, ne sono sicuro. Non faccio voti, credo nell’Universo, non ho santi o essere onnipotenti a cui aggrapparmi, ma voglio che tu sappia che con l’altro mio gruppo, la Cattiva Compagnia, avevamo in scaletta WAR PIGS. Ed era sempre maledettamente bello suonarlo. Grazie per aver scritto, Master!

    Mi piace

    • Lorenzo Stefani 30/10/2018 a 21:33 #

      Confermo. Sentito – e goduto – WAR PIGS con le mie orecchie, suonato dalla CATTIVA a Vignola. Ormai sono quasi un completista dei SABS, mi manca giusto il sempre esecrato FORBIDDEN, CROSS PURPOSES e poco più. Iommi rules

      Mi piace

  4. mikebravo 31/10/2018 a 07:52 #

    Confermo. WAR PIGS l’ho sentita con le mie orecchie a Vignola. Furono bravissimi !
    I black sabbath sono una delle mie malattie.
    Ho comprato da poco il box con tutti i 45 giri in vinile.
    I black sabbath li vidi il 23 maggio1994 a firenze con i cathedral e i godspeed.
    Ricordo che il palco aveva lo sfondo della copertina di cross purposes.
    3 o 4 anni fa in un negozietto sul lungomare di rimini avevo trovato il disco solo di toni
    iommi del 2000 in confezione sigillata.
    Ero contento e tornato a bologna l’ascoltavo in macchina.
    Poi un giorno ho scordato il cd sulla mia scrivania senza custodia.
    Il cd è scivolato dietro la scrivania cadendo sul pavimento.
    Un pesante bicchiere di cristallo dove tenevo matite è scivolato anche lui
    a terra centrando il cd e crepandolo.
    Il bicchiere non si è neppure rotto.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: