Iulius modus: domani è un altro blues e si vedrà.

27 Lug

Luglio; estate piena, rotonda, calda e bianca.  E’ sabato sera, sono fuori a cena. Il luogo è quel complesso dei ruderi di una bella villa cinquecentesca (bombardata pesantemente nel corso della seconda guerra mondiale) di proprietà dei marchesi Albergati, sita all’estremità orientale del territorio comunale di Castelfranco Emilia, in località Cavazzona. Pochi km a nord della Via Emilia, pochi km a ovest della bella Bulåggna (Bononia insomma). La serata è calda, una leggera brezza rende il tutto piacevole compresa la festa popolare in cui sono immerso. Alberi, campagna a perdita d’occhio e quel sentimento Emiliano che tanto decanto. Mi gusto cozze alla marinara e un filetto di branzino, mi verso un prosecco freddo che va giù che è un piacere.  La pollastrella mi vede ed esclama “E vai col prosecco Tyrrell, è tutto bello adesso?”. Scherziamo spesso, quando bevo qualcosa di alcolico, sul fatto che i (leggeri) fumi dell’alcol a volte riesco a rendermi sfumati i contorni più taglienti della vita.

Un commensale sente la battuta ed interviene “ma i problemi sono problemi proprio perché vanno risolti, c’è una soluzione a tutto”. Rispondo con un sorriso di circostanza, non sono nell’umore giusto per intavolare una discussione filosofica. Che avrei dovuto rispondere, che della vita ho una visione diversa? Che soluzione ci sarebbe all’essere consapevole di essere un essere vivente, appartenente ad una delle specie dette di mammiferi, che vive su un pianeta sperduto nel buco del culo dell’Universo sul quale per puro caso è nata la vita (sempre che quello che stiamo vivendo sia vero), dopo che circa 14 miliardi di anni fa ci fu il grande scoppio (il big bang insomma)? Per un uomo come me questo è sufficiente per avere un atteggiamento blues alla vita. In parecchi tendono a non capire e ad accettare questa mia bluesy condition. Ma per la madonna, sono nato blues, che colpa ne ho se vivo e analizzo tutto col mio carattere saturnino, col velo di crepe nere che mi avvolge? Questo non vuol mica dire essere depresso, perdente o withoutcunt (sfigato insomma), tutt’altro, nel nostro piccolo crediamo di avere, grazie a questo stato d’animo, la capacità di guardare il mondo nella prospettiva più ampia e con molta (forse troppa) sensibilità.

I was born blue, holy shit, let me be me…

◊ ◊ ◊

◊ ◊ ◊

PHOTO OF GHOST

Il mio amico Mark Cooper (Marco Bottazzi, insomma, il Ry Cooder di Modena Est) pubblica su facebook un trafiletto tratto da un quotidiano locale a proposito della festa delle musica di Nonantola 2019 dove compare una mia foto, tratta dalla partecipazione degli Equinox alla stessa festa tre anni orsono. Bottazzi aggiunge, “Ma il nome di Tim Tirelli potevate metterlo eh?!”.

E niente, mi ha fatto molto ridere.

Gazzetta di Modena – Giugno 2019 – Festa Della Musica di Nonantola

IL BLOG DEL GATTO PALMIRO: Darkat at his scampish best (Stormbringer coming my way blues)

Qualche settimana fa qui alla Domus Saurea c’è stato un gran temporale, vento fortissimo, pioggia, tuoni e saette. Io ero fuori e Tyrrell e la Terry, preoccupati, mi hanno cercato nelle campagne per più di un ora sotto la pioggia battente nel buio della notte. Tyrrell nel saltare un fosso è anche caduto e si è rotto una costola … ecco perché ho accettato la sua ramanzina senza controbattere. D’altra parte, sono un gatto anzi sono Darkat il supereroe felino, sono votato all’avventura, che ci posso fare … Got to keep running Stormbringer coming

COOP TALES:

Fuck The System

Rituale del sabato mattina: colazione e spesa alla Coop di Regium Lepidi. Al Café Des Antilles (gestito da cinesi ed italiani) ormai ci conoscono, battono lo scontrino da 5,80 euro e preparano paste e bevande di default. Mordo il krapfen, bevo il cappuccino e chiacchiero con la pollastrella mentre osservo la gente. Un ragazzo legge la Rosea, una coppia anziana fa colazione insieme, le quattro vecchie amiche di cui abbiamo accennato più volte qui sul blog, si scambiano opinioni in dialetto stretto. Io e Polly notiamo un tipo grande e grosso con maglietta nera con su scritto in nero FUCK THE SYSTEM.

Ci guardiamo, scuotiamo la testa e pensiamo a voce altra e in dialetto “sè, fac ze sistem e poi vai in un centro commerciale … mo fat der indu is nèsen i mlon (ma fatti dare dove si nasano i meloni).

Scared Woman

Entriamo nel supermercato. Come ogni sabato ci accoglie la signora in là con gli anni e con lo sguardo sperduto ed impaurito mentre cerca di venderti contratti Coop per energia e telefonia mobile. Ogni volta le dico la stessa cosa, che abitiamo in campagna e che non abbiamo gli attacchi per l’uso del gas metano per il riscaldamento … magari è bravissima nel suo lavoro, ma a me sembra inadeguata e fuori posto. Chissà, forse è stata messa lì durate una delle solite riorganizzazioni del personale tanto di moda in quest’era da capitalismo fuori controllo.  Mi fa tenerezza, a volte avrei l’impulso di accettare una delle sue proposte, ma poi penso che ho già abbastanza blues di mio e che non posso farmi carico anche di quelli degli sconosciuti.

Presumptuousness Girl

Tra gli scaffali, davanti al reparto thé e infusi cerco confezioni di tisane fredde. Pur sapendo che non si è mai visto Johnny Winter farsi delle tisane di qualsiasi genere, continuo nella ricerca data la mia assuefazione estiva alla fresca tisana serale. Essendo un uomo, non riesco mai a trovare niente, faccio per desistere quando arriva in aiuto la mia groupie. Mentre insieme cerchiamo le scatoline giuste tra mille altre, siamo continuamente infastiditi da una responsabile Illy al telefono evidentemente col suo capo, al quale deve riportare dati sulle confezioni del caffè in questione sugli scaffali. Lo fa in maniera insopportabile, è una di quelle a cui piace far vedere che sta lavorando. Vestita col tipico completo maschile sotto di cui svetta una camicetta bianca, cammina a fatica su scarpe coi tacchi, parla a voce alta e vuol far sapere a tutti che si sta occupando di una faccenda di massima importanza per la sopravvivenza del pianeta. Per fortuna la donna che ho al mio fianco, che veste jeans, scarpe adidas e maglietta dei Led Zeppelin, trova le tisanine a freddo in un battibaleno e posso lasciare la donna in carriera alla sua odiosa sicumera.

Prodotti in offerta blues

Il cambio di lavoro mi ha portato ad interfacciarmi per motivi professionali con un mio caro amico, uno dei blues brothers con cui condivido sinodi e amore per la musica. Entro nel suo ufficio semplicemente magnifico, a due passi dal centro storico, in palazzo signorile … alti soffitti, arredamento di design, vibrazioni da alto livello professionale. Finita la pratica che mi ha condotto lì, discutiamo delle nostre cose. Tocchiamo vari argomenti, tra cui anche quello della spesa settimanale e del costo della vita. Sorprendentemente mi dice “Vecchio, io quando vado a fare la spesa compro solo prodotti in offerta! Certo, non è sempre così, ma la stragrande maggioranza delle volte applico quel sistema”.

Ero già arrivato ad una conclusione simile, il confronto col mio amico mi ha semplicemente dato il La. Dentifrici da 4,70 euro? Ma sè, dentifricio Coop 0,88 euro. Tisane Arbe da 3,85? Mo’ gnanc! Tisana soiamé da 1,70, e così via. Naturalmente ci sono eccezioni, ma anche comprando gel doccia non commerciali ad esempio, scelgo quelli in offerta e a meno di 5 euro. Faccio di necessità virtù insomma, e mi sento un po’ più furbino.

PS: ho applicato lo stesso metodo anache con la Super Deluxe Edition di The Song Remains The Same, ho atteso la svendita di Amazon, dai 260 euro iniziali l’ho portato via a 87. Edizione di cui non avevo certo bisogno, ma si sa è un di quegli oggetti con cui t’illudi di riempire i tuoi vuoti esistenziali e di rivivere la fustinella* che avevi da ragazzo quando ti apprestavi ad ascoltare il nuovo LP appena acquistato con discreti sacrifici.

_* Per i non Emiliani: dal Nuovo Dizionario Piccagliani ecco una arguta, nonchè irresistibile, definizione di fustinella

http://www.vivomodena.it/rubriche/ciacarare-modenese-la-terribile-fustinella/

UOMINI IN SANDALI E CIABATTE

Torna come ogni estate, la rubrica “Uomini In Sandali e Ciabatte”.

Non dovrei più sorprendermene, ma sono sempre preda dell’imperativo estetico, non che occorra essere dei dandy, ma un minimo di bon ton, di amore per se stessi, di rispetto per gli altri dovrebbe essere un imperativo.

Son lì che sto andando con la pollastrella a cena fuori, e nel parcheggio vicino arriva un BMW. Esce tamarro sui 30 anni, con figa appresso, in canotta, braga corta e infradito che trascina come fosse zoppo in entrambi i piedi. Con aria da “non me ne frega una cazzo di niente” e con superbia si dirige verso il Lidl … il Lidl per la miseria! Ah, ha naturalmente parcheggiato la macchina esattamente sulla riga di mezzo che delimita due parcheggi.

Son lì che mi sto mangiando una Bella Napoli e chiacchierando amabilmente di Yes e Led Zep con Polly che arriva una famigliola di elegantoni: marito in braga corta-polo di 19 anni fa tutta slanata-ciabatte marroni da uomo tipo colonia estiva Agip anni settanta. Moglie in pantacollant sformati scuri -ciabatte rosse in vernice da cappuccetto rotto – tallone screpolato da bye bye libido – canottiera coi brillantini sbrindellata. Figlio adolescente-faccia e fisico da giandone-maglietta nera tutta storta-braghetta corta bianca sporca-infradito gialle portate come si porterebbero due ciabatte di pietra.

“Cameriere, si sbrighi con la millefoglie per la signorina e la tavolozza estiva per me, poi ci porti il conto. ” “Qualcosa non va signore?”Tra moglie e marito troppe infradito!”

PULIVAPOR BLUES

Sabato pomeriggio. Dopo la spesa, tradizionale riposino ristoratore. Crollo sul letto. Mi sveglio dopo un po’. Lady Wakeman non è di fianco a me. Mi alzo, sento un sibilo provenire dal cortile: è la pollastrella che zoseggia in libertà con la pulivapor. I’ve got a Black Magic Woman!

Pulivapur blues – Domus Saurea luglio 2019 – foto TT

Pulivapur blues – Domus Saurealuglio 2019 – foto TT

Pulivapur blues – Domus Saurealuglio 2019 – foto TT

◊ ◊ ◊

◊ ◊ ◊

REGIUM LEPIDI: festum unitas blues

Niente festa dell’Unità per Regium Lepidi quest’anno. I lunghi lavori per la nuova arena spettacoli del Campo Volo si protraggono anche per questa estate, e il partito reggiano che organizza la festa non vuole andarci a rimettere come fece l’anno scorso affittando per due /tre settimane lo spazio fiere. Credo sia la prima volta che succeda. Per un reggiano (seppur nato nel modenese) come me la cosa sembra inconcepibile. Ma sì sa, purtroppo tutto cambia e visto l’aria che si respira non dovrebbe sorprende che – come nel libro La Storia Infinita di Michaele Ende – il nulla sta divorando Fantàsia. I tempi stanno cambiando …

◊ ◊ ◊

◊ ◊ ◊

THE SONG REMAINS THE SAME – super deluxe edition: commenti tratti da Amazon Italia

A circa un anno di distanza, come accennato qui sopra, mi decido a comprare la super deluxe edition di The Song Remains The Same, superlativo disco live dei Led Zeppelin del 1976 relativo a performance del 1973.

TT & TSRTS super deluxe edition. – foto Saura T.

Il prezzo è in caduta libera (oggi è arrivato a 82 euro, dai 260 iniziali, io effettuo l’ordine quando la quotazion eè di 87,40.). Nel farlo, mi diverto a rileggere le recensioni. Trovo spassosa quella di quel vero uomo che senza paura si firma “xxxxxxxx” e che pensa che TSRTS rappresenti i Led Zeppelin scialbi e sbiaditi. Ah ah ah, che ridere ragazzi! Poi nelle risposte aggiuntive sul sito di Amazon, cita quelli del 1975 come esempio …il signore ha le idee un po’ confuse, e si dichiara“Fan incallito dei LZ”  … che spasso. (Nota di Ittod: se siete utenti Amazon, dategli addosso, per dio, che il fellone sia rimesso al pubblico ludibrio).

Niente male sentirsi chiamare Signor Tirelli da un terzo recensore che la vede come il sottoscritto, cioè nell’unico modo in cui un fan con un minimo di buon senso e capacità critica deve valutare l’edizione in questione e quindi il disco dal vivo in sé.

LZ TSRTS Super Deluxe Edition

◊ ◊ ◊

xxxxxxxx
1,0 su 5 stellesemplice speculazione commerciale ( no, capolavoro!!)

10 settembre 2018 / Formato: VinileAcquisto verificato

“Buongiorno a chiunque legga queste quattro righe.
Il sottoscritto, anni 60 da poco compiuti, è un fan incallito e sfegatato dei Led Zeppelin ovviamente fin dai primi anni settanta.
E allora Vi chiederete perche’ una sola stella? Perche’ forse, a mio modesto avviso, è arrivato il momento che i “veri” fan di un qualsiasi gruppo rock storico smettano di essere presi per i fondelli da queste “mega ristampe ri- masterizzate” peraltro molto (in certi casi “troppo” – leggasi box dei Pink Floyd!) costose e con all’interno specchietti per le allodole sottoforma di gadget, manifesti, dvd e bluray 5.1, 6.1,7.1…..10.000.1 e via discorrendo!
Venendo al box specifico, ricordo a chi magari non lo sa, che gia’ l’originale colonna sonora del film rock piu’ disastroso e disastrato della storia all’epoca della sua uscita in doppio vinile aveva suscitato non poche perplessita’ per i vari rimaneggiamenti ed editaggi effettuati in studio, oltre che per la mancanza colpevole di alcuni pezzi presenti invece nel film. A peggiorare la situazione è intervenuto mr.J.Page nel 2007, che nel tentativo di rendere esaustiva la suddetta colonna sonora, ha pensato bene di mettere in un box quadruplo in vinile o doppio cd i pezzi mancanti eseguiti nelle tre “stanche” serate del luglio 1973 a New York (meno…..uno!!) editando nuovamente alcuni pezzi (a mio avviso, è clamoroso e scandaloso il taglio di circa due minuti su “No Quarter”) con il risultato di peggiorare ancora la situazione!
E oggi? Ecco che siamo arrivati all’apotosi definitiva anche in versione DVD audio e Bluray audio!!!
Evviva, continuiamo a spendere per un prodotto che fara’ conoscere ed amare questi Led Zeppelin “scarichi” alle nuove generazioni e allo stesso tempo fara’ rimpiangere i soldi spesi ai fan della prima ora come il sottoscritto! “

◊ ◊ ◊

Stefano Tirelli
4,0 su 5 stelleEdizione inutile, ma gran disco dal vivo.

14 settembre 2018 / Formato: Vinile

“Anche io sono un fan in senso strettissimo dei LZ, e anche io li seguo dagli anni settanta. E’ vero che questa edizione è inutile in quanto è pressoché identica a quella del 2007, edizione già di per sé criticabile per i tagli di cui il signore qui sopra parla. Jimmy Page avrebbe dovuto rimboccarsi le maniche e far finalmente uscire la versione definitiva di questo album dal vivo (uscito nel 1976e relativo alle tre date di New York del 27-28-29 Luglio 1973) magari con un bonus disc con versioni alternative di qualche pezzo. Su questo siamo pienamente d’accordo. Ciò che ritengo assolutamente fuorviante è la critica ai LZ del periodo. Nel 1973 i LZ non erano per niente scarichi e le performance contenute in questo disco sono strabilianti. Le versioni di STAIRWAY TO HEAVEN e NO QUARTER sono tra le più belle mai suonate dal gruppo, SINCE I’VE BEEN LOVING YOU è stratosferica, DAZED AND CONFUSED, CELEBRATION DAY, THE SONG REMAINS THE SAME e THE RAIN SONG sono superbe. A livello di espressività il 1973 fu l’anno migliore dei LZ. I gusti sono gusti ed ognuno ha la propria opinione, ma un minimo di oggettività sarebbe sempre consigliata. Concludendo, chi possiede già la versione rimasterizzata del 2007 non deve acquistare questa nuova edizione, ma chi si avvicina solo ora al pianeta Zeppelin non deve lasciarsi scappare questa magnifica registrazione live (in attesa di vedere pubblicata in futuro l’edizione definitiva, appunto).”
8 persone l’hanno trovato utile

◊ ◊ ◊

Pino
4,0 su 5 stelle Giuseppe

21 settembre 2018 / Acquisto verificato

TACCHINI SELVAGGI live in Nonantola luglio 2019

Con gli Equinox avremmo dovuto suonare alla Pizza In Festa di Nonantola, ma visto il recente cambio di lavoro ho ritenuto inopportuno chiedere mezza giornata di ferie dopo poche settimane dall’ assunzione. Ho così fatto in modo che fosse l’altro gruppo di Saura a sostituirci. Venerdì 19 luglio, uscito dal lavoro, mi sono diretta nella mia home town dove, insieme ad amici ho cenato e poi mi sono gustato – nel verde del Parco Della Pace – i Tacchini Selvaggi in versione live. Non sono un gran amante del country e del southern rock ma quando suonano certi brani di Neil Young non posso che ascoltare con attenzione, soprattutto quando ne dedicano una alla pollastrella e la costringono a cantare.

Tacchini Selvaggi – Nonantola 19/7/2019 – foto TT

Tacchini Selvaggi – Nonantola 19/7/2019 – foto TT

Tacchini Selvaggi – Nonantola 19/7/2019 – foto TT

LA DONNA CHE SI ARRAMPICAVA SUGLI SCAFFALI DELLE LIBRERIE

Esco dal Coop, mi squilla il cellulino, rispondo. Dopo trenta secondi riaggancio, mi guardo intorno e non trovo Polly. Mi affaccio davanti alla libreria (esterna) della Coop e la vedo arrampicata sugli scaffali a cercare chissà quale edizione di chissà quale titolo. Riesco a fotografarla solo quando è ormai scesa. Ora, sono molto felice che la mia pollastrella sia una accanita lettrice, ma come ho già scritto sul suo comodino, in camera da letto, c’è già una pila di libri alta come la torre Eiffel, non vorrei che una bella notte crollasse e bye bye uomo di di blues…

Saura in libreria – luglio 2019 – foto TT

CAT TALES ALLA DOMUS

La pollastrella è a Londra con una nostra amica per vedere l’ennesimo concerto di Rick Wakeman (e ti pareva), io sono a casa solo con i gatti. Palmir e ancor più affettuoso del solito, sente la mancanza della sua umana e si appoggia a me. Nonostante il caldo, all’ora di andare a dormire, mi si sdraia di fianco e per tutta la notte non perde il contatto col suo umano di riserva.

Gatti alla Domus Saurea – luglio 2019 – foto TT

Gatti alla Domus Saurea – luglio 2019 – foto TT

Quando non ci sono, e lui vuole stare in casa, sonnecchia sui miei vestiti.

Gatti alla Domus Saurea – luglio 2019 – foto TT

Quando scrivo per il blog viene a chiedere la sua dose di attenzioni…

Gatti alla Domus Saurea – luglio 2019 – foto TT

e quando vede che non lo considero, si sdraia lì di fianco rassegnato.

Gatti alla Domus Saurea – luglio 2019 – foto TT

Strichetto, la mia bella pussycat, lo copia, sale sulla finestra vicino alla scrivania e mi contempla.

Gatti alla Domus Saurea – luglio 2019 – foto TT

In alternativa va ad intanarsi in posti angusti per poi comparire all’improvviso e miagolare il suo “cucù”.

Oggi, 27 luglio, verso le 13 si preannunciava un temporale. Un forte vento tirava a lucido la campagna, con Palmiro già in casa, scendo a cercarla. “Stricchiii, Stricchiii, Stricchiii …” urlo ai quattro venti, la vedo sbucare da un prato di erba spagna, col lungo pelo pettinato tutto da una parte dal vento, e zompare velocissima evitando ostacoli e quindi avanzando a zig zag. Un diavoletto della Tasmania che mi corre incontro con una foga ed un amore mai visti. Avrei voluto avere il cellulino a portata di mano per filmarla. Credo che mi sia davvero riconoscente di averla accolta qui alla Domus, nel momento in cui decise di lasciare per sempre la casa di inquilini di nostri vicini in cui veniva trattata senza alcun riguardo. Ora è qui che dorme su una sedia dietro di me … e sì, sono pazzo di lei.

TT & Stricchi – autoscatto

SUL PIATTO DELLA DOMUS

Non appena ho un momento e sono a casa, metto su della musica, queste la playlist delle ultime settimane …

BJ è da sempre uno dei nomi a me cari, l’inizio di Street Life Serenader doveva essere piaciuto anche a Fabio Premoli quando scrisse Suonare Suonare della PFM

◊ ◊ ◊

◊ ◊ ◊

Ovviamente i LZ hanno spesso la priorità… parto col bootleg del 14/2/1975 al Nassau Coliseum …

◊ ◊ ◊

◊ ◊ ◊

continuo con la registrazione audience del Madison Square Garden del 14/06/1977 …

◊ ◊ ◊

◊ ◊ ◊

e proseguo col tecno blues del Golden God.

◊ ◊ ◊

◊ ◊ ◊

Mi sparo poi Loredana Bertè, personaggio che mi è sempre piaciuto un sacco …

◊ ◊ ◊

◊ ◊ ◊

Durante il recente Sinodo estivo con i ragazzi, il Pike Boy mi porta in dono Gumbo di Dr John, perfetta colonna sonora per calde e umide serate estive.

◊ ◊ ◊

◊ ◊ ◊

Un salto a Los Angeles nel 1975 insieme ai Rolling lo faccio sempre volentieri quando mi vengono quei momenti in cui vorrei essere Keith Richards …

◊ ◊ ◊

◊ ◊ ◊

Qualche scappatella con l’AOR me la concedo, soprattutto se ci sono di mezzo i Queen e Jason Bonham …

◊ ◊ ◊

◊ ◊ ◊

Tina in coppia con John Miles poi è d’obbligo ogni tanto …

◊ ◊ ◊

◊ ◊ ◊

così come Slowand insieme a Duane …

◊ ◊ ◊

◊ ◊ ◊

Rocks degli Aerosmith è uno di quegli album che mi hanno formato …

◊ ◊ ◊

◊ ◊ ◊

La Premiata dei giorni migliori è sempre uno spettacolo …

◊ ◊ ◊

◊ ◊ ◊

◊ ◊ ◊

◊ ◊ ◊

… ma poi finisco come sempre per tornare al blues …

◊ ◊ ◊

◊ ◊ ◊

 DOMUS SAUREA BEACH

Niente ferie quest’anno, cerco di godere quindi –  per quanto possibile –  del verde e delle beach facilites della Domus Saurea.

Domus Saurea estate 2019 – foto TT

Domus Saurea estate 2019 – foto TT

Domus Saurea estate 2019 – foto TT

Domus Saurea estate 2019 – foto TT

Domus Saurea estate 2019 – foto TT

Nella speranza che voi, amici, lettori e semplici curiosi che sovente inciampate su questo blog, possiate godere di meritate vacanze, vi auguro il meglio per questa calda estate 2019. Che il Dark Lord ci benedica tutti e vegli su di noi.

Uomo di Blues alla Domus – autoscatto

◊ ◊ ◊

◊ ◊ ◊

4 Risposte to “Iulius modus: domani è un altro blues e si vedrà.”

  1. mikebravo 29/07/2019 a 07:52 #

    Quando ricordi ancora il giorno in cui hai comprato un LP, anche se sono
    43 anni circa, è un bel segno.
    Ricordo di aver esplorato la ricca copertina di TSRTS sul terrazzo di casa.
    Allora ero studente e vivevo nel quartiere san vitale a bologna.
    A pochi passi da via paolo fabbri.
    TSRTS lo imparai a memoria con la ragazza di allora, una ragazza prog.
    Precedentemente avevo posseduto qualche bootleg di scarsa qualita’.
    Alla prima del film, cinema roma d’essai, andai da solo.
    Per me fu l’unica occasione per vedere i led zeppelin dal vivo.
    Mi stupivo che Tim non avesse acquistato ancora l’ultima edizione deluxe.
    Ma ora le cose tornano a posto.

    "Mi piace"

  2. lucatod 30/07/2019 a 12:16 #

    Caro Tim , troppa classe per una recensione su amazon ma sono d’accordo con te. Tuttavia il pensiero di misterxxxxx è condiviso dal pubblico affezionato alla prima ondata del Dirigibile. I primi quattro album come riferimento, Paris Theatre 1971 apogeo della loro carriera concertistica (da li in poi in caduta libera), film e colonna sonora fiacchi e pieni di taglia&cuci. D’altro canto nomi illustri come Bertoncelli (E.Gentile, A.Tonti) questo hanno scritto nelle loro varie guide. Il mio approccio alla colonna sonora è avvenuta su questi presupposti (il film lo avevo visto presso un club, ma non ancora reperito su VHS) frantumati nel momento stesso in cui tra la folla parte un “all right.. let’s go!!” …

    Piace a 1 persona

    • timtirelli 31/07/2019 a 07:57 #

      “Frantumati nel momento stesso in cui tra la folla parte un ‘all right…let’s go’.”

      Perfetto Luca, perfetto.

      "Mi piace"

  3. mikebravo 30/07/2019 a 17:36 #

    Ricordo un numero della fanzine OH JIMMY ! che parlava del castello dove
    furono girate le scene fantasy di robert plant.
    E ripensando alle varie sequenze di ciascun componente, quella piu’ intrigante
    è quella di jimmy.
    Autocelebrativa al massimo ma sicuramente all’altezza del personaggio.
    Poi la sequenza di jimmy che suona l’hurdy gurdy steso su un panno vicino
    all’acqua.
    Lui che si volta.
    Gli occhiali psico-radianti.
    Ah, che bellezza!

    Nell’ambito delle riedizioni di cose gia’ fatte, jimmy potrebbe metter in produzione
    una nuova versione del film.
    The song remains the same 2.
    Magari miscelando la notte dell’ultima reunion con nuove sequenze fantasy.
    Jason bonham che guarda il nipote che suona la mitica mini-batteria.
    John paul jones di ritorno da una notte sporting life che legge le favole alle
    nipotine.
    Robert plant che vede sorgere dal lago patty griffin che gli offre uno spadone.
    Jimmy che tenta di scalare una montagna dalla cima della quale
    Scarlet declama poesie.
    E non potendo arrivare alla cima per ovvie ragioni di eta’, in ultimo sforzo,
    jimmy protende la mano verso scarlet.
    Lei smette di declamare, si affaccia verso di lui, lo guarda.
    Inquadratura del viso di scarlet che si tramuta in quello di jimena, poi in
    quello di patricia, poi in quello di charlotte ed infine in quello di scarlet
    page, la figlia di jimmy che spaventato scivola all’indietro e precipita
    nel vuoto mentre il viso di scarlet ritorna quello di charlotte poi di patricia
    poi di jimena , infine della scarlet poetessa che sorride maliziosamente
    sulla scritta THE END……………….

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: