THE EQUINOX live al LIVELLO, Gualtieri (RE) 30/3/2019 ore 22

22 Mar

A fine mese saremo di nuovo al LIVELLO.

THE EQUINOX live al LIVELLO, Gualtieri (RE) 30/3/2019 ore 22

https://www.facebook.com/circoloillivello/

Nuovo clip di THANK YOU, filmato da Giovanni Sandri live al Livello 8/12/2018

◊ ◊ ◊

◊ ◊ ◊

 

Attendendo il derby (Milan – Inter del 17 marzo 2019)

17 Mar
Ieri sono trapelate alcune indiscrezioni circa la lite nello spogliatoio che ha dato il via alla penosa querelle a cui stiamo assistendo da settimane.
.
.
Io e il nostro Gianni Della Cioppa ci siamo scambiati qualche messaggio su whatsapp e faccio mia la sua ultima considerazione:
.
“ma sai Tim, non ho più nemmeno un’opinione, che Icardi non sia un leader è evidente, ma forse conveniva a tutti stare zitti e chiudere i conti a fine stagione …altrove sono bravi a nascondere il letame sotto al tappeto”.
.
Già, noi invece siamo qui, spossati, sfiduciati e sfibrati dalle ennesime beghe interne e dall’ennesima stagione andata a ramengo, ad affrontare il derby con pochissime speranze di vittoria contro una squadra, il Milan, che sì, si è data una quadra, che sì, vince, ma che alla fin fine non è che sia un granché. Oltre a questo abbiamo anche dovuto assistere ad una strabordante vittoria dei gobbi contro uno dei sedicenti alfieri dell’interismo, il Cholo, in Champions League.
Ieri, prima di fare la spesa alla Coop della mia città, mi sono fermato a fare colazione in un bar: cappuccino, krapfen e Gazza. Sulla rosea ho letto di una nuova rivoluzione prevista per fine stagione.
Poi, una volta dentro al supermercato, ho notato che confezioni di ovetti pasquali dedicate alle tre maggiori squadre di calcio erano posizionate secondo la classifica odierna. Niente da dire, ma mi è venuto il blues.

Ovetti Alla Coop -Milan – Inter derby del 17/3/2019 – foto TT

Un blues così feroce che dopo più di 14 anni ho disdetto il pacchetto calcio di Sky. Non avrei mai pensato di farlo, ma perché continuare a pagare per soffrire?
L’unica cosa che mi consola è che anche prima della seconda grande Inter, prima dell’arrivo di Ciuffy (Mancini, insomma) e Mou, la situazione era più o meno questa, eravamo depressi alla stessa maniera. Nel mio pessimismo cosmico sono certo che una nuova grande Inter è comunque dietro l’angolo.
Stasera teniamoci stretti, restiamo uniti, stringiamoci a corte e che il padre dei quattro venti (il Dark Lord, Jimmy Page, insomma) gonfi le nostre vele, perché la chiosa rimane la stessa:, Inter o Muerte!

SERIE TV: Trapped (Ófærð) (IS)

12 Mar

SERIE TV: Trapped (Ófærð) (IS) – TTTTT

Un’altra serie TV di Nordic Noir che sta stravolgendo i miei ritmi quotidiani è Trapped, serie islandese girata nella cittadina di Siglufjörður. Ho visto la prima stagione e ne sono rimasto incantato, tanto che se non fosse per i prezzi (per me) proibitivi che un viaggio ed una permanenza del genere avrebbero, giuro che passerei le vacanze di agosto nell’albergo di Siglufjörður.

E’ sorprendente come una nazione così piccola sia stata in grado di mettere in piedi una produzione del genere. E’ una serie TV fatta benissimo con attori che mi paiono tutti molto, molto bravi, in particolare il capo della polizia locale Andri, interpretato da Ólafur Darri Ólafsson, doppiato da Alberto Bognanni. Da menzionare anche il capitano del traghetto Carlsen, interpretato da Bjarne Henriksen, doppiato da Gianni Giuliano (attore presente anche nella prima stagione di Forbrydelsen). Tutta gente che sa fare il suo mestiere in maniera esemplare.

Devo riuscire a recuperare la seconda stagione, perché per me è ormai impossibile vivere senza la mia dose giornaliera di Nordic Noir.

 

 

SERIE TV: Forbrydelsen (The Killing) – DK

11 Mar

Avevo accennato a questa serie TV un paio di settimane fa, ma ora che ho terminato di vedere anche la seconda stagione credo che Forbrydelsen meriti uno spazio tutto suo.

Sono arrivato ad essa dragando la rete e le piattaforme televisive in cerca di altre serie TV Nordic Noir. La pollastrella trova questa Forbrydelsen del 2007, serie danese che per certi versi può essere considerata quasi un prequel di The Bridge. La protagonista è la magnifica Sarah Lund, interpretata da Sofie Gråbøl, la attrice che ebbe anche una parte molto importante in Fortitude.

Sara Lund – Forbrydelsen

Sarah Lund è un commissario danese che cerca di sbrogliare le matasse di casi complicati. E’ quel tipo di donna di cui gli uomini di blues come noi possono innamorarsi un un istante. I suoi maglioni sono oramai un classico, un po’ come il cappottino verde/marrone e i pantaloni di pelle di Saga Norèn.

Sara Lund – Forbrydelsen

La prima stagione è ottima e la seconda lo è – se possibile – ancora di più. La commissaria Sara Lund è una figura che d’ora in poi farà parte della mia vita. Le serie Tv di Nordic Noir ormai sono un bisogno impellente per me. Non perdetevi Forbrydelsen quindi. Essenziale. Serie da vedere (nella versione danese originale).

PS: sto disperatamente cercando la terza (con doppiaggio in italiano).

SERIE TV: Forbrydelsen (The Killing) DK – Stagione 1  –  TTTT ½

SERIE TV: Forbrydelsen (The Killing) DK – Stagione 2  –  TTTTT

 

It is the springtime of my bluesing

8 Mar

Non piove da diverse settimane, la terra è arida, il MississipPo è in secca, non siamo ad agosto bensì ad inizio marzo … non mi abituerò mai a questi cambiamenti climatici. Primavera meteorologica iniziata dunque sotto il segno del blues, un blues asciutto e arido quando io preferisco quelli umidi, voluttuosi e pieni di fenomeni. Non mi resta che chiudermi nella mia cabin con i dischi di Muddy Waters e Robert Johnson e soffermarmi sulle solite sciocche considerazioni a proposito della mia vita.

Muddy Waters cabin – Clarksdale, Mississippi – photo Karl R. Josker 1995

STARE CON POLLASTRELLE DI UN CERTO TIPO

Sabato mattina ore 7, mi sveglio. Si sveglia anche lei; facciamo due chiacchiere mattutine sulle serie TV di Nordic Noir e poi ci alziamo. Prima di preparare la colazione metto sul piatto Long Cold Winter dei Cinderella, ho bisogno di iniziare il sabato con la carica giusta.

Vado in bagno, davanti allo specchio osservo la mia espressione blues mentre mi faccio la barba. Lo stereo irradia il ritornello di Gypsy Road e la pollastrella si fionda davanti alla porta del bagno, in mutandine e canottiera, cantando “My gypsy road can’t take me home, I drive all night just to see the light, My gypsy road can’t take me home, I keep on pushin’ cause it feels alright” suonando l’air guitar come fosse una Tommasina Keifer qualunque. Scuoto la testa, ma con che cavolo di donna mi son messo? Paura!

Poco dopo, sulla blues mobile, direzione Coop L’Ariosto di Regium Lepidi. La chiavetta manda Trampled Underfoot tratta dal concerto dei LZ al Richfield Coliseum di Cleveland, il 28 aprile 1977. Si tratta di una delle date migliori del 1977, e quella versione di TU è semplicemente magnifica. Il tempo leggermente più lento del solito, quel groove ostinato e sexy che solo Bonham e Jones sembrano saper esprimere. Tutto il gruppo gira a meraviglia e Bonham nella chiusura è semplicemente irrefrenabile. Lei ascolta con ammirazione tutto il pezzo sino alla fine.

Mi chiede poi di passare a No Quarter, sempre dallo stesso concerto; la assorbe tutta, ogni tanto se ne esce con un “John Paul Jones è un genio, senti come chiude la strofa qui”. 24 minuti di registrazione audience (quindi non certo un audio per mammolette), con tanto di lunghe divagazioni strumentali, tra cui il piano solo, Nut Rocker e l’improvvisazione blues.

Osservo questa ragazza, o meglio, questa donna adulta con cui vivo, illuminarsi di fronte ad una registrazione del genere. Di solito sono (magnifiche) ossessioni che gestisco da solo o in compagnia di qualche amico obnubilato come me dall’esoterismo musicale del gruppo che tanto amo, so che anche lei è innamorata dei LZ tuttavia mi ritrovo spesso a riflettere sulla cosa e finisco sempre per chiedermi, ma dove l’ho trovata? Da dove è saltata fuori? Paura (e 2)!

Qualche giorno dopo ricevo verso sera due suoi messaggi whatsapps …. sono due registrazioni audio prese dall’abitacolo della sua macchina, sta tornando a casa con The Wanton Song e The Rover dei LZ ad alto volume, nella registrazione urla “Physical Graffiti a manetta!”, con il termine manetta che con l’accento reggiano diventa – per me, modenese – comico.

Verso le 19 arrivo a casa, dal cortile capisco che sta suonando. Apro la porta, entro di soppiatto, e la vedo alle prese con il basso a tracolla, sta suonando The Wanton Song seguendo i LZ che fuoriescono dallo stereo.

E’ una musicista dotata, la sento mentre cerca di carpire dal pezzo tutti i figadini che John Paul Jones suona col basso …

La conosco ormai da molti anni, vivo con lei da un decennio ma come detto ancora mi soffermo a soppesare il tipo di donna con cui sto … motociclista/go-kartista, musicista, marangona* … e puntualmente mi chiedo “ma dovevo proprio mettermi con una amazzone?” Paura (e 3)!

Saura speed queen – foto TT

Saura musicista – foto TT

Saura marangona – foto TT

marangona* = (in reggiano) mastro d’ascia, carpentiere, falegname

SMALL TOWN BLUES

Domenica mattina a Nonatown, mio paese natale; ho un appuntamento con il fratello del commissario Montalbano. Ne approfitto per prendere un cappuccino in centro al Bar Pasticceria Malaguti del mio amico Stef e per fare una lunga camminata tra i posti della mia giovinezza. Circumnavigo uno dei quartieri in cui ho vissuto. Incontro Lino e Giordano, amici del tempo che fu. Finiamo per parlare di calcio. Uno è un gobbo, l’altro è un cuore nerazzurro come me. In quelle occasioni mi presento pressoché sempre nelle vesti dell’emiliano verace: schietto, con le madonne a far da intercalare, dialetto in libertà e temi che saltano con noncuranza tra calcio, fighe e politica. In quelle occasioni mi sorprendo sempre di me, sono davvero così o è una delle mie maschere?

Sandrone – maschera di Modena

Passo di fianco al Campo di Educazione Stradale, regalo di unamministrazione niente male, passo davanti all’abitazione in cui ho vissuto nella prima metà degli anni settanta, mi faccio prendere dai ricordi, mi par di rivedere il piccolo Tim (o meglio Tirellino come mi chiamavano le maestre), eccitato per la finale dei mondiali Olanda e Germania, allora Johan Cruijff era il mio mito, il Dark Lord doveva ancora arrivare.

Nonatown – Campo di educazione stradale – foto TT

Olanda 1974

Ritorno in me, mi dirigo verso il centro, mi metto in macchina in direzione Domus Saurea. Dallo stereo John Cougar Mellencamp.

Mentre riattraverso città e campagne e mi cullo nel languore del mezzogiorno domenicale emiliano, mi dico che sono proprio un uomo di provincia, un uomo nato in una piccola città …

Emilia crossing – foto TT

Il coguaro batte nel cuore della Sigismonda, sono i tre dischi di rock americano (inteso nel senso stretto, quello rootsy insomma) che più amo … American Fool, Uh Huh, Scarecrow.

Attraverso il confine delle due contee che mi hanno generato, guardo il cielo, seguo il sentiero del rock e insieme a Mellecamp canto uno dei suoi slogan che più mi piacciono …

Emilia crossing – foto TT

Forget all about that macho shit
And learn how to play guitar

SONGWRITING BLUES

Periodo molto prolifico questo. Mi metto sulla chitarra e quasi ogni volta esce un riff, una sequenza d’accordi, una frase, una canzone nuova. Quando passo questi periodi sento sempre un friccico ner core, una sorta di tremarella compositiva, una piccola vibrazione cosmica. Mi diverto parecchio a dare i working title alle mie nuove cose: uno è Ten Wings Gone perché dentro ci sento gli Wings e certe atmosfere di Ten Years Gone, un altro White Mass perché mi par di riscontrare echi dei Black Sabbath e un terzo Police On My Led. lo sviluppo musicale di quest’ultimo mi pare contenga tracce dei Police, appunto, e dei LZ. alla fin fine poi sono fantasie mie perché ormai credo che faccia tutto parte dello stile Tim Tirelli, come dice la pollastrella.

Peccato non poter sviluppare a dovere queste nuove piccole composizioni, finiranno come sempre nel cassetto, il solito drawer blues insomma.

SVEZIA

Periodo di Nordic Noir, periodo di dipendenza da serie TV. Ormai riesco a concepire solo la Scandinavia (Islanda inclusa), ed in particolare la Svezia. Anche i miei acquisti ne risentono.

Svezia blues – foto TT

SUL PIATTO DELLA DOMUS

Sempre più frequentemente al mattino, mentre mi preparo per andare al lavoro, invece di Circo Massimo su Radio Capital, metto sul piatto degli LP.

Black And Blue è uno dei miei dischi preferiti in assoluto …

Sul piatto della Domus – foto TT

Ogni tanto poi esco dal lavoro prima perché il momento è quello che è e, per rimettermi in carreggiata, una volta arrivato alla Domus, mi affido al Texas Tornado.

Sul piatto della Domus – foto TT

Physical Graffiti poi non mi delude mai, la side three è uno dei lati di LP più riusciti di sempre per me.

Sul piatto della Domus – foto TT

Le sere del fine settimana che non esco le passo ad ascoltare Stanley Turrentine. Questo LP me lo regalò mio zio Giàver negli anni settanta, da allora mi riempie l’animo ogni qualvolta sono in the mood per Jazz di questo tipo

Sul piatto della Domus – foto TT

35 anni fa comprai The Works dei Queen, anche dopo tutti questi lustri rimane  – considerati gli anni in cui uscì – un bel disco da ascoltare con piacere.

Sul piatto della Domus – foto TT

FOOTBALL

Di nuovo sospeso in una dimensione da football dove sconforto, speranza e sopportazione si mischiano grazie all’anima blues della mia squadra del cuore, mi rincuoro con la splendida qualificazione dell’Ajax al turno successivo di Champions League: battere il Real – a 4 al Bernabeu non è roba per tutti. Forza Aiace.

LUPO DI MARE IN CHIAVE DI BASSO

Nel sistemare i miei archivi ritrovo la trascrizione del giro di basso di A Salty Dog fatta da Saura 13 anni fa. All’epoca avevamo il pezzo in scaletta e io per quei cinque minuti dalla chitarra passavo al basso mentre Saura sedeva alle tastiere. Il problema è che io non leggo in chiave di basso, ne conosco il meccanismo ma non mi ci sono mai messo, già trovo impegnativa la chiave di violino quindi figuriamoci. Sorrido nel vedere che avevo scritto il nome delle note tradotte nella chiave di violino sotto al pentagramma e ancora una volta mi tolgo il cappello davanti alla capacità di Saura di trascrivere una melodia (per di più in chiave di basso) sullo spartito. La firma poi è la cosa che fa più ridere: “by Saura” … ah ah ah.

Trascrizioni di una bassista – foto TT

 

Trascrizioni di una bassista – foto TT

 

DOMUS blues

La Domus Saurea si sta risvegliando, la primavera bussa alle porte, entra dalle finestre, i gatti sono sempre più propensi a stare all’aria aperta, la stufa a pellet inizia a rallentare, la campagna sembra prepararsi alla stagione lussureggiante.

Palmiro, il mio amico peloso, si fa una sgambata di un paio d’ore di primo mattino, poi torna fuori per tutto il pomeriggio. Verso sera torna, si  allunga di fianco a me sul divano e non c’è serie TV Nordic Noir che possa distoglierlo dal meritato riposo.

Palmiro, l’amico peloso – foto di TT

Stricchi invece non cambia abitudini, di giorno non vuole uscire, lo fa solo di sera. Quando sono a casa mi cerca continuamente, mi segue ovunque, alla sua maniera un po’ isterica sente di dover starmi vicino. Non avesse avuto una infanzia così problematica, sarebbe una gattina adorabile, ma in fondo già lo è così e spero che col passare degli anni possa scordare gli atteggiamenti degli umani scriteriati che la avevano in precedenza.

Stricchi – foto TT

Le margherite ormai sono spuntate,

Daisies at the Domus – foto TT

sul ponte ci sono già i sacchi del giro verde con i primi stralci di orto e giardino

Sacchi del giro verde sul ponte della Domus – foto TT

I contadini stanno preparando la terra per la semina … ora manca solo la pioggia.

Domus Saura and beyond – foto TT

Paul Rees “ROBERT PLANT – A LIFE” (2014 – Harper)

5 Mar

Paul Rees “ROBERT PLANT – A LIFE” (2014 – Harper) – TTTT

Libro in lingua Inglese – versione economica.

Biografia del Golden God uscita in origine nel 2013 e scritta da Paul Rees, giornalista musicale inglese, tra l’altro direttore delle riviste Q Magazine e Kerrang, autore di libri e collaboratore con testate britanniche di peso.

L’autore si concentra sulla personalità, sulle sfumature e sulla vita personale di Plant; pur seguendo naturalmente la traccia della sua carriera musicale, questa è quasi appena accennata. Vi sono approfondimenti riguardo i suoi anni pre LZ e post LZ, ma dei dodici anni anni con i LZ, dal punto di vista musicale non vi è nulla di rilevante. Ritengo sia giusto così, tanto è stato scritto sul gruppo, tante le biografie su Page che si intersecano con la vita stessa dei LZ, era ora che ci arrivasse una biografia che svelasse qualcosa dell’uomo  Plant.

Giungono conferme che, come Page (e Rod Stewart e Van Morrison), Plant è un uomo un po’ tirato con i soldi, può avere spunti di grande generosità ma è assai oculato e parsimonioso (per non dire tirchio).

Rees ha intervistato molti amici e collaboratori di Plant (le considerazioni di Benjy LeFreve ad esempio sono tra le più schiette), da essi si capisce chiaramente come la debolezza di Plant siano state (e siano) le donne. Non che avessimo dubbi, se uno stallone di quel genere diventa una delle rockstar più di successo l’equazione diventa facile facile, ma è quasi esilarante capire come non abbia mai saputo resistere al fascino femminile e di come abbia sempre fatto il galletto.

Il libro parla senza problemi del fatto che Robert ebbe una relazione anche con Shirley Wilson, sorella di Maureen, sua moglie; la cosa diventò ufficiale nel 1984 dopo che Plant l’anno prima divorziò da Maureen, ma il racconto di Rees lascia pochi dubbi circa un coinvolgimento anche in momenti precedenti. L’autore non svela chi sia la madre di Jesse Lee, il terzo figlio di Plant. Si pensava fosse appunto di Shirley, ma Rees scrive che Plant non ha mai chiarito la cosa.

E’ ad ogni modo bello che Plant abbia un buon rapporto con le sue ex donne e con la sua famiglia e che le ex, i figli e le compagne riescano a convivere senza tanti problemi. Al contempo Plant continua a lamentarsi di tutti i soldi che deve in alimenti.

Intrigante capire poi come RP fosse molto esigente con i suoi musicisti. Doug Boyle in particolare, quello che soffrì maggiormente di certi atteggiamenti.

Nel libro c’è un paragrafo dove Ross Halfin (il noto fotografo) racconta che una volta andò a casa di Plant nelle Midlands per un servizio fotografico. Ross fu molto colpito nel vedere come l’ex fienile, adibito a sala della musica con tanto di piccolo studio di registrazione, fosse pieno di cimeli relativi ai Led Zeppelin. Una volta tornato a Londra Halfin confidò a Page che non si aspettava che Robert – sempre così pronto a tenere le distanze dal gruppo che lo lanciò in orbita – fosse così pieno di memorabilia e che non capiva allora l’atteggiamento negativo che il biondo di Birmingham aveva nei confronti dei Led Zeppelin. Page rispose che fu lui a insegnare a Plant a cantare, a come comportarsi, a come muoversi e tutto il resto e che ora Robert prova risentimento.

Il libro naturalmente parla del rapporto di amore odio tra i due e di come nel periodo post LZ fu Robert a diventare, tra i due, quello con maggior peso, soprattutto negli anni dell’avventura Page and Plant.

Molti altri gli aspetti della personalità di Robert che sono resi noti in questo libro, che a questo punto diventa praticamente essenziale.

Per certi versi Robert rimane un hippie ma per chi, come noi, non ha timore di guardare l’abisso della verità in faccia, è stuzzicante percepirne anche gli aspetti più contraddittori, più oscuri e meno conosciuti.

 

 

 

 

Kisaragi blues

20 Feb

Kisaragi era il vecchio nome nipponico di febbraio che significava letteralmente “il mese del cambio delle vesti”; sarebbe un mese invernale ma il cambiamento climatico fa sì che perlomeno alcune delle settimane del mese siano di aspetto primaverile. Mese al contempo neutro e interlocutorio: il lento sciogliersi dell’inverno, folate di aria gelida o primavera in largo anticipo? Mentre cerco di adattarmi a queste ipotesi, rimango come sempre appeso alle mie riflessioni blu.

L’amore al tempo della musica rock

Contemplo un paio di vecchie classifiche, gennaio 1972 e 1974. Oltre ai soliti sospiri mi chiedo dove sia andata a finire la musica. E’ vero, tendiamo a ritenere oro tutto ciò che luccicava negli anni della nostra giovinezza, credo sia un sentimento molto umano e comprensibile, dipingere con colori più vividi di quelli che erano in realtà gli anni più felici e spensierati della nostra esistenza serve a rendere la nostra vita meno opaca di quella che forse fu (o è), un modo del nostro subconscio per non farci cadere in crisi esistenziali.

Detto questo però, pur sforzandomi di essere freddo, razionale e intellettualmente onesto, non posso che meravigliarmi ancora una volta della qualità della musica che andava in classifica in quei primi anni settanta. Album di certo impegnativi e difficili come ad esempio LZ IV, BSS degli ELP o Tales degli Yes arrivavano nelle primissime posizioni. Davvero impensabile oggi.

US album chart january 1972 – photo Dave Lewis

E’ vero che adesso ogni tipo di musica ha la propria nicchia e i proprio “follower”, ma si tratta appunto di nicchie. Album complessi, articolati, densi e pieni di musica avevano un enorme successo commerciale e il Rock era davvero un fenomeno sociale di grandissima portata. Sarà anche una banale conclusione di un uomo di una incerta età, ma come erano belli musicalmente quegli anni.

UK album chart january 1974 – photo Dave Lewis –

SERIE TV: True Detective – Stagione 3 –  TTTT 

HBO – USA 2019 . Bella la terza stagione di True Detective. Con la seconda avevo perso interesse, ma questa qui mi ha di nuovo appassionato.

TRAMA

TRUE DETECTIVE, LA SERIE TV 
Creata da Nic Pizzolatto nel 2014, per conto della statunitense HBO, ‘True Detective’ è una serie TV antologica: prevede cioè che ogni stagione racconti una storia nuova e autonoma, con attori differenti e ambientazioni diverse. 
Il filo conduttore è quello di essere un crime/drama incentrato su storie di detective della polizia: nella prima stagione siamo stati in Louisiana, insieme a Matthew McConaughey e Woody Harrelson, mentre nella seconda ci siamo spostati in California, dove abbiamo seguito le vicende interpretate da Colin Farrell e Rachel McAdams. 

TRUE DETECTIVE, STAGIONE 3 
La terza stagione si sposta nell’altopiano d’Ozark, negli Stati Uniti centrali, e ha per protagonisti Mahershala Ali (premiato con l’Oscar grazie a ‘Moonlight’) e Stephen Dorff (‘Blade’, ‘Somewhere’). 
La trama si dipana attraverso tre differenti periodi e ruota attorno al tentativo di due detective di fare luce sulla misteriosa scomparsa di due bambini: un caso davvero intricato e che metterà a dura prova i tutori dell’ordine. 

Flashes from the Archives of Oblivion:  Il Libro Del Jazz

Pomeriggio spompo di domenica, sistemo i libri musicali nella libreria Ikea che ho di fianco al divano. Me ne capita in mano uno che mi riporta indietro negli anni. Libro regalatomi da mia madre decenni fa per il mio compleanno. Lo apro: stampato da Garzanti nel settembre del 1979. Presumibilmente dunque mi arrivò nel solstizio d’inverno di quello stesso anno. Lo faccio vedere alla pollastrella: “Scomoda tua madre!”. Già, a lei piaceva il Jazz di Benny Goodman, di Glenn Miller e di Henghel Gualdi, aveva una passione per certo swing che mi passò senza alcuna fatica; con questo libro evidentemente cercava nuove chiavi con cui confrontarsi con quel giovane figlio cappellone che le era capitato e che da qualche anno non pensava che alla musica (Rock). Un paragrafo del libro parla anche di blues, di rock blues e di rock, citando grandi nomi e artisti più di nicchia. Lo sfoglio, me lo coccolo un po’, lo spolvero e lo ripongo nella libreria. Bei ricordi.

Prima di metterlo via mi accordo che al suo interno vi è infilato un vecchio adesivo. Sorrido della grafica e mi chiedo se andai o no a quella fiera. Erano gli anni in cui l’Hi-Fi era preso sul serio, avevo amici con impianti stereo per l’epoca incredibili. Gli equalizzatori, i subwoofer, i piatti, le puntine, gli ampli, le casse …  bei momenti.

Flashes from the Archives of Oblivion:  Il Libro “David Crockett in guerra contro i Creek”

Quella scalmanata della (gattina) Stricchi, durante una delle sue corse a tutta velocità per casa, urta contro la libreria. Un libro cade per terra. Lo raccolgo. E’ un vecchio titolo per ragazzi. Sfoglio le pagine dalla carta grezza, annuso l’odore della mia infanzia, cerco di ricordare qualcosa di quella storia;  mi accorgo che all’interno vi è un segnalibro che si prende tutta la mia attenzione …

Flashes from the Archives of Oblivion:  vecchio segnalibro Fila

… un moto di affetto e di chissacché mi pervade. Quando era un bambino questi erano i segnalibri. Ricordo di averne avuti molti altri. Un reperto importante per un uomo di blues come me, un oggetto che mi riporta a quel periodo in cui sono stato anche felice e in cui tutto mi sembrava andasse bene.

Uomo con fisarmonica

Mattino lavorativo. Devo fare qualche commissione in centro. L’ufficio dista da Stonecity downtown un chilometro circa, non spreco mai l’occasione per fare un po’ di moto. Il cielo è sereno, la mattina fredda; cammino spedito sul marciapiede zigzagando per evitare gli alti platani che costeggiano il viale. Mi fermo a prelevare contanti in un bancomat. Ci sono due donne col velo in testa alle prese con la macchinetta, impiegano un po’. Mi guardo intorno, un uomo presumibilmente di origine slava suona la fisarmonica nella speranza di raggranellare qualche spicciolo. La gente passa incurante. L’uomo allora timidamente si fa incontro ad una signora e con la mano chiede la carità; la signora tradisce una smorfia di fastidio e lo evita come si eviterebbe un lebbroso. Assisto rassegnato alla scena. L’uomo torna a suonare. Faccio il prelievo. Tolgo un euro dal portamonete e lo do all’uomo. Mi guarda con un sorriso triste “Grazie. Buona giornata capo.” Vorrei dirgli che non sono il suo capo, ma temo che forse troverebbe incomprensibile il mio inflessibile politicamente corretto. Gli do una pacca sulla spalla “Tieni duro. Arrivederci”. Mi pento di avergli dato del tu ma vado di fretta non ho tempo per spiegazioni in caso non avesse capito il lei.

Petrol Station Man

Un paio di settimane fa mi fermo a fare rifornimento nel distributore in cui sono solito andare. Daniel, il simpatico nigeriano che il titolare ha assunto, mi chiede se voglio la fattura elettronica (certo che la voglio Daniel, lo sai) e nel farlo mi dà del lei. Sebbene sia un po’ in ritardo non resisto e gli spiego che se io gli do del tu, non mi deve dare del lei, altrimenti anche io dovrò dargli del lei. L’italiano di Daniel non è niente male, ma è chiaro che concetti che esulino dalle banalità quotidiane siano un po’ ardui da afferrare. Daniel rimane interdetto. Pensa che il mio discorso verta sulla fattura elettronica e il pagamento con la carta di credito. “No, Daniel, quello che voglio dirti è che io e te siamo amici, e se lo siamo quando ci rivolgiamo l’uno all’altro ci diamo del tu, che è la forma che usano le persone che hanno confidenza. Il lei si dà quando le persone non si conoscono, quando si vuole usare rispetto o in situazioni formali. Se decidiamo di darci del lei a me va bene, ma avevamo detto che si saremmo dati del tu, quindi …”

Daniel appare ancora un po’ disorientato, ma si capisce che sta elaborando. Dopo poco arriva a capire e il sorriso che mi fa mi ripaga della fatica. Il titolare (bianco) ci guarda da lontano e arriva chiedendo spiegazioni in modo scherzoso ma con quei sottintesi che non tollero? “La fa arrabbiare? Combina sempre dei pasticci”. Daniel in realtà è sempre preciso, svelto e puntuale. In questi mesi l’ho visto stoico al lavoro sebbene avesse quasi una paralisi facciale dovuta al freddo e ustioni su una mano dovuta ad una fuoriuscita dalla pompa di GPL. “No guardi, tutt’altro, mi complimentavo con lui perché è sempre pronto, disponibile e gentile. Mi rifornisco da voi proprio perché c’è lui. “ gli faccio. Il titolare mastica amaro, ma io quel modo di scherzare non lo tollero e devo sempre puntualizzare da che parte sto se stimolato a farlo. Lo so, sono un bel rompiscatole.

I Giudizi Tranchant di Ittod Tirelli

Breve scambio su messenger tra me e Polbi. Il Michighan Boy mi chiede che ne penso di un pezzo dei Rossofuoco

Canticchiando i Riff di Tim Tirelli

Mercoledì mattina di febbraio. Mi alzo di buon ora; devo consegnare al poliambulatario di Stonecity campioni biologici per i soliti controlli annuali. La pollastrella ha la giornata di smart working, lavorerà da casa dunque. Mi sveglio per tempo, voglio comunque prepararle la colazione come faccio tutte le volte che lavora da casa. Patetico tentativo di (cercar di) ricambiare tutto quello che lei fa per me nel quotidiano. Thè, spremuta, fette biscottate. Sono più indaffarato del solito, devo correre per arrivare per tempo al poliambulatorio. Sono concentrato, lei dà da magiare ai gatti: per primo Palmiro, poi la Ragni, quindi i due che sono già davanti alla porta d’ingresso ovvero Artemio e Spaventina. A seguire libera le altre due che di notte chiudiamo nel sottotetto, Raissa e Strichetto. Io sono un po’ scontroso come tutte le mattine, lei (benché sotto sotto sia un po’ una tipa alla Saga Norèn) solare e ben disposta verso il nuovo giorno. Va avanti e indietro per il corridoio, la sento canticchiare, tendo l’orecchio … Ehi, ma quello è un mio riff. Non è che lei sia poi così interessata alle mie canzoni, non è una musicista da songwriting, quindi la sorpresa è tanta. Recentemente deve aver sentito il pezzo Avrò La Luna (del 1989 scritto insieme a Tommy Togni) mentre si passavano vecchi nastri live del gruppo in formato digitale. Glielo faccio notare. “Mi piace quel riff, ti rimane in testa e non va più via.”

Mi metto in macchina, attraverso la nebbia che avvolge le campagne, sono meno sconfortato del solito. A volte basta poco.

Cattiva Compagnia “Avrò La Luna” (Tirelli-Togni 1989)

(Tommy Togni – Voce / Tim Tirelli – Chitarra / Luigi Mammi- Tastiere / Claudio Saguatti – Basso / Mixi Croci – Batteria)

(prodotto da Mel Previte – 1991)

 

Otto anni di blog

Il 18 febbraio di otto anni fa acquistai da wordpress il dominio e lo spazio su cui siete ora. Dopo aver sistemato le prime faccende e aver scelto il tema del layout grafico, comparve un primo post automatico, tipo “Welcome World” o qualcosa del genere, che eliminai. Nei giorni successivi iniziai a pubblicare i primi timidi e un po’ sciocchi articoli, dopo otto anni non è che sia cambiato granché, ma mi sorprende non poco essere ancora qui.

727.000 visite, follower da email e wordpress, 1780 articoli scritti. Si passa di 528 del 2011 ai 74 del 2018, ma è sempre così … nei primi anni si hanno tanti pensieri e articoli arretrati da mettere online.

In questo periodo si sono cementati rapporti con quella che chiamo la comunità del blog, uomini e donne di blues che si raccolgono intorno a riflessioni metafisiche mentre il rock batte nelle loro anime.

Tramite il blog ho conosciuto amici con affinità elettive, alcuni sono solo un nickname che appare puntualmente su queste pagine, altri sono figure in carne ed ossa. A questo proposito mi viene in mente Lollo Stevens. Sette/otto anni fa si imbatté su una paginetta di questo blog, ne capì il tenore e si appassionò. Abita in quella che era la mia città, e la sera in cui insieme a qualche altro amico andai al cinema a vedere Celebration Day dei LZ, si presentò di fianco a noi e disse: “Tu devi essere Tim Tirelli, la tua faccia blues ormai la riconosco“. Diventammo amici. Ci siamo visti anche domenica scorsa e tra i tanti discorsi fatti e argomenti trattati uno in particolare mi è rimasto in mente, quello dove candidamente mi diceva che “mi son trovato a leggere anche il tuo ultimo post su Icardi, e mi è pure piaciuto … a me che del calcio non me ne frega nulla.”. Così per farmi perdonare gli ho porto la doppiomanico, lui l’ha indossata, l’ha alzata replicando la mossa del nostro chitarrista preferito e per cinque secondi si è sentito un dio del rock. Ci vuol poco per farsi perdonare dagli amici quando hai una doubleneck.

Oltre a Lollo ringrazio ognuno di voi naturalmente: chi interagisce più frequentemente, chi ci segue nell’ombra, chi collabora o ha collaborato col blog, chi pur avendo visioni diverse ci legge, chi lo fa per trovare riparo dalla inquietante condizione dell’essere umano perduto su un pianeta minuscolo che volteggia nelle profondità siderali.

I love you all, my pretty boys and girls.