How The Milly Bar Was Won (The Equinox Live in Modena, Parco Ferrari, Milly Bar 17/08/2018)

18 Ago

Di nuovo al Milly Bar, al Parco Ferrari di Modena, dove recuperiamo la data del 14 luglio scorso annullata per maltempo. Siamo nella settimana di Ferragosto, mi chiedo se ci sarà un pubblico sufficiente per non sentirsi ancora più blues di quel che siamo. Naturalmente non puntiamo a competere coi numeri che Vasco richiamò proprio su questi prati un anno fa, ma essendo appunto periodo di ferie temo che suoneremo per Alessandro, il fonico, Emilio, il titolare, e per gli avventori casuali giunti al Parco Ferrari per godersi un po’ di fresco tra le frasche del grande punto verde di Modena.

Ore 18,45, strumentazione montata.

The Equinox – Modena 17/08/2018 – foto TT

Ore 19,20 soundcheck fatto, possiamo rilassarci e rinfrescarci.

The Equinox – Milly Bar, Parco Ferrari, Modena 17/02/2018 – Foto TT

Mi interrogo sul mio stato psicofisico, non è che mi senta poi in forma, il mood tende a quell’eterna insoddisfazione che da sempre mi attanaglia l’animo, la tendinite nello snodo principale dell’anulare sinistro continua a darmi da fare, presente e futuro sono come sempre preda di un passato remoto che non molla la presa, così non mi resta altro che sedermi sul ciglio del palco a contemplare l’America dove mi presentarono i miei cinquant’anni e un contratto col circo “Page & Bene” a girare l’Emilia, e firmai, col mio nome e firmai, e il mio nome era Tirelli Tim.

The Equinox – Milly Bar, Parco Ferrari, Modena 17/02/2018 – Foto Pol Morigi

Spero di risollevarmi con l’aiuto degli Equinotti, gli altri membri degli Equinox insomma…

The Equinox – Milly Bar, Parco Ferrari, Modena 17/02/2018 – Foto Alessandro

o rimirando le mie chitarre, vista questa che mi dà sempre serenità e sollievo, come l’andante cantabile della Rapsodia Su Un Tema di Paganini di Rachmaninov

◊ ◊ ◊

◊ ◊ ◊

The Equinox – Milly Bar, Parco Ferrari, Modena 17/02/2018 – Foto TT

Ceniamo, nel frattempo mi arrivano messaggi da amici che si dicono pronti di venire a vederci in questa calda serata estiva. Due chiacchiere col Riff a proposito di nuove versioni di bootleg dei LZ, poi è già tempo di controllare l’accordatura delle chitarre, di cambiarsi, di entrare piano piano nella mezz’ora che precede il concerto. Arrivano fratelli di blues e di rock, Paolo Rizzo, Lucianone Tomassia, il vagabondo di mezzanotte, il chitarrista dei Rats, Sir Lyson, il Pike Boy, addirittura la Betta. Ci sono anche Gio e la Maura, venuti a filmarci anche stasera (prossimamente sul blog un estratto della loro – di sicuro ottima – videoregistrazione).

Prima di iniziare faccio due passi dietro al tendone sotto cui è seduto il pubblico, per essere il 17 agosto niente male davvero. Poco dopo dal palco mi accorgerò che di gente ne è arrivata altra e che sembra davvero tanta. A fine serata Emilio – il titolare del Milly Bar – mi dirà “Tim, sono molto contento, anche del fatto che tutti sono rimasti sino alla fine, il che non è automatico per una serata a base di Led Zeppelin, gruppo non esattamente di facile ascolto. Molto bene, Tim, molto bene.” Con Emilio il rapporto è funzionato sin dal primo giorno: affinità elettive, visione del mondo e della musica, prospettive… ci si intende insomma, ma so anche che è uno tutto d’un pezzo e che non dice cose tanto per dire, così il suo rilievo finale mi darà ulteriori soddisfazioni e la certezza che – nel nostro piccolissimo – stiamo facendo un lavoretto dignitoso.

The Equinox – Milly Bar, Parco Ferrari, Modena 17/02/2018 – Foto TT

Sono le 21,40: showtime baby! Saura fa partire la sigla (Shadow In The City, pezzo del 1982 di Jimmy Page), mentre attendo di iniziare controllo l’accordatura della Les Paul, guardo le stelle e chiedo al Dark Lord di vegliare su di me.

The Dark Lord (photop GQ magazine)

Raffica iniziale: Custard Pie-Over The Hills And Far Away-Immigrant Song.

The Equinox – Milly Bar, Parco Ferrari, Modena 17/02/2018 – Foto Paolo Rizzo

Seguono Black Dog e What Is And What Should Never Be.

Black Dog 

(filmed by Federica Pratissoli)

https://www.facebook.com/federica.pratissoli/videos/2055692011130660/

Black Dog / WIAWSNB

(filmed by Milly Bar)

https://www.facebook.com/MillybarParcoFerrari/videos/2137226333182610/

Il pubblico applaude puntuale, ma appare forse un po’ composto. Faccio un paragone – esagerato lo so – col pubblico dei concerti giapponesi degli inizi degli anni settanta, pubblico presente e pronto all’applauso ma al contempo rispettoso e riservato tanto da apparire un po’ freddo. Ovviamente sono conscio del fatto che magari la colpa è nostra, non sempre si è in grado di far scoppiare la scintilla che innesca la buona riuscita di un concerto.

Saura si mette alle tastiere (e alla pedaliera basso) e procediamo con Misty Mountain Hop.

MMHop

(filmed by Wilko Zanni)

Segue Since I’Ve Been Loving You, che stasera dedichiamo al vagabondo di mezzanotte. Nell’ultimissima parte mi sembra di pasticciare con gli accordi finali. Buffo, suoni questo pezzo da quasi vent’anni, eppure ti accorgi che se anche inserisci il pilota automatico e ti senti tranquillo non puoi permetterti distrazioni. Troppi gli stacchi e le particolarità da ricordare, maledetti Zeppelin…

The Equinox – Milly Bar, Parco Ferrari, Modena 17/02/2018 – Foto Paolo Rizzo

Nobody’s Fault But Mine, Moby Dick e di nuovo Saura alle tastiere per I’m Gonna Crawl. The Song Remains The Same – dove per un pelo non inizio l’assolo in V posizione e non in VII (il bicordo iniziale è uguale a quello di The Ocean che è appunto suonato in V posizione e finisco spesso per confonderli) – e Hot Dog riportano il ritmo su livelli sostenuti. Cambio chitarra, imbraccio la Danelectro, Lele batte il quattro e ci inoltriamo in terre desolate spazzate dalla sabbia e dalla polvere che vola alta in giugno. 

Mi dirà il vagabondo di mezzanotte dopo il concerto: “Ero al bar a prendere da bere, c’era parecchia gente, ma appena siete partiti con Kashmir siamo tutti corsi di nuovo sotto il tendone, non potevamo perdercela”. Pol come sempre la canta molto bene, ma in definitiva, canta bene tutto. Mica facile trovare un cantato così dotato, che tra l’altro sappia anche fuggire dal pericolo “macchietta”, errore in cui moltissime tribute band incorrono. L’applauso stavolta sembra più deciso e caldo.

Kashmir

(filmed by Wilko Zanni)

Poso la Danelectro e indosso la doppiomanico. E’ il momento di Stairway. Ne diamo, credo, una versione decorosa. Sulla dodici corde l’anulare mi duole più del solito ma faccio finta di niente e vado avanti. Nella parte finale dell’assolo proponiamo per la prima volta gli stacchi che facevano i Led Zeppelin nel tour del 1977, in particolare quelli eseguiti nella data del 23 giugno 1977, concerto relativo al famosissimo bootleg For Badge Holders Only. Stacchi che abbiamo provato solo durante il soundcheck e che tutto sommato fanno la lora figura. Nella chiusura, una volta che finita la frase “and she’s buying a staiway to heaven” e dopo che ci siamo appoggiati all’ultimo La minore, alzo la doppiomanico mentre il pubblico applaude, stavolta con calore, io insisto e indugio con la chitarra dai due manici alzata, quasi volessi costringere la gente a continuare l’applauso. Il battimani prosegue, è in quel momento che entriamo in contatto spirituale con loro, è in quel momento che – come mi dirà il Pike boy dopo il concerto – abbiamo conquistato il Milly Bar… how the Milly Bar was won insomma.

The Equinox – Milly Bar, Parco Ferrari, Modena 17/02/2018 – Foto Giovanni Sandri

Stairway

(filmed by Paolo OldMan Mantovani)

https://www.facebook.com/oldmanrockfashion/videos/10215233476262013/

Stairway

(filmed by Milly Bar)

https://www.facebook.com/MillybarParcoFerrari/videos/817303645327358/

c

The Equinox – Milly Bar, Parco Ferrari, Modena 17/02/2018 – Foto Giovanni Sandri

Il mood adesso è quello giusto, sia noi sia il pubblico siamo pronti per il piombo Zeppelin.

Heartbreaker definisce il carattere della Gibson Les Paul Standard (Traditional), la colleghiamo a Whole Lotta Love come facevano i Led Zeppelin nel tour del 1973. La sezione funk mi regala sempre un gran godimento. Il basso di Saura, stasera stimolato anche dalla nuovissima pedaliera effetti, mi manda in solluchero. Il groove che Saura e Lele riescono a mettere in scena mi fa fremere ogni volta. Durante la sezione Theremin la gente sembra ipotizzata, io faccio del mio meglio per entrare in contatto col cosmo e col mistero dell’universo. Questo aggeggio infernale- come lo chiama Pol – questo oscillatore di frequenza attira ogni volta l’attenzione dei presenti. Con le mani richiamo i due triangoli equilateri che formano la stella a sei punte. Mi rifaccio al primissimo significato di questi simboli. Dapprima invoco il Santo Graal, che non era una coppa, ma bensì il ventre della donna, il delta di Venere insomma, e quindi passo all’opposto maschile. Ritorno poi ai soliti temi e lancio nella notte cupa il mio ululato di uomo di blues sperduto su di un pianetuncolo sito nel buco del culo dell’Universo.

Heartbreaker  / Whole Lotta Love + Theremin

(filmed by Paolo OldMan Mantovani)

https://www.facebook.com/oldmanrockfashion/videos/10215233580064608/

Come fecero i Led Zeppelin nel tour del 1973, e in special modo al Los Angeles Forum il 3 giugno 1973, mettiamo in scena anche Goin’ Down, il pezzo di Don Nix (rifatto all’epoca anche dal secondo Jeff Beck Group)

Whole Lotta Love / Goin’ Down

(filmed by Federica Pratissoli)

https://www.facebook.com/federica.pratissoli/videos/2055796561120205/

Segue Communication Breakdown, dove a metà spezziamo il tempo per darmi modo di presentare il gruppo e di ringraziare il gentile pubblico. Durante la presentazione il pubblico risponde in maniera incredibile.

The Equinox – Milly Bar, Parco Ferrari, Modena 17/02/2018 – Foto Giovanni Sandri

Nemmeno il tempo di finire che Lele introduce Rock And Roll.

Rock And Roll

(filmed by Paolo OldMan Mantovani)

https://www.facebook.com/oldmanrockfashion/videos/10215233749468843/

Il concerto termina, ma il pubblico reclama un ultimo pezzo. Sempre rifacendosi al tour del 1973 anche stasera proponiamo Thank You come bis.

Mentre sono alle prese con gli accordi del pezzo, metto il pilota automatico e mi concentro su Saura. Guardo i suoi piedi danzare con leggiadria sulla pedaliera basso mentre le mani sono sull’organo. E’ una musicista di cui sono innamorato. Mentre getto la mano sulla tastiera, in cerca di un assolo finalmente libero e appassionato, sento il modo in cui Lele mi segue con la batteria. Mi piace molto come riesco a liberare la bestia che in lui, quando il rock prende il sopravvento e diventa lui stesso il rock. Rallento e lui rallenta, accelero e lui si getta a rincorrermi, mi sospinge e mi ispira. Sono innamorato anche di lui.

Thank You

(filmed by Paolo OldMan Mantovani)

https://www.facebook.com/oldmanrockfashion/videos/10215233784989731/

 

Un ultimo salto mentre la Gibson lancia i suoi larsen verso le profondità siderali e il concerto termina. Molta la gente che viene a congratularsi. Guardo i miei compari e li vedo tutti alle prese con amici e “fan”. Viene gente che non conosco a stringermi la mano, a farmi complimenti che so di non meritare, complimenti però che fanno piacere. Sir Lyson – musicista e gran conoscitore di rock- mi viene incontro e mi abbraccia. “Tim! Fantastico. Sei grandissimo. Siete una band della madonna!”. Continua per circa un quarto d’ora. Faccio filtro, conosco i miei limiti ma so cosa intende, in quanto a catturare lo spirito dei LZ, lo spirito del Rock non siamo male. Se solo avessimo – come gruppo –  un po’ più di possibilità di tempo e dunque studiare un po’ di più e curare certe dettagli che ancora non rendono a dovere, saremmo forse ancora più credibili. Mi abbracciano tutti: Davide Barani, giovane e quotato musicista della zona, Luciano Tomassia veterano del metal anni 80 e lui stesso in passato grande organizzatore e promotore di concerti (“Tim Tim!!! il vero suono zeppeliniano. Bravissimi”). Paolo di OldMan che si lascia prendere dall’entusiasmo e si spertica in dolci parole e tutti gli altri amici presenti che ci stringono nel loro affetto. Sento qualcuno che sta parlando con Saura dire “Cazzo che roba, questo si che è un tributo ai LZ… sono andato a vedere anche l’altra tribute band ai LZ della zona, ma loro fanno cinema”.

Io guardo in casa mia, sia chiaro, non mi metto a fare classifiche o paragoni, ma quel rilievo mi riempe d’orgoglio, lo dico ormai da un po’; che la gente – anche quella meno esperta in fatto di rock – senta che siamo differenti dalle solite tribute band macchietta per me significa aver centrato l’obiettivo.

Un ultimo abbraccio col midnight rambler e quindi mi metto a smontare l’attrezzatura e a caricarla sulla macchina. Rimaniamo poi a parlare con gli amici. Mi siedo al tavolo con Donald, Liso, Pike e Wilko. Si parla di rock e si parla di DDR. Partiamo poco prima delle 2.

Ritorniamo alla Domus Saurea facendo un bel pezzo della Via Emilia. Le luci della città brillano mentre noi le attraversiamo scivolando sul nastro di asfalto. L’autoradio – in random – passa Rocket Man di Elton John e Cross Road Blues di Robert Johnson. Arrivati alla Domus, scarichiamo e risistemiamo il tutto. Doccia e a letto. Mi sovviene che domani è sabato e che occorre portare giù sul ponte il sacco con la plastica della raccolta differenziata. Abitiamo in campagna, in un posto in riva al mondo, scendo in boxer, maglietta ed infradito come un white trash qualunque della Louisiana. Guardo le stelle, mi sale un fiotto di ricordi della mia infanzia… quante stelle quante stelle, dimmi tu la mia qual’è, non ambisco alla più bella, sol che sia vicina a me. Rientro in casa, ho ancora un po’ di adrenalina in circolo, fatico ad addormentarmi ma poi piano piano – verso le 3,40 – sento il sonno arrivare. Socchiudo gli occhi… la canzone rimane la stessa anche stanotte… New York, goodnight.

THE EQUINOX live at Area 24 Rock Station, Rio Saliceto (RE) 02/08/2018

10 Ago

Mattina in ufficio. Fuori l’estate bianca picchia in accordatura aperta, la cappa calda sotto cui viviamo è quella tipica delle estati qui in Emilia. Cerco di sbrigare le mie cose, mi sono preso il pomeriggio e non voglio trovarmi domani in affanno con faccende che non ho affrontato oggi.

Ore 13,30 Domus Saurea: io e Saura carichiamo le macchine. Questa volta le prendiamo entrambe, nel posto dove suoneremo stasera non c’è l’impianto, abbiamo dovuto chiederne uno in prestito a un gruppo a noi amico, I Tacchini Selvaggi, ci sono aste mixer e 4 casse da aggiungere alla nostra attrezzatura. Alle 17 arriverà Pol, abbiamo bisogno anche della sua macchina per caricare il tutto.

Ore 14,30/17: pranzo, doccia, relax.

Ore 17 arriva il Brad Delp di Correggio, carichiamo le ultime due casse e partiamo.

L’Area 24 è una stazione di servizio posta tra Rio Saliceto e Campagnola, nella bassa reggiana, tutt’intorno la campagna, davanti una strada provinciale.  Scendiamo dalle macchine e la prima cosa che dico a Saura e Pol é: “scommettiamo che appena arriva Lele il suo primo commento sarà questo?” (pronuncio una imprecazione blasfema, una di quelle che sono parte dell’antico retaggio culturale che si respira in Emilia Romagna sin dai tempi dell’odiato Stato Pontificio).

Piantagioni di granturco, lande desolate, la calura ipnotizzante e deprivante. Sembra di essere in Arkansas o comunque nel Delta del Mississippi, quel lembo di terra alluvionale a nord ovest dello stato del Mississippi che confina con Louisiana e l’Arkansas appunto; 300 km di lunghezza e 100 di larghezza in cui vi è rinchiusa la storia più emblematica del “sud degli Stati Uniti”, il substrato culturale, razziale ed economico del sentimento blues più profondo.

Per un attimo perdo la cognizione del tempo, mi immergo in uno dei miei paradossi temporali … entro ed esco dall’Arkansas, mi bagno i piedi nel Mississippi per l’ennesimo battesimo blues (e una volta l’ho fatto davvero, testimone il mio amico Mixi), accompagno il mio padre putativo attraverso campi di cotone e campagne chiuse nella loro affascinante solitudine …

Padre putativo

Arkansas

Cotton fields- Poinsett County Arkansas

Cotton in the Delta – Arkansas

Mississippi Delta Grain Bin Sunset L @rushimages

Torno in me, dobbiamo montare strumenti ed impianto, non c’è tempo da perdere. Arriva Lele, neanche il tempo di scendere dalla macchina che abbassa il finestrino e lancia l’imprecazione che avevo previsto.

Sotto la randa del sole pomeridiano, a mollo nel lago d’asfalto, diligentemente ci diamo da fare. Guardo Saura, è la più volenterosa, oltre ad essere quella che ha più “bagaglio” da fare e disfare” e anche quella che si adopera di più (insieme a Pol) per la sistemazione dell’impianto.

The Equinox – Area 24 Rios Saliceto (RE) 02/08/2018 – foto TT

The Equinox – Area 24 Rios Saliceto (RE) 02/08/2018 – foto TT

Nel campo a fianco un contadino sta controllando i lunghi getti d’acqua d’irrigazione. Ci vede e ci urla in dialetto reggiano stretto “Ragàs, se chi get d’acqua chè iv dan da fèer gi quel ca spost tot” (ragazzi, se questi getti d’acqua vi danno da fare ditemi qualcosa che faccio in modo di spostarli). Rispondo a tono in dialetto stretto ringraziandolo per la cortesia.

The Equinox – Area 24 Rio Saliceto (RE) – foto TT

Verso sera è tutto pronto, siamo sudati come chissà chi, ma in qualche modo più rilassati. Non siamo ovviamente soddisfatti del sound in generale, ma senza un fonico e con un impianto del genere occorre accontentarsi. Facciamo quattro chiacchiere con Benna, il titolare, sembra davvero uno a posto e questo è fondamentale per un gruppo. Buone vibrazioni, cortesia e buon senso da parte dei titolari dei locali sono condizione necessaria per un gruppo per continuare ad andare avanti.

The Equinox – Area 24 Rios Saliceto (RE) 02/08/2018 – foto TT

Ceniamo, ci rinfreschiamo, ci cambiamo. E’ ormai arrivata parecchia gente. Ci sono molti biker (dopo tutto queste sono le Biker Nights dell’Area 24) ma sono distanti anni luce dalle gang di biker per cui ho suonato in passato. Arrivano anche gli amici e i fan degli Equinox.  Ore 21,40 iniziamo.

The Equinox – Area 24 Rios Saliceto (RE) 02/08/2018 – foto TT

Saura fa partire la nuova sigla “A Shadow In The City” di Jimmy Page dalla colonna sonora di Death Wish 2, Signore Oscuro veglia su di me stasera.

Dopo l’ultimo armonico demoniaco di Page parto con Custard Pie a cui segue la sezione rock di Over the Hills And far Away e quindi Immigrant Song, il nostro medley iniziale. Ho un faretto di fianco a me, crea una sorta di barriera tra me e il pubblico, alzo la testa e mi accorgo che è assai numeroso. Proseguiamo con Out On The Tile (intro riff) – Black Dog e quindi con What Is And What Should Never Be. Durante Dazed And Confused mi sento svuotato, la pressione deve essere scesa, mi gira la testa e mi sento molle come un fico. Mi chiedo se riuscirò a finire il concerto.  Saura si mette alla tastiere e alla pedaliera basso per Misty Mountain Hop e SIBLY, io guardo le stelle in cerca di sostegno, mi rivolgo al Dark Lord il quale sembra ascoltare le mie preghiere laiche e darmi la forza necessaria per continuare lo show.  Il pubblico sembra gradire parecchio, sono contento. Nobody’s Fault But Mine e quindi Moby Dick. E’ la prima volta che suoniamo per intero quest’ultima e con il Mi basso abbassato a Re. Devo stare molto concentrato, i break di chitarra sono impegnativi per un chitarrista come me. L’assolo di Lele è riuscito, c’è tutto il power and the glory di Mr tamburino in esso. I’m gonna CrawlThe Song Remains The Same e Hot Dog prima della sezione finale. Il pubblico continua a rispondere alla grande. Per Kashmir imbraccio la Danelectro in accordatura aperta dadgad, mentre per Stairway cerco di fondermi con la doppiomanico, chitarra che ogni volta sembra ipnotizzare la gente. Alla fine del pezzo la sollevo in aria, boato … questo è tutto per te, Jimmy “Poige”, per il “buraccione” che hai messo in piedi.

Ultimi scampoli di concerto: Heartbreaker / Whole Lotta Love + Theremin + Goin’ DownCommunication Breakdown con presentazione e Rock And Roll, la nostra chiusura di piombo Zeppelin insomma.

Siamo stremati, è giovedì sera, domattina si va a lavorare, vorremmo bere una cosa e poi dirigerci a casa, ma la gente non smette di applaudire, di chiedere altri pezzi. Alcuni vengono vicino a noi a farci i complimenti, ci sono chitarristi che si avvicinano a me e fanno rilievi così positivi che mi mettono in imbarazzo. Naturalmente so che sono esagerazioni ma è indubbio che facciano piacere.

Il bis è Thank You, una new entry. Versione soddisfacente, mi lascio andare ad un lungo assolo nella coda finale (arrangiamento simile a quello che fecero Page and Plant nel 1994/95 dunque). La gente è carica, ci sono persone che ci filmano, davanti, di fianco e dietro il palco. Chiudo il pezzo con un salto. Applausi fragorosi.

Vorremo iniziare fare i bagagli ma arriva Benna il titolare, è raggiante ed entusiasta. “Tim! E’ un trionfo. Potete andare avanti ancora un’ora? Non c’è mai stata così tanta gente, e tutti sono rimasti sino alla fine. Siete fenomenali. Riuscite a fare almeno un ultimo lungo pezzo?

Come si fa a dire di no davanti ad un entusiasmo così genuino? How Many More Times.

Questa volta salutiamo definitivamente.

Mentre inizio a smontare mi soffermo a constatare che il pubblico – anche quello fatto di casual rock fan – inizia a distinguere il senso che cerchiamo di mettere in questo tributo. Credo che capisca che gli Equinox cercano di essere diversi dalle tipiche tribute band (che personalmente non amo). Vedo che anche gente apparentemente senza una preparazione rock particolare viene catturata dalla energia cosmica e dalla prospettiva obliqua che cerchiamo di mettere nella nostra proposta.

Siamo in Arkansas, inutile pensare che Benna sbrighi le faccende Siae online, e dunque eccomi a riempire il borderò della Siae nel locale ormai vuoto e in piena notte.

The Equinox – Area 24 Rios Saliceto (RE) 02/08/2018 – foto TT

The Equinox – Area 24 Rios Saliceto (RE) 02/08/2018 – foto TT

Ci fermiamo ancora un poco. Le ragazze del locale se ne vanno, Benna mi chiede di scrivere qualcosa sul diario di bordo dell’Area 24, di fianco alla paginetta del 2 agosto che ha la nostra locandina appiccicata. Scrivo qualcosa di poetico facendo il verso al testo di Kashmir: auspici affinché il sole batta sul nostro viso, le stelle riempiano i nostri sogni, il padre dei quattro venti gonfi le nostre vele.

The Equinox – Area 24 Rios Saliceto (RE) 02/08/2018 – foto TT

Un ultimo abbraccio e via lungo le blue highway reggiane. Pol ci accompagna alla Domus, scarichiamo le macchine e poi ricarico sulla mia le casse che sono su quella di Pol, domattina mentre andrò al lavoro le farò avere al proprietario.

Doccia e finalmente a letto. Siamo stanchi ma in qualche appagati, il Rock sarebbe il nostro way of life. Spengo la abat-jour, guardo la sveglia, sono le tre … New York goodnight.

 

Anna Funder “C’era una volta la DDR” (2016 – feltrinelli) – TTTT

7 Ago

Anna Funder è una giornalista australiana, specializzata in lingua tedesca. Questa è la ristampa del 2016 del suo libro del 2002 “C’era una volta la DDR”.

Il muro di Berlino cadde nel 1989, dopo di allora la Funder incontrò e parlò con diverse persone (vittime del regime e personale della Stasi, la polizia politica). Questo libro è il diario di quelle conversazioni, una sorta di romanzo in bianco e nero su alcune vicende personali ambientate nella DDR.
Da alcuni lustri vi è una sorta di nostalgia della DDR, la cosiddetta Ostalgie, la nostalgia dell’Est, sentimento che la Funder contrasta vivacemente, è un sentimento di certo curioso ma credo anche comprensibile, le difficoltà che derivano dal vivere in un regime di capitalismo selvaggio non sono robetta ed ecco che allora si guarda al passato, cedono a questo impulso anche i giovani che, come scrive l’autrice “sono semplicemente alla ricerca di qualcosa verso cui sospirare”.

Il muro di Berlino

Il libro è notevole, da qualunque parte la si guardi, la storia della DDR è intrigante, è impressionante vedere come – soprattutto nei primi lustri – la Repubblica Democratica Tedesca credette in se stessa e nella creazione dell’uomo socialista. La DDR si differenziava non poco dagli altri paesi socialisti, il Partito Di Unità Socialista di Germania non era infatti il solo partito, vi erano anche i cristiani democratici, i liberaldemocratici, i nazionaldemocratici e gli agrari. Naturalmente però era il SED (Partito Di Unità Socialista di Germania) ad avere il priorità assoluta e ad avere come suo credo la formazione di una società senza classi sociali.

Il muro di Berlino

Il libro della Funder è una feroce critica alla DDR, personalmente non mi sarebbe dispiaciuta leggere qualche pagina dedicata anche al punto di vista opposto, ma evidentemente per questo occorrerà appoggiarsi ad altri testi.

Ad ogni modo, se interessati all’argomento, libro da leggere.

Sinossi

https://www.lafeltrinelli.it/libri/anna-funder/c-era-una-volta-ddr/9788807884993

Fonti ufficiose affermano che nella Germania dell’Est gli informatori al servizio della Stasi, la potente polizia segreta, fossero una persona ogni sei abitanti e nel dopo-1989, all’apertura degli archivi, con grande sorpresa si è scoperto quante famiglie allevassero al proprio interno informatori incaricati di riferire allo stato i pensieri e le aspirazioni dei propri familiari. In un libro scritto con una suggestiva tonalità narrativa, Anna Funder ci riconduce in quell’esperienza, ascoltando sia ex funzionari governativi e informatori, sia persone che hanno avuto la vita spezzata da una repressione immotivata.

KING CRIMSON Lucca 25 Luglio 2018 – di Giancarlo Trombetti

30 Lug

Il nostro Giancarlo Trombetti – rock scriba extraordinaire – ci racconta dei KC a Lucca qualche giorno fa.

Diciamoci la verità : per esprimere un parere su questo concerto, basterebbe dire… emozionante, bellissimo. Il guaio è che chi scrive, di musica e non, è solitamente logorroico, debordante, e sente il dovere di dovervi ricoprire di parole per descrivere le proprie emozioni che sa Iddio se mai corrisponderanno alle vostre.
Io non sono da meno, per cui andate o oltre o mettetevi comodi.

Fa caldo a Lucca, niente afa, ma un caldo sufficiente a spingermi a utilizzare il ventaglino bianco sponsorizzato e cortesemente regalatomi all’ingresso del palchetto centrale. I biglietti sono un dono di chi mi accompagna e il loro costo, cui oramai dovremo abituarci, esoso. Vi risparmio la annosa domanda del perché un Cristo che mostri fiducia nell’organizzatore e nell’artista e che lo dimostri acquistando in notevole anticipo il biglietto, debba anche pagare una quindicina di euro di “diritti di prevendita”… un po’
come se prenotando un ristorante vi chiedessero di pagare un quid solo perché avete deciso di essere così cortesi di chiedere loro di riservarvi un tavolo… ma non importa: se non fossero diritti si tratterebbe di qualcos’altro, di un qualsiasi altro modo di leccarci via un altro trentino approssimativo in due con stile e destrezza.

Se il conto della cena la scorsa volta era stato eccessivo, la pizza stavolta entra nella top five delle schifezze che ho cercato di farmi entrare in bocca. Parlo di cibo. Difficilmente ho mangiato un pane arabo moscio come una mousse lasciata un paio d’ore fuori dal frigo. Con le cene a Lucca sono sfortunato…
Con parte di quell’impasto che mi galleggia nello stomaco, vado con un minimo anticipo sul posto. C’è Leo in regia, come sempre, e voglio far due chiacchiere. L’amico mi racconta che il management dei Crimson è ossessivo e puntiglioso oltremodo. Il controllo sulle telecamere è assoluto e nessuna ripresa potrà essere effettuata dal palco. Pare che solo una piccola remotata laterale sia di supporto alle tre che Leo ha piazzato quasi in parallelo dietro al mixer. Fortuna vuole che il ragazzo abbia notevole esperienza
e sappia come ovviare a tre telecamere che danno praticamente il medesimo punto di ripresa; uno schermo che ne accoglie due insieme è una soluzione che permetterà alla maggior parte del pubblico di vedere particolari e volti altrimenti lontani.

“Nessuna telecamera dovrà interagire e separare il pubblico dall’artista rappresentando un elemento di disturbo nella fruizione della musica”, dettano gli accordi. Ma non basta. Sui due lati del palco due cartelloni specificano che nessuna foto o ripresa potrà essere effettuata dal pubblico, pena l’allontanamento dal concerto. Identico messaggio viene ribadito in italiano ed inglese prima dell’inizio dei due tempi dello spettacolo. Non si fanno sconti. Davanti a noi un ragazzino di diciassette anni fa
tenerezza. “Ho scoperto i Crimson ascoltando i dischi di papà, l’anno scorso, a maggio”, specifica. E lo vedo mentre tenta di catturare un’immagine, un ricordo, di quello che sicuramente deve essere il suo primo concerto. Il padre lo guarda orgoglioso…Penso che forse…forse… questa generazione ha qualche soggetto che la salverà.

Con precisione svizzera, il gruppo entra sul palco. E’ immediatamente chiaro che non stiamo per assistere a un concerto rock. In primo luogo la disposizione delle tre batterie, in prima fila, profuma già di anomalo. Di batteristi con ego smisurati ne abbiamo visti, ma tre elementi che dominano il fronte palco fa capire che il suono dipenderà da loro, vedremo come. I batteristi vestono in nero. Dietro a loro Fripp e gli altri tre musicisti, indossano un panciotto nero. Siamo abituati da tempo all’immagine pubblica di Robert
Fripp, un chitarrista e compositore che ha attraversato gli ultimi cinquant’anni di rock inglese senza dar luogo a follie estetiche, senza ricorrere a palcoscenici multimediali, senza alcuna necessità che far parlare la musica che, di volta in volta, ha deciso di proporre. Certamente un personaggio schivo, particolare, avulso dalla scena, anche se al tempo stesso un leader di difficile gestione, durissimo con i suoi collaboratori, sicuramente una immensa rottura di palle per chi debba sorbirselo tutti i giorni. E non a caso il turbinio di musicisti all’interno del gruppo ne è la riprova. Una sorta di Zappa ma senza l’elemento dissacratore. Fripp si è sempre preso assolutamente sul serio.
Che non stiamo per assistere a un concerto rock è chiaro dal resto dell’iconografia. I musicisti sono concentrati sul loro lavoro; nessuna concessione allo spettacolo, nessun sorriso o movimento che non sia quello strettamente necessario a suonare il proprio strumento. Il tastierista a tratti appare marmoreo. Dall’estrema destra Fripp, seduto, accenna a qualche parte di tastiera e suona la sua chitarra, controllando con un ghigno a metà tra il Mr Burns dei Simpsons e Dexter, il killer seriale. Ma è l’intera atmosfera voluta e chiesta da Robert Fripp che impone una fruizione della musica assolutamente passiva ma concentrata. Nel caso qualcuno non avesse compreso che non è possibile nemmeno accendere i propri cellulari, una voce cortese invita a tenerli in tasca, ma non solo… se proprio il pubblico desidera portare a casa uno scatto del gruppo, viene specificato che Tony (così nell’annuncio) desidera farci una foto a fine spettacolo. Quello sarà il momento per tirare fuori i cellulari e portarsi a casa un ricordo.

In un silenzio quasi tombale e senza, incredibilmente, un solo cellulare acceso a illuminare i pochi centimetri di portata, dopo l’applauso di benvenuto, partono i tre batteristi con una breve miscela di quello che andremo a seguire a momenti. Non ci vogliono le conoscenze tecniche che non possiedo percapire che a ognuno dei tre è stato assegnato un compito diverso. Pat Mastelotto, a sinistra ha la batteria accordata in una tonalità più tonda e bassa, oltre ad avere una serie di percussioni e oggetti il cui suono
aggiunge come riempitivo un po’ ovunque; Gavin Harrison a destra ha il suo kit accordato in toni più secchi, acuti, nessuna percussione al di là di una serie di mini tom elettronici. Jeremy Stacey ha compiti a sé. Suona sui pezzi più vecchi, in parte, e girato suona un piano elettrico le cui note, in un primo momento, non si è in grado di afferrare la provenienza, dato che né Fripp, né Bill Rieflin, il tastierista principale, non ne sono autori.
Pare incredibile la scelta di avere i tre batteristi in primo piano, ma il tappeto continuo, ininterrotto, di ritmiche e contrasti fa capire come questa versione dei King Crimson sia guidata proprio dalle batterie. Ma ciò che impressiona è l’immenso muro di suoni bassi che Tony Levin emana nella sua quasi assoluta immobilità. Una vera trama dalla presenza incombente, che pressa e avvolge il tutto e di cui i batteristi e i virtuosismi dei singoli scalano di volta in volta la vetta. Si ha la percezione che se Levin si fermasse, metà
del suono del gruppo verrebbe a mancare. Quello che ci piomba addosso non è il semplice suono di un basso che supporta la batteria dettando i tempi, ma una struttura a piani che gli strumenti devono scalare se vogliono emergere dalle torri di note che sostengono il tutto. L’impressione raddoppia, triplica, quando Levin imbraccia il suo stick a dodici corde, quello che fa emette suoni che fanno credere che sopra le nostre teste stia per scatenarsi un temporale.

Il suono diventa una cattedrale incombente, e sui pinnacoli si inerpicano il sax di Mel Collins, sempre distorto e jazzato, aggressivo e tagliente come una chitarra e le due chitarre di Fripp e del polacco Jakko Jakszyk. Un quadro elettrico di rara forza, che lascia volare fantasia e desiderio. I Crimson dei 70 ne escono non come fantasmi ma come vivide immagini. Assolutamente presenti. Se un appunto sia necessario fare, va al Jakko, dall’impronunciabile nome. Laddove la voce non manca e appare sempre all’altezza, il suo strumento dovrebbe forse essere un contraltare più netto allo stranissimo ma debordante stile di Fripp.

Per me che non sono un tecnico, vedere il suo pollice sinistro che spinge il retro della tastiera mentre la mano scivola velocemente come se stesse suonando una slide fa un po’ effetto. I colpi di penna sono ritmici, robusti, ma quello che rendono in musica ed effetti, fanno dell’isterico Robert un maestro nel suo genere. Un chitarrista il cui suono è riconoscibile e perfetto per quello che deve evocare. Un suono distorto, e solo apparentemente privo di una melodia, che, al contrario, è estremamente presente in tutti i
brani e i medley della sua produzione.

La scaletta pesca maggiormente nel disco d’esordio e in Larks’, ma per me non è una sorpresa… di nascosto mi era stata fatta sbirciare prima dell’inizio insieme al semi-isterico accordo e alle sue restrizioni. Per me i Crimson fino a Red sono una miniera di suoni ed emozioni mai dimenticate. La lunga Starless, resa in chiusura in una versione semplicemente micidiale è uno squarcio nella miniera dei miei ricordi di ragazzo, quando Larks e Starless rappresentavano per me il contro-progressive, la prova che c’era vita
oltre una chitarra elettrica e una pedaliera e che un sax ed un violino ti aprivano nuovi universi. Erano gli anni in cui iniziavo ad andare decisamente oltre il muro dell’hard e del blues. E ne ero sorpreso, Zappa a parte.

Ma è necessario adesso provare a spiegare il senso dell’uso di tre batterie. Un anziano fan parmense, ai miei dubbi sulla presenza di tre diversi batteristi, mi spiega che avranno medesimi compiti e ritmiche in sincrono. Previsione errata. Ogni batterista ha un proprio preciso compito, e un preciso suono, perfettamente percettibile dopo un po’ di orecchio. Mastelotto e Harrison non solo si dividono i compiti – il primo dedito alle percussioni e alla rumoristica quando al secondo toccano le parti preponderanti – ma si alternano anche all’interno del medesimo brano, eseguendo le loro rullate in perfetta alternanza e, dato il suono diverso, donando al medesimo brano tinte diverse ogni manciata di secondi, minuti. In buona fede non saprei chi scegliere in quanto a risultati, ma mi sbilancio e dico Pat, anche se il solo finale in Starless è riservato a Gavin. Con gli altri due che lo applaudono. Il centrale Stacey pare assentarsi a minuti, e rivolto lateralmente rispetto alla sua cassa, pare occuparsi a lungo d’altro. La nostra pure buona posizione centrale non ci fa immediatamente realizzare che si sta dedicando a parti di piano elettrico, posto in modo tale da non farcelo vedere. A lui sono riservati i tempi nei brani più vecchi, in particolare, ma è la resa globale del loro suono che caratterizza fortemente l’insieme. I Crimson di questo tour sono un gruppo a trazione ritmica che rimbalza sulle mura che Levin innalza con il suo basso. Il resto vola alto al di sopra. Dopo un’oretta ci si fa l’orecchio, ma l’impatto iniziale è impressionante.

Quando Larks lacera Piazza Napoleone, mi tornano in mente le mie avventure di ragazzo nei suoi teen finali, la prima auto, gli amici, i simposi casalinghi dedicati a interpretare questo o quel disco. Erano anni, quei tre, quattro primi dei settanta, spensierati e incoscienti. Fin troppo, direi oggi. Ma era giusto così : nella vita c’è sempre tempo per i problemi che inevitabilmente arriveranno, e quell’estate del 73 era marcata, tra l’altro, proprio dalle cavalcate elettriche di quel disco dal titolo surreale. Le altre che verranno dal successivo, fino a quella Starless che su Red chiude un periodo luminoso e la cui melodia non mi lascia da allora. Erano anni incredibili per la nostra musica, e la scelta era tra mille uscite tutte di estrema qualità. Erano gli anni in cui era necessario guardare…alle cinquanta lire… prima di gettarsi in spese voluttuarie, per i più. Ma per me la musica era cibo, cultura, piacere, emozione, scoperta, maturità. Quando proprio non esisteva possibilità di accantonamento, si dividevano i compiti : uno comprava un 33, l’altro un altro. Poi ci si scambiavano e registravano su quelle infami cassettine, sperando di resistere quanto più possibile fino a trovare il modo di comprarsi…la prossima aria per i propri polmoni. Anni
irripetibili, per la bellezza sconfinata della musica che ci avvolgeva e per quello che riuscivamo a fare per non restare indietro. I King Crimson hanno avuto uno spazio enorme nel mio cuore in quei tempi. Averli davanti ancora 45 anni dopo non è una operazione di nostalgia, ma una emozione immensa. Specialmente perché non sembrano invecchiati di un giorno. Nel suono. La mia ultima volta era stata una trentina di anni fa e credevo che non li avrei più risentiti così luminosi. Indistruttibile Roberto…mi freghi sempre.

Così, il nostro concerto di musica classica contemporanea va a finire. So già che la mia adorata Starless chiuderà il concerto, prima dell’inevitabile, ancor oggi emozionante, Schizoid Man. Si accendono le luci bianche. I sette si alzano contemporaneamente, come a un segnale invisibile. Fermi davanti ai loro strumenti, estraggono in parte i loro cellulari, le loro macchine fotografiche. Ci inquadrano, Finalmente sorridono e tornano a essere umani. Torna in mente il messaggio iniziale…
“Tony vi vuole fare una fotografia, sarà quello il momento in cui potrete farlo anche voi”… anche Fripp si unisce e ci fotografa. Noi lo facciamo, finalmente, con loro.
Lo scambio è totale, adesso. L’uno prende un ricordo dell’altro. Grazie. Pubblico pagante in delirio. Groppo alla gola. Possiamo andare.

©Giancarlo Trombetti 2018

 

Scaletta:

Larks’ Tongues in Aspic, Part One
Peace: An End
Pictures of a City
The Court of the Crimson King
Moonchild
Cirkus
Lizard (Bolero, Dawn Song, Last Skirmish, Prince Rupert’s Lament)
Islands
Indiscipline
Hell Hounds of Krim
Discipline
Neurotica
Radical Action (To Unseat the Hold of Monkey Mind)
Level Five
Epitaph
Easy Money
One More Red Nightmare
Larks’ Tongues in Aspic, Part Two
Starless

Goliath seconda stagione (2018 Amazon Prime) – TTTTT

28 Lug

Di Goliath ne abbiamo accennato qualche giorno fa:

https://timtirelli.com/2018/07/24/il-costo-esoso-dei-nuovi-cofanetti-di-dischi/

adesso che ho finito di vedere la seconda stagione posso davvero dire che è una delle serie TV che più mi è piaciuta in assoluto.

Anche questa volta Billy Bob Thorton è superbo! Certo, ricasca pure qui in una storia sentimentale e si fa trascinare in un nuovo caso che in realtà non vorrebbe seguire, ma queste piccole ripetizioni e le sbavature che affiorano ogni tanto poco tolgono ad una serie a mio parere riuscitissima. Sarà forse perché BBT è indubbiamente un uomo di blues che mi piace un sacco, ma gli otto episodi mi hanno tenuto incollato davanti al video, e questo non sempre accade.

E’ inoltre la prima volta che ho una infatuazione per Los Angeles intesa come città. I vari time lapse che vengono inseriti ad arte, la scenografia che ci regala un LA moderna e suggestiva e il rumore di sottofondo della città rendono benissimo il fascino di di questa metropoli.

Billy Bob Thorton – Goliath 2

Nina Ariand poi è sublime sublime: Come attrice e come presenza è venuta fuori poco a poco (nella prima stagione), ma poi si è saputa imporre come pilastro fondamentale della serie.

Nina Arianda

Due gran belle stagioni.

◊ ◊ ◊

◊ ◊ ◊

(www.dday.it)

La serie è stata scritta a quattro mani da David E. Kelley e Jonathan Shapiro, già autori di programmi di successo come Ally McBeal e The Practice, e prodotta da Lawrence Trilling e Geyer Kosinski. Goliath è risultato lo show Prime Original americano più visto di sempre nei primi 10 giorni dal lancio.

McBride dopo aver vinto un’importante causa contro la Borns Tech e dichiarata chiusa la propria carriera, viene nuovamente coinvolto in un caso complicato quando il figlio sedicenne di un suo amico viene arrestato con l’accusa di duplice omicidio. Nulla è come sembra e Billy si rende subito conto di aver a che fare con qualcosa di più grande in cui corruzione e politica si mescolano nei sobborghi malfamati di Los Angeles.

Il prezzo esoso dei nuovi cofanetti di dischi

24 Lug

Discuto sulla chat di facebook col mio amico Fil (gran esperto di questi argomenti) dell’impennata dei prezzi dei cofanetti di dischi, ormai fuori controllo. Chi sperava che pian piano i prezzi dei box set impegnativi si sarebbero abbassati resta con le pive nel sacco. Ormai le cifre sono inavvicinabili per i comuni mortali.

Facciamo qualche esempio:

La versione Locked N’ Loaded (Mega-box Limited Edition) di Appetite For Destruction dei Guns N’ Roses costa più di 900 euro, la versione semplice solo (sigh)150.

Appetite For Destruction – Locked N’ Loaded (Mega-box Limited Edition) Cofanetto, CD, Edizione limitata

https://www.amazon.it/Appetite-Destruction-Locked-Mega-box-Limited/dp/B07CPCFV4Z/ref=sr_1_6?s=music&ie=UTF8&qid=1532071480&sr=1-6&keywords=guns%20appetite 

Il box set contenente la nuova versione dell album live rimasterizzato The Song Remains The Same dei Led Zeppelin costa 225 euro (il prezzo originario senza sconto era 261 euro)

Ricordiamo che non ha nessun pezzo in più e che – purtroppo – dovrebbe essere la rimasterizzazione della (pessima) versione fatta uscire nel 2007.

The Song Remains The Same (Super Deluxe Boxset)

https://www.amazon.it/Song-Remains-Super-Deluxe-Boxset/dp/B07DTMPNTP/ref=sr_1_fkmr0_3?s=music&ie=UTF8&qid=1532422167&sr=8-3-fkmr0&keywords=led+zeppelin+the+song+remains+the+same+box+set

The Ten Year War dei Black Sabbath è intorno ai 400 euro.

Ten Year War/Deluxe Box S Cofanetto

https://www.amazon.it/Ten-Year-War-Deluxe-Box/dp/B075YB5L3T/ref=sr_1_1?s=music&ie=UTF8&qid=1532422445&sr=1-1&keywords=box+Sabbath+10

Ora, io arrivo a capire cofanetti tipo quello degli ELP di cui abbiamo parlato qui sopra (https://timtirelli.com/2018/03/12/elp-fanfare-1970-1997-2017-bmg-ttttt/) lo scorso marzo, ovvero discografia completa su CD, vari bootleg su cd, un bootleg triplo su vinile … insomma, 18 cd, 3 lp, 2 45 giri su cui spalmare la discografia completa e bootleg ad un prezzo di circa 120 euro mi pare sensato, ma il nuovo andazzo è chiaramente una pazzia.

Fil mi dice che le teorie di questo innalzamento dei prezzi sono varie: le tirature sono crollate drammaticamente e le major alzano i profitti su singola unità spolpando i collezionisti … questi oggetti sono gli unici che vendono quindi nel frattempo si è alzata la domanda ergo prezzo (vedi ticket Juve per Ronaldo).

Le tirature in verità non sembrano ridotte perché come dice Fil siamo sopra le 10.000 copie, per i LZ si parla di 30.000 copie per l’Europa (più le copie per gli USA). Del cofanetto degli ELP a cui abbiamo accennato ne hanno stampate solo 3000 ma sono state vendute in poco tempo ed è esaurito già da parecchio.

A tutto questo poi si aggiunge il fatto che sempre più spesso il materiale bonus (quello che è aggiunto al disco uscito in origine) è sempre più annacquato, soprattutto quando si tratta di cofanetti riguardanti un solo album vengono riempiti di nulla interi cd. Forse il die-hard fan troverà eccitante ascoltare anche i rough mix, ma chi ha un briciolo di testa sa che questa è roba superflua che non fa bene alla musica. Ok versioni live, inediti e outtake in qualche modo diverse dagli originali, ma la fuffa non giova a nessuno. Personalmente cerco di essere un tipetto attento all’arte del buttare, eliminare la zavorra mi fa sentire meglio, questo anche per la musica. Non mi interessa più tenere dischi che non ascolterò, cofanetti di gruppi di cui voglio avere solo qualche album originale senza nessuna bonus track e così via, e dunque questi nuovi esosi box set son roba che ormai non mi interessa più, non sono mai stato un collezionista in senso stretto e non mi presto al giochetto nemmeno quando si tratta dei Led Zeppelin.

Certo è che avessero alcuni di questi cofanetti prezzi abbordabili un pensierino potrei farcelo, per uno come me che non riesce più a trovare stimoli nelle nuove uscite guardare al passato è, ahimè, inevitabile; ogni tanto acqusitare un bell’oggettino curato e contenente la musica con cui sono cresciuto sarebbe un modo niente male per riempire i vuoti esistenziali, ma sia chiaro, non a queste cifre.

E’ da un po’ che giro intorno al recente cofanetto dei Fleetwood Mac dedicato all’omonimo album del 1975 perchè mi pare un compromesso niente male. Per poco più di 40 euro ci si porta a casa un cofanetto contenente la seguente robina.

Disc  1 – CD: Original Album Remastered and Singles

Disc 2 – CD: Alternates and Live

Disc: 3 – CD: Live

Disc: 4 – DVD: 5.1 Surround Mix and 24/96 Stereo Audio of Original Album plus four single mixes

Disc: 5 – Vinyl LP

A me essenzialmente interessano i dischi 1, 3 e 5, soprattutto il 3 che è relativo ad concerti live del 1975 dove la band suonava anche alcuni dei successi del passato (più o meno) blues. Non lo ho ancora preso ma mi pare una cifra onesta e un cofanetto che abbia ragion d’essere. Quelli di cui abbiamo discusso qui sopra invece temo proprio di no.

 

Iulius blues

19 Lug

Luglio. In origine questo mese si chiamava Quintilis, quinto, perché era il quinto mese del calendario che si attribuisce a Romolo, calendario che partiva da marzo (Martius). Dopo la morte di Giulio Cesare, in suo onore il mese della sua nascita divenne Giulio, Luglio appunto. La semantica è una delle mie ossessioni, e ancora una volta constato che come spesso accade fagocita ogni mia azione. Have mercy on me, anime bluesanti di questo blog.

T – shirt blues

I blues estivi sono sempre dietro l’angolo, situazioni in evoluzione, futuro passato e presente che fanno a botte, col sottoscritto sempre al ricerca del proprio nido di stelle sebbene sia consapevole che non esiste. On the road again insomma, I can’t find my way home dunque, così non mi resta altro che cercare di riempire i vuoti esistenziali comprando sciocchezze che mi danno un po’ di sollievo per qualche minuto, una nuova edizione in vinile di uno dei miei dischi preferiti o una maglietta come questa qui sotto, che alla fine mi definisce perfettamente.

TT New Shirt

Sinodo estivo

Questo sinodo diventa importante perché – come vedremo più avanti – sarà l’ultima occasione in cui ci si può godere il bersò, la verandina che con tanta dedizione io e le pollastrella abbiamo messo in piedi.

Come sempre cena alla Festa dell’unità di Gavassa che, essendo una piccola frazione, organizza la festa in una sorta di cortile interno. Noi ci veniamo volentieri ogni anno perché è tutto molto blues e perché amiamo respirare le atmosfere dell’Emilia profonda, atmosfere che tra poco spariranno per sempre. Ad aiutare lo svolgimento della festa quest’anno vengono assoldate anche la pollastrella e sua sorella, di mano d’opera volontaria ce n’è sempre meno, i giovani sono ormai completamente assenti. Approfittiamo spudoratamente delle nostre conoscenze: il padre della pollastrella ci riserva uno dei tavoli più freschi, la madre della pollastrella viene a controllare che tutto sia di nostro gradimento e la pollastrella stessa si assicura che le portate arrivino in tempi decenti. Ceniamo in allegria, pasta, pesce, polenta fritta e un fresco vinello bianco che scivola giù che è un piacere.

Il solito velo pietoso va steso sulle finte performance del gruppi di liscio. 3/4 persone sul palco che fanno finta di suonare accompagnando basi sempre più ridicole. La grande tradizione del liscio emiliano-romagnolo sta andando a ramengo.

Festa Unità di Gavassae (Regium Lepidi) – foto TT

Festa Unità di Gavassae (Regium Lepidi) – foto TT

Verso le 22 lasciamo la festa diretti alla Domus Saurea, la verandina blues ci aspetta. Iniziamo il rito sorseggiando Assenzio mentre il tavolino si riempie di ciò che i generosi confratelli hanno portato. Chiacchieriamo fino oltre le 2. Siamo immersi nella campagna nera, laggiù, lontano oltre le colline, brillano le stelle, mentre qui a pochi metri tra vigne e campi di malghetti (di granturco insomma) si sentono frusci di ologrammi spirituali di giovani chitarristi blues che cercano l’incrocio giusto per venire a patti col demonio.

Sinodo Estivo alla Domus Saurea – da sx a dx: Biccio, Riff, Mixi, Pike, Tim, Mario – foto Saura T.

Il bicchiere della staffa, one more for the road insomma…

poi ci si inginocchia a ringraziare il Signore Oscuro.

The Dark Lord

Il sinodo finisce. Al prossima anno cardinali del blues.

You are like a hurricane blues

Due giorni dopo il sinodo, sulla Domus Saurea si abbatte un forte temporale, il vento ha una violenza vista poche volte da queste parti. Il risultato è sconfortante.

Bye Bye Bersò Blues -Domus Saurea luglio 2017 – foto TT

Bye Bye Bersò Blues -Domus Saurea luglio 2017 – foto TT

Il dondolo dopo la bufera. foto TT

Il vecchio prugno, Foto TT

Per il vecchio prugno non c’è stato nulla da fare, tuttavia siamo riusciti a salvare la vite.

Salvavite – Domus Saurea luglio 2018 – foto TT

Forse grazie a Mario, che sarebbe un frap, un frèra, un fabbro insomma, c’è qualche speranza per il bersò, vedremo.

Waiting On A Friend (Tim & Tom blues)

Erano anni che non passavo una serata insieme al mio rambler preferito, insieme – nel lontano passato –  abbiamo fatto sogni di rock and roll e quei momenti (e le canzoni scritte insieme) non si dimenticano mai.

Cattiva Compagnia 1991 – Gigi, Mixi, Tommy,Tim – the classic line up

Siamo diventati amici il 3 luglio del 1981, e dopo 37 anni eccoci di nuovo qui, the TT Twins.

Tim & Tom 2018 – foto Saura T.

Negozi blues: ROCK POWER BOLOGNA VINILI DISCHI USATI E CD

Via Mascarella, 81/d, 40126 Bologna BO tel  051/ 011 07 87  

Segnalo un negozietto di dischi (soprattutto vinili usati) di Bologna. Se siete in zona fateci un salto, mantenere vivi posti del genere non può che fare bene a questo povero mondo.

Rock Power Vinili Bologna

Rock Power Vinili Bologna

FILM: “L’Inganno” (di Sofia Coppola – Usa 2017) – TTTT

Sofia Coppola riesce a far film davvero belli, mi cattura ogni volta, è successo anche con L’Inganno. Visto su SKY.

Genere: Suspence Thriller

Cast: Colin Farrell, Nicole Kidman, Kirsten Dunst, Elle Fanning, Emma Howard, Oona Laurence, Angourie Rice, Addison Riecke

Scritto e diretto da: Sofia Coppola

L’inganno è l’adattamento di Sofia Coppola del romanzo The Beguiled, opera di Thomas Cullinan. La storia si svolge durante la guerra civile, in un collegio femminile nello stato di Virginia. Le giovani donne vivono protette dal mondo esterno fino a quando un soldato ferito viene trovato nei paraggi e condotto al riparo. La casa è così inebriata da una forte tensione sessuale da cui nascono pericolose rivalità e vengono rotti tabù grazie a un’inaspettata serie di eventi.

SERIE TV: Homeland (stagione 7 – Fox 2018) – TTTT

Devo riconoscere che le puntate finali di questa settima stagione sono piuttosto buone, devo dunque rivedere il frettoloso giudizio dato qualche mese fa. Anche la settima stagione quindi non è per niente male

SERIE TV: Goliath (stagione 1 – Amazon 2016) – TTTT

Quando il mio amico Jaypee mi consiglia una serie TV mi ci ficco a capofitto. Qui c’è il grande Billy Bob Thorton, che già di per sé è una garanzia. Sono alla sesta puntata della prima stagione e ne sono entusiasta.

Goliath Season 1

 2016 Amazon Studios Series starring Billy Bob Thornton, William Hurt, Maria Bello and Olivia Thirlby

A disgraced lawyer, now an ambulance chaser, gets a case that could bring him redemption or at least revenge on the firm which expelled him.

When the moon hits your eyes like a big pizza pie

Rincasi verso sera, non è stata una giornata facile lavorativamente parlando, né per te né per lei, così te ne esci con un “senti, e se andassimo fuori a cena? Ti va una pizza come si deve?”

Ed è così che l’umore cambia, quando vedi che la luna risplende nei suoi occhi, che quella che stai vivendo è una scena tratta da una canzone di Billy Joel, che lei ti guarda sorridendo con quel suo fare da scimmietta e ti dici che in fondo la vita poi non è poi così blues come pensi.

A bottle of white, a bottle of red
perhaps a bottle of rose instead
we’ll get a table near the street
in our old familiar place
you and I, face to face

A bottle of red, a bottle of whites
it all depends upon your appetite
I’ll meet you any time you want
in our Italian restaurant.

“we’ll get a table near the street in our old familiar place you and I, face to face” – Saura at Pizzikotto, Regium Lepidi – luglio 2018 – foto TT

Saldi vegani

Vestirsi oggigiorno per l’uomo di blues di una incerta età non è cosa semplicissima. Vestire come fanno i giovani oggi proprio no, vestire come faceva lo zio Fedele quando aveva la nostra età men che meno, vestire simil rock nemmeno (mica voglia di andare in giro conciato come un camionista del nordeuropa, come un biker o come un fan dei Guns N’ Roses attempato), mica facile trovare però degli store (negozi, perdio!) che abbiano qualcosa di adatto ad un uomo di blues che veste casual e sportivo possibilmente tendente al Rock del tempo che fu. Certo, potrei comprare tutto all’Inter Store, ma spesso hanno prezzi che “se anche non vesto sempre di nerazzurro va bene lo stesso”. Così seleziono posticini niente male, qualcosa lo trovo sempre da L’uomo di Barbara del  paesello natale, da Keep Up di Campogallo, da Taddei a Regium Lepidi oppure nei negozi di Den e Supedry. Il problema è che gli store più vicini di questi due brand (marchi, perlamadosca!) sono a Verona.

E’ così che due/tre ore di una domenica domattina le passo al centro commerciale Adigeo. Né io né la pollastrella siamo tipi da passare domeniche o frequentare troppo i centri commerciali, ma non siamo nemmeno di quelli che li rifuggono a priori. Lei poi è una patita di Superdry e non può mica comprasi delle cosine solo quando va a Londra.

L’Adigeo è davvero enorme, uno di quei centri commerciali che sembrano areoporti, è così grande che sebbene sia il primo giorno dei saldi si passeggia tranquillamente e sembra che non ci sia quasi nessuno (mentre il parcheggio a più livelli dice che ci dovrebbe essere il mondo).

Centro Commerciale Adigeo – luglio 2018 – foto TT

Centro Commerciale Adigeo – luglio 2018 foto TT

Espletati gli acquisti ci accorgiamo che è ormai mezzogiorno. Mentre passeggiamo vedo che uno dei ristoranti è Universo Vegano. Propongo di andarci. La pollastrella mi guarda incuriosita, lei è vegetariana, io sono carnivoro (sebbene sia consapevole che i vegani hanno ragione), ma ho voglia di provare il posto e ogni tanto non mangiare carne  non può che farmi bene.

L’esperienza è un trionfo. Mangio di gusto e mi sazio così tanto da non riuscire a finire tutto. Bevo una cola biologica. Mi sento in pace con m stesso.

Tim al Ristorante Universo Vegano – luglio 2018 foto Saura T

Ristorante Universo Vegano – luglio 2018 foto TT

Di frequente sento amici o conoscenti stupirsi della intolleranza che hanno i vegani verso i carnivori e chi uccide gli animali per cibarsene, ma poi vedo che i carnivori fanno lo stesso verso chi non mangia carne. Le solite battute, le solite argomentazioni idiote, il solito non capire e non saper andare al di là del proprio pianerottolo. E dire che mangiare meno carne dovrebbe essere un imperativo per tutti, per rispetto verso gli animali, verso noi stessi, verso il pianeta. Tutta salute insomma, e una maniera per non finire come gli americani. E invece no, tutti lì ancoriamoti all’ossessione per la catena Old Wild West e le grigliate, quest’ultime sarebbero anche un bel modo di stare insieme se ci si limitasse un po’ col consumo di certi alimenti e si cercasse di non sprecarne, sì perché si finisce sempre per comprare molta più carne di quella che servirebbe, carne che nella grande maggioranza dei casi viene poi buttata. Spreco di risorse che la Terra non può proprio più permettersi.

Sì, lo so, è un pippone del politicamente corretto questo, ma a forza di rifarsi col politicamente scorretto stiamo finendo in un immondezzaio culturale.

Lettore Hifi Walker:

E va beh, ho fatto la cazzata, quella che gli amici con cui discuto di queste cose mi dicevano di non fare. Ho preso un lettore portatile hifi. Anche se il progetto Pono di Neil Young (ne abbiamo parlato in passato qui sopra) è stato abbandonato, io non mollo e continuo ad essere restio all’uso degli mp3. In macchina li uso perché il lettore non legge altro, ma se posso li evito come la peste.

E allora eccomi qua con il nuovo Hifi Walker, gighino che legge ogni tipo di file audio lossless. Ho preso una scheda micro SD da 128 gb e ci ho caricato soquanti (dal modenese) album in flac. Il risultato mi sembra ottimo, non vedo l’ora di essere al mare e di mettermi ad ascoltare la musica come si deve, mentre osservo vele bianche all’orizzonte.

Lettore Hi-Fi Walker – photo TT

FOOTBALL: la nuova stagione

Finalmente la pre-season è iniziata e non vedo l’ora di vedere le prime amichevoli e capire se i nuovi acquisti sono funzionali ala squadra. Maurito si è presentato alla Pinetina la sera prima dell’inizio del ritiro, ha dormito lì per essere pronto l’indomani ad accogliere tutti. Niente male, capitano.

Maurito – FC INTER l anuova stagione 2018-19 – Foto FC Inter

Già cinque nuovi arrivi e altri colpi che dovrebbero avverarsi nelle prossime settimane, si prospetta una stagione frizzante, il ritorno in Champions poi galvanizza ancor di più. Ogni anno che passo sento di amarla di più l’Inter, c’è un legame universale che provo per quei colori, sarà perché il mio amore per lei me lo ha passato mia madre, ma quando la vedo scendere in campo vengo pervaso dall’energia cosmica, sento le farfalle nello stomaco, inizio a volteggiare, mi scappa la pipì dall’emozione, mi sento bene … proprio come quando sento l’assolo di Sibly e No Quarter live 1973 o di quello di Ten Years Gone.

Per me, c’è solo, l’Inter.