I ponti di Einstein-Rosen county

6 Feb

Oggi pomeriggio, in giro per Mutina per lavoro. Me ne stavo tranquillo nella blues mobile ascoltando GUGLIELMO IL GROSSO PIANDELBOSCO * quando d’improvviso ho iniziato ad essere sbalzato dentro e fuori  ad uno spazio temporale. A Mutina del 2013 si sovrapponeva la PINE BLUFF  dell’ARKANSAS di 80/100 anni prima.

La skyline di Viale Ciro Menotti si trasformava nella County Court House di PINE BLUFF …

Modena gennaio 2013 - foto di TT

La skyline di Viale Ciro Menotti –  gennaio 2013 – foto di TT

Jefferson County (Arkansas) nel 1921

Jefferson County (Arkansas) nel 1921

Va bene che il blues (quello vero) è potentissimo, ma non mi aspettavo un lavoro del genere. Un gran bagliore e ritorno a MUTINA. Mi butto sulla tangenziale e flash, ecco che mi infilo in un’altro cunicolo spazio-temporale: la tangenziale diventa una country road del tempo del blues…

Bretella Mutina-Stonecity - foto di TT

Bretella Mutina-Stonecity – foto di TT

Strada al tempo del blues

Strada al tempo del blues

Ma porca di quella puttana, che cazzo di potenza il blues di BIG BILL BROONZY!

Big Bill Broonzy

Big Bill Broonzy

Continuo ad andare con la mia blues mobile, guardo alla sinistra, alla destra, ci sono dentro fino al collo, nel blues. GUGLIELMO IL GROSSO continua a cantare, mi fermo, cerco di raccapezzarmi, guardo la cartina…

Il delta del blues

Il delta del blues

Ma cazzo! Tiro fuori il cellulare, cerco di telefonare ai miei confratelli di Mutina ma i nomi sulla rubrica sono cambiati…MODENA STEVEN PIKES…deve essere Picca,  PAUL PATRICK Guitar BETTS sarà Paolino Lisoni, ATHOS RY COOPER …uhm Marchino Bottazzi, JOHN PAUL CAPPI…Cristianino Cappi. ..tiro fuori la foto dal portafoglio che mi son fatto coi ragazzi, cambiata anche questa…

vvv

Da sx a dx:  in piedi Athos, Modena Steven,  Paulie Betts, a sedere Nonantola Slim, John Paul

Ho bisogno di bere; entro in un locale…

Pine Bluff Drugstore

Ma che succede? Esco, mi guardo in giro,ma dove sono capitato?

Dequeen Postcard1910

BIg BILL BROONZY continua a suonare…

Risalgo in macchina, chiudo gli occhi, li riapro, guardo fuori dal finestrino…

BLUES PINE BLUFF 1945

Poi il CD finisce, lo estraggo dal car stereo…flash…mi ritrovo sulla via Emilia in direzione Borgo Massenzio, sono le 19,30.

Ancora scosso metto la macchina in garage. Prendo il mano il CD di BIG BILL BROONZY, lo guardo… domattina provo ad inserire THREE DAYS AFTER… i Led al Los Angeles Forum nel giugno del 1973, hai visto mai…

LZ Three Days After

*Tradurre un cognome come BROONZY non è semplice, tra l’altro BIG BILL si faceva chiamare anche BROMZIE; ad ogni modo il suo cognome era BRADLEY dall’inglese antico BRAD (BROAD) e LEAH  ovvero “woodland clearing”, radura in un terreno bosco. Per rispettare una certa metrica e quindi per scorrevolezza fonetica, l’ho tradotto con PIAN DEL BOSCO.

3 Risposte to “I ponti di Einstein-Rosen county”

  1. Lorenzo Stefani 07/02/2013 a 02:21 #

    Fantastico delirio blues! A proposito di blues e Robert Johnson, stavo giusto leggendo un articolo del Guaitamacchi su Ben Harper, la sua sconfinata ammirazione per RJ (Ezio dice che ne esistono solo due foto, ma è rimasto indietro rispetto a Tim & Picca) ed il suo ultimo lavoro con Musselwhite (Get Up!) che dicono sia notevole e strapieno di blues. A me comunque Ben Harper starà perennemente sulle palle perché l’ho visto all’Arena Civica di Milano immediatamente dopo Plant e molto gente del pubblico era venuta solo per lui, quasi che Robert gli facesse da spalla! Ben Harper la chitarra la sa suonare ma la voce non graffia, è in generale un po’ troppo perfettino. Meglio i Thin Lizzy che sto ascoltanto sullo sfondo. Ciao

    Mi piace

  2. Fausto Tom Tomelleri 07/02/2013 a 13:27 #

    òstrega, che tipo di pasticche usi?

    Mi piace

  3. Eli 07/02/2013 a 18:23 #

    Però…il Dr. D. W. Young’s Drug Store al posto del Bar Astor che ho di fronte a casa non sarebbe male :-) Pensa se mettevi su i Camaleonti: ti ritrovavi a 14 anni sul Tentation blu. Grandissimo Broonzy…sta roba qua sì che fa viaggiare. Però anche Mississippi Fred…. va là che tira da matti con You gotta move. Con sta gente qua nel lettore non si sbaglia mica tanto!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: