The Glasgow Affair (BAD COMPANY live at the Hydro 25 oct 2016)

7 Nov

ITALIAN / ENGLISH

Sono le quattro del mattino, suona la sveglia, mi alzo senza troppi problemi, sono in fustinella, sto per correre a Malpensa a prendere l’aereo e volare a Glasgow per vedere la mia BAD COMPANY. Lo hanno chiamato UK SWAN SONG TOUR, è tutto un po’ sibillino, sarà davvero l’ultima tournée? Sarà comunque l’ultimo tour di MICK RALPHS, il chitarrista non più troppo voglioso di andare on the road? E’ un omaggio alla SWAN SONG, l’etichetta (dei LED ZEPPELIN) per cui incidevano? Non importa, non ho mai visto il gruppo dal vivo, non posso rischiare, devo andare. Alle cinque saliamo in macchina, Saura è gasatissima, quasi quanto me.

E’ un piacere lasciarsi trasportare dalle acque calme dell’autostrada di prima mattina, soprattutto se hai come obbiettivo un evento così importante per la tua vita. Una breve sosta in Autogrill, mentre aspetto Saura guardo la piazzola alla luce dei lampioni e incredulo mi dico “ma davvero sto andando in Scozia a vedere la BAD COMPANY?”

A1 prima di Milano - foto di TT

A1 prima di Milano – foto di TT

Pur scosso da fremiti che non mi aspettavo di provare, rimango razionale. So che più che il concerto vado a vedere PAUL, SIMON e MICK, “eroi” della mia adolescenza. So che non mi devo aspettare granché, MICK ha 72 anni e non ha più tanta voglia di fare sacrifici sulla chitarra, PAUL e SIMON 67, da quando si sono rimessi insieme nel 2008 (a dire il vero ci fu anche la breve parentesi del 1999) i tour che hanno messo in piedi (con o senza MICK RALPHS) sono sempre stati simili, concerti di 75 minuti dove vengono proposti quasi esclusivamente i greatest hits e dove PAUL RODGERS spesso è parso il leader indiscusso relegando KIRKE e RALPHS a ruoli di comprimari. Non devo aspettarmi troppo mi dico, ma sento già le farfalle nello stomaco, e sono ancora in Italia.

Lasciamo la macchina al Ciao Parking e in navetta raggiungiamo l’areoporto. Abbiamo solo un paio di trolley, solo bagaglio a mano dunque così passiamo velocemente i controlli, mangiamo qualcosa e ci incamminiamo verso il gate. Sbrighiamo le solite formalità, attendiamo qualche altro minuto e poi ci imbarchiamo.

Malpensa blues - photo di Saura T

Malpensa blues – photo di Saura T

Il decollo mi dà sempre da fare, soffro di vertigini, così come sempre mi aggrappo a Saura, penso a MICK RALPHS e recito i testi dei FIRM. Arrivati all’altezza voluta mi rilasso, cerco di dormicchiare ma non ci riesco. Ma davvero sto andando a vedere la Bad Company?

Alle 11,30 ora della Scotia, atterriamo. Prima di raggiungere l’hotel decidiamo di mangiare qualcosa all’areoporto, e qui sbatto il muso contro il muro del linguaggio usato dai nativi. “Goodmorning Madam, we’d like to eat something… fish and chips for two, a lemonade and a coke”, la signora mi risponde in un inglese che definire duro è dir poco. Le chiedo scusa più volte, poi rinuncio a capirla, e cerco di cavarmela con il linguaggio dei segni. Mi viene in mente il mio amico Billy Fletcher, scozzese purosange, quando mi diceva che ogni volta che va a Londra quello che gli chiedono sovente è “Are you German?”.

Usciamo dall’aeroporto. Ci avviciniamo alla navetta che porta in centro. A tu per tu con il bigliettaio: “We have to go to Buchanan Station. Two tickets please” e prego il sommo poeta di essere stato chiaro e che non mi chiedano nulla. In risposta ottengo suoni gutturali. Non chiedo al tipo di ripetermi gentilmente e più lentamente quel che ha detto, gli allungo semplicemente una banconota da 20 sterline. Me ne da 7 di resto. Ora, io l’inglese non lo parlo quasi mai, non sono allenato, fatico a formulare in maniera fluida frasi complicate, ma tutto sommato lo conosco abbastanza bene, leggo libri in inglese, leggo riviste in inglese, scrivo in inglese, a volte traduco articoli di questo blog in inglese, ma qui in Scotia fatico più di quanto immaginassi.

Dalla stazione dei bus all’hotel sono venti minuti a piedi che facciamo volentieri per immergerci nel quotidiano della città. In hotel non ci chiedono nemmeno i documenti, va bene che abbiamo pagato al momento della prenotazione, ma un minimo di controllo… ma Glasgow è un po’ più selvaggia rispetto a Londra, così cerco di entrare il prima possibile nel groove della città. L’hotel fa parte della catena Ibis, lo stesso che usammo in giugno durante il soggiorno londinese. Un tre stelle semplice e qui al nord più spartano. Naturalmente niente bidè.

Una doccia, una paio d’ore di sonno e siamo di nuovo in cammino. Abbiamo appuntamento alle 18 al ristorante LA FIORENTINA con Billy e Alison Fletcher due miei vecchi amici, entrambi appassionati di Rock e di football. Con Billy siamo in contatto dal 1985, l’anno in cui iniziai la fanzine. Ci siamo visti nel 2000 nella mia home town in occasione del concerto dei PRIORY OF BRION (featuring the Golden God) e a Roma nel 2004. Sono dunque 12 anni che non vedo the mighty, come lo chiamo io, Billy Fletcher. Percorriamo la distanza a piedi, in una città sconosciuta e non sbagliamo nulla. Saura deve avere il chip del navigatore nel cervello. Billy la ribattezzerà Lady Map.

Riabbracciare vecchi amici è sempre molto bello. Sono le 18, per noi è l’ora della merenda non della cena, ma come detto cerchiamo di andare a ritmo con la città. Il cameriere è italiano, viene dalla Sardegna. E’ giovane, educatissimo, e molto professionale. Io e Saura prendiamo un semplice risotto con i funghi, Billy e Alison un primo e quindi un piatto con spaghetti e cotolette. Alla fine Billy ordina un cappuccino. Mi guarda come per scusarsi “Aye, I know bro’ that in Italy it’s a breakfast thing, but hey, I’m a Scotsman afterall” e si mette a ridere. Portano il conto, capisco che vogliono offrire loro “No Billy, facciamo alla romana dai… c’mon let’s do the roman way…” ma Billy insiste dicendomi che quando venne a Modena andammo a cena e offrii io e che non devo rompere le palle. E’ piacevole parlare con i miei amici, ma non sopporto il mio inglese parlato. Vorrei avere una pronuncia meno provinciale, rispettabile, invece so che parlo con la misera cadenza di un turista italiano. Povero me.

L’Hydro, il posto dove si tiene il concerto, è poco distante, una breve passeggiata e ci siamo. Tutto è ordinato, la situazione vivibile, niente stress. Saura compra una maglietta del merchandising ufficiale, io il tour program. Ci sono molti addetti a cui chiedere. Quella a cui ci rivolgiamo parla una lingua che non riconosco. Una maschera ci accompagna ai posti assegnati. Siamo in una ottima posizione, 10/12 file dal palco. Non c’è il tutto esaurito, l’Hydro tiene 12000 posti, quantifico un pubblico di circa 8000 unità, ma grazie a tendoni neri che coprono alcune file dei piani più alti il colpo d’occhio è notevole. Si stanno già esibendo i RSO, Richie Sambora e Orianthi, la sua compagna. Benché di discendenza polacca, l’ex chitarrista di Bon Jovi sembra Sylvester Stallone del primo ROCKY ma con 3 decenni in più. Canottiera, cappellino e quell’aria da italiano del sud. Benché un po’ scettico all’inizio, devo dire che il suo concerto mi è piaciuto. Un gruppo con due chitarre (lui ed Orianthi… e che chitarre!), un basso, una tastiera, una batteria. Niente diavolerie moderne, niente basi. Alcuni pezzi dei BON JOVI, alcuni brani dai suoi album solisti e (ma non ne sono certo) da quelli di Orianthi. Entrambi vestono delle belle chitarre: Les Paul e Stratocaster per Richie, PRS per Orianthi. Concerto davvero piacevole.

RSO - Sambora & Orianthi Glasgow 2016 - foto TT

RSO – Sambora & Orianthi Glasgow 2016 – foto TT

Quindici minuti per il cambio palco e poco dopo le 21 entra la BAD COMPANY. Non mi sembra vero…eccoli lì HOWARD LEESE (l’altro chitarrista ed ex membro degli HEART), TODD RONNING (ex membro del gruppo di PAUL RODGERS), SIMON KIRKE, MICK RALPHS e PAUL RODGERS.

 BAD COMPANY UK TOUR 2016 - Howard Leese, Mick Ralphs, Paul Rodgers, Simon Kirke and Todd Ronning.

BAD COMPANY UK TOUR 2016 – Howard Leese, Mick Ralphs, Paul Rodgers, Simon Kirke and Todd Ronning.

SIMON batte il quattro e mentre il gruppo attacca LIVE FOR THE MUSIC partono getti di fumo. Per un momento traballo, sono in balia di una emozione fortissima che mi porta quasi fino alle lacrime. Sono venuto fin qui per questo preciso istante, per provare questo fiotto di sentimenti che mi attraversano come un fiume in piena attraversa una pianura. Cinque secondi pieni di quel trasporto che senti poche volte nella vita, giusto quando t’innamori follemente di qualcuno, quando la tua squadra dopo 45 anni vince la Champions League, quando ti senti titanico dinnanzi al futuro e ti sembra di risolvere il mistero della vita.

LIVE FOR THE MUSIC

Segue GONE GONE GONE, canzone di BOZ BURRELL, il bassista originale del gruppo scomparso nel 2006, dopo di che è gia il momento per uno dei grandi successi del gruppo.

FEEL LIKE MAKIN’ LOVE

Per il quarto pezzo RODGERS si mette al pianoforte… ELECTRICLAND. Sono contento che il gruppo insista già da alcuni anni su questo brano, una deep cut densa e profonda e tratta dall’ultimo album della formazione originale, ROUGH DIAMONDS del 1982. Versione impeccabile, come impeccabile appare BURNIN’ SKY subito dopo.

Il gruppo è in forma, le canzoni che compongono il repertorio della BAD COMPANY non sono complicatissime, ma ad ogni modo serve una certa coerenza musicale nonché un livello di passione elevato per renderle bene e i ragazzi riescono pienamente nell’impresa. PAUL è un intrattenitore consumato e cantante Rock sublime, SIMON è una sicurezza e MICK si muove sulla chitarra più di quanto sperassi. Il pubblico mi sorprende. Non ci sono giovani, in gran parte trattasi di persone che erano adolescenti o giovani negli anni settanta, ma la partecipazione è forte e decisa. La gente a fatica riesce a stare seduta.

RODGERS torna al piano per RUN WITH THE PACK e Saura parte per la stratosfera, è uno dei suoi pezzi preferiti. La vedo ballare, dimenarsi, cantare, gridare… guardala lì, prima di conoscermi non sapeva nemmeno chi fosse la BAD COMPANY ed ora pare impazzita. Mi perdo ad osservare MICK RALPHS. Chissà perché mi piace così tanto, forse il motivo risiede nel fatto che come chitarrista mi sento simile a lui, forse sono le sue canzoni ad intrigarmi, o forse il fatto che con la sua semplicità è riuscito a ritagliarsi un posto di tutto rispetto nel mondo del rock and roll prima con i MOTT THE HOOPLE poi con la BAD COMPANY appunto. Guardalo lì, con la sua camicia hawaiana, con qualche chilo di troppo, non troppo tonico né dinamico eppure per me ancora punto di riferimento. Dio, quanto voglio bene a quest’uomo. Proprio mentre finisco il pensiero Saura mi dice nell’orecchio “io a Mick Ralphs voglio bene!”. Sono fortunato ad averla al mio fianco.

MIck Ralphs Glagow 2016 - foto T

MIck Ralphs Glagow 2016 – foto T

READY FOR LOVE è un pezzo di RALPHS apparso sull’album del 1972 dei MOTT THE HOOPLE e riproposto sul primo della BAD COMPANY in maniera superba grazie al cantato di PAUL RODGERS. L’intro di MICK mi pare un po’ incerta ma poi il chitarrista regala un assolo niente male… bel suono, bell’attacco, classic MICK RALPHS. Grande partecipazione del pubblico. Saura di nuovo carichissima, e anche io mi ritrovo commosso.

READY FOR LOVE

PAUL e MICK imbracciano le acustiche, è il momento di CRAZY CIRCLE un bel pezzettino tratto da DESOLATION ANGELS del 1979… finalmente qualcosa di fresco in scaletta. Segue TROUBLESHOOTER, un nuovo brano. PAUL ancora sulla acustica. Un mid tempo in stile BAD COMPANY che dopo alcuni ascolti si rivela meno scontato e banale del previsto. Significa che il gruppo ha un nuovo album in programma?

Si torna ai classici con MOVIN’ ON. Pubblico scatenato, MICK con una Telecaster in accordatura aperta di do. Pochi istanti prima dell’assolo vedo che fatica a prendere dal taschino della camicia il guitar slide bottle neck …

MOVIN’ ON

A dire la verità io di SHOOTING STAR farei anche a meno, ma è ormai diventato un rito farla cantare al pubblico e sebbene possa sembrare tutto un po’ forzato alla fine vieni coinvolto anche tu. Sugli schermi passano le facce di alcuni musicisti Rock morti in giovane età tra cui, naturalmente, PAUL KOSSOFF e JOHN BONHAM.

Bad Company Glasgow 2016 - photo TT

Bad Company Glasgow 2016 – photo TT

SHOOTING STAR

Subito dopo irrompe CAN’T GET ENOUGH e nonostante sia anche questo un pezzo ascoltato tante volte e abbia un po’ stancato mi sorprendo di come mi accenda. Segue ROCK AND ROLL FANTASY, il singolo del 1979 e quindi la band lascia il palco.

Il gruppo ritorna con BAD COMPANY sul cui ritornello tornano i getti di fumo…

Bad Company Glasgow 2016 - photo TT

Bad Company Glasgow 2016 – photo TT

Bella versione e buon assolo di MICK.

BAD COMPANY

Il gruppo saluta e dopo poco ritorna con SEAGULL suonata con tutta la band. Questo è l’unico appunto che faccio, di questo pezzo non se ne può più. E’ retorico, fuori tempo e noioso. Il gabbiano che vola libero nel cielo… dai PAUL, non sarebbe il caso di smetterla? Si sarebbe potuto chiudere con decine di altri pezzi assai più efficaci. Il gruppo esce definitivamente di scena e a parte questo ultimo discutibile bis la parola giusta è trionfo.

Scaletta:

 

20161025_224127

Saura & Tim after the show – photo Billy F.

20161025_224143

Alison, Tim, Billy after the show – photo Saura T.

 

Non ho visto chissà che concerti io, nella seconda metà degli anni settanta gli artisti stranieri evitavano l’Italia dopo aver visto quel che successe a LOU REED a Roma e a SANTANA a Milano (le prime avvisaglie si ebbero naturalmente nel 1971 col concerto dei LED ZEPPELIN al Vigorelli ), gli autoriduttori pensavano che la musica dovesse essere gratuita così creavano grossi casini durante i concerti (vedi anche il processo del 1976 al Palalido a DE GREGORI). Negli anni ottanta avevo già capito che i concerti Rock a cui avrei voluto partecipare si erano già svolti in America qualche anno prima, così il mio interesse scemò e di conseguenza mi persi alcuni dei grandi nomi che, in formazione rimaneggiata o alle prese con materiale e album non certo memorabili, arrivarono fino alle sponde della mia città.

Come fu diversa l’adolescenza di certi miei amici miei coetanei, come me fan sia dei LZ che della BC. Billy ad esempio nel 1979 vide sia la BAD COMPANY (in marzo all’Apollo Theatre di Glasgow) che i LED ZEPPELIN (le due date di Knebworth). Bill di New York fece lo stesso, entrambe le volte al Madison Square Garden, nel 1977 si vide una delle sei date dei LED ZEPPELIN e nel 1979 si vide la BAD COMPANY. Ah.

Detto questo è pur vero che qualche spettacolo degno di nota l’ho visto anche io nel lontano e nel recente passato, quindi forse esagero nel dire che questo è stato il più bel concerto della mia vita, ma non posso fare altro. Non ho mai provato nulla di simile, nemmeno a vedere i nomi a me più cari.

Billy, Alison e Saura sono concordi. Per i Fletchers è stato un concerto superbo (sebbene troppo corto), per Saura sono stati i soldi meglio spesi in assoluto. La devo tenere a freno, è già lì che proclama “BAD COMPANY miglior gruppo di tutti i tempi” e per una che è una fan scatenata di YES / RICK WAKEMAN / WHO e LED ZEPPELIN non è poco dire una cosa del genere.

Salutiamo Billy e Alison e ci addentriamo nel cuore di GLASGOW per tornare in albergo. Non riesco ad addormentarmi subito, mi devo leggere tutto il tour program che ho preso.

Bad Company UK 2016 tour program - photo TT

Bad Company UK 2016 tour program – photo TT

Mercoledì mattina mi sveglio in forma, la consapevolezza di aver visto la BAD COMPANY mi riempie di energia. Facciamo colazione da Costa, ci godiamo il centro città, facciamo un salto alla cattedrale e all’università.

20161026_113156

The Cathedral – photo TT

20161026_120129

Subway stroll – Saura plays “Live For the Music” on air guitar – photo TT

Nella mattina il tempo passa più volte da soleggiato, nuvoloso, piovoso, ventoso…siamo in Scotia dopotutto. Pranziamo da Pret a Mangèr dopo di che ci ritiriamo in albergo. Nel tardo pomeriggio usciamo di nuovo diretti a IBROX, il leggendario stadio dei RANGERS GLASGOW, la squadra del cuore del mio amico Billy che anche io tifo. Prendiamo la subway. Ibrox mi appare in tutta la sua maestosità…

Ibrox- Photo TT

Ibrox- Photo TT

Prima dell’incontro Billy porta me e Saura a bere qualcosa nel locale del cuore dei tifosi dei Rangers, la Louden Tavern. La atmosfera è fantastica, qui si respira ancora l’aria del football più romantico e  poetico. Al collo ho la sciarpa dei RANGERS a cui ho legato quella dell’INTER. Mi sento uno di loro. WE ARE THE PEOPLE!

Tim-Saura-Billy at the Lounden Tavern pre-match daze

Tim-Saura-Billy at the Lounden Tavern pre-match daze

Prima di entrare allo stadio Billy ci presenta alcuni dei suoi amici tifosi. Inizio a capire il duro accento scozzese. Alcuni accennano a qualche parola in italiano e con estrema semplicità citano i nomi di alcuni giocatori ella prima grande INTER. Dio che bello, viva il football! Entrare ad Ibrox è una bella esperienza e ne assaporo ogni momento.

Tim & Billy Ibrox 26 oct 2016 - photo Saura

Tim & Billy Ibrox 26 oct 2016 – photo Saura

I Rangers oggi giocano contro il St. Johnstone. Finisce 1 a 1. Al momento i “nasi blu” sono un work in progress, è una partita dignitosa ma un po’ lontana dalle glorie passate. Ogni tanto chiedo a Billy se la palla è uscita in calcio d’angolo “Corner Billy?” gli chiedo e lui “Aye, Co’na’!”. Quando entra il centrattacco n. 9 gli chiedo “Kenny Miller Billy?” e lui “Aye, Keni Milla’”. Rido di gusto. Mi piace sentir parlare Billy Fletcher. Il Mick di Mick Ralphs diventa una sorta di “Meck”.

Il calcio scozzese è più puro, pratico e onesto rispetto al nostro; nessun giocatore si fa il segno della croce mentre entra in campo, se qualcuno subisce un fallo si alza subito dopo senza fare la sceneggiata come se gli avessero rotto una gamba, quando segnano un goal esultano ma senza invocare la gloria onnipotente di vostro signore.

Salutiamo Billy, ci diamo appuntamento il prossimo anno a San Siro e ritorniamo all’albergo, prima però una pizza veloce da Bella Italia. L’organizzazione scozzesa circa l’uscita dei tifosi da uno stadio è meravigliosa. Poliziotti e poliziotte a cavallo ci scortano sino alla metropolitana. Ci fanno stare in fila sul marciapiede e ci fanno entrare nella subway un po’ alla volta. In 20 minuti siamo in carrozza…e stiamo parlando di migliaia di persone.

Ho visto la BAD COMPANY, ho visto i RANGERS…posso addormentarmi sereno.

La mattina di nuovo colazione da COSTA nel centro della città quindi una passeggiata fino alla stazione degli autobus. Alle 10 siamo all’areoporto. Compro il Guardian e qualche cosa da smangiucchiare in volo. Al gate della Easy Jet invece di esserci scritto Imbarco in italiano c’è scritto “Embargo”…penso a Cuba.

Di nuovo in tensione per il decollo, poi rilassamento in alta quota e di nuovo sotto stress per l’atterraggio. In  autostrada, mentre torniamo verso Regium Lepidi guardo la groupie e sorrido, che razza di coppia che siamo, nel nostro piccolo …sempre on the road, d’altra parte “we live for the music give it everything we got…”. 

 

(broken) ENGLISH

It is four o’clock in the morning, the alarm clock rings, I get up without too much trouble, I’m excited, I’m going to go to Malpensa to take the plane and fly to Glasgow to see “my” BAD COMPANY. They called it the UK SWAN SONG TOUR 2016, it’s all a bit ‘cryptic, it will really be the last tour? Will this be the last tour of MICK RALPHS, the guitarist not too eager to go on the road? Is it a tribute to the SWAN SONG, the record label? No matter, I have never seen the band live, I can not risk it, I have to go. At five o’clock we climb into the car, Saura is animated, almost as much as me.

It ‘a pleasure to be carried away by motorway calm water early in the morning, especially if you have an important event as a goal for your life. A short stop in Autogrill (motorway café), while I wait Saura I look at the lamplight and in disbelief I say  to myself ” I’m really going to Scotland to see the BAD COMPANY?”

Although shaken by tremors I did not expect me to feel, I remain rational. I know that more than a concert I go to see PAUL, SIMON and MICK, “heroes” of my adolescence. I know I better have no too much expectations, MICK  is 72 years old and no longer he has the desire to parctice on the guitar, PAUL and SIMON are 67, since they got back together in 2008 (actually there was even a brief period of 1999 ) the tours that they have set up (with or without MICK RALPHS) have always been similar, they were 75 minute shows where they offered almost exclusively the greatest hits package and where PAUL RODGERS often seemed to be the undisputed leader relegating KIRKE and RALPHS to roles of supporting actors . I repeat to myself to keep myself calm, but I can feel the butterflies in the stomach, and I am still in Italy.

We leave the car at Ciao Parking and then reach the airport. We only have a couple of trolley, hand luggage only, therefore we pass quickly the checks; we eat something and we move towards the gate. The usual formalities, the wait of a few more minutes and then we board.

Takeoff always puts me in a stress mood, the fear of heights is one of my blues, so as always I cling to Saura, I think of MICK RALPHS and I recite the lyrics of the FIRM. When we arrive at the desired height I relax, I try to doze, but I can not. ” I’m really going to see Bad Company?”

At 11.30 Scotia time, we land. Before reaching the hotel we decide to eat something at the airport, and here I slam my nose against the wall of the language used by the natives. “Goodmorning Madam, we’d like to eat something … fish and chips for two, a lemonade and coke”, the lady replied to me in a English that define hard is an understatement. I apologize several times, then I give up to understand it, and I try to get by with sign language. I remind what my scottish friend Billy Fletcher  told me once… every time he goes down to London they often ask him “Are you German?”.

We leave the airport. We approach the shuttle to go the city center. Face to face with the conductor: “We have to go to Buchanan Station. Two tickets please” and I pray the great poet (well, Dante) my english was good enough so he won’t ask me anything. In response I get guttural sounds. I do not ask him to kindly repeat  gently and slowly what he said, I just give him a banknote of 20 pounds. He gives me back 7 pounds.  Now, I seldom speak English, I’m not trained, I struggle to formulate fluidly complicated sentences, but all in all I know it well enough, I read English books, I read magazines in English, I write in English, sometimes I translate articles of this blog in English, but here in Scotia I struggle more than I imagined.

From the bus station to the hotel is a twenty minute walk we do willingly to immerse ourselves in the town vibe. At the hotel they do not even ask for papers, I know that we have already payed for our stay but… so I guess Glasgow is a little ‘wilder than London.The hotel is one of the Ibis chain, the same as we used in june during our stay in London. A three-star hotel very basic and simple and here in the north more spartan. Of course there’s no bidet in the bathroom.

A shower, a couple of hours of sleep and we’re back on the road. We have a rendez vous at 18 (6 pm) at the restaurant LA FIORENTINA with Billy and Alison Fletcher, two old friends of mine, both fans of Rock music and football. I have been in touch with Billy since 1985, the year I started the Oh Jimmy fanzine. We met in 2000 in my home town for the concert of the PRIORY OF BRION (featuring the Golden God) and in Rome in 2004. So it’s 12 years since I saw the mighty, as I call him, Billy Fletcher. We are walking in a foreign city and we never get lost. Saura has to have the navigation chip in the brain. Billy will call her “Lady Map”.

To be reunited with old friends is always very nice. It 6 pm, for us it is time for snack not dinner, but as mentioned we try to get aligned with the  pace of the city. The waiter is Italian, he comes from Sardinia. He’s young, polite and very professional. Me and Saura eat a simple risotto with mushrooms, Billy and Alison a first  plate, then a plate with spaghetti and cutlets. After the dinner eventually Billy orders a cappuccino. He looks at me apologetically, “Aye, I know bro ‘that in Italy it’s a breakfast thing, but hey, I’m a Scotsman afterall” and laughs. We then ask for the bill, I understand that they want to buy us the dinner “No Billy, … c’mon let’s do the roman way …” as we say in italy meaning evenly but Billy insists telling me that when he came to Modena we went to dinner and I did buy them the dinner so I have to shut up. Anyway it is nice to talk with my friends, but I can not stand my spoken English. I would like to have a ruling less provincial english, a respectable one, however I know that I speak with the paltry rate of an Italian tourist. Poor me.

The Hydro, the place where the concert is held, it is not far away, a short walk and there we are. Everything is orderly, livable situation, no stress. Saura buy one of the official merchandise t-shirt, I buy the tour program. There are many employees you can ask for help. The language used by one of then I do not recognize. A usher takes us to our seats. We are in a great position, 10/12 rows from the stage. it’s not a sold out, the Hydro holds 12,000 seats, I quantifie an audience of about 8,000, but thanks to blacks tents that cover some of the higher seats the glance is remarkable. RSO, Richie Sambora and Orianthi, his partner, is already on stage. Although of Polish descent, the former guitarist of Bon Jovi appears like Sylvester Stallone in the movie ROCKY. Undershirt vest, cap and that look of a southern Italian. Although a bit ‘skeptical at first, I must say that I enjoyed the concert. A group with two guitars (him and Orianthi), bass, keyboards, and drums.  Some BON JOVI songs, some songs from Richie solo albums, and (but I’m not sure) some frome Orianthi records. They both dress beautiful guitars: Les Paul and Stratocaster for Richie, PRS for Orianthi. Really nice concert.

Fifteen minutes for the gear change and at 9,15 BAD COMPANY walk on stage. It almost seems not true to me… here they are Howard Leese (the other guitarist and former member of the HEART), Todd Ronning (former member of PAUL RODGERS group), SIMON KIRKE, MICK RALPHS and PAUL RODGERS.

SIMON beats four and while the group attacks LIVE FOR THE MUSIC some smoke jets erupt from the front of the stage. For a moment I stagger, I am at the mercy of a very strong emotion that brings me almost to tears. I came here exactly for this very moment, to feel this flood of feelings that run through me like an impetuous river through a plain. Five seconds full of that transport you feel a few times in life, right when you fall madly in love with someone, when your football team won the Champions League after 45 years…

GONE GONE GONE, a song by BOZ BURRELL, the original bassist of the group deceased in 2006, after which it is already time for one of the great hit of the group, FEEL LIKE MAKING LOVE.

For the fourth piece RODGERS is on piano … ELECTRICLAND. I’m glad the group insists with this song, a deep cut from the last album of the original line up, ROUGH DIAMONDS (1982). Flawless version, as flawless appears BURNIN’ SKY soon after.

The group is in very good form, the songs that make up the repertoire of BAD COMPANY are not complicated, but either way it takes a certain musical coherence and a high level of passion to make them work well. PAUL is a consummate entertainer and sublime Rock singer, SIMON drives the band with skills and MICK plays the guitar better than I expected. The audience surprises me. There are no youngsters, only man and women (many women) who were teenagers or so in the seventies, but they are a hot and wild. They barely can stand on their seats.

RODGERS is back on the piano for RUN WITH THE PACK and Saura sets off for the stratosphere, RWTP is one of her favorite songs. I see her dancing, wiggling, sing and shout … look at her, before we met  she did not even know who BAD COMPANY was and now she seems crazy about the band. I get lost observing MICK RALPHS. For some reason I love him so much, perhaps the reason is that as a guitarist I guess I’m a lot like him, maybe there are his songs to intrigue me, or maybe it is the fact that with his simplicity  he has managed to carve out a respectable place in the world rock and roll before with MOTT THE HOOPLE then with BAD COMPANY precisely. Look at him there, with his Hawaiian shirt, with a few extra pounds, not too tonic or dynamic yet for me still the reference point. Goodness, how I love this man. Even as I finish the thought Saura whispers in my ear “I love Mick Ralphs!”. I’m lucky to have her by my side.

READY FOR LOVE is a RALPHS song appeared on the 1972 album of Mott the Hoople and repurposed superbly thanks to the vocals PAUL RODGERS  on the first BAD COMPANY record. The intro of MICK seems a bit uncertain but then the guitarist gives us a pretty good solo … nice sound, nice attitude, classic MICK RALPHS. The audience appreciate so much. Saura again is over the top, and I find myself deeply moved.

PAUL and MICK shoulder the acoustic guitars, it’s time for CRAZY CIRCLE, quite a lovely little track taken from the DESOLATION ANGELS (1979) album … finally something fresh in the set list. TROUBLESHOOTER is a new song. PAUL still on a acoustic guitar. A mid tempo in the BAD COMPANY style, after a few plays it  proves less obvious and banal than expected. Does it means that the group has a new album planned?

We return to the classic hits with MOVIN ‘ON. The crowd goes wild, MICK  wears a Telecaster in C open tuning . Just moments before the solo I see that he struggles to pull out the slide guitar bottle neck  from his shirt pocket.

To tell the truth I could pass on SHOOTING STAR, but it has now become a ritual for the singalong pantomime, and although it may seem all a bit forced in the end you come also involved. On the screens they shows pictures of some Rock musicians  who died at a young age including, of course, PAUL KOSSOFF and JOHN BONHAM.

Immediately after CAN’T GET ENOUGH bursts  and despite being a piece heard too many times it surely turns everybody on. ROCK AND ROLL FANTASY, the single of 1979, closes the set and then the band leave the stage.

The group returns for the first encore with BAD COMPANY , more smoke jets …beautiful version and good guitar solo courtesy of MICK.

The group soon returns with SEAGULL played with the help of the whole band. This is the only moment of the show a bit lame. I can’t stand the song SEAGULL anymore, it’s rhetoric, out of time and tedious. The seagull flying free in the sky … c’mon PAUL, is not time to remove it from the set list?

The group finally comes out of the scene and apart from this last controversial number, the right word is triumph.

I have not seen too much important concerts , in the second half of the seventies the international artists shunned Italy after seeing what happened to LOU REED in Rome and to SANTANA in Milano (the first signs of the troubles came of course in 1971 with LED ZEPPELIN at the Vigorelli), the “autoriduttori” thought that music should be free, so they created big troubles during the concerts. In the eighties I had already realized that the rock concerts that I wanted to attend had already taken place in America a few years earlier, so my interest waned and as a result I missed some of the big names that came to the shores of my city and my country.

How different was the adolescence of some of my friends my age, like me fan of both LZ and BC. Billy F., for example, in 1979 saw both the BAD COMPANY (in March at the Apollo Theatre in Glasgow) and LED ZEPPELIN (the two dates of Knebworth). Bill McQ from New York did the same, both times at Madison Square Garden, in 1977 he saw one of six dates of LED ZEPPELIN and in 1979 he saw the BAD COMPANY. Ah.

That said it is true that I saw some show noteworthy in the distant and recent past, so maybe I exaggerate in saying that this was the best concert of my life, but I can’t help. Billy, Alison and Saura agree. For the Fletchers it was a superb concert (although too short), for Saura it has been the money better spent ever. I have to keep her calm, she is already proclaming “BAD COMPANY best group ever”, and for someone who is a huge fan of  YES / RICK WAKEMAN / WHO and LED ZEPPELIN is such a thing to say.

We bid goodnight to Billy and Alison, and we head to the heart of GLASGOW back to the hotel. I can not sleep now, I have to read the whole tour program that I bought.

I wake up wednesday morning in fine form, the awareness of having seen BAD COMPANY fills me with energy. We have breakfast at Costa’s, we enjoy the city center, the town’s cathedral and the university. The weather keeps on changing: sunny, cloudy, rainy, windy … we are in Scotia after all. Lunch at Pret a Manger after which we retreat to the hotel. Late in the afternoon we go back on the road direct to IBROX, the legendary stadium of RANGERS GLASGOW, the favorite team of my friend Billy. I’m a supporter too. We take the subway. Ibrox  appears in all its majesty …

Before the game we meet Billy, he takes me and Saura to the Louden Tavern, THE pub of the Rangers fans. The atmosphere is fantastic, here you can still breathe the air of the most romantic and poetic football. I wear a scarf of RANGERS that I tied with the INTER one. I feel one of them. WE ARE THE PEOPLE!

Before entering the stadium Billy introduce us to some of his friends. I begin to understand the hard Scottish accent. Someome mention a few words in Italian and the names of some players of the first great INTER era. Goodness, how nice, long live football! To enter at Ibrox is a beautiful experience and I savor every moment.

The Rangers tonight play against St. Johnstone. It ends 1-1. At the moment the “Blue noses” are a work in progress, it is a good enough game but a little far from past glories. Every so often I ask Billy if the ball went out, “Corner Billy?” I ask him and he replies “Aye, Co’na ‘!”. When the forward n. 9 enters on the pitch I ask him “Kenny Miller Billy?” and he replies “Aye, Keni Milla ”. I laugh. I like to hear Billy Fletcher’s scotsman accent. The Mick of Mick Ralphs becomes a sort of “Meck“.

Scottish football is more pure, practical and honest than ours; no player makes the sign of the cross as the enter the field, if someone is fouled gets up soon after without making the skit as if he had broken his leg, when they score a goal they do not invoke the almighty glory of the lord.

It’s time to say goodby to my friend Billy, I hug him tight: “See you in San Siro next spring Billy boy!” and we return to the hotel. Just a quick pizza at Bella Italia then we are in our bedroom. The scottish organization about the output of the fans from a stadium is wonderful. Policemen and policewomen on horseback escorted us up to the subway. They make us stand in line on the sidewalk and make us enter into the subway little by little. In 20 minutes we are on a coach. Amazing.

I saw BAD COMPANY, I saw RANGERS … I can sleep peaceful.

It’s morning again, we leave the hotel, we have breakfast at COSTA’s in the city center and then we walk to the bus station. At 10 we are at the airport. I buy the Guardian and something to nibble on the flight. At the gate of the Easy Jet instead of there being written “IMBARCO” (Boarding in Italian) there is “Embargo” … I think about Cuba.

Back in tension for the take-off, then relaxation at high altitude and again under stress for the landing. On the highway, while we return to Regium Lepidi I watch Saura and I smile, what a crazy couple we are, in our small world … we are always on the road, on the other hand “we live for the music …give it everything we got … “.

 

5 Risposte to “The Glasgow Affair (BAD COMPANY live at the Hydro 25 oct 2016)”

  1. saurafumi 07/11/2016 a 15:26 #

    Bad Company best band ever!

    Mi piace

  2. bodhran 07/11/2016 a 18:56 #

    Mi sono letto il post tuttudunfiato! Non sono mai stato “fan” della BadCo, nutro un sano scetticismo verso tour di questo tipo ma via via che scorrevo il racconto e i brani in scaletta mi veniva voglia di esserci. grazie!

    Mi piace

  3. Baccio 07/11/2016 a 19:50 #

    Ben fatto Tim e Saura!
    Long Live Bad Co.! (Ma Mick ha appena avuto un infarto quando gli hanno spiegato che voi eravaTe tra il pubblico?)

    Mi piace

  4. timtirelli 07/11/2016 a 20:17 #

    Purtroppo Mick ha avuto un ictus non un infarto, nemmeno una settimana dopo il tour. Adesso è fuori dal reparto di terapia intensiva ma ha la parte sinistra del corpo bloccata, anche se inizia a recuperare un po’ di sensibilità.

    Mi piace

  5. Riccardo 08/11/2016 a 12:04 #

    Bel report…ce li scordiamo certi concerti dalle nostre parti…

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: